Non usciremo dalla spirale del debito finché le soluzioni sono create con la stessa mentalità di chi l’ha generata

Date:

Attualmente la mole di derivati in circolazione ha raggiunto l’incredibile somma di 2,2 milioni di miliardi di euro, pari a 33 volte il prodotto interno lordo globale. Ecco la traduzione di alcuni estratti dal libro: “The Web of Debt” di Ellen Hodgson Brown, JD:

INTRODUZIONE ALLA TRAPPOLA DEL DEBITO DEL RAGNO

Il presidente Andrew Jackson ha definito il cartello bancario “un mostro senza testa che divora la carne dell’uomo comune“. Il sindaco di New York John Hylan, scrivendo nel 1920, lo definì una “piovra gigantesca” che “afferra con i suoi lunghi e potenti tentacoli i nostri superiori, i nostri corpi legislativi, le nostre scuole, i nostri tribunali, i nostri giornali e ogni agenzia creata per la protezione del mondo“. persone.” Il ragno del debito ha divorato fattorie, case e interi paesi intrappolati nella sua rete. In un articolo intitolato “La morte del settore bancario” nel febbraio 2005, il commentatore finanziario Hans Schicht scrisse:

Il fatto che il banchiere abbia la capacità di concedere più volte credito con lo stesso capitale, il fatto che ai cartelli bancari, alle banche centrali, sia consentito emettere moneta fresca in cambio di titoli di Stato, [ha] assicurato loro un pasto gratis per l’eternità . . . . Attraverso una rete finanziaria anonima, solo una manciata di re banchieri globali possiede e controlla tutto. . . . Tutti, persone, imprese, governi e paesi stranieri, tutti sono diventati schiavi incatenati alle corde del credito bancario.

Schicht scrive che nella sua carriera ha avuto l’opportunità di osservare i maghi dell’economia dall’interno e da vicino. Il gioco, dice, è diventato così centralizzato e concentrato che la maggior parte delle banche e delle imprese americane sono ora sotto il controllo di una ristretta cerchia ristretta di uomini. Chiama il gioco “la tessitura del ragno”. Le sue regole includono:

* Nascondere qualsiasi concentrazione di ricchezza.
* Esercitare il controllo attraverso la “leva finanziaria” – fusioni, acquisizioni, partecipazioni a catena in cui una società possiede azioni di altre società, condizioni legate ai prestiti e così via.
* Esercitare una rigorosa gestione e controllo personale, con un numero minimo di interni e un numero minimo di esterni che abbiano una conoscenza parziale del gioco.

Il defunto Dott. Carroll Quigley è stato un autore e professore di storia alla Georgetown University, dove ha fatto da mentore al presidente Bill Clinton. Dott. Quigley scriveva per conoscenza personale di una cabala di finanzieri globali “d’élite” intenzionati a controllare il mondo. Il loro obiettivo, ha detto, è “nient’altro che creare un sistema globale di controllo economico nelle mani di privati, in grado di controllare il sistema politico di ciascun paese e l’economia del mondo nel suo insieme”. Questo sistema sarebbe “controllato in modo feudale dalle banche centrali del mondo che agiscono di concerto, mediante accordi segreti”. Chiamò questa cricca semplicemente “banchieri internazionali”. Il problema per loro non era la razza, la religione o la nazionalità, ma la passione di controllare le altre persone. La chiave del loro successo era che avrebbero controllato e manipolato il sistema economico di uno stato facendo sembrare che fosse il governo a controllarlo .

Oltre a controllare l’offerta di moneta, i banchieri internazionali hanno realizzato qualcosa di più. Oggi in realtà creano l’offerta di moneta, lasciando intendere che sia il governo a crearla. Questo schema fraudolento fu smascherato da Sir Josiah Stamp, direttore della Banca d’Inghilterra e secondo uomo più ricco della Gran Bretagna negli anni 20. Parlando all’Università del Texas nel 1927, sganciò la bomba:

il 
moderno sistema bancario produce denaro dal nulla . Il processo è forse il pezzo di giocoleria più sorprendente mai inventato. Il sistema bancario è stato progettato nella disuguaglianza ed è nato nel peccato. . . . I banchieri possiedono la terra . Prendilo da loro ma dai loro il potere di creare denaro e con un semplice tocco di matita creeranno abbastanza denaro per ricomprarlo di nuovo. . . . Togliete loro quel grande potere e tutte le ricchezze come la mia scompariranno, perché allora questo sarà un mondo migliore e più felice in cui vivere. . . Ma se vuoi continuare a essere schiavo dei banchieri e pagare il costo della tua schiavitù, allora lascia che i banchieri continuino a creare moneta e a controllare il credito .

