Relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura: conclusioni esplosive della sua indagine sul caso del fondatore di Wikileaks, Julian Assange

Un’accusa di stupro inventato e prove inventate in Svezia, pressioni dal Regno Unito per non far cadere il caso, un giudice parziale, detenzione in un carcere di massima sicurezza, torture psicologiche – e presto estradizione a Stati Uniti, dove potrebbe essere condannato a 175 anni di prigione per aver denunciato crimini di guerra. Per la prima volta, il relatore speciale delle torture delle Nazioni Unite, Nils Melzer, parla in dettaglio delle conclusioni esplosive della sua indagine sul caso del fondatore di Wikileaks Julian Assange.

1. La polizia svedese ha inventato una storia di stupro

Nils Melzer, perché il  relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura è  interessato a Julian Assange?

Questa è una domanda che mi ha posto recentemente anche il Ministero degli Affari Esteri tedesco: ”E’ davvero questo il tuo mandato principale? Assange è vittima di torture?”

Qual è stata la tua risposta?

Il caso rientra nel mio mandato per tre motivi diversi: primo, Assange ha pubblicato prove di torture sistematiche. Ma invece dei responsabili della tortura, è Assange a essere perseguitato. In secondo luogo, è stato abusato al punto da mostrare ora sintomi di tortura psicologica. E in terzo luogo, deve essere estradato in un paese che mantiene persone come lui in condizioni carcerarie che Amnesty International ha descritto come una tortura. In sintesi: Julian Assange ha scoperto casi di tortura, è stato lui stesso torturato e potrebbe essere torturato a morte negli Stati Uniti. E un caso del genere non dovrebbe essere nella mia area di responsabilità? Oltre a ciò, il caso ha un’importanza simbolica e colpisce tutti i cittadini di un paese democratico.

Perché non hai ripreso il caso molto prima?

Immagina una stanza buia. Improvvisamente, qualcuno accende il riflettore sull’elefante nella stanza – sui criminali di guerra, sulla corruzione. Assange è l’uomo che ha acceso i riflettori sull’elefante. I governi si mostrano brevemente scioccati, ma poi accendono i riflettori e lo accusano di stupro. È una manovra classica quando si tratta di manipolare l’opinione pubblica. L’elefante scompare di nuovo nel buio, dietro i riflettori. Ed è Assange che diventa il centro dell’attenzione e iniziamo a chiederci se Assange sta facendo skateboard nell’ambasciata o se sta alimentando correttamente il suo gatto. All’improvviso, sappiamo tutti che è uno stupratore, un hacker, una spia e un narcisista. Ma gli abusi e i crimini di guerra che ha scoperto svaniscono nel buio.

Cominciamo dall’inizio: cosa ti ha spinto a occuparti di questo caso?

Nel dicembre 2018, i suoi avvocati mi hanno chiesto di intervenire. Prima ho rifiutato. Ero sovraccarico di altre richieste e non conoscevo davvero il caso. La mia impressione, in gran parte influenzata dai media, è stata anche influenzata dal pregiudizio che Julian Assange fosse in qualche modo colpevole e che voleva manipolarmi. Nel marzo 2019, i suoi avvocati mi hanno contattato per la seconda volta perché c’erano prove crescenti che Assange sarebbe stato presto espulso dall’ambasciata ecuadoriana. Mi hanno inviato alcuni documenti chiave e un riassunto del caso e ho pensato che la mia integrità professionale richiedesse almeno di dare un’occhiata a questi documenti.

E poi cosa?

Mi sono reso conto che qualcosa non andava. Che c’era una contraddizione che non aveva senso per me, data la mia vasta esperienza legale: perché una persona sarebbe stata sottoposta a nove anni di indagini preliminari per stupro senza che fossero mai state le presentate accuse portate  contro di esso?

È insolito?

Non ho mai visto un caso simile. Chiunque può avviare un’indagine preliminare contro qualcun altro semplicemente andando alla polizia e accusando l’altra persona di un crimine. Le autorità svedesi non furono mai interessate alla testimonianza di Assange. Lo hanno lasciato deliberatamente nel limbo. Immagina di essere accusato di stupro per nove anni e mezzo da un intero apparato statale e dai media senza mai avere l’opportunità di difenderti perché non sono mai state presentate accuse.

Lei afferma che le autorità svedesi non sono mai state interessate alla testimonianza di Assange. Ma i media e le agenzie governative hanno dipinto un quadro completamente diverso nel corso degli anni: Julian Assange, dicono, è fuggito dalla giustizia svedese per evitare di dover rispondere per le sue azioni.

Questo è quello che ho sempre pensato, fino a quando non ho iniziato a indagare. È vero il contrario. Assange si è reso disponibile alle autorità svedesi in diverse occasioni perché voleva rispondere alle accuse. Ma le autorità hanno ostruito.

Cosa intendi con questo? “Le autorità hanno ostruito?”

Vorrei iniziare dall’inizio. Parlo fluentemente svedese, quindi sono stato in grado di leggere tutti i documenti originali. Non riuscivo quasi a credere ai miei occhi: secondo la testimonianza della donna in questione, lo stupro non ha mai avuto luogo. E non è tutto: la testimonianza della donna è stata quindi modificata dalla polizia di Stoccolma senza essere coinvolta, al fine di far credere a un possibile stupro. Ho tutti i documenti in mio possesso, e-mail, SMS.

“La testimonianza della donna è stata successivamente modificata dalla polizia”: come esattamente?

