SUMMIT GINEVRA – Putin in conferenza stampa risponde alle domande dei giornalisti

Vladimir Putin:  Sono al vostro servizio. Penso che non ci sia bisogno di pronunciare  lunghe parole introduttive. Gli argomenti sono probabilmente familiari a tutti: stabilità strategica, sicurezza informatica, conflitti regionali, relazioni commerciali, hanno anche parlato di cooperazione nell’Artico: questo è un insieme approssimativo.

Si prega di fare le vostre domande.

Domanda:  Buonasera!

Può dirci quali argomenti ha trattato in modo più dettagliato? In particolare, l’argomento ucraino è molto interessante: in quale contesto è stato toccato, è stata discussa la situazione in Donbass, è stata discussa la possibilità che l’Ucraina entri nella NATO?

E ancora una cosa: prima dei colloqui, grandi aspettative erano legate al ritorno degli ambasciatori dei due Paesi nelle capitali. In particolare, il suo assistente Yuri Viktorovich Ushakov ha detto che questo è possibile. Sono state prese tali decisioni? E come sono andate in generale le trattative?

Grazie.

Vladimir Putin:  Per quanto riguarda il ritorno degli ambasciatori nei loro luoghi di lavoro – rispettivamente a Mosca, l’ambasciatore americano; a Washington quello russo- : abbiamo convenuto che questo problema è stato risolto, stanno tornando al loro posto di servizio permanente . Quando esattamente – domani, dopodomani – questa è una questione puramente tecnica.

Abbiamo anche concordato che il Ministero degli Affari Esteri della Federazione Russa e il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti avvieranno consultazioni sull’intera gamma di cooperazione sul piano diplomatico. C’è qualcosa di cui parlare, si sono accumulate molte macerie. Mi è sembrato che entrambe le parti, compresa quella americana, siano determinate a cercare una soluzione.

Per quanto riguarda l’Ucraina, sì, questo argomento è stato toccato. Non posso dire che sia stato in modo molto dettagliato. Ma per quanto ho capito, il presidente Biden è d’accordo sul fatto che gli accordi di Minsk dovrebbero essere la base per l’accordo nel sud-est dell’Ucraina.

Per quanto riguarda il possibile ingresso dell’Ucraina nella NATO, questo argomento è stato toccato da una “diffamazione”. Forse non c’è niente da discutere qui.

In termini generali, qualcosa del genere.

Domanda:  Vladimir Vladimirovich, ha detto che la stabilità strategica era uno degli argomenti. Potrebbe dirci più in dettaglio quali sono le soluzioni su questo problema? Russia e Stati Uniti riprenderanno o avvieranno i negoziati sulla stabilità strategica e il disarmo e, in particolare, sul trattato START III? Prevede di avviare trattative per una sua ulteriore estensione, magari rivedendo i parametri o addirittura firmando un nuovo trattato in questo ambito?

Grazie.

Vladimir Putin:  Gli Stati Uniti d’America e la Federazione Russa hanno una responsabilità speciale per la stabilità strategica nel mondo, a partire almeno dal fatto che siamo le due maggiori potenze nucleari – sia in termini di numero di scorte di munizioni, testate, e il numero di veicoli di consegna e il livello, la qualità, la modernità delle armi nucleari. Siamo consapevoli di questa responsabilità.

Penso sia ovvio a tutti che il presidente Biden abbia preso una decisione responsabile e, a nostro avviso, assolutamente tempestiva di prorogare il trattato START III per cinque anni, cioè fino al 2024.

Naturalmente, sorge la domanda su cosa c’è dopo. Abbiamo convenuto che le consultazioni inizieranno a livello interdipartimentale sotto gli auspici del Dipartimento di Stato americano e del Ministero degli affari esteri russo. I colleghi a livello di lavoro determineranno la composizione di queste delegazioni, il luogo di lavoro e la frequenza di tali riunioni.

Domanda  (ritradotta) :  Buonasera!

Matthew Chance, CNN.

Grazie per avermi dato la parola.

Prima di tutto, potrebbe descrivere come è andato in generale il suo incontro con il presidente Biden? È stato costruttivo o ostile?

Secondo, sugli attacchi informatici: ne avete discusso? Ti sei impegnato per l’ambiente informatico e l’Ucraina?

Vladimir Putin:  La prima è una valutazione generale. Credo che non ci sia stata ostilità. Anzi. Il nostro incontro si è svolto, ovviamente, in maniera di principio, su molti punti le nostre valutazioni divergono, ma, a mio parere, tuttavia, entrambe le parti hanno dimostrato il desiderio di capirsi e cercare modi per avvicinare le loro posizioni. La conversazione è stata molto costruttiva.

Per quanto riguarda la sicurezza informatica, abbiamo concordato di avviare consultazioni su tale questione. A mio parere, questo è estremamente importante.

Ora, su chi dovrebbe assumersi quali obblighi. Voglio informarvi su cose che, in generale, sono note, ma non al grande pubblico. Da fonti americane – ho solo paura di confondere i nomi delle organizzazioni (Peskov te lo darà più avanti) – ne consegue che il maggior numero di attacchi informatici al mondo viene effettuato dal cyberspazio statunitense. Al secondo posto c’è il Canada, poi due paesi dell’America Latina, poi la Gran Bretagna. La Russia non è inclusa in questo elenco di paesi, dal territorio dal cui cyberspazio viene effettuato il maggior numero di attacchi informatici di vario genere, come puoi vedere. Questa è la prima cosa.