Il professor Henry Liu CK è un economista laureato ad Harvard e ha presieduto un dipartimento di specializzazione presso l’UCLA prima di diventare consulente per gli investimenti nei paesi in via di sviluppo. Definisce l’attuale sistema monetario una “farsa disumana”. Quando realizzeremo questo fatto, dice, la nostra intera visione economica del mondo dovrà essere ridefinita, “proprio come la fisica ha subito una revisione quando la visione del mondo dell’uomo è cambiata con la consapevolezza che la terra non è fissa né è il centro dell’universo”. Lo svantaggio è che essenzialmente non esiste denaro “reale” nel sistema, ma solo debito. A parte la valuta emessa dal governo, che rappresenta solo un millesimo del denaro disponibile, l’intera offerta monetaria degli Stati Uniti è ora costituita da debiti dovuti alle banche private, per il denaro da loro creato tramite le registrazioni contabili sui loro libri contabili . Tutto è destreggiato e, come nel trucco di un mago, dobbiamo vederlo più volte per renderci conto di cosa sta succedendo. Ma quando lo facciamo, tutto cambia. Tutta la storia deve essere riscritta.

I capitoli successivi ripercorrono la rete di bugie che ci ha portato all’indebitamento e presentano una soluzione semplice che potrebbe rendere nuovamente solvibile il Paese. Non è una soluzione nuova ma risale alla Costituzione: il potere di creare moneta deve essere restituito al governo e al popolo che rappresenta. Il debito nazionale potrebbe essere ripagato, le imposte sul reddito potrebbero essere eliminate e i programmi sociali potrebbero essere ampliati. E tutto ciò potrebbe essere fatto senza imporre misure di austerità alle persone o alimentare un’inflazione incontrollabile. Per quanto utopico possa sembrare, rappresenta il pensiero degli americani più brillanti e migliori, del passato e del presente, come Abraham Lincoln, Thomas Jefferson e Benjamin Franklin. Altri fatti importanti esplorati in questo libro sono:

* La Banca “Federale” non è realmente federale. È una società privata di proprietà di un consorzio di grandi banche multinazionali. (Capitolo 13)
* Ad eccezione delle monete, il governo non crea moneta. Le banconote da un dollaro (banconote della Federal Reserve) sono create dalla Federal Reserve, di proprietà privata, che le presta alle banche, che a loro volta le prestano ai governi, agli individui e al mondo degli affari. (Capitolo 2)
* La valuta fisica (monete e banconote da un dollaro) costituisce meno del 3% dell’offerta monetaria statunitense. Il restante 97% esiste solo sotto forma di inserimento dati sugli schermi dei computer, e tutto questo denaro è stato creato dalle banche sotto forma di prestiti. (Capitoli 2 e 17)
* Il denaro prestato dalle banche non viene riciclato dai depositi preesistenti. Si tratta di nuova moneta che non esisteva fino al momento della creazione del prestito. (Capitoli 17 e 18)
* Il trenta per cento del denaro creato dalle banche con le scritture contabili, viene investito sui conti delle banche . (Capitolo 18)
* Il sistema bancario americano, che un tempo promuoveva prestiti produttivi all’agricoltura e all’industria, è oggi diventato una gigantesca macchina da scommesse. Si stima che circa 370mila miliardi di dollari siano investiti su scommesse complesse e ad alto rischio note come derivati: 28 volte i 13mila miliardi di dollari di produzione annua dell’intera economia statunitense. Queste scommesse sono sponsorizzate dalle principali banche statunitensi e sono per lo più effettuate con denaro preso in prestito creato sullo schermo di un computer. I derivati ​​possono e sono stati utilizzati per manipolare i mercati, acquisire imprese e distruggere le economie rivali. (Capitoli 20 e 32)
* Il debito federale degli Stati Uniti non veniva ripagato dai tempi di Andrew Jackson. Vengono pagati solo gli interessi, mentre il capitale continua a crescere. (Capitolo 2)
*
 L’imposta federale sul reddito è stata creata appositamente per obbligare i contribuenti a pagare gli interessi sul debito nazionale dovuto alle banche. Se l’offerta di moneta fosse creata dal governo, invece di essere presa in prestito dalle banche che l’hanno creata, l’imposta sul reddito non sarebbe necessaria. (Capitoli 13 e 43)
*Il debito federale presto sarà superiore a quanto i contribuenti potranno pagare. Quando non possiamo pagare, il sistema della Federal Reserve basato sul debito crolla. (Capitolo 29)
* Contrariamente alla credenza popolare, l’inflazione progressiva non è causata dalla stampa irresponsabile di dollari da parte del governo. È causato dalle banche che espandono l’offerta di moneta con i prestiti. (Capitolo 10)
* La maggior parte dell’inflazione galoppante osservata nelle “democrazie delle banane” è stata causata non dai governi nazionali che stampano denaro per i bisogni dello stato, ma da istituzioni speculative internazionali che attaccano le valute locali e le svalutano sui mercati internazionali. (Capitolo 25)
* Lo stesso tipo di svalutazione speculativa potrebbe accadere al dollaro USA se gli investitori internazionali volessero abbandonarlo come valuta di “riserva” globale, cosa che ora minacciano di fare come ritorsione per quello che vedono come imperialismo economico statunitense. (Capitoli 29 e 37)
* C’è una via d’uscita da questo pantano. Lo hanno stabilito i primi coloni americani e lo stesso hanno fatto Abraham Lincoln e alcuni altri leader nazionali: il governo può riprendere il potere di emettere moneta dalle banche. (Capitoli 8 e 24)