Il 20 agosto 2010, una donna di nome SW è entrata in una stazione di polizia di Stoccolma con una seconda donna di nome AA. La prima donna, SW, ha dichiarato di aver fatto sesso consensuale con Julian Assange, ma che non l’ha fatto con il preservativo. Ha detto che ora era preoccupata per l’infezione da HIV e voleva sapere se poteva costringere Assange a sottoporsi al test per l’HIV. Ha detto che era molto preoccupata. La polizia ha scritto la sua dichiarazione e ha immediatamente informato i pubblici ministeri. Prima ancora che l’interrogatorio potesse essere completato, SW fu informato che Assange sarebbe stato arrestato per sospetto di stupro. SW fu scioccata e si rifiutò di continuare l’interrogatorio. Mentre era ancora alla stazione di polizia, scrisse un messaggio di testo a un’amica in cui le diceva che non voleva incriminare Assange, che voleva solo che venisse testato per l’HIV, ma che apparentemente la polizia era interessata a “impossessarsi di lui”.

Cosa significa questo?

SW non ha mai accusato Julian Assange di stupro. Si rifiutò di partecipare a un altro interrogatorio e tornò a casa. Tuttavia, due ore dopo, un titolo apparve sulla prima pagina di Expressen , un tabloid svedese, dicendo che Julian Assange era sospettato di aver commesso due stupri.

Due stupri?

Sì, perché c’era la seconda donna, anche lei non voleva presentare un reclamo, ha semplicemente accompagnato SW alla stazione di polizia. Non è stata nemmeno interrogata quel giorno. In seguito disse che Assange la molestava sessualmente. Non posso dire, ovviamente, se sia vero o no. Posso solo indicare l’ordine degli eventi: una donna entra in una stazione di polizia. Non vuole presentare un reclamo, ma vuole richiedere un test HIV. La polizia ha quindi deciso che potrebbe essere un caso di stupro e che potrebbe essere responsabilità del pubblico ministero. La donna rifiuta di accettare questa versione dei fatti, poi torna a casa e scrive a un amico che non era sua intenzione, ma che la polizia vuole “mettere le mani su” Assange. Due ore dopo, il caso è stato pubblicato sul giornale. Come sappiamo oggi, i pubblici ministeri hanno rilasciato il caso alla stampa – e lo hanno fatto senza nemmeno invitare Assange a rilasciare una dichiarazione. La seconda donna, presumibilmente violentata nel titolo del 20 agosto, non è stata intervistata fino al 21 agosto.

Cosa ha detto la seconda donna quando è stata intervistata?

Ha detto di aver reso disponibile il suo appartamento ad Assange, che era in Svezia per una conferenza. Un piccolo appartamento di una stanza. Quando Assange era nell’appartamento, tornò a casa prima del previsto, ma le disse che andava bene e che entrambi potevano dormire nello stesso letto. Quella notte fecero sesso consensuale, con un preservativo. Ma ha detto che durante l’atto sessuale, Assange ha rotto intenzionalmente il preservativo. Se questo è vero, ovviamente è un’offesa sessuale – ciò che viene chiamato “invisibilità”. Ma la donna ha anche detto che non si è accorta fino a tardi che il preservativo era rotto. Questa è una contraddizione che assolutamente avrebbe dovuto essere chiarita. Se non lo noto, allora non posso sapere se l’altro lo abbia rotto intenzionalmente. Non è stata rilevata alcuna traccia di DNA Assange o di AA sul preservativo che è stato presentato come prova.

Come si conoscevano le due donne?

Non si conoscevano davvero. AA, che ospitava Assange e serviva come segretaria per la stampa, aveva incontrato SW in un evento in cui SW indossava un maglione di cashmere rosa. Apparentemente sapeva da Assange che era interessato a un incontro sessuale con SW, perché una sera ricevette un messaggio da un conoscente che diceva che sapeva che Assange era a casa e che lei, il conoscente, vorrebbe contattare Assange. AA ha risposto: Assange sembra stia dormendo con la “ragazza cashmere” in questo momento. La mattina dopo, SW parlò con AA al telefono e disse che anche lei aveva dormito con Assange e che ora era preoccupata di essere infettata dall’HIV. Questa preoccupazione apparentemente era reale, poiché SW andò persino in una clinica per una consultazione. AA ha quindi suggerito: Andiamo dalla polizia: possono costringere Assange a sottoporsi al test per l’HIV. Le due donne, tuttavia, non andarono alla stazione di polizia più vicina, ma a una stazione abbastanza distante in cui un amico di AA lavorava come poliziotta – che quindi interrogò SW, prima in presenza di AA, che non è una pratica corretta. Ma finora, l’unico problema era al massimo la mancanza di professionalità. La deliberata malevolenza delle autorità è apparsa solo quando hanno diffuso immediatamente il sospetto di stupro attraverso la stampa, senza mettere in discussione AA e contraddire la dichiarazione di SW. Ciò ha anche violato un chiaro divieto Legge svedese per rivelare i nomi delle vittime o dei presunti autori di reati in casi di criminalità sessuale.

Ma poi il caso è davvero decollato. Perché?

Il supervisore dell’ufficiale di polizia che ha condotto l’intervista gli ha scritto chiedendogli di riscrivere la dichiarazione di SW

Questo documento è stato ottenuto dalla giornalista investigativa italiana Stefania Maurizi (@Sauraurizi) nel contesto di una richiesta di libertà di informazione che dura da cinque anni e che è ancora in corso. (NDT)

Cosa ha cambiato la polizia?

