Ucraina – Tra l’isteria occidentale e l’apparente calma a Kiev

Quanto ancora può durare ancora l'era del dominio globale dell'idiota?

Ucraina - Tra l'isteria occidentale e l'apparente calma a Kiev 1

Mentre sempre più paesi iniziano a evacuare il loro personale diplomatico e le loro famiglie dall’Ucraina, alimentando l’isteria per la minaccia di un’invasione (immaginaria) russa del paese, le autorità ucraine chiedono di mantenere la calma dicendo che non vi è alcuna indicazione che uno scenario del genere è imminente.

Questo atteggiamento radicalmente diverso tra Kiev e i suoi capi occidentali è sorprendente e solleva la seguente domanda: l’invasione russa dell’Ucraina è solo una favola inventata dall’Occidente?, o Kiev sta suonando un brutto remake della famosa canzone “Va tutto bene Madame la marchesa”?

26 gennaio 2022

Dopo Stati Uniti, Regno Unito e Australia , tocca a Canada, Paesi Bassi e Germania offrire alle famiglie dei loro diplomatici di lasciare l’Ucraina se lo desiderano, e raccomandare ai loro cittadini di non andarci. Stessa storia dalla parte del Giappone , che ha anche raccomandato ai suoi cittadini di lasciare il Paese ”  finché ci sono voli commerciali  “, e ne sta valutando l’evacuazione. La Francia, dal canto suo, si limita a invitare i propri cittadini a evitare di recarsi in Ucraina, salvo spostamenti assolutamente indispensabili.

Nello stesso tempo, la compagnia aerea Lufthansa ha modificato gli orari dei suoi voli per l’Ucraina , ufficialmente per motivi operativi, e secondo i media ucraini, sarebbe per evitare che il suo personale di cabina dovesse dormire sul posto (con il rischio di rimanere bloccati lì in caso di un’improvvisa escalation della situazione).

Di fronte a queste reazioni a catena dei paesi occidentali, il discorso di invitare alla calma perché una invasione dell’Ucraina da parte della Russia non è imminente – come pronunciato ieri sera dalle autorità ucraine – ha le carte in regola per provocare una dissonanza cognitiva.

Infatti, ieri, 24 gennaio 2022, il presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelensky, ha convocato una riunione straordinaria del Consiglio di sicurezza e difesa nazionale dell’Ucraina , al termine della quale molti si aspettavano importanti dichiarazioni.

Ma invece, dopo l’incontro, il ministro della Difesa ucraino Alexei Reznikov ha esortato a non farsi prendere dal panico e ha affermato che le informazioni a disposizione delle autorità ucraine non indicano che la Russia stia preparando un’invasione dell’Ucraina nell’immediato futuro.

“   Non attribuisco grande importanza a uno scenario del genere. Le nostre forze armate, il nostro comando e il nostro staff hanno tutte le opzioni in mano e sanno come agire. Ad oggi, i fatti osservati dai nostri servizi di intelligence e da quelli dei paesi partner (suggeriscono) che nessuna forza d’attacco è stata creata dalla Federazione Russa indicando che domani lancerà un’offensiva. Non esiste una tale minaccia. Quindi ti chiedo di non creare panico   “, ha detto.

Di fronte a questa rassicurante affermazione, molti commentatori si sono chiesti perché Zelensky abbia convocato urgentemente il Consiglio di sicurezza e difesa nazionale dell’Ucraina, se “tutto sta andando molto bene Madame la Marquise”.

La risposta potrebbe essere trovata nella dichiarazione rilasciata dal primo ministro ucraino, Denis Chmygal , al termine di questo stesso incontro.

“   Il messaggio chiave è non farsi prendere dal panico, non fare accuse infondate. È molto importante oggi, dal punto di vista economico , mantenere la calma, essere fermamente impegnati nel nostro lavoro  ”, ha affermato.

Queste due dichiarazioni invitano a non farsi prendere dal panico, mentre la scorsa settimana il Ministero della Cultura ucraino ha iniziato a distribuire nelle attività di Kiev opuscoli contenenti istruzioni da seguire in caso di guerra, e l’esercito ucraino sta accumulando nel Donbass, tutto ciò che serve per un’offensiva, suona un po’ stonato.

Le autorità ucraine potrebbero aver compiuto un nuovo capovolgimento della retorica, ritirando il controverso disegno di legge sul periodo di transizione (che viola totalmente gli accordi di Minsk, si veda il mio articolo del 2021 sull’argomento ), dicendosi pronte a negoziare (di Reznikov che afferma è pronto a parlare con Sergei Shoigu , il ministro della Difesa russo, alla delegazione ucraina nel gruppo di contatto che ha finto di voler discutere del decentramento dell’Ucraina prima di cambiare idea), o giurare ai loro grandi dèi che Kiev non ha intenzione di attaccare chiunque , la realtà sul campo racconta tutta un’altra storia.

