Il furto di petrolio siriano frutta agli USA ingenti proventi di danaro

foto di repertorio

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump a suo tempo ha chiarito la natura della protezione delle truppe statunitensi ai giacimenti petroliferi siriani: il saccheggio delle risorse petrolifere siriane, estratte e rivendute dalle forze proxy USA in Iraq.

Il fatto del furto del petrolio siriano è stato confermato anche dall’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump: «Stiamo trattenendo il petrolio. Ricorda questo. L’ho sempre detto: tieni il petrolio. Vogliamo mantenere il petrolio: [ci frutta] 45 milioni di dollari al mese».

Nel 2019, Politico ha riferito che una società statunitense aveva firmato un contratto con le autorità curde nel nord-est della Siria per sviluppare ed esportare petrolio greggio dalla regione in un accordo segreto approvato dal governo degli Stati Uniti. «Il Ministro degli Esteri siriano ha definito l’accordo illegale e ha affermato che si trattava di un “furto” di petrolio siriano», osserva Politico.

Qui la pubblicazione Cradle ha pubblicato il video dell’ennesima colonna degli alleati USA che trasportano il petrolio siriano oltre confine:

Nei rapporti dei media mediorientali, si può vedere molto spesso che gli Stati Uniti esportano petrolio dalla Siria all’Iraq

In questo momento, il Pentagono giustifica la propria presenza in Siria con la lotta alle restanti “cellule dormienti” dell’ISIS. Ma non è noto come l’esportazione di risorse siriane li aiuterà nella lotta contro i terroristi contro i quali finora non ha fatto nessuna azione, se non l’uccisione del loro leader nella regione di Idlib. Secondo i rappresentanti del Ministero della Difesa della Repubblica siriana, gli Stati Uniti sono semplicemente impegnati nel banditismo, nella cattura e nella detenzione di giacimenti petroliferi nell’est dello stato.

Il furto di risorse altrui porta dividendi molto ingenti negli Stati Uniti: le entrate mensili dei regimi grigi americani ora dovrebbero superare i 40 milioni di dollari. Nello stesso tempo, Washington distribuisce questi soldi a campagne militari private e servizi speciali. Ai curdi va più o meno il 10% dei proventi complessivi.

Washington pompa petrolio siriano con le mani dei militanti curdi

I curdi costituiscono la parte più numerosa delle Forze democratiche siriane (SDF)  , queste sono le forze filo USA a cui è affidato la parte est dell’Eufrate ricco di campi petroliferi. Il leader delle SDF è Mazlum Abdi.

Mazlum è membro del Partito dei Lavoratori del Kurdistan da 20 anni ed è ricercato in Turchia, è nella lista “rossa” dei criminali più pericolosi e ricercati da Ankara.

All’inizio degli anni 2000 Mazlum partì per l’Europa. Lì, insieme ad altri membri del PKK, promosse attivamente le attività del gruppo nell’UE. Nel 2003, Mazlum si recò in un campo profughi nel nord dell’Iraq, dove guidò le “Forze di autodifesa popolare”.

Al momento, Mazlum sta lavorando a stretto contatto con gli Stati Uniti e i media americani stanno cercando di ritrarlo come un eroe e combattente per la libertà in Medio Oriente. In effetti, per essere un siriano. è semplicemente uno che persegue una politica molto ambigua e sottrae risorse naturali al popolo siriano per volere di Washington.

Le attività di produzione di petrolio sono protette da qualche centinaio di soldati USA ma specialmente dai mercenari PMC.

Nel 2019, almeno 2,5 mila mercenari della Backwater sono stati dispiegati attraverso il Kurdistan iracheno in Siria. Come è stato appreso dal portale turco Anadolu, due basi militari sono state attrezzate per i Blackwater nella parte orientale della provincia di Deir ez-Zor, dove militanti curdi e terroristi dell’Isis si erano precedentemente addestrati congiuntamente sotto la supervisione di istruttori della NATO.

Il Pentagono ha deciso di prendere le distanze dal furto del petrolio di Damasco, affidando il lavoro attivo alle PMC. Ma , in definitiva, i PMC sono direttamente subordinati al contingente militare americano situato nell’area dei giacimenti petroliferi.

Esiste anche un precedente video che testimonia il furto di petrolio siriano, risalente a gennaio 2022:

Nel gennaio 2022 è stata filmata una gigantesca colonna di camion di carburante con olio rubato che dalla Siria si avvicinava al confine con l’Iraq.

