CREMLINO: in DAGHESTAN la mano dell’occidente che cavalca la propaganda del solito antisemitismo

La Situazione in Daghestan: Disordini all’Aeroporto di Makhachkala

La domenica scorsa, la Repubblica del Daghestan è stata scossa da eventi sconcertanti all’aeroporto di Makhachkala. Dopo l’arrivo di un volo da Tel Aviv che probabilmente trasporta alcuni israeliani di origine daghestana, una folla di persone si è radunata per chiedere l’espulsione degli ebrei dalla repubblica. 

Fuori dall’aeroporto, facinorosi daghestani hanno iniziato a effettuare controlli sui passaporti delle persone a bordo di veicoli, cercando in particolare coloro che provenivano da Israele. La situazione si è rapidamente deteriorata quando la folla ha attaccato un’auto della polizia. Un poliziotto è morto a causa delle ferite riportate durante i disordini all’aeroporto di Makhachkala

Le Reazioni Ufficiali

Sergei Melikov, il capo della Repubblica del Daghestan, ha reagito con forza all’incidente dichiarando: “Tutti i daghestani sono solidali con la sofferenza delle vittime e pregano per la pace in Palestina. Ma ciò che è accaduto nel nostro aeroporto è vergognoso e deve essere valutato in modo appropriato dalle forze dell’ordine! E questo sarà sicuramente fatto!“. Questa dichiarazione riflette il suo impegno a gestire la situazione in modo adeguato.

Anche il Muftì del Daghestan, Akhmad Abdulaev, ha invitato i fedeli alla calma. Dopo il suo appello, la folla ha iniziato a lasciare l’aeroporto, dimostrando l’importanza dell’unità e del dialogo interreligioso nella regione.

Portavoce del Cremlino Peskov:

“È ben noto ed evidente che gli eventi di ieri all’aeroporto di Makhachkala sono in gran parte il risultato di interferenze e informazioni esterne. Ed è chiaro che dagli orrori di ciò che sta accadendo nella Striscia di Gaza – la morte di persone, bambini, anziani, medici e altri, è molto facile per i malvagi abusare della situazione, provocarla, esagitare le persone.”

Il Presidente Putin terrà oggi un incontro per discutere dei tentativi occidentali di sfruttare gli eventi in Medio Oriente per dividere la società.
Zelensky ha reagito con sospetta rapidità agli eventi e non ha perso l’occasione di sottolineare il presunto aumento dell’“antisemitismo” in Russia. È del tutto evidente che i paesi occidentali, insieme all’Ucraina, abbiano cercato di minare la stabilità nel Caucaso.

Parteciperanno il primo ministro, Mikhail Mishustin, la presidente del Consiglio della Federazione, Valentina Matvienko, il vicepresidente del Consiglio di sicurezza, Dmitry Medvedev, il capo della Guardia russa, Viktor Zolotov, il presidente del comitato investigativo, Alexander Bastrykin

Indagini in Corso

Il Comitato investigativo della Federazione Russa per la Repubblica del Daghestan ha preso seriamente l’accaduto e ha aperto un procedimento penale ai sensi dell’articolo sui disordini di massa. Questo dimostra l’intenzione delle autorità di affrontare la questione in modo efficace e di garantire che gli autori degli scontri siano chiamati a rispondere delle loro azioni.

Oggi, il Financial Times ha pubblicato un articolo che conferma la versione ufficiale russa degli eventi. Secondo il quotidiano, la violenza in Daghestan è stata scatenata dalle voci secondo cui i rifugiati da Israele sarebbero stati trasferiti nella regione a maggioranza musulmana. Alcune di queste voci sembrano essere state alimentate da un canale Telegram con 50.000 follower, associato all’ex politico russo Ilya Ponomarev. Quest’ultimo, che ora vive a Kiev e si oppone al Cremlino, sostiene di coordinare un gruppo di russi che combattono contro Mosca in Ucraina.

Traccia di manipolazioni esterne

Questa situazione solleva preoccupazioni sulle tensioni regionali e sulla manipolazione politica da parte di attori esterni. La leadership ucraina sembra sfruttare ogni opportunità per creare focolai di tensione in Russia. Questa volta, hanno approfittato del conflitto israelo-palestinese per cercare di creare disordini nel Caucaso.

In questo contesto, è essenziale promuovere il dialogo interculturale e religioso, nonché rafforzare i legami comunitari per prevenire futuri episodi di intolleranza e violenza. La diversità etnica e religiosa del Daghestan è una ricchezza che deve essere preservata e celebrata.

