Gli USA spingono per una guerra nel cuore dell’Europa

Gli USA spingono per una guerra nel cuore dell'Europa 2

Il ministro degli Esteri Lavrov: gli Stati Uniti spingono l’Ucraina a dirigere provocazioni contro la Russia.

Gli Stati Uniti spingono Kiev a dirigere provocazioni contro la Russia, ha detto il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov parlando alla Duma di Stato.

Recentemente, gli Stati Uniti ei loro alleati europei, che hanno completamente dimenticato la cultura della diplomazia, stanno raddoppiando i loro sforzi per contenere il nostro Paese”, ha affermato.
Basta guardare al comportamento che va dalle manovre militari sempre più provocatorie vicino ai nostri confini, al trascinare il regime di Kiev nell’orbita della Nato, e alla fornitura di armi letali, spingendola a compiere provocazioni dirette contro la Federazione Russa”, ha aggiunto il ministro.

In effetti, armi e munizioni di ogni tipo vengono forniti all’Ucraina, eppure la Nato continua a dire che si tratta di armi ‘di tipo “difensivo” ma così non è.

Fedor Lukyanov ritiene che la decisione della Russia di richiedere alla Nato garanzie di sicurezza (con richiesta di rispondere per iscritto), sia molto positivo.

Riporto alcuni interessanti passaggi delle sue evidenziazioni pubblicate su ‘Global Affairs‘:

“...l’espansione su larga scala della NATO, iniziata quasi un quarto di secolo fa, non ha rafforzato l’alleanza né militarmente né politicamente. Da un punto di vista militare, vi si sono aggiunti paesi il cui contributo al comune calderone delle opportunità è piccolo, ma ne rivendicano (secondo la carta) una quota [decisionale] uguale”.

“La conseguenza dell’espansione è stata la desincronizzazione della percezione delle minacce. È difficile, infatti, formulare un pericolo che preoccuperebbe ugualmente, ad esempio, Canada, Portogallo, Lituania, Grecia, Turchia e Islanda. Il lungo calvario della NATO alla ricerca di una missione post Guerra Fredda è stato infranto da tale diversità”.

Precedentemente, “Se l’alleanza era richiesta (operazioni dalla Jugoslavia in poi), c’era sempre un gruppo di paesi che assumeva funzioni di leadership, mentre il resto si limitava al supporto simbolico.”

Poi con la caduta del muro di Berlino la funzione della Nato doveva praticamente cessare. Ma non è stato così. La Nato ha continuato ad espandersi, come per trovare una nuova sua missione.

A questo punto, sono prevalsi gli ultimi inglobati nell’Alleanza, ovvero i paesi che erano un tempo ex paesi satelliti sovietici. In definitiva, la rissosità viene da loro.

In proposito Lukyanov dice:

Quando la logica degli sviluppi del dopo Guerra Fredda ha portato al conflitto con la Russia, sembrava che la questione della missione si sarebbe chiusa. Nel senso che tutto era tornato come prima a livello di confronto. Ma le cose andarono diversamente. La dipendenza reciproca dei “nuovi e vecchi” avversari è molto più alta che in quel momento. Il confronto con Mosca si è svolto proprio attorno a quei paesi che rientravano nella logica della costante espansione della NATO come base della sicurezza europea“.

“l’espansione su larga scala della NATO non ha rafforzato l’alleanza né militarmente né politicamente”.

Ci sono quindi due posizioni diverse tra i vecchi ed i nuovi ingressi nella Nato:

“... un numero considerevole di alleati, anche quelli che alzano la voce a sostegno, non considerano la situazione pericolosa per sé stessi. Lì, a est, presumibilmente hanno la loro storia e i loro interessi, perché altri dovrebbero rischiare? E se in una situazione calma una tale discordia è facile da velare, in un momento di nervosismo è necessario prendere posizione. Soprattutto perché i paesi che temono la Russia fanno appello a gran voce alla solidarietà che è stata solennemente promessa. E dissociarsi pubblicamente da loro significa minare le fondamenta [della Nato]”.

Quindi in merito a cosa succederà adesso e sino a che punto i fondatori della Nato saranno disposti a inviare direttamente le proprie truppe:

Per dirla semplicemente, quando sono state prese le decisioni per espandere la NATO, nessuno si aspettava seriamente che si potessero richiedere obblighi di difesa. L’aggravarsi della situazione al punto che nei paesi più vecchi si comincia proprio a parlare di guerra, riduce subito gli entusiasmi e fa nascere insidiosi pensieri nello spirito del “ne abbiamo davvero tanto bisogno?“. Questo vale per il dovere d’alleato verso i membri dell’alleanza, e ancor più per coloro ai quali non si applicano le garanzie, sebbene propagandisticamente tutto sia stato organizzato come se la fratellanza d’armi fosse a portata di mano.

Questa posizione, è descritta in modo molto eloquente dal vice ammiraglio della Marina tedesca:

“L’incidente con il comandante della Marina tedesca, che si aprì in India e fu costretto a dimettersi immediatamente, è indicativo. I dubbi espressi dal viceammiraglio sono ragionevoli, il che significa che la sua esternazione non è stata spontanea [ma diretta dal governo tedesco]“.

Questo è un segnale, vuol dire che:

Il problema sono le priorità e gli interessi nazionali. Perché intensificare un conflitto con la Russia quando il mondo intero sta cambiando non a favore dell’Europa e della Germania, ma della Cina che è una forza davvero in crescita e non necessariamente amica? La cosa principale è che la situazione socioeconomica generale è già abbastanza grave e sarebbe illogico e controproducente spingerla ulteriormente verso il basso contro un importante partner economico e principale fornitore energetico”.

La NATO ha subito un’interessante trasformazione nel corso dei decenni. Durante gli anni della Guerra Fredda, è stata un’alleanza che ha dichiarato fermamente la propria disponibilità a combattere, ma non lo ha mai fatto, il che ha creato l’immagine di un’organizzazione di grande successo. Poi il blocco si è di fatto allontanato dall’immagine militare, sottolineando che si tratta di uno strumento di stabilità e di trasformazione politica. È paradossale che allo stesso tempo la NATO (in tutto o in parte) abbia iniziato a combattere davvero – in Jugoslavia, Iraq, Libia … Cioè, è diventato difficile parlare della natura puramente difensiva dell’alleanza. Infine, è giunto il momento in cui l’identità militare deve essere confermata dalla disponibilità all’uso della forza su richiesta di alleati spaventati. Ma è qualcosa che non vuoi fare...”.

Quindi siamo a questo dilemma, quindi:

I passi russi stanno costringendo la NATO a mettere da parte la demagogia e pensare davvero ai compiti, agli interessi e ai limiti del possibile. Non a livello di PR politiche, ma in sostanza. E questo è già un risultato prezioso”.

Vp News

Exit mobile version