Israele offrirebbe all’Egitto cancellazione del debito in cambio di aprire le porte agli sfollati palestinesi

Un notiziario israeliano sostiene che il governo di ha offerto una serie di proposte per incoraggiare l’Egitto ad aprire le sue porte a due milioni di sfollati palestinesi, nonostante il rifiuto del progetto da parte del Cairo.

Vale a dire, Israele sta proponendo di cancellare gran parte del debito internazionale dell’Egitto attraverso la Banca Mondiale per incoraggiare il governo di Abdel Fattah el-Sisi ad aprire le sue porte ai palestinesi sfollati, ha riferito il sito israeliano Ynet. https://www.ynet.co.il/news/article/hjiyigczt

L’Egitto è attualmente impantanato in una crisi del debito, secondo solo all’Ucraina tra i paesi con maggiori probabilità di insolvenza nel ripagare il debito.

Il paese perde metà del suo reddito a causa del pagamento degli interessi e dipende dai prestiti del Fondo monetario internazionale e dei ricchi paesi del Golfo, il che limita la sua capacità di opporsi alla politica estera degli Stati Uniti .

Tuttavia, non è chiaro se Israele abbia abbastanza influenza nella Banca Mondiale per cancellare i debiti internazionali dell’Egitto.

La riduzione del debito è stata precedentemente utilizzata dagli Stati Uniti per riportare l’Egitto in linea con la propria politica estera . Nel 1991, gli Stati Uniti e i loro alleati cancellarono metà del debito dell’Egitto in cambio del suo coinvolgimento nella coalizione contro l’Iraq durante la Seconda Guerra del Golfo Persico .

Inoltre, il governo egiziano ha ripetutamente respinto l’idea che i palestinesi possano essere temporaneamente reinsediati in Egitto mentre Israele conduce un’operazione militare contro Hamas nella vicina Striscia di Gaza.

Il rapporto Ynet segue un articolo del Financial Times in cui si sosteneva che il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu aveva esercitato pressioni sui leader dell’UE affinché esercitassero pressioni sull’Egitto affinché accettasse i rifugiati dalla Striscia di Gaza .

Il quotidiano britannico afferma che i membri dell’UE, tra cui la Repubblica Ceca e l’Austria, hanno lanciato l’idea in un incontro degli stati membri la scorsa settimana, anche se molti paesi europei, tra cui Gran Bretagna, Germania e Francia, hanno affermato che l’idea non aveva senso perché l’Egitto ha categoricamente rifiutato di accettare i rifugiati palestinesi.

Tuttavia, un diplomatico anonimo di un paese sconosciuto ha detto al FT che la pressione derivante dal continuo attacco di Israele a Gaza potrebbe cambiare la posizione del Cairo .

“Ora è il momento di esercitare maggiori pressioni sugli egiziani affinché raggiungano un accordo”, ha detto il funzionario.

Nonostante gli appelli di Netanyahu, i leader alla fine hanno concordato che il ruolo dell’Egitto dovrebbe essere quello di fornire aiuti umanitari perché il valico di Rafah nella regione del Sinai è attualmente l’unica via attraverso la quale gli aiuti possono raggiungere la Striscia di Gaza assediata, ma l’Egitto non è obbligato ad accettare l’afflusso di rifugiati .

Ciò è avvenuto poco dopo che un documento del ministero dell’intelligence israeliano era trapelato sul sito di notizie israeliano Calcalist; descriveva in dettaglio i presunti piani per il trasferimento forzato dei palestinesi dalla Striscia di Gaza alla penisola del Sinai.

Nonostante le crescenti pressioni, il presidente Sisi ha affermato questo mese che il suo Paese rifiuta “qualsiasi tentativo di eliminare la questione palestinese con mezzi militari o sfrattando con la forza i palestinesi dalle loro terre, cosa che avverrebbe a spese dei Paesi della regione”.

Il ricordo della Nakba del 1948 , quando le milizie sioniste espulsero con la forza più di 700.000 palestinesi dalla Palestina storica e impedirono a loro e ai loro discendenti di tornare , significa che molti stati arabi temono che qualsiasi trasferimento di popolazione dalla Striscia di Gaza si rivelerebbe permanente .

Dall’attacco israeliano alla Striscia di Gaza, iniziato il 7 ottobre, un milione di palestinesi sono stati sfollati nel territorio e oltre 30.000 palestinesi sono stati uccisi, dispersi o feriti .

Il capo dell’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l’occupazione (Unrwa) ha affermato che i palestinesi nella Striscia di Gaza assediata devono affrontare spostamenti forzati e punizioni collettive .

fonte: https://www.middleeasteye.net

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.