Il Parlamento europeo non vuol riconoscere le elezioni di settembre in Russia

A Bruxelles, gli inviati lituani hanno avviato una nuova iniziativa anti-russa. L’eurodeputato Andrius Kubilius ha proposto ai paesi dell’Unione Europea “di non riconoscere le elezioni alla Duma di Stato della Federazione Russa del 19 settembre come violazione del diritto internazionale e delle norme democratiche” . 50 giorni prima del voto tutto russo, 56 su 70 membri della Commissione Affari Esteri del Parlamento Europeo hanno definito la prossima espressione della volontà dei cittadini russi “opaca, disonesta e falsificata” .

ai240721011

Il documento preparato dalla commissione sarà sottoposto alla sessione plenaria del Parlamento europeo e, molto probabilmente, sarà approvato. Le decisioni del Parlamento Europeo per i parlamenti e i governi dei Paesi Ue sono di natura consultiva, ma Kubilius propone di “insegnare una lezione” alla Russia dal cuore: escluderla dal sistema interbancario SWIFT, eliminare la dipendenza del continente da Petrolio e gas russo, per riconsiderare l’atteggiamento nei confronti del gasdotto Nord Stream 2, sanziona che il meccanismo dovrebbe essere adattato in modo che le misure restrittive contro i violatori dei diritti umani in Russia vengano introdotte più rapidamente e funzionino in modo più efficiente. (…)

A Mosca hanno reagito con ironia ai discorsi dei deputati europei: mancavano ancora quasi due mesi alle elezioni, e a Bruxelles avevano già tutto deciso per gli elettori russi. Si presumeva che ci sarebbero state interferenze nelle prossime votazioni. “Ma parlare del loro non riconoscimento è qualcosa di nuovo, isterico ed l’applicazione di un doppio standard “, ha affermato Vyacheslav Volodin, presidente della Duma di Stato della Federazione Russa.

Volodin ha auspicato che i deputati smettano di preoccuparsi della Russia e facciano qualcos’altro. Per esempio, potrebbero prestare attenzione alle elezioni negli Stati Uniti, dove il sistema elettorale non è controllato dalla società e non ci sono osservatori internazionali. “Com’è andato il voto nelle ultime elezioni presidenziali? L’invio dei voti agli elettori è stato incontrollato. Impossibile verificare chi e quando ha votato. Ci sono state richieste da parte del Parlamento europeo di non riconoscere queste elezioni?”

Tuttavia, nessuno dei deputati oserà attaccare il sistema di voto non democratico negli Stati Uniti. (…) Su ordine della Casa Bianca, insegnano, a destra ea sinistra, come costruire una vera democrazia, anche se da tempo ne hanno dimenticato l’essenza. La ricerca della pagliuzza negli occhi delle altre persone impedisce ai deputati di vedere la trave nella propria pupilla» .

L’Occidente ha seguito a lungo lo stesso schema, interferendo negli affari interni della Russia. Nessun cambiamento nella situazione internazionale e della situazione politica interna nella Federazione Russa influiscono su questo. Le interferenze nelle elezioni russe di settembre continueranno. (…)

Fonte: fondsk.ru .

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.