Nuove sanzioni contro la Russia per neutralizzarla (e utilizzare il conflitto per imporre un nuovo ordine mondiale)

Date:

La serie di sanzioni appena decise dal Tesoro USA è stata implementata contro specifici individui e organizzazioni russe, le quali sembrano essere state preparate in anticipo rispetto alla morte di Navalny. Quest’ultima, divenuta un catalizzatore, sembra servire da pretesto per intensificare le tensioni.

Indipendentemente dall’interpretazione, la scomparsa di Navalny ha suscitato reazioni di insolita severità, in netto contrasto con la relativa impunità con cui vengono trattati gli omicidi mirati in Siria e in Iraq da parte di USA e Israele, e gli attacchi contro i palestinesi.

In questo contesto, in cui si alimenta la violenza e si creano divisioni anziché cercare di mitigarle, la morte di Navalny – ancora sotto indagine – appare come il pretesto per un ulteriore distanziamento della Russia sulla scena internazionale.

Tuttavia, nel contesto attuale, queste nuove sanzioni non segnano una svolta radicale, ma piuttosto intensificano la pressione già esistente.

L’approccio dell’Occidente si rivela pragmatico, mirando a obiettivi sia immediati che a lungo termine. È degno di nota come l’abilità di perseguire simultaneamente due obiettivi con una singola strategia rifletta un elevato livello di competenza gestionale.

L’obiettivo immediato è chiaro: prosciugare le risorse finanziarie della Russia e indebolire la sua economia. Questo si realizza attraverso sanzioni dirette contro individui russi e misure indirette contro le loro controparti internazionali. Un focus particolare è posto sulle operazioni di importazione parallela e sulle aziende cinesi, servendo da avvertimento per ridurre i legami commerciali con la Russia.

Queste azioni mirano a diminuire l’efficacia dell’economia russa e le sue entrate fiscali, complicando le catene di approvvigionamento e aumentando i costi di transazione, riducendo così le risorse finanziarie disponibili per la Russia.

L’obiettivo a lungo termine, meno evidente ma cruciale, è di ristabilire un nuovo equilibrio globale di potere e regole. Questo processo prevede la riduzione dei partecipanti chiave nelle decisioni internazionali, facilitando la governance globale. Storicamente, le guerre hanno spesso avuto l’effetto di escludere i perdenti dai negoziati post-conflitto, stabilendo un nuovo ordine mondiale guidato dai vincitori.

In questo contesto, le sanzioni contro la Russia sono intese come uno strumento per costringerla ad aderire a questo nuovo ordine. L’accumulo di sanzioni ora stabilisce le condizioni per l’inclusione futura della Russia in questo sistema, su termini definiti dai paesi che impongono le sanzioni.

Questa strategia ricorda il dopoguerra della Seconda Guerra Mondiale, quando le potenze sconfitte furono escluse dai negoziati che ridefinirono l’ordine mondiale. Oggi, Russia e Cina sono viste come i principali attori da integrare o isolare in questo nuovo contesto.

L’obiettivo dell’Occidente nel conflitto russo-ucraino è quindi duplice: neutralizzare il potenziale militare della Russia e utilizzare il conflitto come leva per imporre un nuovo ordine mondiale una volta definite le regole.

Infine, gli Stati Uniti hanno annunciato l’introduzione di sanzioni aggiuntive che mirano a complicare ulteriormente gli sforzi della Russia di eludere le restrizioni sul prezzo del petrolio, riducendo le entrate del Cremlino ma permettendo al contempo al petrolio di raggiungere i mercati globali. Queste misure cercano di stabilire un equilibrio che mantenga il sistema di controllo dei prezzi efficace e sostenibile.

Queste alcune delle sanzioni (segnalate dalla pubblicazione russa RBC):

Gli Stati Uniti hanno imposto nuove sanzioni contro la Russia, secondo un messaggio dell’Office of Foreign Assets Control (OFAC, Office of Foreign Assets Control) del Ministero delle Finanze del paese il 23 febbraio.

In particolare, è stata sanzionata la società National Payment Card System (NSCP), l’operatore del sistema di pagamento“Mir, lo stabilimento di produzione delle auto premium Aurus a Elabuga e FSUE NAMI, uno sviluppatore di automobili.

Inoltre, erano soggetti alle restrizioni statunitensi:

PIK Development Group;
Compagnia siberiana dell’energia del carbone (SUEK);
Società mineraria Mechel;
Azienda metallurgica dei tubi (TMK);
“Alleanza Ruskhim”;
“Transcontainer”;
PJSC “Impianto di armi imperiali di Tula”;
NOVATEK-Murmansk;
Esportazione di Almazuvelire;
ZES “Alabuga”;
Complesso di costruzione navale “Zvezda”;
Ufficio di progettazione di Sukhoi;
“Uraltransmash”;
SPB Bank, Avangard Bank, International Financial Club Bank (IFC), ecc.

