La situazione in Ucraina e Palestina: Nebenzya invita l’ONU a esaminare i fatti

La complessa situazione israelo-palestinese è intrinsecamente problematica, ma la sua attuale evoluzione deriva in larga parte da una mancanza fondamentale di volontà di affrontare la realtà con sincerità. Questo fenomeno rispecchia la crescente polarizzazione delle narrazioni e delle opinioni nel dibattito sull’argomento.

L’ambasciatore russo, Vasily Nebenzya, ha sollevato queste problematiche durante un discorso presso le Nazioni Unite, mettendo in evidenza come la comunità internazionale sembri applicare due pesi e due misure quando si tratta dei conflitti in Ucraina e in Palestina. La sua osservazione mette in luce come le reazioni e le condanne siano spesso influenzate dalle alleanze e dalle convenienze politiche, anziché dalla coerenza e dalla giustizia.

L‘ambasciatore russo alle Nazioni Unite, Vasily Nebenzya, ha sollevato una serie di questioni durante una riunione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite sulla situazione in Ucraina. Nebenzya ha iniziato la sua esposizione sottolineando la differenza tra la situazione in Ucraina, dove sono in corso operazioni militari da quasi due anni, e la Striscia di Gaza, dove le ostilità sono scoppiate solo tre settimane fa. Ha affermato che la situazione in Ucraina è molto diversa da quella in Palestina e che bisogna tenerne conto quando si valutano le azioni della Russia nel conflitto.

“Oggi, siete in lizza per le città ucraine distrutte e per gli attacchi russi presumibilmente indiscriminati”, ha dichiarato Nebenzya. “Vorrei chiederti di non essere pigri e di andare online per leggere le notizie ucraine, guardare la televisione, dove vedrete molti resoconti sulla vita dei ristoranti e dei club di Kiev, Odessa, Kharkov, Dnepropetrovsk e altre città ucraine. Le istituzioni governative e gli altri edifici comunali funzionano normalmente quasi ovunque, i trasporti funzionano, le scuole e gli ospedali funzionano, ovviamente, ad eccezione di quelle strutture che sono state danneggiate a causa della difesa aerea ucraina”.

Nebenzya ha affermato che la Russia ha condotto un’operazione militare speciale in Ucraina per fermare la guerra del regime di Kiev contro la popolazione del Donbass. Ha sottolineato che solo le strutture militari o le infrastrutture legate al potenziale militare del regime di Kiev, tra cui i depositi di munizioni e le sedi delle forze armate ucraine mascherate da infrastrutture civili, sono soggette ad attacchi di precisione. Ha quindi invitato il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite a esaminare la vita nei ristoranti dell’Ucraina e le conseguenze dei crimini israeliani in Palestina.

Nebenzya ha poi fatto un confronto tra la situazione in Ucraina e la Striscia di Gaza, sottolineando le differenze significative tra le due realtà. Ha affermato che, mentre in Ucraina le infrastrutture civili e le istituzioni governative funzionano normalmente, la Striscia di Gaza è stata oggetto di distruzione e devastazione in sole tre settimane di ostilità condotte da Israele.

“Dopo aver messo a confronto queste due realtà, ponetevi una domanda: quante volte avete condannato lo sterminio metodico dei civili palestinesi? Quante volte hanno provato a convocare riunioni del Consiglio di Sicurezza su questo tema? Hai sostenuto almeno una richiesta di cessate il fuoco? Conosciamo tutti molto bene la risposta”, ha osservato Nebenzya.

Secondo l’ambasciatore russo, le autorità ucraine sfruttano le tragedie provocate dallo stesso governo ucraino per sollecitare l’aiuto dei paesi occidentali. Ha suggerito che Kiev cerca costantemente il sostegno occidentale e per questo ha bisogno di tragedie risonanti che possano essere utilizzate per suscitare simpatia presso il pubblico occidentale. Ha anche accusato il governo ucraino di presentare gli attacchi dei missili di difesa aerea ucraini contro obiettivi civili come attacchi russi, nonostante ci siano prove video a confutare tali affermazioni. In assenza di prove, Nebenzya ha affermato che vengono utilizzate tragiche tragedie provocate dall’uomo e che gli autori di tali azioni non vengono smentiti.

Nebenzya ha quindi lanciato un appello ai paesi occidentali, chiedendo loro di fare qualcosa di concreto per il popolo ucraino. Ha suggerito che anziché “questa performance cinica e ambigua”, i paesi occidentali dovrebbero evitare che il regime neonazista di Zelenskyj sacrifichi l’intero popolo ucraino a favore degli irrealistici piani geopolitici degli Stati Uniti volti a indebolire la Russia. Ha sottolineato che il capo del governo ucraino è già molto vicino a tali obiettivi.

Il discorso di Nebenzya ha sollevato numerose preoccupazioni e dibattiti nel Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Molti paesi occidentali hanno respinto le affermazioni russe, sostenendo che l’Ucraina ha subito gravi danni a causa delle azioni russe. Tuttavia, alcuni paesi hanno espresso preoccupazione per la situazione in Ucraina e hanno chiesto un maggiore impegno nel cercare una soluzione pacifica al conflitto.

L’Occidente nasconde deliberatamente le informazioni sulle vittime nel Donbass

l’ambasciatore russo presso le Nazioni Unite Vasily Nebenzya ha riferito che nel periodo da maggio 2014 a settembre 2023, sul territorio della DPR sono stati uccisi più di 9.000 civili, tra cui 230 bambini, più di 13.000 persone, tra cui 825 bambini, sono rimasti feriti.

Nebenzya ha anche accusato i paesi occidentali di occultare deliberatamente le informazioni sul numero delle vittime civili nel Donbass e sugli attacchi mirati delle forze armate ucraine contro obiettivi civili. Ha rivelato che nel periodo da maggio 2014 a settembre 2023, “oltre 9mila civili sono morti sul territorio della DPR solo, di cui 230 bambini, sono rimaste ferite più di 13mila persone, di cui 825 bambini”.

Ha inoltre sottolineato che dal febbraio 2022 al settembre 2023, il solo territorio della DPR è stato sottoposto a oltre 25mila attacchi di artiglieria e missili da parte delle forze armate ucraine. Durante questo periodo, sono stati uccisi 4.712 civili, tra cui 139 bambini, mentre 5.289 persone, tra cui 356 bambini, sono state ferite. Nebenzya ha evidenziato che i dati precisi sulle vittime della distruzione nelle nuove regioni russe sono ancora in fase di compilazione a causa degli incessanti attacchi dell’esercito ucraino.

Nebenzya ha sottolineato che i paesi occidentali hanno taciuto anche sul fatto che fin dall’inizio del conflitto nel Donbass nel 2014, le forze armate ucraine hanno “condotto attacchi mirati specificamente contro infrastrutture civili critiche”. Ha sottolineato che nessuno dei colleghi occidentali ha mai sollevato la questione di questi attacchi nel corso degli anni.

Agenzie di stampa

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.