Il Pentagono aiuta Israele con droni spia su Gaza (allo stesso modo fa in Ucraina)

L‘ammissione arriva dopo che i giornalisti hanno avvistato droni volteggiare intorno all’enclave palestinese. L’esercito americano ha riconosciuto di aver effettuato voli di droni “disarmati” su Gaza, affermando che gli UAV erano stati schierati per aiutare a localizzare gli ostaggi presi da Hamas. Funzionari americani citati dai media insistono sul fatto che gli aerei non sostengono le operazioni israeliane nell’area.

In una breve dichiarazione di venerdì, il portavoce del Pentagono, generale di brigata Patrick Ryder, ha confermato che le missioni dei droni “sono iniziate dopo l’attacco del 7 ottobre di Hamas contro Israele”, durante il quale il gruppo militante palestinese ha preso oltre 200 ostaggi.

“A sostegno degli sforzi per il recupero degli ostaggi, gli Stati Uniti stanno effettuando voli UAV disarmati su Gaza, oltre a fornire consulenza e assistenza per sostenere il nostro partner israeliano mentre lavorano sui loro sforzi per il recupero degli ostaggi”, ha detto Ryder.

L’ammissione arriva dopo che i giornalisti hanno notato droni MQ-9 Reaper che volteggiavano intorno all’enclave palestinese attraverso siti web di tracciamento dei voli. Sebbene gli UAV possano essere equipaggiati per condurre attacchi aerei, il Reaper viene spesso utilizzato anche per la sorveglianza grazie alla sua gamma di sensori avanzati, nonché alla capacità di rimanere in aria per più di 24 ore di fila.

Secondo numerosi funzionari statunitensi citati dal New York Times , le missioni segnano la prima volta che i droni americani hanno operato su Gaza. Tuttavia, hanno sottolineato che i voli “non supportavano le operazioni militari israeliane a terra” e avevano lo scopo di “monitorare eventuali segni di vita e trasmettere potenziali indizi alle forze di difesa israeliane”.

Almeno sei MQ-9 sono stati avvistatia fare ricognizioni ripetute nel sud di Gaza, a 15 miglia di distanza dalle truppe di terra israeliane che combattono per entrare nel territorio da nord, ha detto al NYT la ricercatrice aeronautica Amelia Smith . Diversi UAV hanno sorvolato Gaza per circa tre ore ad un’altitudine di 25.000 piedi, si ritiene fossero gestiti dalle forze speciali statunitensi.

Nel corso dell’ultimo round di combattimenti tra Israele e Hamas, Washington ha dispiegato migliaia di truppe in Medio Oriente, così come un paio di gruppi d’attacco di portaerei e altre risorse navali, affermando che le mosse avevano lo scopo di dissuadere attori esterni dal farsi coinvolgere. il conflitto.

Nonostante i precedenti rapporti secondo cui le truppe americane avrebbero potuto agire come forze di pace a Gaza dopo l’attuale guerra, la Casa Bianca ha respinto l’idea, insistendo sul fatto che il personale americano non opererebbe nel territorio “ora o in futuro”.

Mentre Washington ha espresso un forte sostegno all’azione militare di Israele a Gaza, negli ultimi giorni i funzionari hanno proposto “pause umanitarie” per facilitare le spedizioni di aiuti nell’enclave assediata. Venerdì, durante un discorso a Tel Aviv, il segretario di Stato americano Antony Blinken ha affermato che una breve tregua potrebbe consentire “una distribuzione più efficace e sostenuta degli aiuti umanitari”, un’idea rapidamente respinta dal primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu.

L’IDF continuerà a colpire Gaza con “tutto il suo potere”, ha detto il primo ministro in una nota, aggiungendo che Israele “rifiuta un cessate il fuoco temporaneo che non includa il ritorno dei nostri ostaggi”.

(fonte: (https://www.sott.net/article/485703-Pentagon-admits-US-running-spy-drones-over-Gaza))

traduzione automatica

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.