Secondo. Per tutto il 2020, abbiamo ricevuto 10 richieste dagli Stati Uniti riguardanti attacchi informatici a oggetti negli Stati Uniti d’America – come dicono i nostri colleghi – dal cyberspazio russo. Ci sono due richieste del genere quest’anno. A tutti loro – sia l’anno scorso che quest’anno – i nostri colleghi hanno ricevuto risposte esaurienti.

A sua volta, la Russia ha inviato 45 di tali richieste alla struttura competente degli Stati Uniti l’anno scorso e 35 nella prima metà di quest’anno e finora non abbiamo ricevuto una sola risposta. Questo suggerisce che abbiamo qualcosa su cui lavorare.

La questione di chi, in che misura e su cosa dovrebbe assumere obblighi dovrebbe essere decisa nel corso del processo negoziale. Abbiamo convenuto che avvieremo tali consultazioni. Riteniamo che la sfera della sicurezza informatica sia estremamente importante nel mondo in generale, per gli Stati Uniti in particolare, e in egual misura anche per la Russia.

Ad esempio, siamo a conoscenza di attacchi informatici contro una società di oleodotti negli Stati Uniti. Sappiamo anche che l’azienda ha dovuto pagare 5 milioni ai ricattatori. Alcuni dei soldi, secondo le mie informazioni, sono già stati restituiti dai portafogli elettronici, altri no. Cosa c’entrano gli organi statali della Russia con questo?

Affrontiamo le stesse minacce. In particolare, ad esempio, – [attacco] al sistema sanitario di una delle grandi regioni della Federazione Russa. Ovviamente vediamo da dove provengono gli attacchi, vediamo che questo lavoro è coordinato dal cyberspazio statunitense. Non credo che gli Stati Uniti, le autorità ufficiali siano interessate a tali manipolazioni. Devi solo scartare tutte le insinuazioni, sederti a livello di esperti e iniziare a lavorare nell’interesse degli Stati Uniti e della Federazione Russa. In linea di principio, abbiamo concordato su questo e la Russia è pronta per questo.

Matthew Chance, CNN: Datemi  un microfono: una parte della domanda è rimasta senza risposta.

Si è impegnato a fermare le minacce contro l’Ucraina? Ci sono stati esercitazioni dalla Federazione Russa…

E la seconda parte della domanda: si è impegnato a fermare gli attacchi all’opposizione in Russia, in relazione ad Alexei Navalny?

Vladimir Putin:  Non ho sentito questa parte della domanda – o non è stata tradotta, o ci hai solo pensato e hai deciso di fare una seconda domanda.

Per quanto riguarda gli obblighi nei confronti dell’Ucraina. Abbiamo un solo obbligo: contribuire all’attuazione degli accordi di Minsk. Se la parte ucraina è pronta per questo, seguiremo questa strada, senza alcun dubbio.

A proposito, vorrei attirare la vostra attenzione su quanto segue. Nel novembre dello scorso anno, la delegazione ucraina ha presentato le sue opinioni su come intende attuare gli accordi di Minsk. Si prega di vedere questo non è un documento segreto. Dice che, prima di tutto, è necessario presentare proposte sull’integrazione politica del Donbass nel sistema giuridico ucraino e nella Costituzione, per questo è necessario modificare la Costituzione stessa – è scritto lì. Primo. E in secondo luogo – che il confine tra la Federazione Russa e l’Ucraina lungo la linea del Donbass inizia ad essere occupato dalle truppe di frontiera dell’Ucraina il giorno dopo le elezioni – articolo 9.

Cosa ha proposto l’Ucraina? Ha suggerito il primo passo per riportare le forze armate dell’Ucraina nei loro luoghi di spiegamento permanente. Cosa significa questo? Ciò significa che le truppe dell’Ucraina devono entrare nel Donbass. Questa è la prima cosa. In secondo luogo, hanno proposto di chiudere il confine tra Russia e Ucraina in questa parte. Il terzo è tenere le elezioni tre mesi dopo questi due passaggi.

Non è necessario essere un avvocato, non è necessario avere un’istruzione speciale per capire che questo non ha nulla a che fare con gli accordi di Minsk. Ciò contraddice completamente gli accordi di Minsk. Pertanto, quali ulteriori obblighi può assumere la Russia in questo ambito? Penso che la risposta sia scontata.. .

Per quanto riguarda gli insegnamenti. Conduciamo esercitazioni sul nostro suolo, proprio come gli Stati Uniti conducono molti esercitazioni sul loro suolo. Ma non conduciamo esercitazioni, trascinando le nostre attrezzature e il nostro personale fino ai confini di stato degli Stati Uniti d’America. Sfortunatamente, i nostri partner americani lo stanno facendo proprio ora. Pertanto, le preoccupazioni non dovrebbero essere da parte americana su questo, ma da parte russa. Ma questo è anche argomento di conversazione e di chiarimento di posizioni.

Riguardo alla nostra opposizione non sistemica e al cittadino che lei ha citato. Innanzitutto, quest’uomo sapeva che stava violando la legge in vigore in Russia. È stato obbligato a registrarsi come persona che è stata condannata due volte a una pena sospesa. Consapevolmente, voglio sottolineare questo, ignorando il requisito di legge di registrarsi, questo signore è andato all’estero per cure, ma non ha richiesto alle autorità russe alcuna autorizzazione. Non appena ha lasciato l’ospedale e ha pubblicato i suoi video su Internet, è sorta una tale richiesta [da parte russa]. Non è apparso, ha ignorato il requisito della legge: è stato inserito nella lista dei ricercati. Sapendo questo, è venuto. Parto dal fatto che ha deliberatamente deciso di essere detenuto. Ha fatto quello che voleva. Quindi di cosa possiamo parlare qui?

