L’incontro di Ginevra tra Putin e Biden, prospettive ed attese

Il testo che segue proviene da ‘Meet in Geneve’ di Filippo Giraldi, è stato scritto prima , ma è accaduto tutto  esattamente così…. Quello che si sono detti non è ancora noto, salvo le dichiarazioni in conferenza stampa (ma l’incontro è durato 4,5 ore…)

@vietatoparlare


di Filippo Giraldi

(…) Storicamente parlando, è ai Democratici che può essere attribuita la complicità di entrare sia nella prima che nella seconda guerra mondiale, mentre più recentemente sono entrati in guerre che non hanno assolutamente alcun interesse nazionale in luoghi come la Libia e la Siria. Possono anche ottenere credito per l’aumento dell’uso di attacchi missilistici da crociera una tantum integrati da tattiche simili al terrorismo che potrebbero essere ragionevolmente interpretate come crimini di guerra, per includere l’uccisione di civili usando droni basati esclusivamente sull’obiettivo che corrisponde a un “profilo”.

Si potrebbe ragionevolmente sostenere che Washington ha solo una relazione bilaterale veramente importante e cioè con la Russia poiché solo Mosca ha la capacità di distruggere gli Stati Uniti. Anche lì furono i Democratici che apparentemente cercarono deliberatamente di trasformare una ricostruzione post Guerra Fredda della Russia in un saccheggio delle risorse naturali del paese combinato con un’invasione della NATO fino al confine russo, sia iniziata che attuata sotto Bill Clinton. La relazione ha sofferto da allora, portando quasi alla guerra quando l’amministrazione di Barack Obama ha speso 5 miliardi di dollari per rovesciare un governo amico della Russia a Kiev nel 2014. La Russia ha ripetutamente affermato, non senza qualche giustificazione, che le successive amministrazioni americane hanno continuato quel processo, usando vari mezzi per minare e sostituire il governo Putin.

I democratici sono stati anche la forza trainante della legge Magnitsky, sponsorizzata dal senatore fobico della Russia Ben Cardin e firmata dal presidente Barack Obama nel 2012. Utilizzando la legge, gli Stati Uniti hanno affermato la loro volontà di punire i governi stranieri, in particolare la Russia, usando sanzioni e altri mezzi per presunte violazioni dei diritti umani. La Russia ha reagito con rabbia, osservando che le azioni intraprese dal suo governo internamente, in particolare il funzionamento della sua magistratura, erano soggette a interferenze esterne. Ha ricambiato con sanzioni contro i funzionari statunitensi e con una crescente pressione sui gruppi democratici non governativi stranieri e sui media occidentali che operano in Russia, il che significava che la legge era effettivamente controproducente.

Di conseguenza, la tensione tra Mosca e Washington è aumentata considerevolmente e il Congresso ha successivamente approvato un cosiddetto Global Magnitsky Act come parte del disegno di legge annuale 2016 sugli stanziamenti per la difesa. Ha ampliato l’uso di sanzioni e altre misure punitive contro regimi colpevoli di gravi violazioni dei diritti umani, sebbene non sia mai stato applicato contro violatori seriali dei diritti umani ben documentati come l’Arabia Saudita e Israele. È stato anche sponsorizzato dal senatore Ben Cardin ed era chiaramente destinato a minacciare la Russia.

Più recentemente c’è stato il Russiagate, totalmente inventato, che avrebbe dovuto attribuire la colpa della sconfitta di Hillary Clinton da parte di Donald Trump al Cremlino e al presidente russo Vladimir Putin. E i media a favore del Partito Democratico hanno lavorato duramente per trovare altre “notizie” che descrivono Mosca come il nemico del giorno, inclusa l’affermazione ora screditata secondo cui il Cremlino ha pagato “taglie” ai combattenti afgani per uccidere i soldati americani.