Non lo sappiamo perché la prima istruzione è stata riscritta direttamente nel programma per computer e non esiste più. Sappiamo solo che la prima dichiarazione, secondo il procuratore generale, apparentemente non conteneva alcuna indicazione che fosse stato commesso un crimine. Nella versione rivista, si dice che i due abbiano avuto rapporti sessuali in diverse occasioni – consensuali e con un preservativo. Ma al mattino, secondo la dichiarazione rivista, la donna si svegliò perché cercava di penetrarla senza preservativo. Chiede: “Indossi un preservativo?” Lui risponde: “No.” Poi dice: “Faresti meglio a non avere l’AIDS” e lo lascia continuare. La dichiarazione è stata redatta senza la partecipazione della donna in questione e non è stata firmata da lei.

Perché le autorità svedesi dovrebbero fare una cosa del genere?

Il momento è decisivo: a fine luglio, Wikileaks – in collaborazione con il “New York Times”, il ” Guardian ” e “Der Spiegel” – ha pubblicato il ” Afghan War Diary “. Fu una delle più grandi fuga di notizie nella storia a carico dell’esercito americano. Gli Stati Uniti chiesero immediatamente che i loro alleati inondassero Assange di procedimenti penali. Non conosciamo tutta la corrispondenza, ma Stratfor, una società di consulenza di sicurezza che lavora per il governo degli Stati Uniti, ha consigliato ai funzionari americani di inondare Assange di  ogni tipo di procedimento penale per i prossimi 25 anni .

2. Assange contatta i tribunali svedesi in diverse occasioni per fare una dichiarazione, ma viene ignorato

Perché Assange non si arrese alla polizia in quel momento?

Lo ha fatto. L’ho già menzionato.

Puoi chiarire?

Assange venne a conoscenza delle accuse di stupro da parte della stampa. Ha contattato la polizia per poter fare una dichiarazione. Sebbene lo scandalo abbia raggiunto il pubblico, non è stato permesso farlo fino a nove giorni dopo, dopo che l’accusa di stupro di S. W. è stata abbandonata. Tuttavia, erano in corso le procedure per le molestie A. Il 30 agosto 2010, Assange è andato alla stazione di polizia per fare una dichiarazione. È stato intervistato dalla stessa poliziotta che da allora aveva ordinato la revisione della dichiarazione da parte di SW All’inizio della conversazione, Assange ha dichiarato di essere pronto a fare una dichiarazione, ma ha aggiunto che non voleva che la sua la sua fosse divulgata sulla stampa. Era un suo diritto e in tal senso fu rassicurato che lo sarebbe stato. Ma quella stessa sera, tutto era di nuovo sui giornali. La divulgazione poteva venire solo dalle autorità perché nessun altro era presente durante il suo interrogatorio. L’intenzione era chiaramente di sporcare il suo nome.

Da dove viene la storia che Assange ha cercato di fuggire dalla giustizia svedese?

Questa versione è stata prodotta, ma non corrisponde ai fatti. Se avesse cercato di nascondersi, non sarebbe venuto alla stazione di polizia di sua spontanea volontà. Sulla base della dichiarazione rivista di SW, è stato presentato un ricorso contro il tentativo del pubblico ministero di sospendere le indagini e il 2 settembre 2010 sono stati ripresi i procedimenti per stupro. Un rappresentante legale di nome Claes Borgström è stato nominato a spese dello stato per le due donne. L’uomo era socio dello studio legale dell’ex ministro della giustizia Thomas Bodström, sotto la cui supervisione il personale di sicurezza svedese ha arrestato due uomini sospettati dagli Stati Uniti nel centro di Stoccolma. Gli uomini arrestati senza alcuna forma di procedimento legale, furono quindi consegnati alla CIA, che ha  effettuato loro torture. Ciò mostra più chiaramente lo sfondo transatlantico per questo caso. Dopo la ripresa dell’indagine per stupro, Assange ha ripetutamente indicato, tramite il suo avvocato, che desiderava rispondere alle accuse. Il procuratore responsabile ha continuato a ritardare. Un giorno non corrispondeva al programma del procuratore e l’altro giorno l’agente di polizia responsabile era malato. Tre settimane dopo, il suo avvocato alla fine scrisse che Assange doveva davvero andare a Berlino per una conferenza e chiese se gli fosse permesso di lasciare il paese. L’accusa gli ha dato il permesso scritto che poteva lasciare la Svezia per brevi periodi.

E poi cosa?

La domanda è la seguente: il giorno in cui Julian Assange lasciò la Svezia, in un momento in cui non era chiaro se sarebbe partito per un breve o lungo periodo, un mandato di arresto fu emesso contro di lui. Ha volato con Scandinavian Airlines da Stoccolma a Berlino. Durante il volo, i suoi laptop sono scomparsi dal suo bagaglio registrato. All’arrivo a Berlino, Lufthansa chiese a SAS un’indagine, ma la compagnia aerea apparentemente si rifiutò di fornire qualsiasi informazione.

Perché?

Questo è esattamente il problema. In questo caso, accadono continuamente cose che non dovrebbero essere possibili, a meno che non le si veda da un’altra angolazione. Assange, in ogni caso, proseguì per Londra, ma non cercò di sfuggire alla giustizia. Tramite il suo avvocato svedese, ha offerto ai pubblici ministeri diverse possibili date di interrogatorio in Svezia – questa corrispondenza esiste. Poi succede questo: Assange viene a sapere che era stato aperto un procedimento penale segreto contro di lui negli Stati Uniti. Al momento, questo non è stato  confermato dagli Stati Uniti, ma oggi sappiamo che è vero. Da quel momento, l’avvocato di Assange iniziò a dire che il suo cliente era pronto a testimoniare in Svezia, ma chiese garanzie diplomatiche che la Svezia non lo avrebbe estradato negli Stati Uniti.