Quanto a quelli come lui, e in generale all’opposizione sistemica. Sfortunatamente, il formato della conferenza stampa non ci consente di parlarne in dettaglio, ma vorrei dire quanto segue. Senti, penso che non dirò niente di complicato, sarà chiaro. Se trovi possibile trasmetterlo oggettivamente ai tuoi spettatori e ascoltatori, te ne sarò molto grato.

Quindi, gli Stati Uniti hanno dichiarato la Russia nemico e avversario, come ha fatto il Congresso nel 2017. Nella legislazione degli Stati Uniti sono state stabilite disposizioni secondo cui gli Stati Uniti devono mantenere le regole e l’ordine del governo democratico nel nostro paese e sostenere le organizzazioni politiche. Questo è nella tua legge, in quella americana. Ora poniamoci una domanda: se la Russia è il nemico, che tipo di organizzazioni sosterrà l’America in Russia? Penso non quelle che rafforzano la Federazione Russa, ma quelle che la destabilizzino, e questo è l’obiettivo degli Stati Uniti, lo hanno dichiarato pubblicamente. Quindi, queste sono le organizzazioni e le persone che contribuiscono all’attuazione della politica degli Stati Uniti nella direzione russa.

Come dovremmo sentirci a riguardo? Penso che sia comprensibile: dovremmo diffidare di questo. Ma agiremo esclusivamente nell’ambito della legge russa.

Domanda:  Pavel Zarubin, VGTRK.

Volevo solo continuare questo tema. Siamo tutti testimoni con voi ora che la parte americana sente costantemente retorica sui cosiddetti prigionieri politici in Russia. L’argomento Navalny è stato discusso durante i tuoi colloqui con Biden? E come è stato discusso, se è stato discusso?

E un’altra domanda importante. Abbiamo tutti assistito, ovviamente, che, diciamo, una nuova fase nelle relazioni russo-americane all’inizio della presidenza di Biden è iniziata con una dichiarazione molto scortese indirizzata a te. Sei riuscito a spiegarti in qualche modo a riguardo?

Grazie mille.

Vladimir Putin: Il presidente Biden ha toccato il tema dei diritti umani e delle persone che credono di rappresentare questi temi nella Federazione Russa. Sì, ne abbiamo parlato su sua iniziativa, la prima.

Il secondo riguarda dichiarazioni dure. Cosa dire? Conosciamo tutti queste affermazioni. Dopo di che il presidente Biden mi ha chiamato e abbiamo spiegato. Queste spiegazioni mi andavano bene. Ci ha invitato a incontrarci – questa è la sua iniziativa. Ci siamo incontrati e, ripeto, la conversazione è stata molto costruttiva. Ancora una volta ero convinto che il presidente Biden fosse una persona molto esperta, questo è abbastanza ovvio. Abbiamo parlato faccia a faccia per quasi due ore. Non tutti i leader hanno una conversazione faccia a faccia così dettagliata.

Per quanto riguarda i diversi tipi di accuse, ricorda: al suo predecessore è stata posta la stessa domanda: ha schivato. L’attuale presidente degli Stati Uniti ha deciso di rispondere in questo modo, e la sua risposta è stata diversa da quella di Trump.

Sapete, in linea di principio, per tutto ciò che accade nei nostri paesi, in un modo o nell’altro, la leadership politica e gli alti funzionari sono responsabili – di chi, dove e cosa è la colpa, chi è l’assassino. Guarda, dopotutto, per le strade delle città americane, ogni giorno viene ucciso qualcuno, compresi i leader di varie organizzazioni. Non avrai tempo per dire una parola lì: stanno già sparando al petto o alla schiena. Indipendentemente dal fatto che ci siano bambini accanto a te o una persona solo – ricordo che la donna ha lasciato l’auto, è corsa, le hanno sparato alla schiena. Ok, queste sono cose criminali. Prendi l’Afghanistan: 120 persone sono state uccise lì con un sol colpo, i matrimoni sono stati distrutti – una o due volte. Diciamo che questo è un errore, succede anche questo. Ma le riprese da droni o elicotteri di chiaramente civili in Iraq – cos’è questo? Chi è responsabile di questo? Chi è l’assassino?

O per i diritti umani. Ascoltami, Guantanamo sta ancora lavorando. In generale, non corrisponde a nulla: né il diritto internazionale, né il diritto americano – niente, ma esiste ancora. Le prigioni della CIA, che sono state aperte in diversi paesi, compresi gli stati europei, dove è stata usata la tortura – che cos’è questo? Questi sono diritti umani? Penso di no, vero?

È improbabile che qualcuno di coloro che siedono nella sala concordi sul fatto che questo è il modo in cui i diritti umani sono protetti. Questa è la pratica della vera politica. E noi, partendo da questa pratica, rendendoci conto che questo è stato fatto e si può fare, stiamo costruendo il nostro atteggiamento verso quanto ho appena detto, anche verso coloro che ricevono denaro dall’estero per difendere gli interessi di chi li paga.

Domanda:  Murad Gazdiev, RT.

Una domanda sull’Artico. Ha detto di averne parlato Gli Stati Uniti hanno a lungo accusato la Russia di militarizzare l’Artico e anche i suoi alleati. Recentemente, a maggio, abbiamo sentito dal Segretario di Stato Blinken le sue preoccupazioni per le azioni dell’esercito russo. Cosa è stato detto esattamente?

