Gli Stati Uniti perseguiranno l’ulteriore espansione della Nato

Blinken: "Abbiamo consegnato la risposta e tocca alla Russia, siamo pronti per tutte le possibilità"

Gli Stati Uniti perseguiranno l'ulteriore espansione della Nato 1

Gli Stati Uniti dimostrano “una certa disponibilità” a scendere a compromessi con la Russia. Washington, però, non offre esattamente quello che Mosca si aspettava …

Blinken: Gli Stati Uniti non pubblicheranno la nostra risposta alle proposte russe e ci aspettiamo che Mosca non la pubblichi.

Blinken: Oggi informerò i membri del Congresso sulla nostra risposta alla Russia

Blinken: La risposta degli Stati Uniti alle proposte russe richiede la ricerca di modi diplomatici per progredire

Blinken: la risposta di Washington alle richieste di Mosca fornisce “un serio percorso diplomatico se la Russia lo desidera”.

Blinken: La risposta degli Stati Uniti è stata pienamente coordinata con gli alleati e l’Ucraina

Blinken: Sta alla Russia decidere come rispondere e noi siamo pronti a tutte le possibilità, il Segretario di Stato conferma che terrà colloqui con la sua controparte russa “nei prossimi giorni”.

Blinken: Il nostro messaggio ai cittadini statunitensi in Ucraina è di considerare seriamente di lasciare il paese.

Questo è il succo delle dichiarazioni americane dopo la consegna dela risposta alla Russia.

Reazioni: “Gli USA non hanno risposto alla richiesta principale”

Il ministro degli esteri russo Sergey Lavrov ha fornito le prime spiegazioni dopo aver ricevuto una risposta alle iniziative russe da Washington e Bruxelles. Alcuni passaggi del ministro russo si sono rivelati molto interessanti, , in sintesi è questa la più importante delle sue affermazioni:

Gli Stati Uniti nella loro risposta sulle garanzie di sicurezza non hanno risposto alla domanda più importante: la non espansione della NATO ad est. La questione principale è la nostra chiara posizione sull’inammissibilità di un’ulteriore espansione della NATO a est e sul dispiegamento di armi da attacco che potrebbero minacciare il territorio della Federazione Russa”.

Sergey Lavrov ha anche dichiarato oggi in un comunicato stampa: “La risposta scritta degli Stati Uniti al progetto di trattato bilaterale sulle garanzie di sicurezza contiene reazioni che fanno sperare nell’avvio di un dialogo serio, ma queste sono solo su questioni di secondaria importanza”.

Lavrov ha affermato: “Il documento americano sarà presto rivelato all’opinione pubblica, soprattutto perché la sua preparazione è avvenuta in coordinamento con tutti gli alleati di Washington e il governo ucraino”.

Lavrov ha indicato che la Russia sta attualmente studiando la risposta americana alla sua iniziativa e quella che ha ricevuto dalla NATO e, dopo consultazioni con altri ministeri competenti, informerà il presidente Vladimir Putin al riguardo per determinare i passi futuri da intraprendere.

Lavrov ha ribadito la posizione della Russia secondo cui l’Occidente, all’inizio degli anni ’90, aveva promesso a Mosca che la NATO non si sarebbe allargata di un centimetro a est, incolpando i paesi occidentali per aver cercato di eludere l’attuazione di queste promesse.

Lavrov ha sottolineato che una serie di documenti conclusi all’interno dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa, tra cui il Documento di Istanbul e la Dichiarazione di Astana, sanciscono l’impegno dei firmatari al principio della sicurezza indivisibile, ricordando che questo principio condiziona il diritto degli Stati costruire alleanze alla necessità che gli Stati membri dell’organizzazione tengano conto degli interessi di sicurezza reciproci [della Nato e della Russia].

Il ministro degli Esteri russo ha indicato che il suo Paese avrebbe presto presentato un’indagine ufficiale ai capi di stato firmatari del Documento di Istanbul in merito al mancato rispetto da parte dell’Occidente degli impegni relativi a non rafforzare la propria sicurezza a spese di altri Paesi.

Ieri gli Stati Uniti hanno consegnato tramite il loro ambasciatore a Mosca, John Sullivan, la risposta scritta alla bozza di trattato bilaterale sulle garanzie di sicurezza presentata dalla parte russa.

“Non c’è motivo di grande ottimismo nelle risposte americane, e il Cremlino non si affretterà a trarre conclusioni e si prenderà abbastanza tempo per analizzarle”, ha detto oggi ai giornalisti il ​​portavoce presidenziale russo Dmitry Peskov.

Andrey Klimov, senatore e membro del Consiglio della Federazione Russa ha detto:

“Le nostre proposte di garanzie di sicurezza non sono solo concrete, sono realistiche. Non stiamo suggerendo che dissolvano la NATO o chiudano basi militari. Offriamo cose semplici su cui i rappresentanti degli Stati Uniti una volta hanno concordato. Ma la paura dell’amministrazione americana di perdere la faccia – non prima con i paesi baltici, con la Polonia o con l’Ucraina, ma prima con i suoi concorrenti all’interno del Paese – e questo è un grosso problema per loro “

Vp News

Exit mobile version