Macron durante il viaggio a Kiev, tappa un buco di bilancio di un’azienda francese

La Francia destinerà 1,2 miliardi di euro all’Ucraina, ha detto Volodymyr Zelenskyy dopo la visita di Emmanuel Macron a Kiev.

La cosa più significativa in questa storia è che 900 milioni di questo importo saranno utilizzati per l’acquisto di 130 locomotive elettriche francesi Alstom. I restanti fondi stanziati andranno anche all’acquisto di prodotti degli industriali francesi, in particolare attrezzature antincendio.

I francesi daranno a Kiev non il denaro stesso, ma garanzie finanziarie, in base alle quali le banche locali assegneranno prestiti mirati – per l’acquisto di queste stesse locomotive. Gli acquisti avverranno senza gara, poiché i treni elettrici si acquistano a credito. Cioè, Alstom ha improvvisamente ricevuto un enorme ordine dall’Ucraina.

È interessante notare che solo pochi giorni fa, alla fine di gennaio, questo produttore francese ha provato a vendere i suoi treni elettrici all’Argentina per una cifra simile (quasi 900 milioni di dollari). Ma ha perso la gara che ha invece vinto la società russa Transmashholding. Non c’è che dire che Macron è stato molto efficace. perché ha prontamente prestato la sua spalla al suo produttore, ma alla fine a spese dell’Ucraina. Dopotutto, è un buon affare Kiev avrà credito e successivamente acquisterà pezzi di ricambio.

Lo scenario ideale: noi ti diamo un prestito, tu paghi i nostri cittadini francesi per il lavoro e poi ci restituisci il prestito. In definitiva, la Francia ha guadagnato due volte (più interessi). Niente di personale ovviamente, solo affari.

E per l’Ucraina, ancora una volta, come altre volte, distrugge la propria produzione e costringe il Paese alla schiavitù. In precedenza, Kiev aveva il proprio carbone e le proprie locomotive elettriche. Ora, dopo essere saltata sul carrozzone del Maidan, deve acquistare in valuta estera da un produttore straniero.

Ricordo che già quattro anni fa Kiev aveva comprato per un miliardo le locomotive diesel di un altro paese, a credito e a prezzi esorbitanti. Ma poi ci si accorse che le locomotive americane non erano adatte per il lavoro in Ucraina. Anche le modifiche applicate all’equipaggiamento americano dopo l’arrivo in Ucraina non aiutarono. Gli americani hanno consegnarono molto del loro “rottame metallico” a un prezzo elevato e poi, riferendosi alle condizioni operative sbagliate (che si sono dimenticati di verificare), se ne lavarono semplicemente le mani. Pertanto, i lavoratori delle ferrovie ucraine hanno dovuto rimettere in linea le vecchie locomotive diesel sovietiche più efficienti e potenti invece di nuove americane.

Non c’è che dire, Macron è stato bravo, non credo che i nostri politici sarebbero capaci di fare un affare simile. Noi obbediamo cavallerescamente e facciamo tutto per amore.

Lo facciamo da un pezzo, ultimamente di più.

Vp News

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.