Era anche uno scenario realistico?

Assolutamente. Qualche anno prima, come ho già accennato, il personale di sicurezza svedese ha consegnato alla CIA due richiedenti asilo, entrambi registrati in Svezia, senza alcun procedimento legale. Gli abusi erano già iniziati all’aeroporto di Stoccolma, dove furono  maltrattati, drogati e trasportati in aereo in Egitto , dove furono torturati. Non sappiamo se questi fossero gli unici casi di questo tipo. Ma siamo a conoscenza di questi casi perché gli uomini sono sopravvissuti. Entrambi hanno quindi presentato denuncia alle agenzie per i diritti umani delle Nazioni Unite e hanno avuto successo. La Svezia è stata obbligata a pagare a ciascuno di loro mezzo milione di dollari in danni.

La Svezia ha accettato le richieste avanzate da Assange?

Gli avvocati affermano che durante i sette anni in cui Assange visse nell’ambasciata ecuadoriana, fecero più di 30 offerte per perchè Assange si recasse in Svezia – in cambio della garanzia che non sarebbe stato estradato negli Stati Uniti. Gli svedesi si rifiutarono di fornire una simile garanzia, sostenendo che gli Stati Uniti non avevano presentato una richiesta formale di estradizione.

Cosa ne pensi della richiesta fatta dagli avvocati di Assange?

Queste assicurazioni diplomatiche sono pratiche internazionali comuni. Le persone chiedono assicurazioni che non saranno estradate in luoghi in cui vi è il rischio di gravi violazioni dei diritti umani, indipendentemente dal fatto che il paese in questione abbia presentato o meno una richiesta di estradizione. È una procedura politica, non legale. Ecco un esempio: supponiamo che la Francia richieda alla Svizzera di estradare un uomo d’affari kazako che vive in Svizzera ma che è ricercato sia dalla Francia che dal Kazakistan per accuse di frode fiscale. La Svizzera non vede alcun pericolo di tortura in Francia, ma ritiene che un tale pericolo esista in Kazakistan. Questo è ciò che la Svizzera dice alla Francia: ti estraderemo l’uomo, ma vogliamo la certezza diplomatica che non sarà estradato in Kazakistan. La risposta della Francia è negativa: “Il Kazakistan non ha nemmeno fatto una richiesta!” Ovviamente questa risposta ci darebbe tale sicurezza.

[Quindi] Le argomentazioni della Svezia erano alquanto tenui. Questo è uno di questi casi. L’altro, e lo dico sulla base di tutta la mia esperienza dietro le quinte della pratica internazionale standard: se un paese rifiuta di fornire tale garanzia diplomatica, allora tutti i dubbi sulle buone intenzioni del paese in questione sono giustificati. Perché la Svezia non dovrebbe fornire tali assicurazioni? Da un punto di vista legale, dopo tutto, gli Stati Uniti non hanno assolutamente nulla a che fare con le procedure svedesi per i crimini sessuali.

Perché la Svezia non ha voluto offrire tale assicurazione?

Guarda come è stato gestito il caso: per la Svezia, gli interessi delle due donne non sono mai stati discussi. Anche dopo la sua richiesta di assicurazioni che non sarebbe stato estradato, Assange voleva ancora testimoniare. Ha detto: se non puoi garantire che non sarò estradato, allora sono pronto per essere interrogato a Londra o tramite collegamento video.

Ma è normale, o persino legalmente accettabile, che le autorità svedesi si rechino in un altro paese per un simile interrogatorio?

Questa è un’ulteriore indicazione che la Svezia non è mai stata interessata a scoprire la verità. Per questo tipo di questioni giudiziarie, esiste un trattato di cooperazione tra il Regno Unito e la Svezia, che prevede che i funzionari svedesi possano recarsi nel Regno Unito o viceversa per condurre interrogatori o che tali interrogatori possano avere collegamento video. Durante il periodo in questione, tali interrogatori tra Svezia e Inghilterra hanno avuto luogo in altri 44 casi. Fu solo nel caso di Julian Assange che la Svezia insistette sul fatto che era essenziale che comparisse di persona.

3. Quando il più alto tribunale svedese ha finalmente costretto i pubblici ministeri di Stoccolma a sporgere denuncia o sospendere il caso, le autorità britanniche hanno chiesto: “Non sgonfiare! 

Perché?

C’è solo una spiegazione per tutto: il rifiuto di garantire assicurazioni diplomatiche, il rifiuto di interrogarlo a Londra: volevano arrestarlo in modo che potesse essere estradato negli Stati Uniti. Il numero di violazioni della legge che si sono accumulate in Svezia in poche settimane durante le indagini penali preliminari è semplicemente assurdo. Lo stato ha assegnato un consulente legale alle donne che hanno detto loro che l’interpretazione criminale di ciò che avevano vissuto dipendeva dallo stato e non più da loro.

Quando è stato chiesto al loro consulente legale in merito alle contraddizioni tra la testimonianza delle donne e la storia a cui si conformano le autorità, il consulente legale ha detto, riferendosi alle donne “ah, ma non sono avvocati”. Ma i pubblici ministeri hanno rifiutato per cinque anni di interrogare Assange sulla questione del presumibilmente strappato preservativo intenzionalmente – al punto che il termine di prescrizione è scaduto.

