Ecohealth Alliance lavora al miglioramento delle proprietà del coronavirus dal 2015

Mosca, SANA– Gli specialisti dell’Ecohealth Alliance con sede negli Stati Uniti stanno lavorando al miglioramento delle proprietà patogene dei coronavirus e al meccanismo della loro trasmissione dagli animali agli esseri umani dal 2015, ha detto lunedì il capo della forza russa di protezione dalle radiazioni, chimica e biologica Igor Kirillov.

La Boston University sta lavorando al miglioramento delle proprietà patogene dell’agente COVID-19 finanziato dal governo degli Stati Uniti, ha affermato Kirillov.

“Il ruolo chiave nell’attuazione di questi progetti spetta all’ente intermediario Ecohealth Alliance. I documenti della US Defense Threat Reduction Agency hanno ottenuto da noi prove che dal 2015 gli specialisti di questa azienda stavano studiando la diversità della popolazione di pipistrelli, alla ricerca di nuovi ceppi di coronavirus e meccanismi della loro trasmissione dagli animali agli esseri umani”, ha osservato il funzionario .

Sono state fornite raccomandazioni al personale dell’azienda nel progetto di studio dei virus zoonotici nel sud-est asiatico che se un virus con trasmissione o proprietà patogene intensificate più di dieci volte è stato ricevuto a seguito di esperimenti, gli specialisti dovrebbero interrompere prontamente il lavoro e informare l’Istituto Nazionale degli Stati Uniti di Allergie e malattie infettive e il relativo consiglio di biosicurezza, ha aggiunto Kirillov.

****

Ministero della Difesa russo:

Briefing del capo delle truppe di protezione NBC

Briefing del capo delle truppe di protezione NBC

Il Ministero della Difesa della Federazione Russa ha più volte notato i segni dell’attuazione di “programmi a doppio scopo” da parte degli Stati Uniti e dei suoi alleati al di fuori dei loro territori nazionali, anche all’interno del funzionamento dei laboratori biologici finanziati dal Pentagono o dai suoi appaltatori.

Il fatto che gli Stati Uniti abbiano bloccato l’iniziativa di istituire un meccanismo di monitoraggio della Convenzione sulle armi biologiche e tossiche (BTWC) alla Nona Conferenza di revisione conferma ancora una volta che Washington ha qualcosa da nascondere, mentre la trasparenza della ricerca biologica contraddice gli interessi di Gli stati uniti.

Abbiamo precedentemente informato sui lavori per migliorare le caratteristiche patogene dell’agente eziologico COVID-19, svolti presso la Boston University con fondi del bilancio statale degli Stati Uniti, nonché sul possibile coinvolgimento dell’Agenzia degli Stati Uniti per lo sviluppo internazionale (USAID) in l’emergere del nuovo coronavirus.

Il ruolo chiave nell’attuazione dei suddetti progetti spetta all’organizzazione intermediaria EcoHealth Alliance. I documenti disponibili della US Defense Threat Reduction Agency (DTRA) confermano che dal 2015 i professionisti della suddetta società studiano la diversità nella popolazione di pipistrelli, alla ricerca di nuovi ceppi di coronavirus e dei meccanismi della sua trasmissione dagli animali all’uomo. Sono stati ricercati oltre 2,5 mila esemplari.

Il progetto sulla ricerca sui virus zoonotici nel sud-est asiatico contiene le seguenti raccomandazioni per i dipendenti di EcoHealth Alliance: “… Se uno qualsiasi degli esperimenti proposti per l’obiettivo 1 risulta in un virus con un fenotipo di maggiore patogenicità e/o trasmissibilità, crescita migliorata di oltre 10 volte rispetto ai ceppi di tipo selvatico…, il destinatario deve interrompere immediatamente il lavoro e informare il funzionario del programma NIAID, lo specialista della gestione delle sovvenzioni e il comitato istituzionale per la biosicurezza appropriato…’

L’alto grado di prontezza dei produttori di vaccini a mRNA statunitensi per una pandemia della nuova infezione da coronavirus solleva interrogativi. Si ha l’impressione che le case farmaceutiche avessero prodotto in anticipo i preparati vaccinali, non potendo immetterli rapidamente nel mercato a causa delle caratteristiche specifiche del virus che si concretizzavano nella scarsa efficacia della vaccinazione e nei numerosi effetti collaterali.

Si ricorda che il 18 ottobre 2019, due mesi prima dei primi rapporti ufficiali sull’emergenza del nuovo contagio da coronavirus in Cina, la John Hopkins University, sostenuta dalla Bill & Melinda Gates Foundation, ha condotto a New York l’esercitazione Event 201.

