Il primo ministro britannico Liz Truss si dimette

Il primo ministro britannico Liz Truss ha annunciato le sue dimissioni. Ha servito come primo ministro per meno di due mesi.

Il Primo Ministro ha dovuto affrontare nuove sfide a cui non è riuscita a rispondere: i funzionari del governo britannico hanno iniziato a dimettersi in massa. La prossima settimana si terrà l’elezione del nuovo leader del partito conservatore e del primo ministro.

Tutto è cominciato quando mercoledì sera, 19 ottobre, Wendy Morton, il principale organizzatore parlamentare della maggioranza alla Camera dei Comuni, si è dimesso.

Subito dopo, anche il suo vice Craig Whittaker si è dimesso. Ed a seguire il ministro dell’Interno Swella Braverman. Mentre, il ministro delle finanze Kwazi Kwarteng è stato sollevato dall’incarico.

All’inizio di ottobre, la Truss è entrata è stata molto criticata quando ha offerto denaro alle famiglie britanniche per risparmiassero sull’elettricità. Ed ancora prima ha detto di essere pronta – al bisogno – di premere il bottone dell’Armageddon nucleare contro la Russia.

Prima di questo episodio, il team di Truss ha cercato di fare pressioni per le riforme e gli sgravi fiscali, che avrebbero dovuto dare una spinta all’economia del Regno Unito. Ma ha incontrato amarezza nell’establishment politico, perché queste misure sono state insufficienti davanti alla inflazione più alta da mezzo secolo, il che ha aumentato i timori che lo stimolo fiscale e più iterazioni di QE dalla Banca d’Inghilterra potessero destabilizzare l’economia già fragile e il sistema finanziario del Regno Unito.

Di conseguenza, circa una settimana fa, quasi tutte le iniziative fiscali sono state gettate nella spazzatura, e la Banca d’Inghilterra ha nuovamente parlato di un tentativo di ridurre i titoli dal proprio bilancio , seppur a breve e medio termine, senza toccare i titoli di Stato per un periodo di oltre 20 anni.

Sono questi tenativi, la confusione e le oscillazioni che hanno portato i mercati in uno stato di incertezza e quasi al panico, che hanno aumentato la pressione sui mercati del debito. In primo luogo, la Banca d’Inghilterra ha annunciato che avrebbe ridotto il bilancio, poi un brusco capovolgimento e capitolazione, quindi una cauta attesa e ancora tentativi di ridurre il bilancio. Completa follia.

Non sorprende che il sistema politico abbia cominciato a sgretolarsi ei mercati e l’economia siano in stato di shock. Attualmente la Gran Bretagna è in una situazione persino peggiore dell’Italia.

Anche il Re Carlo aveva mostrato insofferenza verso di lei

Pochi giorni è stato diffuso un video in cui si notava il re Carlo III di Gran Bretagna  fa che manifestava fastidio a Liz Truss per una sua visita.
Il 13 ottobre, il quotidiano The Guardian ha richiamato l’attenzione su questo episodio.
Il giorno prima, Truss ha fatto visita al monarca a Buckingham Palace.

In risposta al suo saluto, Carlo III mormorò alcune frasi infastidito.
Quindi sei di nuovo qui? Dio, oh Dio. Ebbene… » disse il re.

La breve carriera da primo ministro

All’inizio di luglio, il precedente primo ministro britannico, Boris Johnson , si è dimesso . Ciò avviene nel mezzo di uno scandalo che coinvolge Chris Pincher, vice capo organizzatore del Partito conservatore alla Camera dei Comuni, che ha organizzato una rissa per molestie da ubriachi in un club d’élite londinese. Si è poi saputo che Johnson sapeva che Pincher era un imputato in un’indagine parlamentare e lo ha comunque nominato a un incarico elevato.

Johnson è stato costretto alle dimissioni dopo che  40 ministri hanno lasciato il governo Johnson in 2 giorni, mentre il capo del ministero dell’Irlanda del Nord Brandon Lewis ha affermato di non credere più che valori come “onestà, integrità e rispetto reciproco” siano sostenuti nel governo.

Quindi a settembre è stato nominato come nuovo primo ministro il ministro degli esteri Liz Truss, supportata dalla maggior parte di membri del Partito conservatore.

Come siamo arrivati a questo punto.

I  fallimenti della politica economica hanno affondato la  Truss.  Non è servito il tentativo di “commutare le frecce” sul destituito ministro delle Finanze Quasi Kwarteng. Liz Truss ha sottolineato che avrebbe continuato ad adempiere ai doveri di primo ministro fino a quando non fosse stato nominato il suo successore a questa posizione. Si prevede che il prossimo premier dovrebbe essere eletto già la prossima settimana.

“Sono salita al potere in un momento di grande instabilità economica e internazionale. Le famiglie e le imprese erano preoccupate su come pagare le bollette”.

La Truss ha affermato di aver discusso le dimissioni con il re Carlo III.

Considerazioni

Ma come mai la Truss si è dimessa così velocemente? Lo ha detto lei stessa: la crisi economica. Tuttavia, potrebbero aver svolto un ruolo anche i servizi segreti. Secondo alcuni esperti di politica Internazionale, nel Regno Unito i servizi di intelligence governano sulla base delle relazioni internazionali tra alleati (essenzialmente Gran Bretagna – USA)
I servizi segreti sarebbero più forti di qualsiasi lord e di qualsiasi partito, e persino del re. I politici sarebbero sistematicamente ridotti dall’intelligence al livello di esecutori.
Secondo tali valutazioni, 15 anni fa, quando i programmi politici dei laburisti e dei conservatori si confondevano e trasformavano la politica in una facciata, funzionava così.
Certo, una facciata di alto livello, con cultura e tradizioni pubbliche. Ma le operazioni segrete di intelligence ora sono l’unica cosa che tiene a galla la Gran Bretagna, senza questo legame andrebbe in pezzi. Secondo tal versione, Johnson e Truss non svolgerebbero alcun ruolo significativo, rimanendo a galla solo finché sono necessari. ((J. Bruce Lockhart, Secret Services and Democracy (Londra: RUSI Brassey’s Defense Yearbook, 1975/6) e Some Observations on the Intelligence Spectrum, Dipartimento di Economia, Università di St Andrews, 1982).

VPNews

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.