L’operazione “Timber Sycamore”: la guerra segreta della CIA in Siria finanziata principalmente da Saud

Un articolo del New York Times  ha appena rivelato il nome in codice della guerra multinazionale segreta della CIA in Siria: si chiama Timber Sycamore, che significa ” legno di sicomoro” Nel 1992, i ricercatori siriani Ibrahim Nahal e Rahme Adib avevano pubblicato uno studio secondo il quale, «la larghezza dell’anello dell’albero (è chiamato platano o anche sicomoro) è influenzata da fattori ambientali, inoltre il legno del platano orientale può essere classificato come caratterizzato da una crescita relativamente più rapida rispetto a quello del faggio o rovere. “I gruppi ribelli per lo più jihadisti, che si sono moltiplicati in Siria a partire dall’estate del 2011, potrebbero essere considerati” platani orientali “a causa della loro” crescita relativamente veloce “- senza essere necessariamente avere un collegamento preciso tra il nome in codice di questa operazione segreta della CIA e questo fenomeno biologico.

In sostanza, il New York Times ha  rivelato in questo articolo che l’Arabia Saudita ha finanziato per “diversi miliardi” la guerra segreta della CIA in Siria. Altri collaboratori  a questa campagna della CIA sono stati citati dal giornale. Questi collaboratori sono: la Turchia, la Giordania e il Qatar. Tuttavia, anche se l’importo esatto dei contributi dei singoli Stati coinvolti in queste operazioni non è stato reso noto,  l’Arabia Saudita è stato il principale finanziatore . Secondo il New York Times, «gli alti funzionari degli statunitensi non hanno rivelato l’importo del contributo saudita, che è di gran lunga il più grande finanziamento estero del programma di fornitura di armi ai ribelli che combattono le forze presidente Bashar Assad. Tuttavia, le stime indicano che il costo totale del finanziamento e dell’attività di formazione [dei ribelli] ha raggiunto diversi miliardi di dollari. ”

Il Times conferma le informazioni del Washington Post, che avevo analizzato un paio di settimane prima degli attacchi del 13 novembre. Infatti, nel mese di giugno 2015, questo giornale ha rivelato che la CIA aveva “effettuato dal 2013 contro il regime di Assad”, uno delle sue più grandi operazioni segrete “, il finanziamento annuale di circa un miliardo di dollari. Secondo questo giornale, questa azione segreta (…) fa parte di uno “sforzo più ampio che coinvolge diversi miliardi di dollari in Arabia Saudita, Qatar e Turchia”, vale a dire, i tre stati notoriamente noti per sostenere le fazioni estremiste in Siria. “Grazie al  New York Times, ora sappiamo che l’Arabia Saudita ha fornito ” di gran lunga “, il principale  sostegno statale di questa guerra segreta – in particolare attraverso l’acquisto massiccio e la consegna da parte dei servizi speciali sauditi ( GID), di TOW missili anticarro marca Raytheon per gruppi affiliati ad al Qaeda, dell’Esercito della Conquista.

Sempre secondo il Times, il capo della stazione Cia svolge un ruolo diplomatico è più importante dell’ l’ambasciatore Usa in Arabia Saudita. Così, tra il GID e la CIA, “l’alleanza rimane forte, perché è rinforzato da un legame tra le principali spie. Il ministro dell’Interno saudita, il principe Mohammed bin Nayef è succeduto al principe Bandar nella fornitura di armi ai ribelli [in Siria]. Egli conosce l’attuale direttore della CIA John O. Brennan dai tempi in cui era capo della sezione dell’Agenzia a Riyadh nell’anno 1990. Gli ex colleghi dicono che questi due uomini sono rimasti vicini ( …)  Il ruolo occupato in precedenza dal signor Brennan a Riyadh è molto di più di quella dell’ambasciatore degli Stati Uniti, è il vero legame tra il potere statale, USA e il regno [di Saud]. Ex diplomatici ricordano che le discussioni più importanti sono state sistematicamente effettuate tramite il capo della sezione della CIA  [nella capitale saudita].

