USA: andiamo via ma non del tutto, quasi

Gli Stati Uniti hanno annunciato che dopo il ritiro del principale contingente statunitense dalla Siria (che sarà effettuato attraverso il territorio dell’Iraq), vogliono lasciare 200 istruttori militari nel nord-est della Siria. 

Pubblicità

1. Non è difficile indovinare, questa è un’altra concessione all’amministrazione della Casa Bianca ai suoi oppositori, che hanno insistito sulla cancellazione della decisione sul ritiro completo delle truppe. Di conseguenza, negli ultimi 2 mesi, Trump è stato costretto a ritardare l’inizio del ritiro e ad estendere il periodo del ritiro, oltre a prendere una serie di misure per fare pressione sulla Turchia in modo che non avviasse un’operazione militare nel Rojava immediatamente dopo il ritiro delle truppe americane.

2. Dichiarazioni di intenti per mantenere 200 istruttori militari nella regione del Rojava si riferiscono alla situazione esistente nel Kurdistan iracheno, dove gli Stati Uniti hanno non solo truppe regolari, ma anche gruppi di istruttori militari che stanno addestrando Peshmerga (molti altri paesi della NATO stanno facendo lo stesso). In Iraq, questa attività è solitamente associata ai tentativi degli Stati Uniti di manipolare la questione curda per indebolire l’integrità territoriale dell’Iraq e l’unità della società irachena. È abbastanza chiaro che simili compiti  restano in modo molto evidente negli Stati Uniti e nei confronti della Siria.

3. Altrettanto importante è il fatto che la Gran Bretagna e la Francia non vogliono mantenere il loro contingente in Siria e sostituire le funzioni degli americani dopo la loro partenza, se gli Stati Uniti lasciano completamente la Siria. Pertanto, una piccola dimostrazione di permanenza  della bandiera USA può servire allo scopo di preservare l’occupazione straniera in alcune zone della Siria nord-orientale a spese dei satelliti e dei paesi americani dipendenti dagli Stati Uniti, al fine di rendere difficile per Russia, Iran e Turchia estrarre benefici politico-militari dalla positiva conclusione della guerra siriana.

4. È importante capire che 200 persone, naturalmente, non possono mantenere un “tampone di sicurezza” lungo l’intero confine turco-siriano sulla sponda orientale dell’Eufrate. La Turchia nella fase attuale dell’attacco ai curdi mantiene la mancanza di accordo della Russia su un’operazione del genere (mentre Mosca si aspetta che Assad e i curdi trovino una versione di compromesso dell’interazione) e la presenza di roccaforti americane sulla via dei potenziali attacchi dell’esercito turco. Riguardo alla sostituzione dell’attuale catena di punti di osservazione nelle aree di confine della Siria, gli Stati Uniti e la Turchia proseguono i negoziati  per il 2 ° mese, dove gli Stati Uniti stanno cercando di far passare l’opzione con una “zona di sicurezza” che tenga conto degli interessi americani.

5. Stiamo ora osservando che gli Stati Uniti stanno effettivamente ricattando i curdi, minacciando di fermare gli aiuti se collaborano con Assad, il consigliere di Assad afferma ufficialmente che Assad non cederà sull’autonomia del Kurdistan siriano, e le fonti pro-turche speculano sul tema dello scambio di SAA in Idlib (a cui la Turchia non ha ancora acconsentito) con l’operazione dell’esercito turco nel ROJAVA (nello schema americano a una profondità di 20-32 chilometri, o in quello russo fino a una profondità di 5 chilometri). Di conseguenza, è del tutto possibile la rottura dei negoziati tra i curdi e Assad a causa della pressione degli americani. e a causa della riluttanza dei curdi ad abbandonare l’idea dell’autonomia politica. Tutto questo aprirà la strada a un altro accordo tra la Russia e la Turchia, dove le principali vittime saranno i curdi, che gli Stati Uniti, anche prima di partire, stanno cercando di manipolare,

6. Ovviamente, gli oppositori degli Stati Uniti cercheranno di aumentare i costi degli Stati Uniti se cercano di rimanere in Siria. Ciò sarà collegato alla crescita della propaganda anti-occidentale sia nel territorio controllato da Assad e nel territorio occupato, sia con un aumento del numero di attacchi alle forze di occupazione e di manifestazioni di massa degli arabi contro l’occupazione americana e curda. Russia e Siria lo accompagneranno con una campagna diplomatica e informativa incentrata sull’occupazione illegale del territorio siriano, e l’Iran aumenterà la pressione sulla posizione USA in Iraq (con un occhio alla completa espulsione delle truppe americane dall’Iraq) e conserverà l’opzione per bloccare i checkpoint. al confine tra Siria e Iraq, attraverso il quale gli Stati Uniti hanno organizzato la fornitura dell’SDF.

https://colonelcassad.livejournal.com/4795926.htm

Pubblicità

Facebook Comments