Questo esercizio ha simulato l’epidemia di un coronavirus precedentemente sconosciuto che, secondo lo scenario, è stato trasmesso dai pipistrelli all’uomo attraverso i maiali, l’ospite intermedio.

Lo scoppio della pandemia COVID-19 proprio secondo questo scenario solleva interrogativi sulla sua natura premeditata, sul coinvolgimento degli Stati Uniti in questo incidente, nonché sui reali obiettivi dei programmi biologici statunitensi volti a migliorare le caratteristiche di pericolosi agenti patogeni.

Abbiamo più volte notato che gli Stati Uniti conducono al di fuori del territorio nazionale gli studi più controversi dal punto di vista del diritto internazionale.

Gli esempi sono gli esperimenti relativi all’infezione da HIV che sono stati condotti da specialisti statunitensi in Ucraina dal 2019. Va sottolineato che i gruppi target includono non solo “pazienti ad alto rischio di infezione” (condannati o tossicodipendenti), ma anche rappresentanti delle Forze Armate dell’Ucraina.

I locali del centro medico Pharmbiotest a Rubezhnoye sono stati esplorati durante l’operazione militare speciale nel territorio liberato della Repubblica popolare di Lugansk. È stata una sede per studi clinici per testare i medicinali che hanno causato gravi effetti collaterali: includono farmaci per il trattamento della leucemia, disturbi mentali, malattie neurologiche, epilessia e altre malattie pericolose.

All’inizio del 2023, i residenti di Lisichansk hanno trovato una grande discarica di residui di biomateriali appartenenti a Pharmbiotest. I campioni clinici e le cartelle cliniche dei pazienti con i loro dati anagrafici sono stati seppelliti invece di essere cremati o eliminati nelle modalità opportune, prescritte dalle norme. Ciò significa che le prove venivano eliminate con estrema fretta.

Il ministero della Difesa russo ha ricevuto dati su numerosi fatti di militari ucraini che assumevano psicostimolanti e stupefacenti (tramadolo, metadone, anfetamine). I fatti sul contrabbando di morfina nelle zone di guerra sono stati rivelati. Si ricorda che, secondo le leggi ucraine, la circolazione e il trasporto illegali dei suddetti prodotti è punito con la privazione della libertà da otto a dodici anni.

La Russia ritiene che le azioni commesse dai funzionari che hanno svolto la ricerca sul personale ucraino, il cui sangue conteneva alte concentrazioni di antibiotici, narcotici, anticorpi contro gli agenti causali di malattie infettive, richiedano un’adeguata valutazione legale.

Durante l’operazione militare speciale, il personale russo ha acquisito oltre 20.000 documenti, materiali di riferimento e analitici, nonché testimoni intervistati e partecipanti ai programmi biologici statunitensi. I suddetti materiali confermano che il Pentagono mirava a creare elementi di un’arma biologica e a testarla sulla popolazione dell’Ucraina e di altri paesi lungo il perimetro dei confini russi.

Il ministero della Difesa russo ha già fatto i nomi dei partecipanti ai programmi militari e biologici, compresi quelli dei rappresentanti del Partito Democratico degli Stati Uniti, dei dipendenti del dipartimento militare degli Stati Uniti e delle organizzazioni appaltatrici del Pentagono.

I rapporti DTRA ci hanno portato alle nuove informazioni sulle persone chiave coinvolte nei cosiddetti progetti ucraini che sono rimasti nell’ombra fino ad ora.

Tra questi ci sono:

Karen Saylors, CEO di Labyrinth Global Health ed ex direttrice dei programmi di Metabiota in Africa centrale. Dal 2016, Saylors lavora in Ucraina come consulente principale del progetto UP-10, dedicato allo studio delle modalità di diffusione della peste suina africana.

Colleen B. Jonsson, dipendente dell’Università del Tennessee, direttrice dell’Institute for the Study of Host-Pathogen Systems. Ha osservato il progetto UP-8, dedicato allo studio delle capacità dell’agente eziologico della febbre di Crimea-Congo in Ucraina. Jonsson ha gestito la selezione di campioni biologici dal personale ucraino, ha fornito la collaborazione tra i committenti negli Stati Uniti e il Centro per la sanità pubblica del Ministero della salute dell’Ucraina.