Tali informazioni  del New York Times  a rafforzare il concetto  di “stato profondo sovranazionale” tra alti funzionari dei servizi segreti degli Stati Uniti e l’Arabia Saudita, è ciò che spiega Peter Dale Scott nel suo ultimo libro. Così, questo autore dimostra che le relazioni USA-sauditi costituiscono una vera e propria “scatola nera”:

“Nel 1980, William Casey, il Direttore della CIA, ha preso decisioni cruciali nella condotta della guerra segreta in Afghanistan. Tuttavia, questi sono stati sviluppati al di fuori del quadro burocratico dell’Agenzia, essendo stata preparata con i direttori dei servizi di intelligence sauditi – prima Kamal Adham e poi il principe turco ben Fayçal . Le  decisioni prese, permisero la creazione di una Legione Straniera con il compito di aiutare i mujaheddin afghani per combattere i sovietici. E’ chiaro che dopo la fine della guerra tra l’URSS e l’Afghanistan, si agì per l’istituzione di un sistema di supporto operativo conosciuto come Al Qaeda . Casey ha esposto i dettagli di questo piano effettuato con i due leader dell’ intelligece saudita, e con il direttore della Banca di Credito e Commercio Internazionale (BCCI), la banca del Pakistan-Arabia con Kamal Adham  e il principe turco ben Fayçal.

In tal modo, Casey con la CIA ed alcuni canali esterni, costruì con i sauditi il futuro al Qaeda in Pakistan, mentre la gerarchia ufficiale dell’Agenzia a Langley “pensava che fosse imprudente.” In La macchina da guerra americana , ho individuato il Safari Club e BCCI in una successione di accordi in virtù di un “CIA alternativa” o “seconda della CIA”, risalente alla creazione nel 1948 dell ‘Ufficio di coordinamento delle politiche (OPC per l’ufficio di coordinamento delle politiche). Pertanto, è comprensibile che George Tenet, il direttore della CIA sotto George W. Bush, ha seguito il precedente di [William] Casey [il direttore dell’Agenzia sotto Reagan] incontrando una volta al mese il principe Bandar, presso l’ambasciatore saudita negli Stati Uniti – ma senza rivelare alla CIA del contenuto delle loro discussioni ufficiali . ”

Nell’articolo il Times, il principe Bandar è presentato come il principale artefice di questa politica per sostenere la ribellione in Siria. In effetti, il giornale conferma che “gli sforzi sauditi sono stati guidati dal fiammeggiante principe Bandar bin Sultan, il capo dei servizi segreti,  che ha chiesto alle spie saudite di acquistare migliaia di [ mitragliatrici] AK-47 e milioni di munizioni in Europa orientale per i ribelli [in Siria]. La CIA ha facilitato alcuni di questi l’acquisto di armi per i sauditi, tra cui un grande accordo con la Croazia nel 2012. Nell’estate dello stesso anno,  queste operazioni al confine tra Turchia e Siria delle nazioni del Golfo di invio di denaro e armi ai gruppi ribelli sembravano fuori controllo , – compresi i gruppi i responsabili USA temevano fossero legati a organizzazioni estremiste come al Qaeda. ”

Così, la guerra segreta della CIA e dei suoi partner stranieri in Siria ha fortemente incoraggiato l’ascesa del Daech, che il Pentagono ed i suoi alleati hanno bombardato da settembre 2014  senza molta efficienza. Dal luglio 2012, attraverso la spregiudicata politica del principe Bandar, il piano jihadista “piano” in Siria ha sperimentato una “crescita relativamente veloce”, con il sostegno attivo della CIA e dei suoi partner. Ma Bandar è così vicino all’agenzia che è riuscito a dissociarsi dalle sue azioni clandestine aiutato dal suo ruolo ambasciatore dell’Arabia Saudita che aveva a Washington (1983-2005) e poi per il ruolo di direttore dell’intelligence saudita (2012-2014). Dieci giorni prima degli attacchi del 13 novembre, ho pubblicato un articolo intitolato “La guerra segreta della CIA multinazionale in Siria”, in cui ho scritto:

“Da quando nel luglio 2012, il principe Bandar è stato nominato capo dei servizi segreti sauditi, si è registrato da parte di molti esperti come un segno di indurimento della politica siriana dell’Arabia Saudita. Soprannominato “Bandar Bush” per la sua vicinanza alla dinastia presidenziale dello stesso nome, è stato ambasciatore a Washington, al momento degli attentati dell’11 settembre. Per molti anni quest’ uomo intimamente legato alla CIA è accusato dall’ ex senatore della Florida di aver sostenuto alcuni dei dirottatori  identificati quali autori degli attacchi . Fino a quando non è stato spinto fuori nel mese di aprile 2014, le Guardian ha sottolineato che aveva diretto gli sforzi sauditi per coordinare meglio le forniture di armi ai ribelli che combattono Assad in Siria. Tuttavia, è stato criticato per aver sostenuto  i gruppi islamici estremisti, rischiando  il ripetersi della vicenda dei combattenti sauditi di Osama bin Laden che tornarono a casa dopo la jihad contro i sovietici in Afghanistan nel 1980 – un guerra santa che era stato ufficialmente autorizzata. (…) Nel 2014, un parlamentare USA aveva detto a condizione di anonimato che la CIA era «ben consapevole che molte armi  in dotazione [all’agenzia] erano cadute in mani sbagliate“. Nel mese di ottobre 2015, il massimo esperto Joshua Landis della Siria ha dichiarato che “tra il 60 e l’80% delle armi che gli Stati Uniti hanno introdotto [in questo paese] è andato a al Qaeda e gruppi affiliati ad essa”. ”

In altre parole, la CIA ei suoi alleati turchi e le petrolmonarchie hanno fortemente promosso la nascita di questi gruppi di estremisti in Siria, tra cui al-Qaeda e Daech. Tuttavia, è stato questa  politica deliberatamente scelta dalla Casa Bianca? La risposta a questa domanda non è ovvia. Come ho sottolineato nel mese di agosto 2015, l’ex direttore dei servizi segreti militari al Pentagono (DIA) Michael Flynn aveva denunciato ad Al Jazeera l’irrazionalità sconcertante della Casa Bianca sulla questione siriana. In questa occasione, ha rivelato che i funzionari dell’amministrazione Obama hanno preso la “decisione deliberata” di “fare quello che fanno in Siria”; in altre parole, avrebbero scelto di sostenere le milizie anti-Assad che la DIA ha descritto nel 2012 come infiltrate e dominate da forze jihadiste. A partire da quest’anno, Flynn e la sua agenzia hanno informato la Casa Bianca del rischio di comparsa di uno “stato islamico” tra l’Iraq e la Siria a causa del sostegno occidentale, turco e delle petrolmonarchie a  questa ribellione.

Per chiarire il suo intervento, ha poi detto a un giornale russo che il governo americano aveva finora sostenuto “una tale diversità di fazioni [anti-Assad che] che era  impossibile capire chi queste fossero e per chi lavorino. La composizione della opposizione armata siriana, sempre più complessa, ha reso notevolmente più difficile qualsiasi identificazione. Per questo motivo (…) in termini di interessi statunitensi, bisogna (…) fare un passo indietro e presentare la nostra strategia per un esame critico. A causa della possibilità, molto reale, che noi sosteniamo le forze legate alla Stato islamico (…), insieme ad altre forze anti-Assad in Siria. “,Quando il generale Flynn ha diretto la DIA al Pentagono ,  l’agenzia ha sostenuto  1.200 gruppi milizie in lotta [in Siria]. “Di conseguenza, il generale Flynn pensa” che in realtà nessuno, compresa la Russia, ha una chiara comprensione di ciò che abbiamo a che fare lì, ma tatticamente, è davvero importante capirlo. Una visione unilaterale della situazione in Siria e in Iraq sarebbe un errore. ”

