SIRIA – Escalation in Idlib in attesa dell’incontro tra Putin e Erdogan

Prima dell’incontro a Sochi con Erdogan, tutti vogliono vincere qualcosa. La Turchia sta trasferendo ulteriori unità di artiglieria a Idlib, i russi stanno bombardando le milizie filo-turche che a loro volta stanno cercando di abbattere gli elicotteri russi…

Il pomeriggio del 26 settembre, militanti sostenuti dalla Turchia nel nord-est della Siria hanno aperto il fuoco contro due elicotteri militari russi che stavano effettuando un pattugliamento sulla regione.

Secondo l’agenzia di stampa Hawar, affiliata alle Forze democratiche siriane (SDF), l’incidente è avvenuto nei pressi della città di Tell Tamr, nella campagna settentrionale di al-Hasakah. Gli elicotteri hanno risposto al fuoco poi si sono ritirati nelle aree controllate dalle SDF. La polizia militare russa e l’esercito arabo siriano (SAA) mantengono diverse posizioni intorno alla città.

L’incidente è stato probabilmente una risposta ai recenti attacchi aerei russi nell’area occupata dai turchi di Afrin, che hanno causato la morte di 11 militanti sostenuti dalla Turchia.

Poche ore dopo l’incidente, gli aerei da guerra russi hanno preso di mira una posizione delle forze turche vicino al villaggio di al-Dardarah a nord di Tell Tamer. Il SAA ha anche bombardato la periferia del villaggio occupato dai turchi. (fonte Southfront – https://southfront.org/turkish-backed-militants-fired-at-russian-helicopters-conducting-patrol-over-northeastern-syria/)

Il comandante della divisione Al-Hamza, Seif Abubakir, a seguito degli incessanti bombardamenti aerei sulle milizie qaediste e filoturche, ha detto che i suoi uomini avrebbero vendicato gli attacchi russi ad Afrin.

Ma dopo le minacce del comandante della divisione Al-Hamza alla Russia, il suo quartier generale è stato subito distrutto.

6358503 9001

A seguito dell’ attacco aereo delle forze aerospaziali russe al quartier generale dell’unità delle forze speciali Al-Hamza dell’esercito nazionale siriano nel villaggio di Barad, almeno cinque persone sono scomparse.

A seguito degli attacchi delle forze aerospaziali russe, il quartier generale del gruppo terroristico filo-turco Al-Hamza Division è stato distrutto.
A seguito degli attacchi delle forze aerospaziali russe, il quartier generale del gruppo terroristico filo-turco Al-Hamza Division è stato distrutto.

(fonte Diana Mihailova)

Il 26 settembre, una nuova ondata di attacchi aerei russi ha preso di mira l’area occupata dai turchi di Afrin, nella regione settentrionale della Siria. 

Tre degli attacchi aerei hanno distrutto un quartier generale della divisione Hamzah, appoggiata dai turchi, situato vicino alla storica città di Barad, nel sud di Afrin. Almeno 11 militanti sono stati uccisi e altri 13 sono rimasti feriti a causa degli attacchi aerei. Secondo quanto riferito, molti dei feriti sarebbero in condizioni critiche.

561231abc36188f2168b45b71
I militari russi attaccano un missile ad alta precisione Kh-25 a un aereo Su-24 nella base aerea di Khmeimim in Siria. Dmitriy Vinogradov/RIA Novosti

Sempre il 26 settembre, l’esercito turco ha dispiegato rinforzi nella regione siriana nordoccidentale di Greater Idlib, dove mantiene più di 60 posizioni.

I rinforzi, che includevano diversi obici semoventi T-155 Fırtına 155 mm, sono entrati nella regione dal valico di frontiera di Kafr Lusin. Gli obici pesanti sono stati schierati in una postazione turca situata sulla collina di Baluon nel monte al-Zawiya nella campagna meridionale di Idlib.

In mattinata le truppe turche sono state temporaneamente schierate lungo l’autostrada Lattakia-Aleppo, nota come M4. A quel tempo, gli aerei da guerra russi stavano effettuando attacchi aerei alla periferia della città di al-Bara, nella campagna meridionale di Idlib. Un posto do osservazione turco si trova vicino alla città.

Le tensioni sono aumentate a Greater Idlib nell’ultima settimana tra le notizie di un’operazione a terra da parte dell’esercito arabo siriano (SAA). Il cessate il fuoco nella regione, che è stato mediato da Russia e Turchia lo scorso anno, sta reggendo a malapena a causa delle ripetute violazioni da parte di Hay’at Tahrir al-Sham, affiliato di al-Qaeda, e dei suoi alleati.

Un recente rapporto di Bloomberg ha rivelato che la Turchia ha schierato ulteriori forze nella Grande Idlib per tenere la SAA e i suoi alleati fuori dalla regione.

T 155 Firtina1

La Russia, che nelle ultime settimane ha intensificato i suoi attacchi aerei su Greater Idlib, non sembra essere soddisfatta delle mosse della Turchia nella regione. Recentemente, Mosca ha accusato Ankara di non aver onorato i suoi impegni nell’ambito dell’accordo di cessate il fuoco.

Il 29 settembre il presidente turco Recep Tayyip Erdogan discuterà della situazione instabile nella Grande Idlib con il presidente russo Vladimir Putin a Mosca. Se i due leader non riusciranno a raggiungere un accordo, probabilmente scoppierà uno scontro militare nella regione.

Più o meno nello stesso periodo, una serie di attacchi aerei russi ha colpito la regione nord-occidentale della Grande Idlib. Gli attacchi aerei hanno preso di mira la periferia della città di al-Bara nella campagna meridionale di Idlib, dove si trova una postazione turca.

Il giorno prima, aerei da guerra russi hanno effettuato una serie di attacchi aerei su Afrin in risposta a un attacco di militanti sostenuti dalla Turchia a una postazione dell’esercito arabo siriano situata a sud dell’area occupata. Diversi militanti del Fronte al-Shamiya, appoggiato dalla Turchia, sarebbero stati uccisi negli attacchi aerei.

La situazione nella Siria settentrionale e nordoccidentale sembra andare fuori controllo. La Russia non è soddisfatta della strategia della Turchia in quel paese.

Ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha detto il 25 settembre in una conferenza stampa dedicata al risultato della sua visita a New York per la 76 ° sessione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite che Greater Idlib è l’ultimo “avamposto terroristico” in Siria.

“Le nostre posizioni e le posizioni dell’esercito siriano nella zona di de-escalation [Greater Idlib] vengono attaccate e non lo permetteremo”, ha detto Lavrov.

Il 29 settembre il presidente turco Recep Tayyip Erdogan discuterà della situazione instabile nella Grande Idlib con il presidente russo Vladimir Putin a Mosca.

fonte Southfront (https://southfront.org/24-syrian-militants-killed-or-wounded-in-new-wave-of-russian-airstrikes-on-turkish-occupied-afrin-photos-video/)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.