Vladimir Putin:  Sì, abbiamo discusso questo argomento in un formato ampio e in modo sufficientemente dettagliato. Questo è un tema molto importante e interessante, tenendo presente che lo sviluppo dell’Artico in generale e della Rotta del Mare del Nord in particolare è di grande interesse per le economie di molti paesi, anche non regionali.

Queste preoccupazioni della parte americana sulla militarizzazione sono assolutamente infondate. Dopotutto, non stiamo facendo nulla che non fosse in Unione Sovietica. Stiamo ripristinando l’infrastruttura che una volta era completamente distrutta e persa. Sì, lo stiamo facendo a un livello moderno: infrastrutture sia militari che di confine, e ciò che non c’era – infrastrutture per la conservazione della natura. Stiamo creando una base appropriata lì per il Ministero delle situazioni di emergenza – il Ministero delle situazioni di emergenza, che significa la possibilità di salvare le persone in mare, se si tratta di ciò, Dio non voglia, o proteggere l’ambiente.

Ho detto ai nostri colleghi che non vedo alcuna preoccupazione qui. Al contrario, sono profondamente convinto che possiamo e dobbiamo cooperare in questo settore. La Russia, come gli Stati Uniti, è uno degli otto membri del Consiglio Artico. Quest’anno la Russia presiederà il Consiglio Artico. Inoltre, tra Alaska e Chukotka passa un noto stretto: da un lato – gli Stati Uniti, dall’altro – la Russia. Tutto questo insieme dovrebbe spingerci a unire gli sforzi.

La situazione con l’uso della rotta del Mare del Nord è regolata dal diritto internazionale. Si tratta, infatti, di due atti principali: la Convenzione sul diritto del mare del 1982, a mio avviso, e il Codice polare, che si compone di diversi documenti ed è stato ratificato nel 2017. Ho richiamato l’attenzione dei nostri partner sul fatto che noi, Russia, intendiamo aderire pienamente a queste norme giuridiche internazionali. Non abbiamo mai violato nulla.

Siamo pronti ad assistere tutti i paesi e le aziende interessate nello sviluppo della rotta del Mare del Nord. Ora dicono che la navigazione dura con sicurezza sei mesi, ma in realtà è più lunga, e con i cambiamenti climatici, sarà quasi tutto l’anno, con la messa in servizio dei nostri nuovi rompighiaccio, compreso il Leader. La nostra flotta rompighiaccio a propulsione nucleare, in Russia, è la più potente al mondo. In questa direzione, è la più richiesta.

Vi ricordo che la Convenzione sul diritto del mare è dedicata a ciò che descrive il regime giuridico delle acque del mondo, in particolare: acque interne, mare interno, mare territoriale, mare adiacente, zona economica esclusiva e alto mare libero. Il Mare Interno è ciò che è, per così dire, all’interno del territorio. Poi il mare territoriale – 12 miglia nautiche, adiacenti – più altre 12 miglia nautiche. Sul mare territoriale, lo stato costiero è obbligato a fornire un passaggio innocente, anche per le navi da guerra. Siamo contrari? Siamo per questo.

Per quanto riguarda il mare interno, c’è un regime speciale, qui non siamo obbligati a fornire nulla a nessuno. Ci sono tali spazi del mare interno che puoi immaginare, Dio non voglia, ce ne sono cinque: il Golfo di Ob, il Golfo di Yenisei e così via – ci sono solo cinque baie, o labbra, così chiamiamole. La lunghezza totale di questa rotta è di quasi mille miglia nautiche, 960 miglia secondo me. È nostro diritto sovrano lasciare o meno le navi lì. Ma non abusiamo di questo diritto, forniamo [accesso] a tutti.

Abbiamo ricevuto un migliaio di domande l’anno scorso. A mio parere, solo dieci domande sono state respinte – e si tratta principalmente di navi battenti bandiera russa, che, come hanno ritenuto le nostre rispettive autorità di regolamentazione, non soddisfacevano i requisiti del Codice Polare. E il Codice Polare, a sua volta, determina la qualità oi requisiti per varie navi e dispositivi tecnici su di esse.

Se tutti insieme, i paesi interessati, compresi, e forse prima di tutto, i paesi membri del Consiglio nordico, lavoreremo insieme per risolvere tutti questi problemi – e ci sono questioni che richiedono ulteriore considerazione – non ho dubbi, noi troveremo tutte le soluzioni, tutte le soluzioni. Non vedo un solo problema che non siamo riusciti a risolvere.

Domanda:  Buon pomeriggio, Vladimir Vladimirovich!

Le buone o almeno buone relazioni tra Russia e America sono sempre state una garanzia di stabilità e tranquillità globali. Le nostre relazioni ora sono le stesse che ha descritto prima di questo incontro. Biden era d’accordo con lei. Ora dice: rispetto reciproco, sufficiente calma e calore sono stati i compagni di questa conversazione.

Prima dell’incontro ha parlato di “linee rosse”, del concetto di “linee rosse” per la Russia. Anche gli americani hanno chiaramente delle linee rosse. Era possibile ora all’incontro concordare un “non passo” solo per le “linee rosse”? Questo vale per tutto in tutte le questioni – questo “non passo” che migliorerebbe o almeno stabilizzerebbe le nostre relazioni.

Grazie.