Le sanzioni di Washington contro individui hanno colpito l’ambasciatore russo in Bielorussia, Boris Gryzlov, il segretario di Stato dell’Unione Statale, Dmitry Mezentsev, il ministro della Repubblica Cecena per la politica nazionale, le relazioni esterne, la stampa e le informazioni, Akhmed Dudayev; il vicedirettore del servizio penitenziario federale, Valery Boyarinev, il direttore generale del Fortum, Vyacheslav Kozhevnikov, e altri.

In una dichiarazione del presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, pubblicata oggi, si legge che Washington sta introducendo più di 500 nuove misure sanzionatorie contro la Russia.

L’NSPK, soggetto a sanzioni, è stato creato in Russia nel 2014, dopo l’introduzione di sanzioni dovute all’annessione della Crimea da parte della Russia, per far fronte alla possibile disconnessione delle carte dai sistemi di pagamento internazionali. Il 100% della società appartiene alla Banca di Russia. NSPK elabora le transazioni su tutte le carte emesse dalle banche russe. Pertanto, quando i sistemi di pagamento internazionali Visa e Mastercard hanno lasciato la Russia nel marzo 2022, le loro carte hanno continuato a funzionare in Russia.

NSPK è anche l’operatore delle carte Mir. Le prime carte nazionali sono state emesse nel 2015. Successivamente, sono diventate obbligatorie per il trasferimento degli stipendi ai dipendenti del settore pubblico, nonché delle pensioni e dei benefici. Secondo gli ultimi dati della Banca Centrale, nel terzo trimestre del 2023, sono state emesse quasi 256 milioni di carte Mir, rappresentando il 52,5% del volume di tutte le transazioni con carta e il 51,6% delle carte emesse in Russia.

L’ex capo dell’NSPK, Vladimir Komlev, che ha lasciato il suo incarico all’inizio del 2024, è soggetto a sanzioni di blocco da parte degli Stati Uniti dal settembre 2022. Nel settembre 2022, il Tesoro americano ha anche minacciato di sanzionare le banche straniere per la cooperazione con il sistema di pagamento russo Mir. Successivamente, molti istituti di credito di diversi paesi, compresi i paesi della CSI, hanno smesso di accettare queste carte.

“Le sanzioni statunitensi contro il sistema nazionale di carte di pagamento non influenzeranno il funzionamento dei servizi di pagamento all’interno del Paese. L’elaborazione delle transazioni sulle carte dei sistemi di pagamento internazionali emesse dalle banche russe continua ad essere effettuata come di consueto da NSPK. I servizi del sistema di pagamento Mir e le operazioni tramite il Fast Payment System (FPS) vengono eseguiti come al solito e sono completamente disponibili per gli utenti”, ha detto a RBC il servizio stampa dell’operatore dopo essere caduto sotto le nuove sanzioni statunitensi.

Alla domanda su cosa accadrà con l’accettazione delle carte Mir all’estero nei dieci paesi in cui hanno lavorato, l’NSPK ha risposto: “Dal lato del sistema di pagamento Mir non ci sono restrizioni alla collaborazione con partner stranieri. Le banche straniere prendono la decisione di accettare le carte Mir nella loro infrastruttura in modo indipendente.”.

Patrizio Riccihttps://www.vietatoparlare.it
Con esperienza in testate come il Sussidiario, Cultura Cattolica, la Croce, LPLNews e con un passato da militare di carriera, mi dedico alla politica internazionale, concentrandomi sui conflitti globali. Ho contribuito significativamente all'associazione di blogger cristiani Samizdatonline e sono socio fondatore del "Coordinamento per la pace in Siria", un'entità che promuove la pace nella regione attraverso azioni di sensibilizzazione e giudizio ed anche iniziative politiche e aiuti diretti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

More like this
Related

Attenzione ai reati di diffamazione e di cronaca, l’informazione è a rischio

Il Giornalista Pasquale Napolitano condannato per Diffamazione: un segnale...

Ucraina: nuova mobilitazione stride tra ‘alti principi’ e pratiche meschine

La mobilitazione forzata e la riduzione dell'età minima per...

Che senso hanno le Elezioni Europee?

La UE è un sistema oligarchico. Nel corso della...

Sindaco di Tbilisi: I ministri dell’UE che sono venuti da noi meritavano un “calcio nel culo”

Martedì scorso, il Parlamento della Georgia ha adottato una...
Exit mobile version