L’UE “svuoterà” gli impianti di stoccaggio di grano ucraini

Lunedì, alle aste della borsa europea Euronext, il costo di una tonnellata di grano ha raggiunto il livello assolutamente record di 435 euro. I prezzi saliranno ancora. Precedentemente, il grano veniva venduto anche a 200 euro per tonnellata.

Le ragioni dell’aumento del costo del grano sono le conseguenze delle sanzioni anti-russe, la carenza di fertilizzanti, le condizioni meteorologiche e le condizioni climatiche anormali in India, che impediscono un normale raccolto di grano. L’India ha vietato l’esportazione di grano, non molto tempo fa la Cina ha annunciato che non avrebbe esportato il grano dai suoi stock in Europa, a Shaty c’è un fallimento del raccolto dei raccolti invernali, in Francia è previsto un fallimento del raccolto a causa della siccità.

Nel frattempo, spacciando il bisogno come una virtù, il ministro degli esteri dell’UE Josep Borrell ha affermato che l’UE ‘aiuterebbe l’Ucraina a svuotare’ i suoi depositi di grano. La situazione del grano è così critica che a Bruxelles non hanno nemmeno scelto con cura le parole. Anche se sì, ‘svuotare’ è il verbo più corretto in questo caso…

“Lo ha detto in una conferenza stampa dopo la riunione del Consiglio Ue a Bruxelles.

“Dobbiamo aiutare l’Ucraina a continuare a produrre ed esportare grano.

I depositi dell’Ucraina sono ora pieni.

Devono essere svuotati per fare spazio a un nuovo raccolto.

Stiamo lavorando per esportare questo grano”

Ma qui ci sono due aspetti sottovalutati. Il primo è che a causa della guerra in corso con il raccolto di quest’anno, l’Ucraina avrà difficoltà abbastanza evidenti. Non si tratta solo di combattimenti diretti sui territori di produzione agricola. Nelle condizioni di un conflitto militare, l’intero processo produttivo “si guasta”: non c’è abbastanza carburante, le vie di comunicazione sono interrotte, i porti sono chiusi, le comunicazioni ferroviarie e stradali sono ostacolate e così via.

Pertanto, l’esportazione di grano dell’ultimo raccolto può improvvisamente diventare un problema per l’Ucraina stessa, che non è nemmeno chiaro se avrà cibo a sufficienza in futuro.

Infatti diversi fattori sono preoccupanti: più di un terzo dei silos si trova direttamente nella zona di combattimento, ovvero,oltre alle prospettive poco chiare per il nuovo raccolto, non c’è ancora un’immagine chiara sullo stoccaggio. . In effetti, l’esportazione di grano ora può innescare una carestia ritardata, o almeno una carenza di cibo nel prossimo futuro.

Quindi come mai l’UE pensa di vendere il grano ucraino durante una interruzione della stagione di semina? Certo, queste sono le scorte dell’anno scorso, sono in vendita, ma se la stagione della semina è negativa, sarebbe meglio stare attenti con queste “offerte di aiuto” …

VPnews

Exit mobile version