Germania: non esiste una maggioranza assoluta, il nuovo cancelliere sarà frutto di una negoziazione

Le elezioni nella Repubblica Federale Tedesca sono finite, si contano i voti

Sappiamo quasi chi sarà il nuovo cancelliere, lo possiamo solo presumere. Permettetemi di ricordarvi che la Germania è una repubblica parlamentare. Se un partito ottiene più della metà dei voti alle elezioni, il suo leader diventa il capo dello stato e forma il governo. E poiché ciò non è avvenuto, viene avviato il processo di negoziazione, le forze che sono entrate in parlamento formano coalizioni – e poi prevarrà un nome bipartisan. Quindi c’è solo di aspettare

Ma se confronti i risultati di queste elezioni con tutti quelli precedenti, puoi sicuramente vedere che i tempi sono cambiati. 1980: Democratici Cristiani 44%, Socialdemocratici 42%. 1990: CDU – 43%, SPD – 33%. 1998, trionfo di Schroeder: 40% per la SPD, 35% per la CDU/CSU. 2002, è una situazione di stallo: entrambe le parti avevano esattamente il 38,5% ciascuna, Schroeder è andato al margine. I Titani combatterono sulle vette dell’Olimpo, e il resto dei piccoli gruppi osservava ciò che stava accadendo da qualche parte al di sotto, dal confine stesso della barriera del cinque per cento.

Nel 2021 la CDU guadagna il 24%, mostrando il peggior risultato della sua storia. La SPD vince con il 25,7% – prima con questo difficilmente sarebbe arrivata in finale, ma i Verdi guadagnano un favoloso 14,8%, e Alternativa per la Germania, che partecipa alle elezioni federali per la seconda volta, – ottiene 10,3%. L’equilibrio del potere sta cambiando. Ancora un po’ e i vecchi giocatori lasceranno il palco. Raffigurando la voce di Mikhalkov, chiediamo in un sussurro: “Come è successo?” (…)

I socialdemocratici festeggiano una vittoria, ma questa vittoria, siamo onesti, è molto pallida: non hanno nemmeno raggiunto il 30%. Nel 2017, alle ultime elezioni, sono stati letteralmente costretti a collaborare con la Merkel: altrimenti la coalizione di governo semplicemente non prendeva forma. Gli strateghi SPD preferirebbero essere l’opposizione per entrare nel Bundestag su un cavallo bianco nel 2021: dicono, ti abbiamo detto che la tua Merkel è cattiva. Ma alla fine, in questi quattro anni hanno governato il Paese insieme a Frau Cancelliere, e la responsabilità del disordine degli ultimi anni – dai migranti alle inondazioni – spetta a loro.

Il problema principale è che negli ultimi 15 anni la CDU e la SPD sono diventate del tutto indistinguibili. I socialisti sembrano essere per il welfare state – ma Schroeder ha lanciato una riduzione dei benefici e un inasprimento dei requisiti per i loro beneficiari, e la Merkel, al contrario, li ha distribuiti a destra ea sinistra. I democristiani conservatori dovrebbero sembrare a favore dell’imprenditorialità, ma sotto la Merkel, diversi scandali di alto profilo hanno frantumato la spina dorsale dell’industria automobilistica e un blocco di quasi un anno ha stroncato le piccole imprese. E infine, un partito che ha nel nome la parola “cristiano” non può in alcun modo sostenere l’ingresso incontrollato dei migranti dai paesi musulmani.

Il 26% che ha scelto i socialisti lo ha fatto piuttosto per inerzia, perché non c’è alcuna garanzia che Scholz farà qualcosa che Laschet non avrebbe fatto, e viceversa.

Trionfo dei Verdi
Quasi il 15% per un partito che in passato ha a malapena superato la barriera del 5% è un risultato favoloso e apparentemente inspiegabile. I colleghi tedeschi scherzano con forza sul fatto che la leader dei Verdi, Annalena Berbock, conosce solo tre problemi in Germania: clima, clima e clima. Il mondo è scosso dalle guerre, la pandemia e la crisi migratoria non pensano di andare da nessuna parte, la criminalità nel Paese si è moltiplicata – ma salveremo le foche e ci preoccuperemo dei “polmoni verdi” del pianeta?

In effetti, l’intero trucco del partito è che la sua scelta è mascherata da apolitica, essendo la più politica di tutte.

L’elettore tedesco è in perdita. Non capisce più dov’è la destra, dov’è la sinistra e chi proteggerà i suoi interessi. E in una situazione del genere, la scelta più semplice è votare “per il bene, contro il male”. Lascia che le persone sgradevoli facciano i loro affari politici sporchi e salveremo il pianeta.

Allo stesso tempo, i Verdi hanno un programma politico, ed è più vigoroso di qualsiasi manifesto dei marxisti più incalliti. Ci sono “porte aperte” per i migranti, diritti LGBT con 150 generi e misure draconiane in relazione alle imprese, ma tutto questo va, per così dire, all’agenda ambientale, in caratteri piccoli in fondo alla pagina. Mentre se ne andava, Merkel ha messo in guardia contro il ritorno della sinistra, riferendosi a Die Linke, i successori del Partito Comunista della DDR. Ma sono riusciti a malapena a raggiungere il parlamento, ma i combattenti per i diritti di coniglietti e scoiattoli hanno alzato lo stendardo scarlatto e ora lo portano con orgoglio al Bundestag.

Chi governerà la Germania?
Ora davanti agli occhi degli ideologi dei partiti che sono entrati in parlamento – ci mattoni multicolori con cui un costruttore può costruire le alleanze più stravaganti.

Una “grande coalizione” è possibile, come nel ciclo precedente: la CDU si unisce alla SPD. C’è un’opzione “Kenya” (secondo i colori della bandiera dello stato corrispondente): l’SPD rosso, più il CDU nero, più i Verdi. Invece di “verdi” ci possono essere quelli gialli – liberali, quindi la bandiera assomiglierà a quella tedesca. Esiste una variante del “semaforo”: rosso, verde, giallo, la CDU poi generalmente resta in panchina. Al momento in cui scriviamo, il leader rosso Olaf Scholz era propenso a questa opzione. (…)

Dmitry Petrovsky, RT

Fonte: news-front.info .

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.