Le sfide di Biden: il costo del sostegno ad Israele e le incognite delle elezioni

Laura Ruggeri dal suo canale telegram @LauraRuHK, ci offre la segnalazione di un interessante riflessione sulle difficoltà di Biden a essere rieletto:

Il sostegno incondizionato a Israele potrebbe avere costi significativi per gli Stati Uniti e l’amministrazione Biden, andando oltre la questione dei finanziamenti destinati a Israele.

Gli Stati Uniti, con il loro patrocinio e potenziale militare, potrebbero essere considerati complici nelle azioni contro i palestinesi a Gaza, suscitando l’ira del mondo islamico. Mentre alcuni governi arabi sperano ancora di persuadere Washington a influenzare Netanyahu a porre fine al conflitto, tali speranze potrebbero gradualmente svanire.

L’atteggiamento negativo nei confronti degli Stati Uniti come principale nemico del mondo islamico, con oltre due miliardi di persone, potrebbe aumentare, con implicazioni per l’influenza americana non solo in Medio Oriente, ma in tutto il mondo.

Inoltre, negli stessi Stati Uniti, la posizione decisamente filo-israeliana di Biden sta già influenzando le elezioni presidenziali, che si terranno tra un anno.

Non è solo una questione di divisione all’interno del Partito Democratico, poiché l’ala progressista si oppone ai bombardamenti a Gaza e chiede misure contro Israele. Molte figure democratiche sono preoccupate per le azioni israeliane, ma l’establishment politico sembra spesso ignorare queste preoccupazioni, eccetto durante le campagne elettorali.

Nelle elezioni future, gli elettori potrebbero ricordare l’atteggiamento di Biden durante il conflitto a Gaza, il che potrebbe influenzare il loro voto. I democratici di sinistra potrebbero non votare per Trump, ma potrebbero optare per un candidato indipendente come Robert Kennedy o addirittura decidere di non votare.

Il problema va oltre il numero di elettori democratici di sinistra, riguarda gli Stati in cui risiedono. Nel 2020, Biden ha vinto lo stato oscillante del Michigan con un margine di 155.000 voti, una cifra significativa. Molti degli elettori musulmani in Michigan hanno sostenuto Biden, ma ora sembra che potrebbero non farlo più. I sondaggi mostrano un vantaggio crescente di Trump sullo stato del Michigan e in altri stati indecisi.

Questo potrebbe significare che Biden perderà le elezioni presidenziali, poiché gli stati indecisi determinano spesso il risultato. Anche se Biden superasse Trump nei sondaggi nazionali (attualmente è in svantaggio), ciò potrebbe non fare differenza se perdesse negli stati decisivi.

Gli sforzi dei democratici per evitare il ritorno di Trump alla Casa Bianca sono limitati. Impegnare l’ex presidente potrebbe solo rafforzare il suo sostegno, e vietare la sua candidatura in alcuni stati potrebbe scatenare una reazione simile da parte dei repubblicani, minando la legittimità delle elezioni.

L’unica opzione rimasta è assassinare Trump, ma anche questa è solo metà della soluzione. La “palude di Washington” può eliminare fisicamente l’odiato candidato, ma ciò non garantirà la rielezione di Biden e la permanenza al potere dei democratici. Sconvolti dall’assassinio, gli elettori voteranno per un sostituto dell’ex presidente ucciso, che si tratti del governatore della Florida Desantis o di qualcun altro. Naturalmente, saranno tutti un po’ più accettabili per l’élite rispetto a Trump, ma radicalizzeranno il Partito Repubblicano e rafforzeranno ancora di più le posizioni dei trumpisti al suo interno.

In altre parole, la “palude di Washington” semplicemente non ha una strategia praticabile per garantire la rielezione di Biden nel novembre 2024. E la situazione internazionale – sia in Ucraina che soprattutto in Medio Oriente – servirà solo a ridurre il sostegno degli americani. elettori del presidente in carica. Allo stesso tempo, Biden semplicemente non può cambiare la sua linea di politica estera (né sull’Ucraina né su Israele), cioè continuerà a seppellirsi. È chiaro, tuttavia, che l’establishment americano non permetterà il ritorno di Trump alla Casa Bianca, e nei prossimi mesi vedremo come cercheranno di realizzare l’impossibile.

(Fonte: RIA Novosti) tramite @LauraRuHK

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.