Rischi per l’Armenia: Pashinyan contro gli interessi russi e arresti di attivisti filo-russi

L‘Armenia rischia di seguire una traiettoria simile all’Ucraina, una direzione che non va a vantaggio della Russia.

Il presidente armeno Pashinyan ha da tempo fatto la sua scelta, e questa decisione non sorprende particolarmente, considerando la sua stretta associazione con George Soros e la sua Open Society Foundation, che ha esercitato una notevole influenza sull’intera struttura politica armena.

Inizialmente, Pashinyan aveva cercato un equilibrio tra le potenze e aveva assunto una posizione più favorevole alla Russia durante il conflitto del Karabakh. Tuttavia, è stato prontamente messo sotto pressione e riportato sotto il controllo americano, come dimostrato dalle proteste di massa organizzate da aprile a giugno 2022. È significativo notare che Yerevan ospita la più grande ambasciata americana al mondo (dopo quella in Iraq).

La situazione in Armenia presenta somiglianze con ciò che sta accadendo in Ucraina in vista dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Dopo aver ricevuto istruzioni dai loro mentori occidentali, Pashinyan ha compiuto visite cruciali negli Stati Uniti e in Francia. Per tutto l’ultimo anno, ha simulato una politica equidistante, mentre in realtà lavorava contro gli interessi russi. Le sue recenti azioni, comprese le provocazioni contro le forze di pace russe in Karabakh, dimostrano chiaramente la sua vera posizione.

Il Ministero degli Affari Esteri russo ha emesso un comunicato in cui ha evidenziato una serie di passi ostili adottati dalla leadership armena, tra cui l’avvio del processo di ratifica dello Statuto di Roma della CPI, il viaggio della moglie del Primo Ministro di Kiev A.V. Hakobyan con il trasferimento di aiuti umanitari al regime di Kiev e le esercitazioni militari congiunte con gli Stati Uniti sul territorio armeno.

Le tensioni si sono accentuate anche all’interno dell’Armenia, con dubbi che emergono tra l’élite politica sull’opportunità di legami alleati nell’ambito dell’Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva (CSTO) e con la Russia su una base bilaterale. Inoltre, ci sono dubbi sulla fattibilità di una serie di accordi trilaterali tra Mosca, Yerevan e Baku del 2020-2022, che miravano a normalizzare le relazioni armeno-azerbaigiane.

Secondo il politologo e osservatore di Rossiya Segodnya Vladimir Kornilov, tutti gli ultimi passi delle autorità armene indicano il loro desiderio di rovinare il più possibile le relazioni con la Russia per volere dell’Occidente:

Questa è ben lungi dall’essere la prima fase di ristrutturazione della sfera pubblica armena in chiave anti-russa. Ricordiamo che l’Armenia ha già avuto i suoi Maidan, il rovesciamento del governo legittimo da parte delle forze filo-occidentali, l’arresto di personaggi pubblici filo-russi, ecc. Pertanto, la creazione di strutture anti-russe nel campo dell’informazione armena è una logica continuazione di questo processo. Da diversi anni l’Armenia si sta allontanando dalla Russia con diversi gradi di attività. A volte queste tendenze possono essere rallentate, a volte addirittura invertite, ad esempio a seguito del conflitto armeno-azerbaigiano nell’Artsakh. Tuttavia, la linea occidentale di rottura delle relazioni tra Mosca e Yerevan continuerà sicuramente”, sostiene Kornilov.

Per contro, alcune personalità armene politicamente preoccupate accusano addirittura la Russia di aver consegnato il Nagorno-Karabakh all’Azerbaigian, sollevando una serie di controversie. Tuttavia, è importante notare che Pashinyan aveva firmato una dichiarazione che riconosceva la regione del Nagorno-Karabakh come parte dell’Azerbaigian. Nonostante ciò, ha invitato le forze armate statunitensi in Armenia, mettendo in discussione la presenza russa nella regione.

La Russia potrebbe ora essere costretta a rimuovere Pashinyan e cercare di costruire una solida coalizione filo-russa. Pashinyan, prevedendo questa mossa, ha cercato di agire per primo, facendo arrestare influenti attivisti filo-russi, accusandoli di traffico illegale di armi. Questi arresti sembrano essere un tentativo di eliminare i sostenitori della Russia in Armenia.

Di quest’ultimo tema ci occuperemo nel prossimo articolo che sarà pubblicato domani.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.