Ora Joe Biden si prepara all’incontro con Vladimir Putin a Ginevra il 16 giugno e le prospettive non sono buone anche se si esclude che Biden abbia etichettato Putin come un “killer” privo di “anima” come poco più che un’iperbole. L’incontro è stato richiesto dopo una telefonata a Putin organizzata da Biden ad aprile, in un momento particolarmente teso in cui l’Ucraina minacciava di riconquistare la Crimea dalla Russia, usando la sua fornitura di armi letali dagli Stati Uniti per svolgere il lavoro.

Washington e l’alleanza della NATO hanno anche dichiarato che il loro sostegno a Kiev era “incrollabile” anche se riconoscevano che l’Ucraina avrebbe avuto poche o nessuna possibilità di sconfiggere l’esercito russo. Il Cremlino ha risposto alla minaccia portando le truppe al confine e gli Stati Uniti hanno inviato navi da guerra in Turchia per entrare nel Mar Nero, anche se le hanno ritirate rapidamente quando Putin ha chiarito che la loro comparsa al largo del territorio russo sarebbe stata considerata una grande provocazione.

Alcune voci razionali nel governo degli Stati Uniti sono, tuttavia, pronte a fare un passo indietro dal precipizio. William Burns, attualmente direttore della CIA e ambasciatore in Russia sotto George W. Bush, ha riferito in modo conciso come Mosca vedeva la situazione in Ucraina. Ha osservato in un cablogramma intitolato “NYET SIGNIFICA NYET: LINEE ROSSE DELL’ALLARGAMENTO NATO DELLA RUSSIA” che “la Russia considererebbe un’ulteriore espansione verso est come una potenziale minaccia militare.

L’allargamento della NATO, in particolare all’Ucraina, rimane ‘un problema emotivo e nevralgico’ per la Russia…” Ma anche il New York Times fa fatica a trovare un esito positivo che si traduca in una migliore “gestione” delle relazioni bilaterali, riportando che “Il incontro avviene nel momento peggiore nelle relazioni russo-americane dalla caduta dell’Unione Sovietica circa 30 anni fa”.

A dire il vero la rotazione intorno all’incontro è stata intensa, con i media statunitensi che hanno raccontato storie di nuovi attacchi informatici alle infrastrutture americane, attribuendoli alla Russia con scarse prove, mentre Putin ha risposto dichiarando pubblicamente che non si aspetta alcuna svolta, osservando che il sfortunatamente le relazioni bilaterali fratturate sono diventate “ostaggio di processi politici interni negli stessi Stati Uniti”. Putin ha detto più volte che vuole che il suo paese sia trattato con rispetto da un USA che si percepisce perversamente come “una nazione eccezionale, con diritti speciali ed esclusivi praticamente per il mondo intero… Non posso essere d’accordo”.

Biden da parte sua si sta anche accumulando sulla retorica, promettendo che “si alzerà contro Putin… da una posizione di forza”. All’arrivo in Gran Bretagna all’inizio del suo viaggio europeo, dove sta cercando disperatamente di essere rilevante, si è impegnato a rafforzare i legami con gli alleati dell’America, un obiettivo interessante poiché è stato recentemente rivelato che gli Stati Uniti hanno spiato in modo aggressivo i suoi amici più stretti in Europa. Ha anche avvertito la Russia che subirà conseguenze “robuste e significative” se si impegna in “attività dannose”. Non era un buon punto di partenza per un incontro volto a stabilire un modus vivendi tra due avversari.

E c’è ulteriore rumore proveniente dai Democratici. L’ex analista russo senior della CIA Ray McGovern chiede se il rappresentante del Partito Democratico “Jason Crow, crede davvero che ‘Vladimir Putin si svegli ogni mattina e vada a letto ogni sera cercando di capire come distruggere la democrazia americana.’ E cosa intende esattamente la Speaker Nancy Pelosi, mentre continua a ripetere “Tutte le strade portano a Putin”? Siamo correttamente informati che Hillary Clinton ha suggerito che il presidente Putin stava dando istruzioni al presidente Trump il 6 gennaio mentre [il] Campidoglio è stato attaccato?”