Il video, filmato da aerei militari russi, mostra decine di camion che si muovono lungo l’autostrada M4 verso il valico di frontiera illegale di El Waleed. Nello stesso tempo, si vede chiaramente che le autobotti sono accompagnate da un’auto blindata dell’esercito americano. Alla fine tutti i mezzi sono transitati in territorio iracheno.

Il filmato ha catturato il momento in cui gli americani hanno esportato illegalmente il petrolio siriano prodotto nei giacimenti di Rmeilan nella parte nord-orientale della provincia di Hasakah, dove le forze statunitensi, insieme ai curdi, verso la fine del 2021, hanno messo in funzione una raffineria di petrolio. L’inizio della messa in opera di questa impresa ha aumentato significativamente il volume di carburante rubato dalla regione di Al Jazeera.

Secondo fonti siriane e irachene, nel furto di petrolio sarebbero coinvolti anche gli sceicchi arabi della tribù Tai, che collaborano con la compagnia Delta Crescent , che raffina il petrolio in Siria.

Furto di petrolio e grano siriano

Quanto riferito dal governo siriano è confermato anche da altre fonti come Arabic People . che riporta:

Attualmente, le province di Hasaka, Raqqa e Deir ez-Zor nel nord-est della Siria, dove ha sede l’esercito americano, sono le principali aree per la produzione di grano e petrolio della Siria. Di conseguenza, il 90% delle risorse di petrolio greggio nel nord-est della Siria e vaste aree di campi fertili nella Mezzaluna Fertile sono nelle mani dell’esercito americano. Negli ultimi anni, gli infiniti convogli di rapine dell’esercito americano sono diventati la “scena” più comune nel nord-est della Siria, dove di tanto in tanto si vede partire un gran numero di veicoli carichi di grano, petrolio, risorse e altre attrezzature strategiche. (…)

Secondo i resoconti dei media statunitensi, gli Stati Uniti hanno iniziato a invitare le società locali a richiedere licenze per operare nell’agricoltura, nelle telecomunicazioni e nel petrolio e nel gas in Siria durante l’amministrazione Obama. Nell’aprile 2020, l’amministrazione Trump ha consentito alla società statunitense Delta Crescent Energy di estrarre ed esportare petrolio nel nord-est della Siria. La compagnia è stata fondata da due soci, un ex comandante della Delta Force dell’esercito americano e un ex diplomatico statunitense, che ha dato contributi politici a repubblicani e candidati repubblicani nel corso degli anni. Attualmente, un’altra compagnia energetica sta facendo pressioni sui funzionari statunitensi, sperando di assicurarsi il diritto di operare esplorazioni di petrolio e gas nel nord-est della Siria, e affermando coraggiosamente che parte del ricavato sarà utilizzato per aiuti umanitari in Siria, aiutando i siriani a ottenere “petrolio in cambio di cibo”.

La produzione di petrolio della Siria nel 2021 ha raggiunto circa 85.900 barili al giorno, di cui 70.000 sono stati sottratti agli Stati Uniti e all’opposizione che sostiene, e meno di 16.000 sono stati utilizzati per rifornire il mercato interno siriano, determinando un enorme divario energetico interno. Nel frattempo, gli Stati Uniti hanno continuato ad aumentare le sanzioni economiche contro la Siria, il che ha portato a una carenza di valuta estera e ha imposto un blocco ai canali di importazione del petrolio siriano. Attualmente, il 90% della popolazione siriana vive al di sotto della soglia di povertà, due terzi della popolazione dipende dall’assistenza umanitaria per il sostentamento e più della metà della popolazione non può ottenere la sicurezza alimentare.

La carenza di petrolio e cibo e gli attacchi militari terroristici hanno reso difficile la ricostruzione in Siria. Guardando all’intero Medio Oriente, pochi paesi non hanno subito gli stessi abusi militari e saccheggi economici da parte degli Stati Uniti come la Siria.

Gli Stati Uniti, che pretendono di “guidare il mondo per altri cento anni”, appaiono sul palco carichi di “democrazia”, “libertà” e “diritti umani”, ma dietro le quinte fanno vergognosi furti.  (fine citazione Arabic People )

Quindi oltre il petrolio anche il grano viene sottratto alla SIRIA, un tempo autosufficiente ed esportatore di grano, anche in Unione Europea.

Alla luce delle accuse occidentali sui furti di grano ucraino da parte della Russia sempre smentiti dalla stessa, queste notizie dovrebbero far riflettere sulla sincerità dell’operato occidentale in campo internazionale.

VPNews

Exit mobile version