La Cina spiega perché si è astenuta nel condannare l’invasione russa

Il ministero degli Esteri cinese ha rilasciato un commento più dettagliato sia sul suo voto all’ONU (astenuto) sia sulla sua posizione sull’Ucraina nel suo insieme.

La Cina durante la sessione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite si è astenuta dal condannare la Russia per la sua invasione dell’Ucraina e dal chiedere il ritiro delle sue truppe. Questo è quello che i media hanno riferito, ma sono andato a leggere la spiegazione dettagliata, ve la propongo insieme al resto dell’intervista con i media.

Hubei Media Group: è stato riferito che il 2 marzo la società di sicurezza Internet denominata 360 ha pubblicato un rapporto sull’attacco informatico indiscriminato lanciato dal gruppo APT-C-40 della National Security Agency degli Stati Uniti negli ultimi dieci anni circa. Il rapporto rivela che la NSA ha utilizzato armi informatiche per lanciare attacchi informatici contro 403 obiettivi in ​​47 paesi e regioni del mondo, tra cui Cina, Regno Unito, Germania, Francia, Polonia, Giappone, India, Repubblica di Corea, Emirati Arabi Uniti, Sud Africa e Brasile. In realtà, 360 ha pubblicato in precedenza un rapporto su APT-C-39 che lavora sotto la US Central Intelligence Agency e ha lanciato attacchi informatici su larga scala alla Cina. Ha qualche commento?

Wang Wenbin: Abbiamo preso atto del rapporto pubblicato da 360. La Cina condanna le attività informatiche dannose esposte nel rapporto. Esortiamo vivamente gli Stati Uniti a fornire una spiegazione e interrompere tali attività. La Cina adotterà le misure necessarie per salvaguardare la sicurezza informatica della Cina e i propri interessi. 

Dal rapporto APT-C-39 di 360 al rapporto di Pangu Lab sugli attacchi informatici degli Stati Uniti contro la Cina pubblicato la scorsa settimana e a quest’ultimo rapporto APT-C-40, mostrano che gli Stati Uniti hanno condotto attacchi informatici su larga scala e sistemici alla Cina per molto tempo. Tali attività hanno gravemente messo in pericolo la sicurezza dell’infrastruttura chiave della Cina, l’abbondanza di dati personali e segreti commerciali e tecnologici e hanno seriamente minato la fiducia reciproca tra Cina e Stati Uniti nel cyberspazio. I rapporti pertinenti rivelano che gli Stati Uniti non hanno rispettato alcuna regola internazionale nel cyberspazio e hanno completamente violato il consenso bilaterale sulla sicurezza informatica raggiunto nel 2015. 

Gli Stati Uniti non hanno rivali nelle attività informatiche dannose. Ironia della sorte, si presenta come una vittima, fuorvia la comunità internazionale e tenta di dominare l’agenda internazionale della sicurezza informatica. Gli Stati Uniti hanno lanciato l’International Counter-Ransomware Initiative, hanno prodotto l’istituzione dell’Alleanza per il futuro di Internet e hanno messo insieme piccole cricche di ogni tipo per discutere della sicurezza della catena di approvvigionamento. Vale la pena notare che gli Stati Uniti hanno recentemente intensificato la cooperazione in materia di sicurezza informatica con i paesi vicini alla Cina, compresi quelli dell’Asia orientale, del sud-est asiatico, dell’Asia meridionale e dell’Asia centrale, in nome del potenziamento delle capacità informatiche. Molti paesi in collaborazione con gli Stati Uniti sono anche bersagli di attacchi informatici statunitensi, secondo una serie di rapporti delle società di sicurezza informatica cinesi.

Il cyberspazio è una patria condivisa per l’umanità e gli attacchi informatici sono una sfida comune affrontata da tutti i paesi. La Cina esorta nuovamente gli Stati Uniti a fermare lo spionaggio informatico e gli attacchi alla Cina e al mondo intero e ad unirsi ad altri per salvaguardare congiuntamente la pace e la sicurezza nel cyberspazio in un atteggiamento responsabile.

China Daily: è stato riferito che la Missione americana presso le Nazioni Unite ha recentemente affermato in una dichiarazione che gli Stati Uniti hanno deciso di espellere 12 diplomatici russi della Missione permanente russa presso le Nazioni Unite che si sono impegnati in “attività di spionaggio avverse alla nostra sicurezza nazionale” in conformità con l’accordo sulla sede delle Nazioni Unite. Ha qualche commento?

Wang Wenbin: La Cina è preoccupata per l’azione degli Stati Uniti e spera che gli Stati Uniti possano fornire una spiegazione dettagliata. In quanto paese ospitante delle Nazioni Unite, gli Stati Uniti dovrebbero attuare di buona volontà l’Accordo sulla sede delle Nazioni Unite e fornire la debita convenienza e facilitazione per il normale adempimento del dovere da parte dei diplomatici degli Stati membri delle Nazioni Unite, invece di abusare della propria capacità di paese ospitante e prendere deliberatamente la decisione unilaterale. 