Vladimir Putin:  Posso dirvi che nel complesso capiamo di cosa parlano i nostri partner americani, capiscono di cosa stiamo parlando quando parliamo di “linee rosse”.

Devo dirti francamente che non siamo arrivati ​​a tanto e nel dettaglio per evidenziare e dividere qualcosa. Ma tenendo presente che abbiamo concordato di lavorare sia sulla sicurezza informatica che sulla stabilità strategica durante queste consultazioni, nonché, tra l’altro, nonché sul lavoro congiunto nell’Artico, in alcune altre aree, penso che tutto ciò dovrebbe gradualmente essere oggetto delle nostre discussioni e, spero, di accordi.

Domanda  (ritradotta) Grazie mille per aver accettato di rispondere.

Biden ha ripetutamente affermato che risponderà agli attacchi informatici dalla Russia se non si fermeranno. Se non è un segreto, cosa ha detto? Qualche minaccia, forse? Cosa faranno gli Stati Uniti se la Russia non si ferma?

E una domanda su Alexei Navalny. La sua Fondazione Anticorruzione è stata messa al bando, dichiarata un’organizzazione estremista e tutti coloro che vi partecipano non possono essere eletti. Perché hai paura di questo? E di cosa hai paura?

Vladimir Putin:  Ripeterò ciò che ho già detto su vari cosiddetti agenti stranieri e persone che si posizionano come opposizione non sistemica. Ho già risposto ai suoi colleghi della CNN, ma direttamente alla Sua domanda. lo rifarò volentieri.

Gli Stati Uniti hanno adottato una legge in base alla quale gli Stati Uniti hanno annunciato che avrebbero sostenuto alcune organizzazioni politiche in Russia, allo stesso tempo hanno dichiarato la Federazione Russa un nemico e hanno affermato pubblicamente che avrebbero frenato lo sviluppo della Russia. La domanda è: quali organizzazioni politiche gli Stati Uniti e gli altri membri della comunità occidentale dovrebbero sostenere in Russia, se pagano anche loro? È chiaro che noi, proprio come gli americani negli anni ’30, li abbiamo dichiarati agenti stranieri, ma il lavoro non è proibito, possono lavorare.

L’annuncio di un agente straniero non pone fine alle attività di un’organizzazione. Se l’organizzazione è estremista, è un’altra storia. Questa è l’organizzazione che lei ha menzionato, ha pubblicamente chiamato a disordini, coinvolto pubblicamente, il che è illegale, in eventi di strada di minori – questo è proibito dalla legge russa – e ha dato pubblicamente istruzioni su come preparare, ad esempio, le bottiglie Molotov, per per usarli contro le forze dell’ordine, mentre ostenta le attribuzioni della polizia.

L’America ha recentemente affrontato gli eventi più difficili dopo i famosi eventi, dopo l’assassinio di un afroamericano e la creazione dell’intero movimento Black Lives Matter. Non commenterò questo ora, voglio solo dire: il fatto che abbiamo visto i pogrom, che abbiamo visto violazioni della legge e così via – simpatizziamo con gli americani e il popolo americano, ma non vogliamo questo avvenga sul nostro territorio, e faremo di tutto per evitare che ciò accada. E una sorta di paura non ha nulla a che fare con questo.

Vuole aggiungere? Prego. Datemi un microfono, per favore.

Nota:  non ha risposto alla domanda. Guardi, tutti i suoi avversari politici – chi sarà ucciso, chi sarà gettato in prigione. Non è questo un segnale al pubblico che non ha bisogno di una concorrenza politica leale?

Vladimir Putin: Su chi sarà ucciso o gettato in prigione. Con richieste politiche, la gente è entrata nel Congresso degli Stati Uniti dopo le elezioni. Sono stati aperti procedimenti penali contro 400 persone, rischiano la reclusione fino a 20, e forse fino a 25 anni. Sono dichiarati terroristi interni e accusati di una serie di altri crimini. 70 sono stati arrestati subito dopo questi eventi, e 30 di loro sono ancora in arresto. Anche su quali basi non è chiaro, perché nessuna delle autorità ufficiali degli Stati ci informa su questo. Diverse persone sono morte lì, una delle partecipanti è stata semplicemente colpita da un agente di polizia sul posto, mentre non ha minacciato l’agente di polizia con un’arma. In molti paesi, tutto sta accadendo come nel nostro paese.
Voglio sottolineare ancora una volta: siamo solidali con quanto accaduto negli Stati Uniti, ma non vogliamo permettere che accada lo stesso nel nostro Paese.

Domanda: Dmitry Laru, quotidiano Izvestia.

È riuscito a mettersi d’accordo con la parte americana sul ritorno di alcuni russi che stanno scontando condanne nelle carceri americane? Se sì, quando può accadere?

Grazie.

Vladimir Putin: Ne abbiamo parlato. Il presidente Biden ha sollevato questo problema in relazione ai cittadini americani in carcere nella Federazione Russa, ne abbiamo discusso. Alcuni compromessi possono essere trovati. Il ministero degli Esteri russo e il Dipartimento di Stato americano lavoreranno in questa direzione?

Domanda: Mikhail Antonov, canale televisivo Russia-1.

Ha detto di aver discusso di commercio con Biden – questo è probabilmente l’agenda molto positiva che può essere. Le imprese di entrambi i paesi sono interessate allo sviluppo. Quali prospettive vede qui?

Grazie.