Infatti, confermando le informazioni fornite di recente dalla milizia popolare della DPR (Repubblica popolare di Donetsk) , l’agenzia di stampa del ministero della Difesa ucraino, ArmyInform , ha annunciato che istruttori britannici stanno addestrando i soldati ucraini all’uso delle lance. razzi cisterna, che Londra ha recentemente consegnato in grandi quantità all’Ucraina.

Sono anche gli istruttori britannici ad addestrare i cinque gruppi di ricognizione-sabotaggio ucraini appena arrivati ​​nella regione di Lissitchansk, di fronte alla LPR (Repubblica Popolare di Lugansk). Secondo le informazioni della Milizia popolare della LPR, questi gruppi hanno il compito di compiere atti di sabotaggio su infrastrutture civili vitali, tra cui l’impianto di depurazione occidentale, che fornisce parte dell’acqua potabile della Repubblica.

E il dispiegamento di soldati ucraini a volte avviene a spese della popolazione civile, come nel villaggio di Lopaskino, dove i soldati della 79a brigata delle Forze armate ucraine (AUF) hanno sfrattato gli abitanti di via Karl Marx dalle loro case. installarvi il personale del 3°battaglione.

La milizia popolare LPR ha anche riferito di un forte aumento delle comunicazioni radio sulle frequenze della FA U , che Kiev sta preparando posti aggiuntivi negli ospedali militari per ricevere i malati e i feriti e che due crematori mobili sono stati avvistati a Kramatorsk.

Allo stesso tempo, Kiev sta creando e addestrando unità di difesa territoriale e non è solo nel Donbass che l’esercito ucraino sta accumulando truppe ed equipaggiamenti. Così, il capo del parlamento della Crimea, Vladimir Konstantinov, ha affermato che l’esercito ucraino ha intensificato le sue attività vicino al confine con la penisola.

I soldati ucraini hanno sciamato nelle aree più vicine alla Crimea e il comico nel ruolo del presidente dice che ‘non dimenticheranno’ la nostra penisola. Ciò significa che dobbiamo essere preparati per un’altra manifestazione di ‘amore’ ucraino nei nostri confronti “, ha detto in una riunione del presidio del parlamento.

Se l’Ucraina sembra continuare i preparativi per un’offensiva nel Donbass (o anche una provocazione contro la Crimea), allora perché fingere che tutto vada bene? In primo luogo, per scongiurare l’accusa di aver provocato l’escalation e la ripresa del conflitto, facendo credere di non avere piani bellicosi e di essere solo vittima della perfida Russia.

In secondo luogo, perché l’isteria occidentale sta avendo effetti deleteri sull’economia ucraina, come ha rivelato il lapsus del Primo Ministro ucraino. Gli annunci della partenza delle famiglie dei diplomatici e l’inizio dell’evacuazione del personale di alcune ambasciate occidentali, hanno causato la caduta della grivna, hanno innervosito gli investitori, abbassato il valore di borsa delle grandi società ucraine e spinto gli stranieri a vendere i loro beni immobili in Ucraina.

Inoltre, chi presterebbe denaro a un paese che sta per essere invaso? Nessuno. Di conseguenza, l’Ucraina potrebbe avere difficoltà a ottenere nuovi prestiti per rimborsare le scadenze dei precedenti e rischiare di non pagare.

Questo è il motivo per cui l’Ucraina sta cercando di calmare le cose pubblicamente: per fermare le perdite finanziarie che sta subendo il Paese, quando non è stata ancora intrapresa alcuna azione militare in un modo o nell’altro. È anche possibile che queste perdite finanziarie dovute all’isteria dei media occidentali siano un mezzo (creato deliberatamente da Washington) per costringere Zelensky a lanciare il suo paese in una guerra da cui sa che ne uscirà perdente.

Il presidente ucraino è ora bloccato tra Cariddi e Scilla. Tra il mancato pagamento e il crollo totale del Paese, o la ripresa della guerra nel Donbass, la sconfitta del suo esercito, e potenzialmente la perdita di nuovi territori. Due opzioni che gli faranno guadagnare l’inimicizia del popolo ucraino.

Resta da vedere se una terza opzione emergerà (per miracolo) dall’incontro che si terrà domani a Parigi tra i consiglieri politici del Normandy Format.

Christelle Neant

Vedi l’articolo su Donbass Insider

 

Exit mobile version