Il suggerimento più recente di ciò che Biden vorrà discutere per fare punti con i media è che sarà pesante sui “diritti umani”, che è, ovviamente, la questione da sollevare quando tutto il resto fallisce. Diritti umani significa Magnitsky-plus e il soggetto del dissidente russo imprigionato Alexei Navalny, che è probabilmente un agente sia della CIA che di un certo numero di altre agenzie di intelligence occidentali, verrà senza dubbio. Ciò suggerisce che Washington cercherà ancora una volta di interferire con la politica interna russa, il che a sua volta significherà che la discussione non andrà da nessuna parte.

Il Times e alcuni altri analisti ipotizzano in termini alquanto positivi che l’incontro potrebbe in realtà riguardare principalmente la creazione di canali di comunicazione che consentiranno ai due paesi di trattare con fiducia l’uno con l’altro, chiudendo la porta a eventuali sorprese che potrebbero inavvertitamente portare alla guerra. Putin si è detto pronto a “lavorare con Biden” mentre sia il ministro degli Esteri Sergei Lavrov che il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan hanno indicato che cercheranno aree di accordo, per avviare le relazioni nella giusta direzione. In tal caso, eviterà necessariamente qualsiasi discussione dettagliata su Ucraina e Siria, dove gli Stati Uniti e la Russia hanno opinioni opposte, anche se in entrambi i casi potrebbe trarre vantaggio da alcuni chiarimenti su dove si trovano le “linee rosse” per le due parti.

Sergei Lavrov ha infatti in una certa misura dato il tono alla riunione, complimentandosi con il team di politica estera degli Stati Uniti del Segretario di Stato Toni Blinken e Jake Sullivan per aver comunicato “francamente” e “rispettosamente” nei precedenti incontri a Reykjavik e Anchorage. Lavrov ha anche chiarito che il popolo Biden, sebbene sicuro di essere molto critico nei confronti della Russia, potrebbe essere più prevedibile del cast di personaggi a rotazione di Trump a livello di governo che spesso si contraddiceva.

Ma detto tutto ciò, è altamente improbabile che Biden tenti di mitigare i principali elementi irritanti tra i due paesi, anche se questo è ciò che ha promesso di fare, perché ciò significherebbe trattare la Russia da pari a pari. Di primaria importanza sono i disaccordi che potrebbero portare alla guerra, compreso il futuro status dell’Ucraina e anche della Georgia, l’imbarazzo causato dall’attuale situazione in Bielorussia e il ruolo della Russia in Medio Oriente.

Biden si appoggerà anche pesantemente alla questione della sicurezza informatica poiché è attualmente popolare nei media, ma poiché Putin ha già negato qualsiasi mano russa nell’hacking, è probabile che la discussione non vada da nessuna parte. Allo stesso modo, qualsiasi affermazione che Mosca abbia interferito ancora una volta nella politica degli Stati Uniti durante le elezioni del 2020 avvelenerà solo la discussione.

Alla fine prevarrà l’ostilità del Partito Democratico nei confronti della Russia, che si inasprisce sin dal 2016, ed è probabile che dall’incontro dei due presidenti non uscirà nulla di drammatico. È chiaramente nell’interesse nazionale degli Stati Uniti disimpegnarsi da quelle aree come l’Ucraina che la Russia considera vitali e che non hanno alcun valore per gli Stati Uniti, ma è improbabile che Biden o qualcuno dei suoi consiglieri più vicini possa vedere così lontano. Si può fare affidamento solo sul Partito Democratico al potere e che controlla entrambe le camere del Congresso e la presidenza per affrontare con mano pesante qualsiasi crisi in via di sviluppo che coinvolga la Russia».

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.