Bloomberg: Mercoledì, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha votato per condannare la Russia per la sua invasione dell’Ucraina e le ha chiesto di ritirare le sue forze. La Cina si è astenuta da quel voto. Il ministero degli Esteri ha un commento sul motivo per cui la Cina si è astenuta da quel voto?

Wang Wenbin: l’Ambasciatore Zhang Jun, Rappresentante Permanente della Cina presso l’Onu, ha già fatto una dichiarazione di voto. 

La posizione di fondo della Cina sulla questione ucraina è coerente e chiara. Sosteniamo sempre il rispetto per la sovranità e l’integrità territoriale di tutti i paesi e la risoluzione pacifica delle controversie internazionali sulla base degli scopi e dei principi della Carta delle Nazioni Unite. La priorità assoluta in questo momento è alleviare il più possibile la situazione sul campo e impedire che i conflitti si intensifichino o addirittura sfuggano al controllo.

Qualsiasi azione dell’ONU e delle parti interessate dovrebbe dare priorità alla pace e alla stabilità regionali e alla sicurezza universale di tutte le parti. È importante svolgere un ruolo positivo nel raffreddare la situazione e nel facilitare la risoluzione diplomatica. Purtroppo, il progetto di risoluzione sottoposto a questa sessione straordinaria di votazione d’urgenza non è stato oggetto di consultazioni complete all’interno dell’insieme dei membri. Né ha tenuto in piena considerazione la storia e la complessità della crisi attuale. Non ha messo in evidenza l’importanza del principio della sicurezza indivisibile, né l’urgenza di promuovere una soluzione politica e intensificare gli sforzi diplomatici. Questi non sono in linea con la posizione coerente della Cina. Pertanto, la Cina ha dovuto astenersi dal voto. 

Chiediamo alla comunità internazionale di assumere un atteggiamento responsabile e riportare le parti interessate sulla strada della soluzione politica il prima possibile e fare affidamento sul dialogo e sulla consultazione per cercare una soluzione globale della questione ucraina. La Cina è pronta a continuare il suo ruolo costruttivo in questo senso.

W0202203037157559592761

 

Kyodo News: secondo i media di Taiwan, l’ex segretario di Stato americano Mike Pompeo ha incontrato oggi Tsai Ing-wen a Taipei. Ha qualche commento?

Wang Wenbin: Questo atto di Mike Pompeo è semplicemente spudorato e futile. 

Global Times: Il 2 marzo il New York Times ha citato un rapporto dell’intelligence occidentale in cui si affermava che alti funzionari cinesi avevano detto ad alti funzionari russi di non invadere l’Ucraina prima della fine delle Olimpiadi invernali di Pechino. Il rapporto indicava che alti funzionari cinesi avevano un certo livello di conoscenza dei piani russi per le azioni militari. Qual è il suo commento su questo?

Wang Wenbin: Il rapporto del New York Times è una pura fake news. Tale pratica di distogliere l’attenzione e attribuire la colpa è spregevole. I pro e i contro degli sviluppi della questione ucraina sono molto chiari. Il nocciolo della questione è noto a tutti.

I media internazionali hanno recentemente menzionato molte volte che George Kennan, ex ambasciatore degli Stati Uniti in Unione Sovietica, aveva suggerito al governo degli Stati Uniti negli anni ’90 che espandere la NATO fino ai confini della Russia sarebbe stato l’errore più fatale della politica americana. Purtroppo, il governo degli Stati Uniti ha fatto orecchie da mercante a questo. Thomas Friedman, un famoso esperto statunitense di relazioni internazionali, ha scritto in un recente articolo che la decisione sconsiderata degli Stati Uniti di espandere la NATO ha minato le relazioni con la Russia e il governo degli Stati Uniti nei primi anni merita gran parte della colpa. Tulsi Gabbard, ex membro della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, ha affermato che la crisi avrebbe potuto essere risolta e la guerra facilmente evitata se il presidente Biden avesse semplicemente promesso di non accettare l’adesione dell’Ucraina alla NATO. Ma hanno scelto di non farlo.

Coloro che hanno creato il problema dovrebbero essere quelli che lo annullano. Ci auguriamo che i colpevoli della crisi possano riflettere sul loro ruolo nella crisi ucraina. Dovrebbero assumersi seriamente le dovute responsabilità e intraprendere azioni reali per alleviare la situazione e risolvere il problema invece di scaricare la colpa sugli altri.