Vladimir Putin: Non dipende da noi, dipende dalla parte americana. Non imponiamo alcuna restrizione. Penso che dopo l’introduzione di alcune restrizioni nella sfera dell’economia e del commercio, gli Stati Uniti hanno perso non meno della Russia. Sì, in qualche modo ha influenzato il nostro sviluppo, in parte in questo senso, gli Stati Uniti hanno adempiuto al loro compito di limitare lo sviluppo della Russia, ma qui non c’è assolutamente nulla di critico. Questa è la prima cosa.

In secondo luogo, riguarda l’interesse degli affari americani. La delegazione più numerosa al Forum economico di San Pietroburgo, 200 persone, è la delegazione americana. A seguito dell’introduzione di restrizioni, anche per le società americane, alcuni americani se ne sono andati con perdite e hanno dato questa attività nelle mani dei loro concorrenti di altri paesi, ne abbiamo parlato. Bene perchè? Non ha praticamente senso, ma ci sono perdite.

Ora abbiamo un giro d’affari con gli Stati Uniti, secondo me, di 28 miliardi di dollari. Nel primo trimestre di quest’anno è cresciuto del 16,5%. Se questa tendenza continua, penso che andrà a beneficio di tutti. Ne stavamo parlando.

Domanda: Ann Simmons, The Wall Street Journal.

Signor Presidente, la ringrazio molto per l’opportunità di fare una domanda.

Ha incontrato il presidente Biden qualche anno fa, quando era vicepresidente. Ha detto che l’ha guardato negli occhi e non ha visto l’anima lì. Ha detto: significa che ci capiamo.

La prego, ditemi, l’ha guardato negli occhi? E cosa ha visto lì? Ha visto qualcuno con cui può lavorare? Per favore, ditemi, il presidente Biden l’ha ha invitato a visitare la Casa Bianca? Se sì, ha accettato di andarci?

Grazie.

Vladimir Putin: Il presidente Biden non mi ha invitato a visitare. Nemmeno io ho ancora fatto un invito del genere. Mi sembra che le condizioni dovrebbero essere mature per tali viaggi, per tali incontri, per tali visite.

Per quanto riguarda “guardare nell’anima”, vedere, non vedere nulla –  lo sento per la prima volta. Ad essere sincero, non ricordo una conversazione del genere, ma ammetto che in qualche modo ha attirato la mia attenzione. Ma se mi chiedete che tipo di interlocutore e partner è il presidente Biden, posso dire che è una persona molto costruttiva, equilibrata, come mi aspettavo, molto esperta, questo è subito evidente.

Si ricordava un po’ della sua famiglia, di ciò che gli aveva parlato sua madre: queste sono cose importanti. Non sembrano essere direttamente collegati al caso, ma tuttavia mostrano ancora il livello o la qualità dei suoi valori morali. È tutto molto attraente e mi sembra che generalmente parlassimo la stessa lingua. Questo non significa affatto che dobbiamo necessariamente guardare nell’anima, negli occhi e giurare nell’amore e nell’amicizia eterni – niente affatto. Proteggiamo gli interessi dei nostri paesi, dei nostri popoli e queste relazioni sono sempre principalmente di natura pragmatica.

Andrey, per favore.

Domanda: Andrey Kolesnikov, giornale Kommersant.

Vladimir Vladimirovich, ha avuto nuove illusioni a seguito di questo incontro?

Vladimir Putin: Non avevo nemmeno quelle vecchie, ma sta parlando di quelle nuove. Dove ha preso “l’illusione”? Non ci sono illusioni e non possono esserci.

Domanda: Pavel Remnev, canale televisivo Zvezda.

Vladimir Vladimirovich, anche due domande. Hai parlato con il presidente Biden del cambiamento climatico globale?

E la seconda domanda riguarda i media americani. Di recente hai fatto un’ottima intervista con la NBC. Le sembra giusto che lei concede interviste ai media americani, mentre i presidenti americani non concedono interviste ai nostri media? Trova positivo l’impatto di queste interviste se le sue parole sono costantemente distorte e, francamente, poco rispettose?

Grazie.

Vladimir Putin: Sai, riguardo a distorsioni, omissioni o, al contrario, qualche tipo di attacco, questa è la pratica delle relazioni internazionali oggi. Non puoi farci nulla, mi ci sono abituato da molto tempo e tutti noi ci conviviamo da decenni.

Quanto a chi rilascia quali interviste, spetta al rispettivo leader o partito, se vuole trasmettere qualcosa in più alle persone. Stiamo cercando di farlo, le mie interviste con la stampa americana sono collegate a questo.

Per quanto riguarda le attività dei nostri media in generale: ad esempio, il presidente Biden ha sollevato la questione del lavoro di “Svoboda” e “Free Europe” in Russia, che abbiamo annunciato come agenti stranieri. Ho avuto l’impressione che i membri della delegazione americana non sapessero che prima – abbiamo solo due di questi media che lavorano per un pubblico straniero, Russia Today e Sputnik – prima di allora, la parte americana li aveva dichiarati agenti stranieri in patria , ha revocato il loro accreditamento e ciò che abbiamo fatto, lo abbiamo fatto in cambio. Allo stesso tempo, Russia Today soddisfa tutti i requisiti del regolatore americano e della legge, è registrato lì di conseguenza, e così via, sebbene creino molti problemi con il reclutamento del personale, con le transazioni finanziarie e così via.

Non abbiamo tali problemi e, sfortunatamente, i media americani non rispettano pienamente i requisiti della legge russa.

Ci siamo spiegati su questo argomento. Spero che saremo in grado di organizzare il lavoro in questa direzione attraverso il Ministero degli Affari Esteri.