Nel secondo caso – il caso di stupro fabbricato dalle autorità, al quale si applica un periodo di prescrizione di dieci anni – gli avvocati di Assange hanno chiesto al tribunale supremo della Svezia di costringere i pubblici ministeri a sporgere denuncia o sospendere il caso. Quando gli svedesi dissero al Regno Unito che avrebbero potuto essere costretti a lasciare il caso, gli inglesi risposero preoccupati: “Soprattutto, non sgonfiare !!”

 

 

Sei serio?

Sì, gli inglesi, o più precisamente il Servizio giudiziario della Corona, volevano impedire alla Svezia di archiviare il caso a tutti i costi. Ma in realtà, gli inglesi avrebbero dovuto essere felici di non dover più spendere milioni di dollari di dollari dei contribuenti per mantenere l’ambasciata ecuadoriana sotto costante sorveglianza al fine di impedire il volo di Assange.

Perché gli inglesi erano così ansiosi di impedire agli svedesi di concludere il caso?

Dobbiamo smettere di credere che ci fosse davvero un interesse nell’investigare un’offesa sessuale. Ciò che Wikileaks ha fatto è una minaccia per l’élite politica negli Stati Uniti, [Wikileaks indaga su] Gran Bretagna, la Francia e Russia nella stessa misura. Wikileaks pubblica informazioni segrete sullo stato: si oppongono alla classificazione. E in un mondo, anche nelle cosiddette democrazie mature, in cui la segretezza è diventata onnipresente, questa è considerata una minaccia fondamentale. Assange ha chiarito che i paesi non sono più interessati alla privacy legittima, ma alla rimozione di informazioni importanti sulla corruzione e sui crimini. Prendi l’archetipo del caso Wikileaks dalle perdite fornite da Chelsea Manning: il video noto come “omicidio collaterale”. (Nota del redattore: il 5 aprile 2010, Wikileaks ha pubblicato  un video militare USA classificato  che mostrava l’uccisione di diverse persone a Baghdad da parte di soldati americani, tra cui due impiegati dell’agenzia di stampa Reuters.). Come consulente legale di lunga data del Comitato Internazionale della Croce Rossa e delegato nelle zone di guerra, posso dirvi: il video documenta senza dubbio un crimine di guerra. Una squadra di elicotteri ha semplicemente falciato un gruppo di persone. Una o due di queste persone potrebbero persino portare un’arma, ma i feriti sono stati intenzionalmente presi di mira. È un crimine di guerra. “È ferito”, puoi sentire un americano dire. “Sto sparando.” E poi ridono. Quindi arriva un furgone per salvare i feriti. L’autista ha due figli con lui. Sentiamo i soldati dire: è colpa loro se portano i loro bambini sul campo di battaglia. E poi aprono il fuoco. Il padre e i feriti vengono immediatamente uccisi, anche se i bambini sopravvivono con gravi ferite.

Cosa dovrebbe fare una democrazia costituzionale in una situazione del genere?

Una democrazia costituzionale probabilmente indagherà su Chelsea Manning per violazione del segreto ufficiale perché ha inoltrato il video ad Assange. Ma di certo non avrebbe perseguito Assange, poiché pubblicò il video nell’interesse pubblico, in conformità con le pratiche del giornalismo investigativo convenzionale. Ma soprattutto, una democrazia costituzionale indagherà e punirà i criminali di guerra. Questi soldati devono essere dietro le sbarre. Tuttavia, non è stata avviata alcuna indagine penale. Invece, l’uomo che ha informato il pubblico è bloccato in detenzione pre-estradizione a Londra e rischia possibili condanne statunitensi fino a 175 anni di carcere. È una punizione completamente assurda. In confronto: I principali criminali di guerra della corte jugoslava sono stati condannati a 45 anni di prigione. Centosettantacinque anni di carcere in condizioni che sono state ritenute disumane dal relatore speciale delle Nazioni Unite e da Amnesty International. Ma ciò che è veramente orribile in questa vicenda è l’anarchia che si è sviluppata: i potenti possono uccidere senza paura di essere puniti e il giornalismo si trasforma in spionaggio. Dire la verità diventa un crimine.

Cosa attende Assange una volta estradato?

Non trarrà beneficio da un processo in conformità con lo stato di diritto. Questo è un altro motivo per cui la sua estradizione non dovrebbe essere consentita. Assange sarà processato da una giuria ad Alexandria, in Virginia, la famosa “Corte dello spionaggio”, dove gli Stati Uniti giudicano tutte le questioni di sicurezza nazionale. La scelta del luogo non è una coincidenza, poiché i membri della giuria devono essere scelti in proporzione alla popolazione locale e l’85% degli abitanti di Alessandria lavora nel campo della sicurezza nazionale – presso la CIA, presso l’NSA , il Ministero della Difesa e il Dipartimento di Stato. Quando le persone vengono processate per la sicurezza nazionale davanti a tale giuria, il verdetto è chiaro fin dall’inizio. I casi vengono sempre processati davanti allo stesso giudice a porte chiuse e sulla base di prove classificate. Nessuno è mai stato assolto in questo caso. Il risultato è che la maggior parte degli imputati raggiunge un accordo, in cui ammettono una parziale colpa per ricevere una pena più leggera.

Dici che Julian Assange non riceverà un processo equo negli Stati Uniti?