In questo terreno complesso è stata usata la procedura tradizionale dell’Agenzia, quella che si pone come obiettivo di cancellare il governo degli Stati Uniti da qualsiasi azione penale ricorrendo ad agenti e / o esteri privati. Nel mio articolo sulla guerra segreta della CIA in Siria, avevo fatto notare che “le operazioni anti-Assad sono state anche una grande fonte di confusione. In primo luogo, anche se molti servizi occidentali e mediorientali sono stati coinvolti insieme in questo conflitto, è difficile pensare a questa guerra segreta in una prospettiva multinazionale. In effetti, i media e gli esperti hanno avuto la tendenza a dissociare le politiche siriane di Stati terzi illegalmente impegnati a destabilizzare la Siria. E ‘vero che la rinuncia degli Stati membri di intervenire direttamente ha provocato taglienti tensioni diplomatiche con la Turchia e l’Arabia Saudita. Inoltre, l’ostilità di  re Abdullah  contro i Fratelli Musulmani ha generato grandi divisioni trail regno saudita il Qatar e Turchia – queste tensioni sono aumentate dopo l’intronizzazione del re Salman  nel gennaio 2015.

A causa di queste differenze,le  politiche siriane ostili il regime di Assad sono stati troppo poco analizzate sotto la loro prospettiva multinazionale. Piuttosto, le operazioni occidentali sono stati separate da quelli dei paesi del Medio Oriente. Ma i servizi speciali dei diversi Stati hanno condotto azioni finora comuni e coordinate nell’opacità più abissale. Nel gennaio 2012, la CIA e l’MI6 hanno lanciato operazioni clandestine di forniture armi  tra ribelli Libia, Turchia e Siria, con l’aiuto di turchi e il finanziamento di Arabia S. e Qatar. (…) Secondo il parlamentare inglese Lord Ashdown è dimostrato che queste armi sono state consegnate “quasi esclusivamente” a fazioni jihadiste, . Secondo il giornalista Seymour Hersh, “il coinvolgimento del MI6 ha permesso alla CIA di eludere il diritto qualificando la sua missione come un’ operazione di collegamento.” Le azioni dell’Agenzia in Siria sono meglio controllate oggi? La questione rimane aperta, ma la dottrina della “negazione plausibile” tradizionalmente attuata dalla CIA potrebbe essere una risposta.

(…) Anche se questa procedura tende a confondere le acque, il ruolo centrale della CIA in questa guerra segreta multinazionale [in Siria] non è più in dubbio. Nel mese di ottobre 2015, il New York Times ha spiegato che «[t] lui TOW anticarro missili di fabbricazione americana sono apparsi nella zona nel 2013, attraverso un programma clandestino [CIA] guidata dagli Stati Uniti, l’Arabia Saudita e gli altri alleati. Ha lo scopo di aiutare gruppi di insorti “selezionati” da parte dell’Agenzia per la lotta contro il governo siriano. Queste armi sono consegnati a terra da alleati degli Stati Uniti, ma gli Stati Uniti sostengono la loro destinazione. (…) Comandanti ribelli hanno riso quando li interrogato sulla consegna di 500 TOW da Arabia Saudita, dicendo che era un numero ridicolo rispetto a ciò che è effettivamente disponibile. Nel 2013, l’Arabia Saudita ha ordinato [di Washington] più di 13 000 [TOW]. ”

