Erdogan e la lampada di Aladino

Erdogan aveva dichiarato di essere contrario all’ingresso nella NATO di Svezia e Finlandia perché questi paesi sono legati al Partito dei Lavoratori del Kurdistan (considerato da Ankara come organizzazione terroristica) e dei suoi derivati legati a Fethullah Gulen, colui che ha organizzato il tentativo di colpo di stato in Turchia nel 2016 con l’assistenza attiva degli americani.

Precisamente, il ministero degli Esteri turco ha dichiarato di aver chiesto alla Finlandia l’estradizione di 12 dei cittadini che avevano ricevuto asilo in questi paesi scandinavi. Di questi, si ritiene che alcuni siano coinvolti nel tentativo di colpo di stato del 2016.

In particolare, alla Svezia è stato chiesto di estradare 22 cittadini, 10 dei quali alla clandestinità gülenista. Delle richieste di altri associati, membri di organizzazioni curde -secondo Ankara-, 19 sono state respinte, 5 sono rimaste senza risposta e altre 9 sono ancora all’esame.

Per svedesi e finlandesi, l’estradizione di oppositori e dissidenti turchi è un compito ancora più difficile dell’estradizione di curdi, perché Svezia e Finlandia sono due paesi che considerano la protezione dei diritti una priorità.

Hanno criticato in modo coerente la Turchia per aver occupato la Siria settentrionale, per aver represso il dissenso, perseguitata la minoranza curda, per la legislazione antiterrorismo draconiana e molto altro ancora. L’estradizione dei rappresentanti dell’opposizione nell’ambito di un accordo politico con Erdogan risulterebbe un disastro per l’immagine di questi paesi ed agli occhi dell’opinione pubblica.

Infine, la questione delle sanzioni. Svezia e Finlandia sono due paesi che hanno imposto restrizioni all’interazione con il complesso militare-industriale turco a causa dell’invasione turca in Siria 3 anni fa.

Da qui la minaccia turca di non accettare Svezia e Finlandia.

Tuttavia gli Stati Uniti hanno iniziato – come era prevedibile – a fare grosse pressioni su Erdogan ed alla fine sembra che si arriverà ad un compromesso.

Bloomberg ha pubblicato le richieste della Turchia in cambio dell’approvazione dell’adesione di Svezia e Finlandia alla NATO:

“Mentre la Turchia minaccia di bloccare le offerte di adesione alla NATO da parte di Svezia e Finlandia sulla scia dell’invasione russa dell’Ucraina, Bloomberg ha parlato con tre alti funzionari turchi di ciò che il loro governo sta cercando di ottenere con l’alta posta in gioco.

I funzionari hanno parlato in condizione di anonimato, affermando di non essere autorizzati a parlare pubblicamente delle deliberazioni interne del governo e tutti hanno fornito valutazioni (…) Bloomberg

Quindi affinché la Turchia dia il suo placet per l’ingresso alla NATO a Svezia e Finlandia, queste sono le richieste turche diffuse dalla pubblicazione americana:

– Sollevare l’embargo sulle armi.

– Rientro nel programma di caccia F-35.

– Approvazione di un nuovo pacchetto di acquisti di caccia F-16.

– Rimozione delle sanzioni dal sistema di difesa aerea S-400.

Come previsto, il PKK era solo una scusa per avere qualcosa a cui aggrapparsi nella difficile situazione economica.  In fondo, Erdogan si è comportato come un astuto mercante orientale che ha trovato una lampada con un genio e l’ha strofinata:

“… Voglio un milione di dollari, l’eterna giovinezza, una bella moglie, una bella Ferrari e una villa – questa è la prima cosa. In secondo luogo…”

Erdogan si adegua alla politica che oggi va per la maggiore e, bisogna dire, che fa meglio degli illusionisti atlantici.

VP News

Exit mobile version