Le banconote della Federal Reserve e le monete governative dei banchieri rappresentano due sistemi monetari separati che hanno gareggiato per il dominio nel corso della storia documentata. Un tempo, il diritto di emettere moneta era un diritto sovrano del re, ma questo diritto fu usurpato dai prestatori privati. Oggi chi governa è il popolo e le monete che costituiscono meno di un millesimo del denaro disponibile sono tutto ciò che ci resta. Molti paesi hanno emesso con successo la propria moneta, almeno per un certo periodo, ma il denaro del debito bancario generalmente è penetrato nel sistema e alla fine ha prevalso. Questi concetti sono talmente estranei a ciò che ci è stato insegnato e difficili da comprendere ma i fatti sono stati documentati da molte autorità attendibili. Per dirne alcuni –

Robert H. Hemphill, direttore del credito presso la Federal Reserve Bank di Atlanta, scrisse nel 1934:

Dipendiamo completamente dalle banche commerciali. Qualcuno deve prendere in prestito ogni dollaro che abbiamo in circolazione, in contanti o in credito . Se le banche creano abbondanza di denaro sintetico, prospereremo. Altrimenti moriremo di fame. Esistiamo senza alcun sistema monetario permanente . Quando si coglie il quadro completo, la tragica assurdità della nostra posizione senza speranza è quasi incredibile, ma è così. Questo è l’argomento più importante su cui le persone intelligenti devono ricercare e riflettere .

Graham Towers, governatore della Banca del Canada dal 1935 al 1955, ha confessato:

Le banche creano moneta. Ecco perché esistono. . . . Il processo di generazione del denaro consiste in una registrazione in un registro. È tutto. . . . Ogni volta che una banca concede un prestito. . . viene creato nuovo credito bancario – – denaro nuovo di zecca .

Robert B. Anderson, Segretario del Tesoro sotto Eisenhower, dichiarò in un’intervista riportata nel numero del 31 agosto 1959 di U.S. News and World Report:

Quando una banca chiede un prestito, l’importo del prestito viene semplicemente aggiunto al conto di deposito del mutuatario presso la banca. Il denaro non è stato prelevato dal conto di deposito di qualcun altro, non è stato precedentemente pagato da qualcuno alla banca. Si tratta di nuovo denaro, creato dalla banca ad uso del mutuatario.

Michel Chossudovsky, professore di economia all’Università di Ottawa, scrisse durante la crisi valutaria asiatica del 1998:

Le riserve monetarie nelle mani degli “speculatori istituzionali” superano di gran lunga le capacità limitate delle banche centrali del mondo. Questi ultimi, agendo individualmente o collettivamente, non sono più in grado di contrastare l’ondata di attività a scopo di lucro. La politica monetaria è nelle mani dei creditori privati, che hanno la capacità di congelare i bilanci pubblici, paralizzare il processo di pagamento, frustrare l’esborso di salari a milioni di lavoratori (come nell’ex Unione Sovietica), e accelerare il collasso del sistema produttivo e sociale. programmi .