(…) A seguito dello scoppio della guerra in Russia, un ex consigliere del Pentagono ha confermato al Washington Post che l’uso di partner stranieri ha comportato il “diniego plausibile”, che permette di coprire le operazioni della CIA in Siria: “Fabbricati da Raytheon, i missili [TOW] provengono principalmente dalle scorte governative saudite: ne hanno acquistato 13,795 nel 2013 (…) Secondo Shahbandar, un ex consigliere del Pentagono poiché gli accordi di vendita prevedono che l’acquirente informi gli Stati Uniti per la loro destinazione finale , l’approvazione [Washington] è implicita. Secondo questi, non è richiesta alcuna decisione da parte dell’amministrazione Obama perchè il programma continui. “Non c’è bisogno del semaforo verde americano. Una luce ambrata è sufficiente. “Questo è un [programma] illegale e può tecnicamente essere negato, ma è caratteristico delle guerre per procura.” “Così, la dottrina del “diniego plausibile “, che coinvolge terzi  che noi possiamo incolpare sembra spiegare il motivo per cui il ruolo della CIA e dei suoi alleati occidentali nella guerra segreta è represso, distorto o minimizzato. “

In questo articolo, vorrei aggiungere che “[contrariamente al mito dell’ inazione “[militare] occidentale contro il regime di Bashar al-Assad, la CIA è stata fortemente coinvolta in Siria come parte di un’azione segreta sovvenzionata dai bilanci classificati, ma anche stranieri. Ora, questi finanziamenti esterni e la mobilitazione di miliardi di dollari non sono supervisionati dal Congresso degli Stati Uniti, questa istituzione non ha il potere di esercitare il controllo su tali politiche o budget stranieri.   “Sulla base delle dichiarazioni di un parlamentare USA, il New York Times ha confermato questa mancanza di trasparenza dovuta all’utilizzo di fondi esteri:

“Mentre l’amministrazione Obama ha visto la coalizione come un argomento seducente per il Congresso,  il senatore  democratico dell’Oregon -Ron Wyden –  ha chiesto il perché la CIA aveva bisogno del denaro saudita per finanziare l’operazione . Mr. Wyden ha rifiutato di rispondere alla  domanda ma la sua squadra ha rilasciato una dichiarazione chiedendo  maggiore trasparenza: “funzionari del governo  hanno detto che gli Stati Uniti vogliono rafforzare le capacità operative dell’opposizione militare anti-Assad. Tuttavia, i cittadini non sono stati informati circa i termini della politica che coinvolge le agenzie degli Stati Uniti, o i partner stranieri con le quali queste istituzioni collaborano. ”

Alla luce delle rivelazioni del New York Times circa l’operazione legno di sicomoro , e sapendo che il sostegno della CIA e dei suoi alleati qaedisti in Siria è ormai di dominio pubblico  – anche in Francia – E ‘essenziale che i cittadini occidentali chiedano responsabilità ai loro parlamentari. Come era coraggiosamente denunciato la parlamentare USA Tulsi Gabbard tre settimane prima degli attacchi del 13 novembre, “le armi degli Stati Uniti vanno nelle mani dei nostri nemici, al-Qaeda e altri gruppi, questi gruppi estremisti islamici che sono i nostri nemici giurati.  Si tratta di gruppi che ci hanno attaccato l’11 settembre, e si sarebbero dovuti sconfiggere, ma noi li sostengono con le armi per rovesciare il governo siriano. (…) Io non voglio che il governo degli Stati Uniti fornisca armi ad al-Qaeda, agli estremisti islamici, ai nostri nemici. Penso che questo sia un concetto molto semplice:non  si può sconfiggere i tuoi nemici se, allo stesso tempo, li armi e  li aiuti. E’ una sciocchezza assoluta, “E ‘pertanto urgente che le potenze occidentali sviluppino ed attuino  politiche più razionali e pragmatiche  al fine di lottare efficacemente contro il terrorismo, altrimenti questa foresta continuerà ad espandersi pericolosamente.

di Maxime Chaix | gen 24, 2014

 

Post correlati

Anche se la parte storica di Aleppo è stata liberata, alcuni settori della periferia rimangono ancora sotto il tiro dell'artiglieria dei terroristi. L'esercito siriano lavora per allargare la zona di sicurezza a nord della città.

Siria, fronte di Al-Bab, a nord di Aleppo. Situazione al 24-25 febbraio, l'esercito siriano continua la sua avanzata verso nord-est e presto raggiungerà la linea del fronte tenuta dalle milizie curde. Servizio di Anna News.