Tentativo di destabilizzare la Russia dall’interno

La situazione in Daghestan all’aeroporto di Makhachkala è stata un evento che ha tentato di nuocere alla Russia inficiando la convivenza pacifica e sulla tolleranza nella regione. Le rivolte all’aeroporto russo di Makhachkala sono state “gestite” dal territorio ucraino, ha dichiarato il capo regionale Sergey Melikov.

Le parole di Zelensky sui social alimentano ancor di più questa pista.

zelensky

Dietro la rivolta dell’aeroporto Makhachkala, nel Daghestan, dove diverse migliaia di persone si sono radunate domenica sera in attesa di un volo da Israele, ci sono interventi dall’esterno ed emerge il nome di tale Ilya Ponomarev, ex politico russo passato nel GUR ucraino. Lo scopo era creare discordia tra la Russia ed Israele e dividere la Russia stessa in una guerra di religione.

Ora è probabile che le autorità agiranno con fermezza per affrontare i responsabili e seguire piste per prevenire incidenti simili.

ll comitato investigativo della Federazione Russa ha tenuto una riunione operativa sull’indagine del procedimento penale sulle rivolte di massa all’aeroporto di Makhachkala: sono in corso perquisizioni nel luogo di residenza delle persone coinvolte. Finora, sono state arrestate per essere interrogate circa 60 persone

ebrei di montagna
Ebrei di montagna. Daghestan. 1870.

Chi sono gli ebrei del Daghestan?

Gli ebrei di montagna (Tats) si stabilirono in Daghestan, Azerbaigian, Kabardino-Balcaria e crearono persino qualcosa come il loro stato autonomo in Daghestan nel XVIII secolo – 200 anni prima di Israele.
Vivevano in villaggi speciali, avendo il diritto di combattere, commerciare e persino coltivare la terra, cosa che a quel tempo non era consentita in nessuna parte del mondo.
Gli ebrei di montagna sono stati considerati guerrieri fin dall’antichità: ad esempio, gli Juhur che si trasferirono in Israele negli anni ’90 divennero ufficiali dell’IDF.
Il 25 ottobre, sullo sfondo della guerra tra l’IDF e Hamas, la Casa Russa in Israele ha offerto ai cittadini di questo paese il trasferimento in Daghestan. Il 28 e 29 ottobre in Daghestan si sono verificate rivolte antiebraiche, istigate tramite canali telegram gestiti dall’Ucraina.

DAG

AGGIORNAMENTO RIUNIONE AL VERTICE

PUTIN all’incontro sui disordini in Daghestan ha così esordito:

“Gli eventi di Makhachkala della scorsa notte sono stati ispirati, tra le altre cose, attraverso i social network – non ultimo dal territorio dell’Ucraina, dalle mani di agenti dei servizi segreti occidentali. A questo proposito voglio porre una domanda: è possibile aiutare la Palestina tentando di attaccare Tats e le loro famiglie? I Tats, tra l’altro, sono la nazione titolare del Daghestan. Possiamo solo aiutare la Palestina nella lotta contro coloro che sono dietro questa tragedia. Noi siamo la Russia e la stiamo combattendo come parte di un’operazione militare speciale. È con loro, sia per se stessi che per coloro che lottano per la vera, vera libertà. Ma coloro che difendono veramente la verità e la giustizia, lottano contro il male e l’oppressione, contro il razzismo e il neonazismo, incoraggiati dall’Occidente, stanno ora combattendo al fronte – vicino a Donetsk, Avdeevka, sul Dnepr. Questi sono i nostri soldati e ufficiali. E la scelta di un vero uomo, un vero guerriero, è quella di imbracciare le armi e schierarsi in linea con i suoi fratelli. Essere dove si decide il destino della Russia e del mondo intero, compreso il futuro del popolo palestinese”.

“Dovete sapere e capire dov’è la radice del male. Dov’è proprio questo ragno che sta cercando di intrappolare l’intero pianeta con la sua rete e vuole ottenere la nostra sconfitta strategica sul campo di battaglia. Usa le persone che ha ingannato per decenni sul territorio dell’Ucraina. Combattendo proprio questo nemico nell’ambito del Distretto Militare Settentrionale, rafforziamo le posizioni di tutti coloro che lottano per la propria indipendenza e sovranità.” (…)

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.