Home Geopolitica Conflitti globali La Cina vieta l’esportazione di droni in Russia

La Cina vieta l’esportazione di droni in Russia

0
4
drone
drone - da Pexel free foto

Le restrizioni cinesi sull’esportazione di droni senza equipaggio (UAV) stanno causando problemi in Russia, secondo quanto riferito da un articolo di Aigul Abdullina pubblicato sul quotidiano Kommersant.

Le limitazioni introdotte dalla Cina hanno portato a interruzioni nell’approvvigionamento di droni e dei relativi componenti verso la Russia. Queste restrizioni sull’export di UAV imposte dalle autorità cinesi stanno causando notevoli complicazioni nelle consegne alla Russia e stanno causando carenze di alcuni componenti, come le termocamere.

I principali produttori russi di droni hanno fatto uno sforzo per accumulare scorte significative in anticipo, nella speranza che i loro fornitori cinesi possano ottenere le licenze necessarie per esportare in Russia. Tuttavia, il processo di registrazione può richiedere fino a un anno poiché richiede la dimostrazione che i droni non saranno utilizzati a scopi militari.

Alcuni venditori di droni cinesi in Russia stanno cercando di creare canali di importazione alternativi, ma alcuni lamentano che anche il Kazakistan abbia recentemente reso più difficile la procedura di importazione.

Le restrizioni cinesi all’esportazione di droni sono state introdotte il 1° settembre e hanno portato alla sospensione delle forniture di droni e componenti che pesano più di 4 kg. Queste restrizioni includono droni che potrebbero avere applicazioni militari e hanno aumentato il controllo sulle forniture di droni con determinate caratteristiche.

Per esportare attrezzature, i fornitori cinesi devono ottenere una licenza dal Ministero del Commercio cinese e un’autorizzazione doganale, inclusi i dettagli del destinatario finale. Le violazioni di queste licenze possono comportare responsabilità amministrativa e, in casi gravi, penale. Le autorità cinesi vietano l’esportazione di droni per scopi militari, il che ha portato alla sospensione delle forniture di prodotti che non rientrano nelle restrizioni.

Molti produttori di droni russi hanno dichiarato di aver accumulato scorte di componenti in anticipo, ma alcuni lamentano l’aumento dei prezzi a causa delle fluttuazioni dei tassi di cambio.

Alcuni ritengono che l’assemblaggio di droni in Russia richiederà tempo e comporterà costi aggiuntivi. Tuttavia, sperano che la produzione su larga scala di componenti in Russia possa migliorare la situazione.

I negozi in Russia stanno riscontrando una carenza di droni e i prezzi di alcuni modelli sono aumentati notevolmente. Ci sono anche segnalazioni di difficoltà nell’importazione attraverso il Kazakistan a causa di controlli più rigorosi sui prodotti a duplice uso.

Infine, alcune aziende russe sperano di poter ordinare droni da Aliexpress, ma non ci sono garanzie di consegna a causa delle attuali limitazioni.

Le autorità russe hanno negato problemi con componenti di droni provenienti dalla Cina

Secondo il Ministero dell’Industria e del Commercio, i produttori di droni russi non hanno ancora segnalato alcun problema con l’ottenimento di componenti dalla Cina. Un rappresentante del ministero ha indicato che le restrizioni sulle forniture dal 1° settembre 2023 erano note in anticipo. Di conseguenza, i produttori di droni sono stati in grado di accumulare scorte.

In Russia è stata avviata la produzione in serie di motori per droni

L’Associazione scientifica e di produzione (NPO) “Android Technology” lancerà la produzione in serie di motori elettrici per droni russi entro la fine dell’anno, ha affermato il direttore esecutivo dell’azienda Evgeny Dudorov .

reb part 11
SISTEMA JAMMER VOLNOREZ

Sistema di guerra elettronica compatto Volnorez

L’esercito russo ha iniziato a testare il sistema di guerra elettronica compatto Volnorez. Il suo debutto è avvenuto al forum Army 2023. Il sistema è progettato per proteggere i veicoli blindati dai droni d’attacco. Secondo Militarny, in Crimea si stanno effettuando i test del frangiflutti. Innanzitutto, il sistema di guerra elettronica proteggerà l’equipaggiamento nemico dai droni FPV ucraini

Le caratteristiche tecniche dei “jammer” sono tenute segrete. “Breakwater” ha una forma di antenna insolita.
Emettono interferenze radio con uno schema sferico. Le antenne sono in grado di funzionare nella gamma di frequenze 900-3000 MHz.

I droni FPV fatti in casa sono sensibili alle interferenze radio. Se il segnale viene perso, cadono immediatamente a terra.
I droni come il Mavic 3 non si comportano in questo modo. Un quadricottero che ha perso il segnale resta bloccato. Può essere riportato manualmente al luogo di decollo

***

fonte:https://www.kommersant.ru/doc/6223010

NO COMMENTS