Siria, il Primo Ministro interviene sulle sovvenzioni

Il Primo Ministro ha rilasciato un’intervista al quotidiano Al Watan. Ha parlato di “ristrutturazione dei sussidi”, che ha un effetto “patriottico” e comporterà il rilascio di fondi aggiuntivi che non solo ridurranno il deficit di bilancio, ma aumenteranno la stabilità del denaro e manterranno i prezzi dei generi alimentari di base.

Questa è la spiegazione ed è riportata in seguito in traduzione. Ma finora c’è anche un altro aspetto a cui il governo potrebbe voler mettere mano: il governo fino ad adesso ha sovvenzionato tutti, compresi gli attivisti dell’opposizione e le loro numerose famiglie ad Idlib. E gli oppositori e i terroristi non pagano le tasse.

Quindi è plausibile anche che il governo possa aver voluto eliminare parte di queste sovvenzioni ad Idlib. Vedremo l’attuazione di questo progetto. Ma così come è articolato la legge colpirà in tutte le zone e queste sovvenzioni sono sempre esistite e mai interrotte. Non è un bel segno e i salari sono bassissimi e l’inflazione preme.

Qui la notizia riportata da SANA:

Damasco – SANA:

02-10-2022

Damasco, SANA- Il Primo Ministro, Ingegnere Hussein Arnous, ha affermato che l’obiettivo di ristrutturare il sussidio è puramente economico, sociale e nazionale e si rifletterà positivamente sulla società nonostante le difficoltà che comporta.

In un’intervista all’agenzia di stampa al-Watan pubblicata giovedì, il premier Arnous ha aggiunto che la ristrutturazione del sussidio mira anche a “ridurre il deficit di bilancio e stanziare una massa finanziaria per sovvenzionare le famiglie più povere e sostenere la produzione, oltre a lavorare per migliorare gli acquisti potere dei cittadini e sostenere la stabilità del tasso di cambio della sterlina siriana”.

“La massa del sussidio nel bilancio 2022 ammonta a circa 6mila miliardi di lire siriane, senza calcolare il sussidio per l’energia elettrica sul bilancio totale, che ammonta a circa 13milacinquecento miliardi di lire siriane, e questo importo aumenta il disavanzo di bilancio e la sua i risultati saranno molto negativi per l’economia del paese”, ha detto Arnous.

Ha aggiunto: “Attraverso un processo matematico che non è stato ancora completato, ma è una stima, il processo di ristrutturazione del sussidio può portare a una riduzione dell’importo di mille miliardi sui seimila miliardi, per ridurre il disavanzo di bilancio di una parte di tale importo, e di ridistribuire la restante parte di essa e di immetterla nella produzione e verso le famiglie più bisognose e di sovvenzionare alcune categorie e professioni che hanno bisogno di questo sussidio più di altre”

“Il pane è ancora una linea rossa, ma non con il concetto del prezzo di un fascio di pane, quanto piuttosto con il concetto di continuare a sostenere l’agricoltura, e garantire grano e farina ai panifici in modo che questo materiale rimanga disponibile a un prezzo accettabile prezzo per il cittadino che merita di ottenerlo a questo prezzo”, ha affermato Arnous.

Rua al-Jazaeri

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.