Oggi, le banconote della Federal Reserve e i prestiti in dollari USA dominano l’economia mondiale. Ma questa valuta internazionale non è denaro emesso dal popolo americano o dal suo governo. Si tratta di denaro creato e offerto da un cartello privato di banchieri internazionali, e quel cartello ha intrappolato irrimediabilmente gli stessi Stati Uniti in una rete di debiti. Nel 2006, il debito totale personale, aziendale e federale negli Stati Uniti aveva raggiunto l’incredibile cifra di 44mila miliardi di dollari – quattro volte il reddito nazionale collettivo, ovvero 147.312 dollari per ogni uomo, donna e bambino del paese. Gli Stati Uniti sono legalmente in bancarotta. Il fallimento è definito nel dizionario come l’incapacità di qualcuno di pagare i propri debiti, è insolvente o le sue passività superano il valore equo di mercato delle sue attività. Nell’ottobre del 2006, il debito pubblico degli Stati Uniti aveva raggiunto la straziante cifra di 8,5 trilioni di dollari. I governi locali, statali e nazionali sono tutti così indebitati che sono stati costretti a vendere i loro beni pubblici per soddisfare i creditori. Scuole sovraffollate, strade congestionate e tagli ai trasporti pubblici stanno erodendo la qualità della vita americana. Un rapporto del 2005 dell’American Society of Civil Engineers ha generalmente valutato le infrastrutture del paese come C, comprese strade, ponti, sistemi di acqua potabile e altri lavori pubblici. “Gli americani trascorrono più tempo bloccati nel traffico e meno tempo a casa con le loro famiglie”, ha detto il presidente del gruppo. “Dobbiamo mettere in atto un piano infrastrutturale globale e a lungo termine.” Dovremmo, ma non possiamo perché il governo è in bancarotta a tutti i livelli.

Soldi nella terra di Oz.

Se i governi di tutto il mondo sono in debito, verso chi sono in debito? La risposta è che devono soldi alle banche private. La “battuta dura” è che i governi sono debitori del denaro che è stato creato sullo schermo di un computer, denaro che avrebbero potuto creare da soli. Questo grande potere destreggiato da una piccola cabala di uomini che tirano le fila del governo dietro le quinte richiama alla mente le immagini del Mago di Oz, una classica fiaba americana che è diventata una ricca fonte di immagini per i commentatori economici. L’editore Christopher Mark ha scritto in una serie intitolata “The Great Deception”:

Benvenuti nel mondo del banchiere internazionale che, proprio come nel famoso film Il mago di Oz, sta dietro il sipario di politici nazionali e internazionali orchestrati e dei cosiddetti leader eletti.

Il defunto Murray Rothbard, un economista della scuola classica austriaca, scrisse:

Il denaro e il sistema bancario appaiono come processi misteriosi e arcani che devono essere guidati e gestiti da un’élite tecnocratica. Ma non è così. Quando si tratta di soldi, molto più che nel resto dei nostri affari, siamo stati ingannati da un maligno Mago di Oz .

In un articolo del 2002 intitolato: “Chi controlla la Federal Reserve”, Victor Thorn scrisse:

In sostanza, il denaro non è altro che un’illusione – – una forma o un importo elettronico sullo schermo di un computer…. Col passare del tempo, abbiamo una tendenza crescente a essere trascinati nel vortice di questo irreale Mago di Oz da sacerdoti stregoni che usano l’illusione del denaro come meccanismo di controllo .

James Galbraith ha scritto in The New American Prospect:

Siamo rimasti. . . pensando che il Consiglio della Federal Reserve non sappia cosa sta facendo. Questa è la teoria del “Mago di Oz”, in cui scostiamo le tende solo per trovare un vecchio con la faccia rugosa che armeggia con le luci e gli altoparlanti.

Le analogie con il Mago di Oz si applicano per un motivo. Secondo i commentatori più recenti, la storia è stata in realtà scritta come un’allegoria monetaria, in un’epoca in cui la “questione monetaria” era una questione chiave nella politica americana. Nel 1890, i politici discutevano ancora animatamente su chi avrebbe dovuto creare la moneta statale e in cosa dovesse consistere. Dovrebbero essere creati dal governo, con piena responsabilità nei confronti dei cittadini? Oppure dovrebbero essere creati dalle banche private a porte chiuse, per i propri interessi privati?

William Jennings Bryan, il candidato popolare alla presidenza nel 1896 e di nuovo nel 1900, lanciò l’ultima seria sfida al diritto dei banchieri privati ​​di creare l’offerta di moneta nazionale. Secondo i commentatori, Bryan ha rappresentato il Leone Codardo nel libro di Frank Baum del 1900 Il meraviglioso mago di Oz. Il leone dimostrò finalmente di essere il re degli animali quando decapitò un ragno gigante che stava terrorizzando tutti nella foresta. Il gigantesco ragno che Bryan sfidò all’inizio del ventesimo secolo fu il cartello bancario Morgan/Rockefeller, deciso a usurpare il potere dal popolo e dal suo governo per creare la moneta nazionale.