Senza dubbio. Finché i dipendenti del governo degli Stati Uniti obbediscono agli ordini dei loro superiori, possono partecipare a guerre di aggressione, crimini di guerra e torture, sapendo benissimo che non saranno mai ritenuti responsabili delle loro azioni. . Che cosa è successo alle lezioni apprese dalle prove di Norimberga? Ho lavorato abbastanza a lungo nelle zone di conflitto per sapere che in guerra si verificano errori. Questi non sono sempre atti criminali senza scrupoli. Questo è in gran parte il risultato di stress, stanchezza e panico. Questo è il motivo per cui posso assolutamente capire quando un governo dice: diffonderemo la verità e, come stato, ci assumeremo la piena responsabilità per il danno causato, ma se la colpa non può essere attribuita direttamente agli individui, non imporremo punizioni draconiane. Ma è estremamente pericoloso quando la verità viene soppressa e i criminali non vengono consegnati alla giustizia. Negli anni ’30, Germania e Giappone lasciarono la Società delle Nazioni. Quindici anni dopo, il mondo era in rovina. Oggi gli Stati Uniti si sono ritirati dal Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite e né il massacro di “omicidi collaterali”, la tortura della CIA dopo l’11 settembre, né la guerra di l’aggressione contro l’Iraq ha portato a indagini penali. Oggi, il Regno Unito sta seguendo questo esempio. La commissione per la sicurezza e l’intelligence del parlamento britannico ha pubblicato due rapporti dettagliati nel 2018, dimostrando che la Gran Bretagna era molto più coinvolta nel programma segreto di tortura della CIA di quanto si pensasse in precedenza. Il comitato ha raccomandato un’indagine formale. La prima cosa che Boris Johnson ha fatto dopo essere diventato Primo Ministro è stata annullare le indagini.

4. Nel Regno Unito, le violazioni delle condizioni della cauzione sono generalmente punite solo con multe o, al massimo, da alcuni giorni di carcere. Ma Assange è stato dato 50 settimane in un carcere di massima sicurezza senza l’opportunità di preparare la propria difesa

Ad aprile, Julian Assange è stato trascinato fuori dall’ambasciata ecuadoriana dalla polizia britannica. Cosa ne pensi di questi eventi?

Nel 2017, un nuovo governo è stato eletto in Ecuador. In risposta, gli Stati Uniti hanno scritto una lettera che indicava la volontà di cooperare con l’Ecuador. C’erano ovviamente molti soldi in palio, ma c’era un ostacolo: Julian Assange. Il messaggio era che gli Stati Uniti erano pronti a collaborare se l’Ecuador avesse consegnato Assange agli Stati Uniti. Gli hanno reso la vita difficile. Ma è rimasto. L’Ecuador ha quindi annullato la sua amnistia e ha dato il via libera alla Gran Bretagna per fermarla. Poiché il precedente governo gli aveva concesso la cittadinanza ecuadoriana, anche il passaporto di Assange doveva essere revocato, poiché la costituzione ecuadoriana proibiva l’estradizione dei propri cittadini. Tutto ciò è accaduto dall’oggi al domani e senza alcun procedimento legale. Assange non è stato in grado di fare una dichiarazione o di ricorrere a un ricorso legale. Fu arrestato dagli inglesi e portato davanti a un giudice britannico lo stesso giorno, che lo condannò per aver violato la sua cauzione.

Cosa ne pensi di questo verdetto accelerato?

Assange aveva solo 15 minuti per prepararsi con il suo avvocato. Anche il processo è durato solo 15 minuti. L’avvocato di Assange ha messo un grosso file sul tavolo e ha formulato un’obiezione formale a uno dei giudici del conflitto di interessi perché suo marito era stato esposto da Wikileaks in 35 casi. Ma il giudice supremo ha respinto queste preoccupazioni senza ulteriori considerazioni. Ha detto che accusare il suo collega di un conflitto di interessi era un affronto. Assange stesso ha detto solo una frase durante l’intera procedura: “Non mi dichiaro colpevole”. Il giudice si rivolse a lui e disse: “Sei un narcisista che non può andare oltre il proprio interesse. Ti condanno per violazione della cauzione. ”

Se ti capisco bene: Julian Assange non ha mai avuto nessuna  possibilità sin dall’inizio?

Questo è l’obiettivo. Non sto dicendo che Julian Assange sia un angelo o un eroe. Ma così non deve essere. Stiamo parlando dei diritti umani e non dei diritti di eroi o angeli. Assange è una persona e ha il diritto di difendersi e di essere trattato umanamente. Indipendentemente da ciò di cui è accusato, Assange ha il diritto a un processo equo. Ma questo diritto gli è stato deliberatamente negato – in Svezia, negli Stati Uniti, in Gran Bretagna ed Ecuador. Invece, è stato lasciato a marcire per quasi sette anni nel limbo di una stanza. Quindi, è stato improvvisamente trascinato fuori e condannato entro poche ore e senza alcuna preparazione per una violazione della libertà su cauzione che ha comportato la concessione dell’asilo diplomatico da un altro stato membro delle Nazioni Unite sulla base della persecuzione politica come richiede il diritto internazionale e come innumerevoli dissidenti cinesi, russi e altri hanno fatto nelle ambasciate occidentali. È ovvio che qui abbiamo a che fare con persecuzioni politiche. In Gran Bretagna le violazioni della cauzione raramente portano a pene detentive – di solito sono punibili solo con multe. Al contrario, Assange è stato condannato in un procedimento sommario a 50 settimane in un carcere di massima sicurezza – una frase chiaramente sproporzionata che aveva un solo scopo: detenere Assange abbastanza a lungo da consentire agli Stati Uniti di essere in grado di preparare il loro caso per spionaggio contro di loro.