Domanda: Galina Polonskaya, Euronews.

All’inizio l’ abbiamo visto tutti stringere la mano a Joe Biden. La mia domanda è: è riuscito a raggiungere un nuovo livello di comprensione reciproca e, soprattutto, fiducia con il Presidente degli Stati Uniti? Pensa che sia realistico in questa fase entrare in una nuova fase di relazioni, quando saranno assolutamente chiare, trasparenti – in effetti, a cosa vogliono arrivare entrambi i paesi?

Vladimir Putin: Sai, Lev Tolstoj una volta disse: non c’è felicità nella vita, c’è solo il suo fulmine, adoralo. Mi sembra che in una situazione del genere non possa esserci una sorta di fiducia familiare, ma mi sembra che il “fulmine” sia passato attraverso di essa.

Per favore.

Domanda: Ivan Blagoy, Channel One.

Il tema del coronavirus è, ovviamente, uno dei più importanti del pianeta in questo momento. Questo argomento è stato discusso in un incontro con il presidente americano? Se sì, quali sono le possibili prospettive di lavorare insieme agli americani per superare questa infezione? Forse stiamo parlando, tra l’altro, del mutuo riconoscimento dei vaccini?

Vladimir Putin: Abbiamo parlato di questo argomento, ma solo di sfuggita.

Come sapete, anche sotto la precedente amministrazione, abbiamo risposto alla richiesta della parte americana e abbiamo persino inviato lì le nostre attrezzature sotto forma di aiuti umanitari. L’America è un paese grande e potente, e il punto non è che non avessero abbastanza soldi, era solo che in quel momento avevano un disperato bisogno di sistemi di ventilazione. Lo abbiamo fatto, come sai, lo abbiamo fatto in modo assolutamente disinteressato. Siamo pronti a collaborare in questo settore in futuro, ma oggi non ne abbiamo parlato in dettaglio.

Domanda: Tre anni fa hai incontrato anche il presidente Trump. Dopo questo incontro, le relazioni tra i paesi si sono ulteriormente deteriorate. Ci sono fattori che ci permettono di aspettarci che questo non accada di nuovo? Abbiamo toccato il fondo nei rapporti con gli Stati Uniti da cui possiamo allontanarci?

Grazie.

Vladimir Putin: È difficile per me dirlo ora, perché tutte le azioni relative al deterioramento delle relazioni russo-americane sono state avviate non da noi, ma dalla parte americana. I membri del Congresso sono persone fantasiose, non so cosa stiano pensando lassù.

Prego.

Nota: Alexander Gamov, Komsomolskaya Pravda.

Non so se lo sa o no, la nostra nazionale ha battuto i finlandesi, 1: 0.

Vladimir Putin: Ben fatto! Congratulazioni!

Domanda: Se valutiamo, ad esempio, dalle stesse posizioni l’incontro tra Biden e Putin, qual è il punteggio di questo incontro?

Seconda domanda. Dopotutto, gli americani, prima di venire a Ginevra, dicevano quasi ogni giorno: faremo pressione sulla Russia, faremo pressione su Putin. Ha sentito questa pressione e come ha resistito? Questa è probabilmente la domanda principale che interessa la Russia, mi sembra: come si è comportato il nostro Putin a Ginevra?

Penso, in linea di principio, abbastanza [bene].

Vladimir Putin: Lo penso anch’io.

Nota: grazie.

Vladimir Putin: Non abbiamo sentito alcuna pressione, anche se la conversazione è stata diretta, aperta e senza inutili deviazioni diplomatiche dagli argomenti prefissati. Ripeto ancora una volta: non ci sono state pressioni né da parte nostra né da parte loro, ed era inutile, le persone non si incontrano per questo.

La prima parte della tua domanda?

Nota: con quale punteggio?

Vladimir Putin: Conto. Secondo me, prima del nostro incontro, il presidente Biden ha detto che questa non è una specie di competizione sportiva, e in questo senso sono completamente d’accordo con lui. Cosa imposteremo qui? L’incontro è stato generalmente produttivo. È stato sostanziale, concreto e si è svolto in un clima che ti ha preparato al raggiungimento di risultati, e il principale sono stati quei “lampi” di fiducia di cui abbiamo appena parlato con il tuo collega di Euronews.

BBC News, per favore.

Domanda: grazie.

Steven Rosenberg, BBC News.

Vladimir Vladimirovich, Joe Biden chiede un rapporto stabile e prevedibile con la Russia. Ma in Occidente si ritiene che l’imprevedibilità sia una caratteristica della politica estera russa. Siete pronti a rinunciare all’imprevedibilità per migliorare i rapporti con l’Occidente?

Grazie.

Vladimir Putin: Sei un grande compilatore e hai raggiunto un certo livello artistico in questo, puoi essere invidiato. La prima parte della tua domanda: in Occidente pensano… E la seconda parte della domanda: sei pronto a rifiutare questo? Dopotutto, se l’Occidente pensa, questo non significa affatto che sia così.

Permettetemi di rispondere prima alla prima parte della vostra domanda. Ha detto che l’Occidente crede che la politica estera russa sia imprevedibile. Lascia che ti mandi un “disco di ritorno”. Il ritiro degli Stati Uniti dal Trattato ABM nel 2002 è una cosa assolutamente imprevedibile. Perché è stato necessario farlo, distruggendo le basi della stabilità internazionale nell’ambito della sicurezza strategica? Poi il ritiro dal Trattato sulle forze nucleari a raggio intermedio nel 2019. Cosa c’è di stabile qui? Non c’è niente di stabile. Ritiro dal Trattato Cieli Aperti: perché è stabile? Quasi nulla è rimasto nell’area della stabilità strategica. Grazie a Dio, il presidente Biden ha preso la decisione assolutamente adeguata di prolungare START per cinque anni.