NHK: Il presidente ucraino ha visitato la Cina nel 2013 e ha firmato una dichiarazione congiunta con la Cina affermando che il governo cinese fornirà garanzie di sicurezza all’Ucraina. Secondo la dichiarazione, la Cina offrirà garanzie di sicurezza rilevanti all’Ucraina quando sarà invasa con l’uso di armi nucleari o minacciata da tale invasione. Ora, il presidente russo Putin ha ordinato alle forze nucleari del Paese di rimanere in massima allerta. Pensa che l’Ucraina stia ora affrontando la minaccia di un’invasione di armi nucleari? Hai qualche risposta a questo? La Cina adotterà misure per proteggere la sicurezza dell’Ucraina?

Wang Wenbin: Secondo documenti come le dichiarazioni rilasciate dagli stati e la risoluzione 984 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, gli stati dotati di armi nucleari forniscono garanzie di sicurezza all’Ucraina e ad altri stati non dotati di armi nucleari. Le garanzie di sicurezza hanno chiare limitazioni sul contenuto e vengono attivate in condizioni specifiche. Sulla questione ucraina, il compito urgente ora è che tutte le parti rimangano calme ed esercitino la moderazione, riducano la situazione e promuovano la soluzione politica.

W0202203037157561474721

 

Shenzhen TV: Secondo un rapporto pubblicato dall’agenzia di stampa statunitense CNBC, il Ministero dell’Interno del Regno Unito ha scoperto che i titolari di visto BNO di Hong Kong hanno affermato che i costi per trasferirsi nel Regno Unito sono stati elevati. Molti professionisti di Hong Kong sono sovraqualificati per nuovi lavori poco qualificati nel Regno Unito. E nella maggior parte dei casi, i titolari di visto BNO non hanno diritto alle prestazioni sociali. Ha qualche commento?

Wang Wenbin: La parte britannica ha manipolato la cosiddetta nuova politica sui passaporti BNO per indurre alcuni residenti di Hong Kong a lasciare la loro casa e diventare “cittadini” britannici di seconda classe i cui diritti e interessi non sono protetti. Credo che le persone abbiano gli occhi chiari sul fatto che il Regno Unito lo abbia fatto per “proteggere” le persone a Hong Kong o per destabilizzare la SAR. 

La Cina ha espresso la sua posizione sulla questione dei passaporti BNO in molte occasioni. La Cina ha annunciato molto tempo fa di non riconoscere i passaporti BNO come documenti di viaggio o di identità validi. I pro ei contro del problema sono abbastanza chiari. La parte britannica, aggrappandosi al suo nostalgico sogno coloniale e rompendo la sua promessa, ha gravemente interferito negli affari interni della Cina e ha gravemente violato il diritto internazionale e le norme fondamentali che regolano le relazioni internazionali. Esprimiamo la nostra forte insoddisfazione e ferma opposizione a questo. 

Esortiamo la parte britannica a smettere di intromettersi negli affari di Hong Kong, altrimenti si spaccherà solo un piede. 

Bloomberg: Il ministero ha aggiornamenti sulle evacuazioni dei cittadini cinesi?

Wang Wenbin: Il governo cinese attribuisce grande importanza alla sicurezza dei cittadini cinesi in Ucraina e tiene sempre a cuore la loro sicurezza. Il consigliere di Stato e ministro degli Esteri Wang Yi ha sottolineato nella sua conversazione telefonica con il suo omologo ucraino che tutti i cittadini cinesi in Ucraina sono inviati dell’amicizia tra Cina e Ucraina e amici del popolo ucraino. Apprezziamo l’apertura di treni speciali per l’evacuazione di cittadini stranieri da parte ucraina, conforme allo spirito umanitario internazionale. Ci auguriamo che la parte ucraina adotti tutte le misure necessarie per garantire la sicurezza dei cittadini cinesi in Ucraina e continui a fornire garanzie e facilitazioni per l’evacuazione dei cittadini cinesi.

Vorrei anche cogliere l’occasione per condividere con voi maggiori informazioni sull’evacuazione dei cittadini cinesi dall’Ucraina. Il ministero degli Esteri sta lavorando con l’ambasciata cinese e il consolato generale in Ucraina per valutare la situazione, considerare vari fattori e possibilità e formulare piani fattibili per garantire l’evacuazione sicura dei cittadini cinesi. Finora, più di 3.000 cittadini cinesi sono stati evacuati in sicurezza nei paesi vicini dell’Ucraina. La Cina ringrazia i paesi interessati per aver facilitato l’ingresso e il soggiorno temporaneo dei cittadini cinesi.

Kyodo News: Il Comitato Paralimpico Internazionale ha appena deciso che gli atleti provenienti da Russia e Bielorussia non gareggeranno ai Giochi Paralimpici di Pechino. Hai qualche commento?

Wang Wenbin: [Per la ripsosta] vorrei indirizzarvi al Comitato Organizzatore di Pechino per i Giochi Olimpici e Paralimpici Invernali del 2022 (BOCOG).

W0202203037157563556581

 

VP News

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.