Lewis Von Thaer, presidente e amministratore delegato della società Battelle, un importante appaltatore del Pentagono e del Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti. Dal 2003, la società è responsabile dell’organizzazione di progetti di ricerca in Ucraina relativi alle infezioni zoonotiche.

Altre persone coinvolte nei progetti ucraini sono presentate nella diapositiva. I materiali acquisiti saranno sottoposti alla commissione investigativa per le misure per assicurare i colpevoli alla giustizia.

L’azione attiva del Ministero della Difesa russo ha portato all’arresto dei programmi biologici militari in Ucraina. A questo proposito, il Pentagono sta attivamente ricollocando gli studi, che non sono stati completati nell’ambito dei progetti ucraini, nei paesi dell’Asia centrale e dell’Europa orientale. Allo stesso tempo, la cooperazione con i paesi dell’Africa e dell’Asia-Pacifico – Kenya, Singapore e Tailandia – viene attivamente rafforzata.

Sotto la pressione della comunità internazionale, Washington cambia approccio all’organizzazione della sua attività biologica militare, trasferendo le funzioni del cliente a dipartimenti puramente civili: il Dipartimento della Salute, il Dipartimento dell’Energia e l’Agenzia per lo Sviluppo Internazionale. Ciò consentirà alle autorità statunitensi di evitare critiche nelle sedi internazionali e deviare un colpo dal Dipartimento della Difesa e DTRA.

Nel limitare le attività biologiche militari in Ucraina, gli Stati Uniti utilizzano attivamente la base materiale delle imprese chimiche e farmacologiche della Polonia e dei paesi baltici, dove è stata inviata l’attrezzatura dal territorio ucraino.

Il finanziamento, imposto dall’Occidente collettivo, fa sì che i paesi post-sovietici nascondano la vera natura di queste opere. L’Unione Europea sta promuovendo attivamente l’iniziativa di dispiegare una rete di centri di ‘eccellenza’ nel campo della protezione nucleare, biologica e chimica, che prevede la collocazione di biolaboratori finanziati dall’UE nei territori dell’ex Unione Sovietica. Si raccomanda vivamente ai potenziali partner di “… non pubblicizzare questa iniziativa a causa della sua estrema sensibilità per la Federazione Russa…”

Allo stesso tempo, si sottolinea che i paesi dell’Asia centrale “… stanno già beneficiando della cooperazione tecnica con l’Unione europea…”

Nel 2022, Stati Uniti, Canada e paesi dell’UE hanno avviato programmi per assumere e trasferire i professionisti ucraini, che erano stati precedentemente coinvolti in lavori biologici militari, nei paesi occidentali. Ciò è dovuto principalmente alla preoccupazione che le forze dell’ordine russe possano ricevere ulteriori testimonianze sulle attività illegali svolte in violazione degli obblighi internazionali.

Va sottolineato che la strategia di ‘espansione militare e biologica’ non è fondamentalmente nuova, ed è stata fondata dagli Stati Uniti nel periodo del conflitto coreano.

A partire dagli anni ’50, sono stati istituiti laboratori biologici in Africa, America centrale e meridionale, nonché nel sud-est asiatico, con il ruolo prioritario della Marina degli Stati Uniti. Il loro obiettivo principale era quello di campionare agenti causali di infezioni altamente pericolose e determinare il livello di morbilità tra la popolazione locale.

Le aree, dove si trovavano questi laboratori, hanno assistito, come adesso, ad un peggioramento della situazione epidemica per quanto riguarda contagi altamente pericolosi. Sono emerse nuove malattie, insolite per queste regioni. Uno degli esempi è l’epidemia di febbre della Rift Valley nel 1977 al Cairo, dove si trovava l’Unità Tre di Ricerca Medica Navale degli Stati Uniti.

Questa malattia era stata precedentemente registrata solo a sud del Sahara, ma poi è emersa improvvisamente in Egitto, infettando contemporaneamente 18.000 persone. Ulteriori analisi dei campioni prelevati dalla popolazione hanno mostrato che il numero totale di persone infette era di circa 2.000.000.

Tutta una serie di prove rivela la natura artificiale di questo focolaio e il coinvolgimento del laboratorio statunitense.

In primo luogo, diversi mesi prima dell’inizio dell’epidemia, il suo personale era stato vaccinato contro la febbre della Rift Valley, sebbene non vi fosse alcuna registrazione di un focolaio di questa infezione in quella regione, mentre nelle regioni endemiche dell’Africa procedeva come una leggera influenza- come una malattia che non ha causato morti umane.