Se prendi la situazione con l’Ucraina, con la Crimea, tutti sono speculano su questo, giusto? La domanda è: cosa c’è di stabile nel fatto che hanno sostenuto il colpo di stato in Ucraina, quando l’ex presidente Yanukovich ha acconsentito a tutte le richieste dell’opposizione? Era pronto, infatti, a dimettersi dal potere e ad annunciare nuove elezioni entro tre mesi. No, è stato necessario commettere un sanguinoso colpo di stato, che ha portato alle ben note conseguenze: il sud-est e la Crimea allora.

E pensi che ci stiamo comportando in modo imprevedibile? No, non credo. A mio parere, ci comportiamo in modo assolutamente adeguato alle minacce che si presentano per noi. Credo che perché la situazione sia veramente stabile, dobbiamo concordare le regole di comportamento in tutti quegli ambiti che abbiamo citato oggi: questa è la stabilità della passione, questa è la sicurezza informatica, questa è la soluzione dei problemi legati alla conflitti regionali.

Penso che tutto questo possa essere concordato, in ogni caso, ho avuto l’impressione oggi dai risultati del nostro incontro con il presidente Biden.

Diamo la parola a qualcuno delle testate straniere. Bloomberg, finiamola.

Domanda: Bloomberg News, Ilya Arkhipov.

Vladimir Vladimirovich, nel 2016, dopo un incontro con Trump, le sanzioni americane sono state adottate molto rapidamente, un altro round. Ha ricevuto garanzie durante i colloqui con Joe Biden di oggi che non ci saranno sanzioni dalla parte americana contro la Russia nel prossimo futuro?

E in termini di efficacia, di cui ha parlato, sono emersi gli inizi della fiducia. In termini di fattibilità degli accordi iniziali di cui ha parlato oggi, lei ha più fiducia e fiducia in Biden che sarà in grado di farlo, perché si ritiene che l’apparato statale americano sia più solidale con la linea del Presidente degli Stati Uniti ora che durante la presidenza Donald Trump?

E sulle consultazioni sulla sicurezza informatica di cui ha accennato, sulle consultazioni sull’Ucraina: non capisco, ci saranno gruppi di lavoro sulla sicurezza informatica? E quelle “linee rosse” di cui hai detto: dopotutto, le hai identificate in modo specifico l’una con l’altra e puoi ancora raccontarcelo?

Grazie.

Vladimir Putin: Ho già parlato molte volte delle linee rosse. Questa comprensione nasce nel corso dei processi di negoziazione in aree chiave di interazione. Spaventarsi a vicenda è inutile. Quando le persone si incontrano per negoziare per ricucire i rapporti, questo non viene mai fatto, altrimenti non c’è bisogno di incontrarsi.

Quanto alle sanzioni e restrizioni in economia: ho già detto che non sappiamo quali siano gli stati d’animo della politica interna, non conosciamo i rapporti di forza, cioè sappiamo, ma non possiamo capire gli eventi che vi si svolgono in dettaglio. Ci sono oppositori allo sviluppo delle relazioni con la Russia, ci sono sostenitori – è difficile per me dire quali forze prevarranno lì.

Ma se, dopo il nostro incontro, iniziano i passaggi che hai ricordato, come nel 2016, allora questo significherà un’altra occasione mancata.

Prego. E finiremo.

Domanda (ritradotta) : Buonasera!

Signor Presidente, grazie mille.

Tamara Alteresco, Radio Canada.

Ha detto ai miei colleghi: mi piacerebbe che ti venissero poste domande oneste e imparziali. Ecco una domanda di mia figlia di nove anni. Sono andato in viaggio d’affari e lei mi ha chiesto: “Cos’è questo vertice? Perché è così importante?” Cosa direbbe a una bambina di nove anni? Ditemi come risponderebbe a una figlia di nove anni. Perché un rapporto così complicato tra Russia e Stati Uniti? Lei vuole sapere, io voglio sapere. Perché ai giovani non è permesso protestare, protestare per le strade?

Vladimir Putin: È fantastico che sua figlia di nove anni sia interessata a queste domande. La risposta è molto semplice. Devi guardarti intorno e dire: “Vedi quanto è bello questo mondo? Gli adulti, i leader di due paesi, le maggiori potenze nucleari, si stanno incontrando per rendere questo mondo una casa sicura, affidabile e prospera per tutti gli abitanti del nostro pianeta. Discuteranno questioni relative alle armi terribili che devono essere limitate e svilupperanno regole generali per il non uso. Parleranno di protezione dell’ambiente, di mantenere puliti i fiumi, i mari puliti, in modo che non ci siano inondazioni, non ci sia siccità, in modo che ci sia abbastanza cibo in questo senso per tutti gli abitanti del pianeta, ovunque si trovino . Parleranno di problemi di salute in modo che quando i bambini cresceranno si ammaleranno di meno,

Vorrei davvero che seguiste la nostra riunione odierna, onorevoli colleghi, sulla base di queste considerazioni.

Grazie per l’attenzione. Vi auguro il meglio!


fonti utilizzate: Cremlino

video: visione TV

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.