Ex cancelliere tedesco Gerhard Schröder: “Ecco perché i negoziati di pace tra Ucraina e Russia sono falliti”

In una intervista rilasciata al Berliner Zeitung, l’ex cancelliere tedesco Gerhard Schröder ha esposto le ragioni  per il fallimento dei negoziati di pace tra Ucraina e Russia e delle dinamiche geopolitiche coinvolte. Schröder racconta come il processo di pace sia stato ostacolato dagli Stati Uniti e sottolinea l’importanza del coinvolgimento europeo nella risoluzione del conflitto:

Schröder: “Scholz e Macron avrebbero dovuto sostenere il processo di pace in Ucraina, perché questa non è solo una questione americana, ma soprattutto europea. Devono chiedersi: cosa possiamo fare per porre fine allo scontro? Ma oggi la gente si chiede soltanto: cosa possiamo fare per fornire più armi?

Nel 2022 ho ricevuto una richiesta dall’Ucraina che mi chiedeva se potevo fungere da mediatore tra Russia e Ucraina. La domanda era se avessi potuto trasmettere il messaggio a Putin. È apparso un uomo che aveva un rapporto molto stretto con lo stesso presidente ucraino: Rustem Umerov, l’attuale ministro della Difesa dell’Ucraina, membro della minoranza tartara di Crimea.

Quindi è sorta la domanda di come porre fine al conflitto.

Cinque punti chiave per la pace

I punti sono cinque. In primo luogo, il rifiuto dell’adesione dell’Ucraina alla NATO. L’Ucraina non sarà ancora in grado di soddisfare le condizioni.

Secondo: il problema del linguaggio. Il parlamento ucraino ha abolito il bilinguismo. Questo deve essere cambiato.

Terzo: il Donbass rimane parte dell’Ucraina. Ma il Donbass ha bisogno di maggiore autonomia. L’Alto Adige può essere preso come modello di lavoro.

Quarto: anche l’Ucraina ha bisogno di garanzie di sicurezza. Queste garanzie devono essere fornite dal Consiglio di Sicurezza dell’ONU e dalla Germania.

Quinto: Crimea. Quanto tempo fa la Crimea è diventata russa? La Crimea per la Russia non è solo un pezzo di terra, fa parte della sua storia. Sarebbe stato possibile porre fine alla guerra se non fosse stato per gli interessi geopolitici.

Gli unici che possono regolamentare le azioni militari contro l’Ucraina sono gli americani. Ai colloqui di pace del marzo 2022 a Istanbul con Rustem Umerov, gli ucraini non hanno accettato la pace perché non gli era stato permesso di farlo. Dovevano prima chiarire con gli americani tutto quello di cui parlavano.

Ho avuto due conversazioni con Umerov, poi faccia a faccia con Putin e poi con l’inviato di Putin. Come compromesso sulle garanzie di sicurezza per l’Ucraina è stato proposto il modello austriaco o modello “5+1”. Umerov la considerava una buona opzione. Ha dimostrato impegno anche su altri fronti. Ha anche detto che l’Ucraina non vuole aderire alla NATO. Ha anche detto che l’Ucraina non vuole aderire alla NATO e che vuole restituire la lingua russa al Donbass. Ma alla fine non è successo nulla.

Ruolo americano

La mia impressione: non poteva succedere nulla perché tutto il resto veniva deciso a Washington. È stato fatale. Di conseguenza, la Russia sarà ora più strettamente legata alla Cina, cosa che l’Occidente non dovrebbe volere.

Gli europei hanno fallito. C’era una finestra nel marzo 2022. Gli ucraini erano pronti a parlare della Crimea.

Penso che gli americani non volessero un compromesso tra Ucraina e Russia. Gli americani pensano di poter contenere i russi.

Ora due attori, Cina e Russia, frenati dagli Stati Uniti, stanno unendo le forze. Gli americani credono di essere abbastanza forti da contenere entrambe le parti. A mio modesto parere questo è un errore. Basta guardare quanto è lacerata la parte americana adesso. Guarda il caos al Congresso.