In qualità di relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura, che cosa hai da dire sulle sue attuali condizioni di detenzione?

La Gran Bretagna ha negato a Julian Assange qualsiasi contatto con i suoi avvocati negli Stati Uniti, dove è oggetto a procedimenti segreti. Il suo avvocato britannico si è anche lamentato del fatto che non aveva nemmeno abbastanza accesso al suo cliente per esaminare documenti e prove del tribunale con lui. Fino a ottobre, non gli era permesso avere un solo documento dei sui file con sé nella sua cella. Gli è stato negato il diritto fondamentale di preparare la propria difesa, come garantito dalla Convenzione europea dei diritti dell’uomo. A ciò si aggiunge il confinamento quasi totale e la punizione totalmente sproporzionata per violazione della cauzione. Non appena ha lasciato la sua cella, i corridoi sono stati svuotati per impedirgli di avere contatti con gli altri detenuti.

E tutto a causa di una semplice violazione della cauzione? Quando la detenzione diventa tortura?

Julian Assange è stato intenzionalmente torturato psicologicamente dalla Svezia, dalla Gran Bretagna, dall’Ecuador e dagli Stati Uniti, in primo luogo dal trattamento altamente arbitrario del procedimento avviato contro di lui. Il modo in cui la Svezia perseguiva la vicenda, con l’aiuto attivo della Gran Bretagna, mirava a metterlo sotto pressione e intrappolarlo nell’ambasciata. Alla Svezia non è importato mai di trovare la verità e di aiutare queste donne, ma di spingere Assange in un angolo. È un abuso di procedimenti legali per spingere una persona in una posizione in cui non sono in grado di difendersi. Inoltre, misure di sorveglianza, insulti, denigrazione e attacchi dei politici in questi paesi, fino alle minacce di morte. Questo costante abuso del potere statale ha innescato un notevole stress e ansia ad Assange e ha provocato danni cognitivi e neurologici misurabili. Ho visitato Assange nella sua cella a Londra nel maggio 2019, in compagnia di due medici esperti e molto rispettati, specializzati in esami forensi e psicologici delle vittime di tortura. La diagnosi fatta dai due medici era chiara: Julian Assange presenta i sintomi tipici della tortura psicologica. Se non riceve protezione rapidamente, il rischio per la sua salute aumenteranno,  il deterioramento sarà rapido e la morte potrebbe essere una delle conseguenze.

Sei mesi dopo che Assange fu posto in detenzione pre-estradizione in Gran Bretagna, la Svezia lasciò cadere silenziosamente le accuse contro di lui nel novembre 2019, dopo nove lunghi anni. Perché?

Lo stato svedese ha trascorso quasi un decennio presentando intenzionalmente Julian Assange al pubblico come molestatore sessuale. Quindi, ha improvvisamente lasciato cadere il caso contro di lui sulla base della stessa argomentazione usata dal primo procuratore di Stoccolma nel 2010, quando ha inizialmente sospeso l’inchiesta dopo solo cinque giorni: la dichiarazione della donna era credibile , ma non c’erano prove che fosse stato commesso un crimine. È uno scandalo incredibile. Ma i tempi non sono stati un incidente. L’11 novembre è stato rilasciato un documento ufficiale che avevo inviato al governo svedese due mesi prima. In questo documento, ho chiesto al governo svedese di fornire spiegazioni su circa 50 punti riguardanti le implicazioni dei diritti umani nel modo in cui il caso viene gestito. Come è possibile che la stampa sia stata immediatamente informata nonostante il divieto di farlo? Come è possibile che un sospetto sia stato reso pubblico quando l’interrogatorio non si era ancora svolto? Come è possibile che tu dica che è stato commesso uno stupro quando la donna ha contestato questa versione dei fatti? Il giorno in cui il documento è stato reso pubblico, ho ricevuto una risposta irrisoria dalla Svezia: il governo non ha ulteriori commenti da fare in merito.

Cosa significa questa risposta?

È un’ammissione di colpa.

Si spieghi meglio

Come relatore speciale delle Nazioni Unite, la comunità internazionale delle nazioni mi ha incaricato di esaminare i reclami delle vittime di tortura e, se necessario, di chiedere spiegazioni o richieste da parte dei governi. Questo è il lavoro quotidiano che faccio con tutti gli stati membri delle Nazioni Unite. Dalla mia esperienza, posso dire che i paesi che agiscono in buona fede sono quasi sempre interessati a fornirmi le risposte di cui ho bisogno per dimostrare la legalità del loro comportamento. Quando un paese come la Svezia rifiuta di rispondere alle domande poste dalla relatrice speciale delle Nazioni Unite sulla tortura, dimostra che il governo è consapevole dell’illegalità del suo comportamento e non vuole assumersene la responsabilità. Si fermarono e lasciarono cadere il caso una settimana dopo perché sapevano che non avrei fatto un passo indietro. Quando paesi come la Svezia si lasciano manipolare in questo modo, le nostre democrazie e i nostri diritti umani affrontano una minaccia fondamentale.

Pensi che la Svezia fosse pienamente consapevole di ciò che stava facendo?

