Hollywood – Il tributo da pagare per essere di successo ‘semplifica’ la vita

Il prezzo da pagare per un finto umanitarismo di successo è abbracciare ciò che l’establishment aziendale fa all’insegna dei diritti umani per ‘un mondo migliore’. Chi non è d’accordo potrà parlare, se già è in carriera. Ma non apparterrà mai al ‘nuovo mondo coraggioso’.
Il testo che segue è del Catholic Herald.

I recipienti vuoti producono il suono più forte

“Hollywood è un posto dove ti pagheranno mille dollari per un bacio e 50 centesimi per la tua anima”. Così diceva Marilyn Monroe negli anni Cinquanta. L’Hollywood di oggi – esausta di sborsare miliardi di dollari per la trottola di baci – ha rivolto la sua attenzione alle anime dei non nati.

Sì, mentre le guerre per l’aborto in America si surriscaldano, i grandi e i buoni del grande schermo stanno saltando sul carro

Planned Parenthood ha dominato a lungo come uno dei più popolari carri delle celebrità. Nel 2012, la campagna #yesweplan dell’organizzazione è stata sostenuta dall’allora presidente Barack Obama (“le donne non sono un gruppo di interesse”), dalla cantante Mary J Blige e dall’attrice Julianne Moore (“abbiamo il controllo sui nostri destini”), tra vari altri, tutti trotterellando insipide false sciocchezze sulla necessità di potenziamento [delle pratiche abortive].

L’attrice Maggie Gyllenhaal ha dichiarato alla rivista Glamour: “Sono stata una sostenitrice di Planned Parenthood per tutta la mia vita – da quando mia madre mi ha portato a un raduno quando ero in prima media” e Scarlett Johansson ha dichiarato in un video: “Sono con Planned Parenthood perché Planned Parenthood mi difende”, e così via. Ora sono in pericolo di riecheggiare eccessivamente gli applausi su queste pagine.

Le recenti modifiche alla legge sull’aborto hanno aggiunto benzina sul fuoco. Questo settembre, la Corte Suprema degli Stati Uniti ha rifiutato di imporre il Texas Heartbeat Act, che proibisce gli aborti dopo il rilevamento di un battito cardiaco fetale. (La BBC ha definito questo un “divieto quasi totale” di interruzione della gravidanza.)

 Jennifer Aniston - Wikipedia
Jennifer Aniston – Wikipedia

Gli sviluppi hanno spinto la sempre più prepotente attrice di Friends Jennifer Aniston (che ha confessato di aver tagliato fuori i suoi amici e conoscenti non vaccinati, dicendo “se hai la variante, puoi comunque darmela”) a pubblicare un post su Instagram che diceva ” Niente utero, niente opinioni”. Il mese scorso Jennifer Lawrence, [che ha partecipato] incinta, è stata raggiunta da Amy Schumer in una manifestazione per il diritto all’aborto che si è tenuta a Washington DC . Jennifer a questa manifestazione è stata vista con un cartello con la scritta “L’aborto è essenziale”. Il cartello di Lawrence era decorato con le parole “le donne non possono essere libere se non possono controllare il proprio corpo”. Questo rende l’idea. È un segnale di virtù conquistato con gli steroidi.

La Chiesa è sempre stata molto chiara sull’aborto e non c’è bisogno che io ripeta qui le sue opinioni a vostro beneficio. Parlando il mese scorso a un gruppo di medici professionisti, Papa Francesco ha ribadito gli insegnamenti molto chiari della Chiesa: “[L’aborto] è omicidio e non è lecito diventare complici”, ha detto. “La responsabilità ultima” di ogni persona, ha detto, è proteggere la vita ei diritti di tutti gli esseri umani, quindi ha esortato a rimanere forte e denunciare “le ingiustizie che danneggiano la vita innocente e indifesa”.

È interessante notare che non era raro che i manoscritti miniati nel XIV secolo ritraessero anime da bambini, sebbene il simbolismo risalga a molto più indietro. C’è un bellissimo esempio di una scena del genere nella mostra in corso al V&A, dove è raffigurato il re David che presenta la sua anima (un bambino) a Dio Padre.

Tornando alla palude torbida e senz’anima di Hollywood, dove alcune celebrità pro-vita si stanno esponendo decisamente. Kelsey Grammer è apparsa quest’anno alla Convenzione nazionale sul diritto alla vita a New Orleans. Di recente è stato anche visto indossare una maglietta realizzata dall’organizzazione pro-life Abort73.com con lo slogan “ti darebbe più fastidio se usassero pistole?” – un messaggio toccante che riconosce gli atteggiamenti contrastanti degli Stati Uniti nei confronti della violenza nelle strade e della violenza nel grembo materno.

dal film La la land - foto wikipedia
dal film La la land – foto wikipedia

L’adolescente rubacuori Justin Bieber (sua madre ha parlato pubblicamente della pressione che ha sentito, all’età di 17 anni, per interrompere la gravidanza), ha detto: “Non credo davvero nell’aborto, è come uccidere un bambino”.

La cantante Celine Dion è stata salvata dall’aborto dopo che sua madre incinta ha parlato con un prete; era incinta del suo 14° figlio ed era spaventata. “Le ha detto che non aveva il diritto di andare contro natura”, ha spiegato la Dion. “Quindi devo ammettere che in un certo senso devo la mia vita a quel prete”. E ce ne sono altri che si battono per i nascituri: Mel Gibson, Nicole Scherzinger e Jack Nicholson, solo per citarne tre.

Ma mentre le opinioni di questi attori sono in gran parte percepite come soffocanti, Jennifer Aniston e Amy Schumer sono viste come progressiste. È un peccato, quindi, che i progressisti siano stati associati a così pochi progressi. La convinzione di mettersi al primo posto  i diritti senza responsabilità dimostrano che oggi l’autoindulgenza ha la meglio sulla disciplina.

Le grida a favore della vita sono soffocate dalle grida più forti dell’opposizione, mentre le “stelle” si spingono a vicenda nella loro incessante ricerca di diventare sante patrone dei diritti delle donne. Perché combattere per la vita dei nascituri semplicemente non è di moda. #MeToo, benessere, diete prive di calorie e inclusività lo sono. Forse, 70 anni dopo la dichiarazione di Marilyn Monroe, 50 centesimi per un’anima sono in effetti un prezzo troppo alto da pagare come abbiamo visto a La La Land [La La Land è un film del 2016 ove un musicista jazz e un’aspirante attrice si innamorano mentre sono entrambi impegnati a inseguire le proprie ambizioni e i propri sogni, ma le cose cambiano non appena cominciano a raggiungere il successo. nota Vp News].

autore: Constance Watson – Constance Watson è vicedirettore del Catholic Herald

Dal numero di novembre 2021 del Catholic Herald .

E’ indubbio che i canali di controllo stanno cambiando, come un’arma in mani molto, molto esperte. E le scelte della gente in gran parte sono conseguenza di questo. Fatte naturalmente le debite eccezioni di chi è ancora capace di un giudizio originalmente religioso, ovvero realmente razionale.

Patrizio Ricci – Vp News

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.