Prima della Prima Guerra Mondiale, due sistemi opposti di economia politica gareggiavano per il dominio negli Stati Uniti. Uno operava a Wall Street, il quartiere finanziario di New York divenuto il simbolo dell’economia americana. Il suo indirizzo più importante era 23 Wall Street, conosciuto come “la Casa di Morgan”. JP Morgan era un rappresentante dei potenti interessi bancari britannici. I maghi di Wall Street e i vecchi banchieri che ne tiravano le fila cercarono di creare una valuta nazionale basata sul “gold standard”, uno standard creato dall’élite finanziaria privata che controllava l’oro. L’altro sistema risale ai tempi di Benjamin Franklin e operava da Filadelfia, la prima capitale della nazione, dove si era tenuta la Convenzione Costituzionale. La Society for Political Inquiries di Franklin pianificò l’industrializzazione e le opere pubbliche che avrebbero liberato il nuovo stato dalla schiavitù economica in Inghilterra. Il gruppo di Filadelfia desiderava il modello bancario istituito nella provincia della Pennsylvania, dove un ufficio statale di prestito emetteva e prestava denaro, raccoglieva gli interessi e li restituiva al governo provinciale per essere utilizzato al posto delle tasse . Il presidente Abraham Lincoln durante la Guerra Civile ritornò al sistema coloniale dove il denaro veniva emesso dal governo ma fu assassinato ed i banchieri ripresero il controllo della macchina da soldi. Il colpo di stato silenzioso del gruppo di Wall Street culminò con l’approvazione del Federal Reserve Act del 1913, che fu portato a termine inducendo Bryan e altri uomini diffidenti al Congresso a pensare che la Federal Reserve fosse effettivamente federale.

Oggi il dibattito su chi dovrebbe creare l’offerta di moneta nazionale è raramente ascoltato, soprattutto perché poche persone si rendono conto che questo è un problema. Politici ed economisti, insieme a tutti gli altri, danno semplicemente per scontato che il denaro sia creato dal governo e che l’”inflazione” di cui tutti si lamentano sia causata da un governo fuori controllo che gestisce le macchine da stampa del dollaro. I burattinai che lavoravano con la macchina da soldi erano più visibili nel 1890 di quanto lo siano oggi, soprattutto perché non erano ancora riusciti a comprare i media e a monopolizzare l’opinione pubblica.

La finanza è un argomento banale e tabù che è stato deliberatamente reso complicato dagli interessi bancari con l’intento di oscurare ciò che sta realmente accadendo. È un argomento che ha assolutamente bisogno di illuminare con immagini, metafore, personaggi e trama. Quindi, prima di entrare nei dettagli essenziali del moderno sistema monetario basato sul debito, facciamo un viaggio indietro nel tempo, in un periodo più semplice, quando le questioni legate al denaro erano più importanti e oggetto di accesi dibattiti. La trama del Mago di Oz viene fatta risalire alla prima marcia su Washington del 1894, guidata da un invisibile uomo d’affari dell’Ohio che cercò di convincere il Congresso a ritornare al sistema di Lincoln di emissione di denaro governativo. Oltre a scatenare un secolo di marce di protesta e la favola più famosa del paese, questo visionario sconosciuto e la banda di disoccupati da lui guidati potrebbero aver effettivamente avuto la soluzione a ogni problema finanziario, allora e adesso. . .

Fonte: . Rete di debiti

Patrizio Riccihttps://www.vietatoparlare.it
Con esperienza in testate come il Sussidiario, Cultura Cattolica, la Croce, LPLNews e con un passato da militare di carriera, mi dedico alla politica internazionale, concentrandomi sui conflitti globali. Ho contribuito significativamente all'associazione di blogger cristiani Samizdatonline e sono socio fondatore del "Coordinamento per la pace in Siria", un'entità che promuove la pace nella regione attraverso azioni di sensibilizzazione e giudizio ed anche iniziative politiche e aiuti diretti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

More like this
Related

Esperto georgiano sugli incidenti occorsi a leader ‘problematici’ per le potenze occidentali

In una interessante analisi il Direttore generale e redattore...

Mentre l’occidente protegge l’Ucraina, la SBU si vanta dei suoi crimini

Il Ministero degli Affari Esteri ha ufficialmente chiesto a...
Exit mobile version