In secondo luogo, l’agente eziologico ha improvvisamente acquisito un’elevata patogenicità per l’uomo durante l’epidemia in Egitto. La malattia ha causato emorragie, gravi lesioni agli occhi e al sistema nervoso. Il virus è diventato altamente patogeno e quasi potrebbe essere paragonato al vaiolo, alle febbri di Marburg e di Lassa a questo proposito. È estremamente difficile definire l’improvviso cambiamento di patogenicità del virus dalla sua naturale evoluzione.

L’analisi della forma del fuoco iniziale è di particolare interesse. La forma di questo focus epidemiologico ricorda una traccia di nube di aerosol che può emergere in caso di dispersione intenzionale di un biomateriale o suo rilascio accidentale nell’ambiente.

Nonostante la base probatoria disponibile sulla natura artificiale dell’epidemia, la leadership statunitense ha fatto di tutto per nascondere il coinvolgimento del laboratorio in questo incidente. Solo nel 2019 si è deciso di trasferirlo presso la US Naval Air Station Sigonella, in Italia, per continuare la ricerca su agenti patogeni altamente pericolosi, compresi i coronavirus.

In conclusione, vorrei sottolineare che la divulgazione del contenuto dei programmi biologici militari del Pentagono in Ucraina da parte della Federazione Russa ha ottenuto un’ampia risposta pubblica. Manifestazioni di massa contro le attività dei laboratori finanziati dagli Stati Uniti si sono svolte nei paesi dell’ex Unione Sovietica. Le organizzazioni non governative dell’Unione economica eurasiatica hanno adottato una risoluzione contro i laboratori biologici finanziati dal Pentagono.

Diverse indagini sono state avviate negli stessi Stati Uniti. Le forze dell’ordine statunitensi hanno prestato attenzione ai temi legati alla corruzione di dipendenti dei social network e dei mass media mentre trasmettevano la causa dell’infezione da nuovo coronavirus, oltre a manipolare l’opinione pubblica sui vaccini statunitensi contro il COVID-19 commissionati dal biotecnologico e farmaceutico corporazioni.

Va ricordato che esercitare pressioni sugli interessi delle grandi aziende farmaceutiche da parte del governo degli Stati Uniti è una pratica comune. Nel 2010, l’attività di un centro biologico medico della Marina degli Stati Uniti a Jakarta è stata interrotta a causa di un “conflitto di interessi” e varie violazioni.

Gli americani hanno eseguito i loro lavori al di fuori del programma di ricerca concordato, hanno effettuato campionamenti non autorizzati e si sono rifiutati di informare il governo indonesiano sugli scopi dei loro lavori e sui risultati raggiunti. Questi biomateriali si sono rivelati utilizzati a vantaggio della società Gilead, affiliata al Pentagono, che ha testato i loro preparati in Ucraina e Georgia (incluse, ma non limitate a).

L’esempio indonesiano è stato seguito dalla Malesia: il governo di quel paese ha deciso di stabilire un controllo speciale sulle attività del biolaboratorio finanziato dagli Stati Uniti.

Pertanto, le preoccupazioni della comunità internazionale, relative alle attività dei laboratori biologici finanziati dal Pentagono, stanno gradualmente aumentando. Le questioni, sollevate dalla Federazione Russa nelle sedi internazionali – la Nona Conferenza di Revisione degli Stati Membri della BTWC, e il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite – hanno rivelato la riluttanza degli USA a condurre un dialogo sostanziale. La Russia ritiene estremamente importante che la divulgazione dei fatti che rivelano le attività militari e biologiche illegali abbia indotto vari paesi a considerare le possibili conseguenze della loro cooperazione in materia di biosicurezza con gli Stati Uniti e a riconsiderare la necessità e la logica di questo tipo di cooperazione .

Il ministero della Difesa russo continuerà il suo lavoro in questa direzione e riferirà in merito.

Link alla fonte: https://eng-mil-ru.translate.goog/en/news_page/country/more.htm?id=12452991@egNews&_x_tr_sl=auto&_x_tr_tl=it&_x_tr_hl=it&_x_tr_pto=wapp

***

Ci troviamo in una situazione di guerra e siamo prudenti. Ma gli elementi si moltiplicano.

Il Pentagono ha confermato la cooperazione degli Stati Uniti con 46 laboratori ucraini di armi biologiche  e Hunter Biden ha fatto milioni per uno dei laboratori: Metabiota. Bene, ora abbiamo una lettera datata 24/02/22 da Zelensky che ordina la distruzione di tutti i registri governativi per Metabiota, tutto normale?

lettera

 

 

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.