Sì. Dal mio punto di vista, la Svezia ha agito molto chiaramente in malafede. Se avesse agito in buona fede, non ci sarebbe stato motivo di rifiutare di rispondere alle mie domande. Lo stesso vale per gli inglesi: dopo la mia visita ad Assange nel maggio 2019, mi ci sono voluti sei mesi per rispondermi – in una lettera di una sola pagina, che era essenzialmente limitata a respingere tutte le accuse di tortura e tutto incoerenze nel processo giudiziario. Se giochi a questo tipo di gioco, qual è il punto del mio mandato? Sono il relatore speciale sulla tortura per le Nazioni Unite. Il mio mandato è porre domande chiare e chiedere risposte. Qual è la base giuridica per negare a una persona il suo diritto fondamentale a difendersi? Perché un uomo che non è né pericoloso né violento viene tenuto in isolamento per diversi mesi quando le norme delle Nazioni Unite proibiscono legalmente il confinamento per periodi superiori a 15 giorni? Nessuno di questi Stati membri delle Nazioni Unite ha avviato un’indagine, ha risposto alle mie domande o addirittura manifestato interesse per il dialogo.

5. Condanna a 175 anni di carcere per giornalismo investigativo: il possibile precedente per il caso USA contro Julian Assange

Che cosa significa il rifiuto degli Stati membri delle Nazioni Unite di fornire informazioni al proprio relatore speciale sulla tortura?

Che è una questione concordata in anticipo. Ai fornitori di prove sarà usato l’esempio di Julian Assange. L’obiettivo è intimidire gli altri giornalisti. Il bullismo, inoltre, è uno dei principali obiettivi dell’uso della tortura in tutto il mondo. Il messaggio che dovremmo ricevere tutti è: Questo è ciò che ti succederà se imiti il ​​modello Wikileaks. Questo è un modello pericoloso perché è così semplice: le persone che ottengono informazioni sensibili dal loro governo o dalla società le trasferiscono su Wikileaks, ma l’informatore rimane anonimo. La reazione mostra quanto sia percepita la minaccia: quattro paesi democratici hanno unito le loro forze: gli Stati Uniti, l’Ecuador, Svezia e Regno Unito – per usare il loro potere per rappresentare un uomo come un mostro in modo che possa essere bruciato sul rogo senza alcuna protesta. Questo caso è un enorme scandalo e rappresenta il fallimento dello stato di diritto occidentale. Se Julian Assange viene dichiarato colpevole, sarà una condanna a morte per la libertà di stampa.

Cosa significherebbe questo possibile precedente per il futuro del giornalismo?

In termini pratici, questo significa che tu, come giornalista, ora devi difenderti. Perché se il giornalismo investigativo è classificato come spionaggio e può essere criminalizzato in tutto il mondo, ne conseguiranno censura e tirannia. Un sistema omicida viene creato sotto i nostri occhi. Crimini di guerra e torture non vengono perseguiti. Circolano video su YouTube in cui i soldati americani si vantano di aver ucciso donne irachene con stupri sistematici. Nessuno sta indagando su questo argomento. Allo stesso tempo, una persona che espone tali cose è minacciata con 175 anni di carcere. Per un intero decennio, è stato inondato di accuse non provate. E nessuno è ritenuto responsabile. Nessuno si assume la responsabilità. Ciò segna un’erosione del contratto sociale. Diamo poteri ai paesi e li deleghiamo ai governi, ma in cambio devono essere ritenuti responsabili di come esercitano tali poteri. Se non chiediamo che siano ritenuti responsabili, prima o poi perderemo i nostri diritti. Gli esseri umani non sono democratici per natura. Il potere corrompe se non è controllato. Se non insistiamo sul monitoraggio del potere, il risultato è la corruzione.

Dici che il targeting di Assange minaccia il cuore stesso della libertà di stampa.

Vedremo dove saremo tra 20 anni se Assange sarà condannato, cosa puoi ancora scrivere come giornalista. Sono convinto che siamo in grave pericolo di perdere la libertà di stampa. Questo è già il caso: improvvisamente, il quartier generale di ABC News in Australia è stato perquisito in relazione al “Diario di guerra afgano”. La ragione? Ancora una volta, la stampa ha rivelato difetti commessi da rappresentanti dello stato. Perché la distribuzione dei poteri funzioni, lo stato deve essere controllato dalla stampa come quarto potere. Wikileaks è la logica conseguenza di un processo in corso di crescente segretezza: se la verità non può più essere indagata perché tutto è tenuto segreto, se le indagini sulla politica di tortura del governo degli Stati Uniti vengono mantenute segrete e anche gran parte del riassunto pubblicato viene censurato, ci saranno inevitabilmente delle perdite ad un certo punto. Wikileaks è il risultato di un segreto onnipresente e riflette la mancanza di trasparenza del nostro moderno sistema politico. Vi sono, naturalmente, aree in cui la segretezza può essere vitale. Ma se non sappiamo più cosa stanno facendo i nostri governi e i criteri che seguono, se i crimini non vengono più indagati, ciò rappresenta un grave pericolo per l’integrità della società.

Quali sono le conseguenze?

Come relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura e, prima ancora, come delegato della Croce Rossa, ho assistito a molti orrori e violenze e ho visto con quanta rapidità i paesi pacifici come la Jugoslavia o il Ruanda può trasformarsi in un inferno. Alla base di questi sviluppi, c’è sempre una mancanza di trasparenza e potere politico o economico sfrenato, combinato con l’ingenuità, l’indifferenza e la malleabilità della popolazione. All’improvviso, ciò che è sempre accaduto all’altro – tortura, stupro, espulsione e omicidio impunito – può accadere altrettanto facilmente a noi o ai nostri figli. E a nessuno importa. Te lo posso promettere.

Nils Melzer
Relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura

Fonte: Le Grand Soir