Perché la priorità assoluta degli industriali tedeschi è evitare una Hard Brexit

“L’accordo avrebbe declassato la Gran Bretagna allo stato di colonia commerciale dell’UE” scrive l’importante economista dell’Ifo Institute di Monaco Gabriel Felbermayr in riferimento al voto del Parlamento britannico sulla Brexit. Per questo motivo gli industriali tedeschi, cominciano a preoccuparsi seriamente e a lanciare i loro accorati appelli in favore di un accordo con lo UK che tenga in considerazione l’enorme avanzo commerciale verso l’isola e i 750.000 posti di lavoro che nell’industria tedesca dipendono direttamente dall’export oltremanica. Ne parla il sempre ben informato German Foreign Policy
“Allo stato di colonia commerciale”
Il respingimento dell’accordo sulla Brexit da parte del Parlamento britannico era prevedibile sin dall’inizio. L’accordo conteneva infatti diversi elementi del tutto inaccettabili per uno stato sovrano – in particolare in riferimento al cosiddetto backstop. Nel caso in cui in futuro non fosse stato possibile raggiungere alcun risultato nei negoziati sulle relazioni fra il Regno Unito e l’Unione, l’accordo avrebbe previsto non solo la permanenza del paese nell’unione doganale, ma anche una duratura spaccatura di carattere economico tra l’Irlanda del Nord e il resto del Regno Unito. Bruxelles avrebbe semplicemente potuto forzare entrambi gli elementi rifiutandosi di raggiungere un accordo; Londra, infatti, nei confronti di una tale decisione sarebbe del tutto impotente [1]. Di fatto l’accordo, come ribadito da Gabriel Felbermayr dell’Ifo Institute di Monaco, “avrebbe declassato la Gran Bretagna allo status di colonia commerciale dell’UE” [2]. La Camera dei Comuni martedì sera lo ha respinto. Le dichiarazioni del presidente del Consiglio UE, Donald Tusk, suggeriscono invece che Bruxelles stava cercando proprio questo risultato. Martedì Tusk su Twitter, rivolgendosi quindi a un vasto pubblico, scriveva: “Se un accordo è impossibile e nessuno vuole un no-deal, chi avrà il coraggio di dire qual’è l’unica soluzione positiva?” In effetti, la permanenza della Gran Bretagna nell’UE sarebbe proprio nell’interesse di Berlino e Bruxelles (…) 
Miliardi di perdite
Negli ambienti commerciali ed economici tedeschi questo gioco pericoloso sta facendo suonare molti campanelli di allarme. Dopo gli Stati Uniti, il Regno Unito è il secondo più grande destinatario di investimenti diretti tedeschi – con oltre 120 miliardi di euro. È anche il quinto più grande mercato di vendita per le aziende tedesche; e come ha dichiarato il presidente della Camera dell’Industria e del Commercio tedesca (DIHK), Eric Schweitzer, il volume delle esportazioni tedesche verso il Regno Unito a partire dal referendum sulla Brexit “è già sceso di oltre il cinque per cento.” [8] Le tariffe doganali che secondo le norme WTO entrerebbero in vigore in caso di “hard Brexit”, solo per gli esportatori di auto tedeschi potrebbero comportare “maggiori oneri per circa due miliardi di euro all’anno”, cosi’ metteva in guardia il presidente della DIHK nel mese di dicembre. Inoltre, in Germania “più di 750.000 posti di lavoro dipendono…dalle esportazioni verso la Gran Bretagna”. A ottobre un’analisi dell’Institut der Deutschen Wirtschaft (IW) di Colonia ha rivelato che le tariffe WTO e le probabili barriere tariffarie future, solo per l’economia tedesca, potrebbero portare a decine di miliardi di euro di perdite. Nello scenario peggiore, il commercio tedesco-britannico potrebbe crollare così bruscamente da provocare perdite superiori ai 40 miliardi di euro all’anno [9].
Le priorità dell’economia tedesca
Anche il presidente della Federazione delle industrie tedesche (BDI), Joachim Lang, si è espresso in linea con queste preoccupazioni. “Il respingimento dell’accordo è drammatico”, ha detto Lang, “per la Germania l’uscita disordinata del Regno Unito vuol dire mettere a rischio un volume di commercio estero bilaterale di oltre 175 miliardi di euro – tenendo conto delle importazioni e delle esportazioni di beni e servizi”. [10] Si rischia “una clamorosa ed immediata recessione dell’economia britannica che anche in Germania non passerebbe inosservata”. “Qualsiasi mancanza di chiarezza metterebbe a repentaglio decine di migliaia di aziende e centinaia di migliaia di posti di lavoro in Germania…”, avverte il capo della BDI: “La priorità assoluta” sarà: “evitare una hard Brexit”. Insieme ad altri importanti rappresentanti dell’economia tedesca, il CEO di Deutsche Bank, Christian Sewing, mette in guardia da una Brexit non regolamentata: costerebbe “al resto dell’UE…almeno mezzo punto del loro PIL” [11].
Troppi cantieri aperti
Lo stato di allarme dell’economia si spiega anche con il fatto che lo scorso anno la crescita economica tedesca è diminuita significativamente – dal 2,2 per cento del 2017 all’1,5 per cento del 2018, il dato più basso dal 2013 – e che contemporaneamente c’è il rischio di altri crolli sui diversi fronti economici. [12] Anche la Cina dovrebbe mostrare una crescita più lenta a causa della guerra commerciale avviata con Washington; le esportazioni tedesche verso la Repubblica Popolare, il terzo più grande mercato di vendita per le aziende tedesche, infatti, hanno già iniziato ad indebolirsi. La Francia, il secondo cliente dei tedeschi, al momento non è certo un bastione di stabilità in espansione, mentre la Germania sta combattendo una dura battaglia commerciale con il suo cliente più importante, gli Stati Uniti. In caso di Hard Brexit c’è il rischio molto concreto di un crollo delle esportazioni verso il mercato in quinta posizione.

[1] S. dazu An die EU gefesselt.
[2] Chaos-Brexit verunsichert deutsche Wirtschaft. n-tv.de 16.01.2019.
[3] “Die Zeit ist fast abgelaufen”. faz.net 15.01.2019.
[4] Remo Hess: Brexit-Verhandlung: Die Briten hatten keine Chance gegen Brüssel. nzzas.nzz.ch 12.01.2019.
[5] S. dazu Das Feiglingsspiel der EU.
[6] Ashley Cowburn: “This is not Dunkirk”: Cabinet minister Liam Fox claims no-deal Brexit would not be “national suicide”. independent.co.uk 14.01.2019.
[7] Anthony Wells: As MPs prepare for the Brexit vote, where do Britons stand? yougov.co.uk 14.01.2019.
[8] Deutsche Wirtschaft warnt vor hartem Brexit. n-tv.de 15.12.2018.
[9] Michael Hüther, Matthias Diermeier, Markos Jung, Andrew Bassilakis: If Nothing is Achieved: Who Pays for the Brexit? Intereconomics 5/2018, 274-280. S. dazu Das Feiglingsspiel der EU.
[10] Chaotischer Brexit rückt in gefährliche Nähe. bdi.eu 16.01.2019.
[11] Chaos-Brexit verunsichert deutsche Wirtschaft. n-tv.de 16.01.2019.
[12] Wirtschaft schrammt an der Rezession vorbei. Frankfurter Allgemeine Zeitung 16.01.2019.

Source link