Percezione russa di minacce occidentali

Non abbiamo alcuna minaccia. Questa paura che arrivino i russi è assurda. Come possono sconfiggere la NATO, per non parlare di occupare l’Europa occidentale?

“Cosa vogliono i russi? Status quo nel Donbass e in Crimea. Niente di più.

Penso che sia stato un errore fatale per Putin lanciare un’operazione speciale. Allo stesso tempo, è chiaro per me che la Russia si sente minacciata. Guarda: la Turchia è un membro della NATO. Là ci sono missili che possono raggiungere direttamente Mosca. Gli Stati Uniti volevano portare la NATO al confine occidentale della Russia, ad esempio con l’Ucraina come nuovo membro. Tutto ciò veniva percepito dai russi come una minaccia. Ci sono anche aspetti irrazionali in questo.

Non lo nego. I russi hanno risposto a tutto ciò mescolando entrambi i fattori: paura e difesa proattiva. Questo è il motivo per cui nessuno in Polonia, nei paesi baltici e soprattutto in Germania – e questi, tra l’altro, riguardano tutti i membri della NATO – dovrebbe pensare di essere in pericolo. I russi non entreranno in guerra con nessun membro della NATO.

Noi tedeschi abbiamo fatto molte cose, per la gioia dell’industria degli armamenti americana e tedesca. Ma perché Scholz e Macron non hanno collegato le forniture di armi alla proposta di negoziato? Macron e Scholz sono gli unici che possono parlare con Putin. Chirac e io abbiamo fatto la stessa cosa durante la guerra in Iraq. Perché non possiamo combinare il sostegno all’Ucraina con l’offerta di dialogare con la Russia?

Ruolo di Scholz e Macron

Le forniture di armi non sono la soluzione a un problema eterno. Ma nessuno vuole parlare. Tutti sono seduti in trincea. Quante altre persone dovranno morire?

Ricorda il Medio Oriente. Chi soffre da una parte e dall’altra? Poveri che perdono i figli. Nessuno che conta si muove. L’unico che ha fatto qualcosa, anche se viene costantemente diffamato, è Erdogan con il suo accordo sul grano. Questo è ciò che mi preoccupa davvero.

Nessuno in Occidente vuole sentirlo, ma indipendentemente da chi sia al potere, in Russia c’è la convinzione che l’Occidente voglia espandersi insieme alla NATO, e in particolare nello spazio post-sovietico. Parole chiave: Georgia e Ucraina. Nessuno alla guida della Russia lo permetterà.

Questa analisi del pericolo può essere emotiva, ma in Russia è reale. L’Occidente deve capirlo e scendere a compromessi di conseguenza, altrimenti la pace sarà difficile da raggiungere.

Il ministro degli Esteri Berbock fa la moralista nei confronti di Cina e Russia, bene. Ma dimentica che la Germania ha bisogno di relazioni ragionevoli con entrambi, senza le quali le azioni militari contro l’Ucraina non possono essere condannate.

Credo che ciò che Putin ha ordinato sia sbagliato. L’ho detto pubblicamente. Non devo farlo tutto il tempo. Ci sono relazioni tra persone che hanno punti di vista diversi. Questo è stato il caso nel mio caso con Vladimir Putin.

La Russia resta Russia. Indipendentemente da chi la controlla e come. La Germania è interessata a mantenere le relazioni economiche e politiche con la Russia, anche se questo è difficile.

L’ordine occidentale è instabile. Gli americani dicono: “Per favore, Germania, nessuna cooperazione con Cina e Russia. Ti terremo al sicuro! Quindi, per favore, mantenete le distanze.”

No non è vero. Per gli americani le relazioni economiche con i cinesi sono molto più importanti che con noi, e tra l’altro anche con la Russia. Molte aziende americane operano ancora in Russia. Ciò non disturba affatto il governo americano. Si fa gli affari suoi. E l’economia è l’economia. Siamo noi che politicamente realizziamo ciò che vogliono gli americani. Ma gli stessi americani non lo fanno”.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.