Due pesi e due misure: il caso delle isole Salomone

Le basi militari alle porte dell’Australia non sono consentite, ma le basi militari alle porte della Russia vanno bene.

L‘Australia è giunta a questa conclusione inaspettata. Il ministro della Difesa australiano Peter Dutton ha affermato che alla Cina non dovrebbe essere consentito creare basi militari alle porte dell’Australia nelle Isole Salomone.

“Nella nostra regione, alle nostre porte, non ci saranno basi navali cinesi”, ha affermato Peter Dutton.

Nel marzo di quest’anno, le isole Salomone hanno firmato un accordo con la Cina. Uno dei punti dell’accordo era l’ammissione di navi cinesi “secondo le loro esigenze e con il consenso delle Isole Salomone” nei porti del Paese (per rifornimenti). In Australia, questo è stato percepito come una sorta di prologo per il dispiegamento di una base cinese vicino all’Australia.

A fronte di questo, gli USA affermano che non escludono l’uso della forza militare contro le Isole Salomone se le autorità locali consentono alla Cina di stabilirvi una base militare. In realtà, stiamo assistendo al contrario di quanto affermano USA e Nato nei confronti dell’Ucraina, “che è un Paese sovrano e ha il diritto di scegliere le alleanze”.

Quindi, se la Cina avesse una base nelle Isole Salomone, questa sarebbe considerata una “minaccia” per l’Australia situata a 2000 km di distanza. E l’Ucraina che è addestrata e armata dalla NATO e che aspira all’entrata a entrare a farvi parte, non è una minaccia alla Russia?

Comunque oltre alle odierne minacce, gli Stati Uniti hanno esercitato pressioni sulla leadership delle Isole Salomone per far ritirare la decisione di riconoscere Taiwan e i pogrom anti-cinesi avviati dall’estero hanno dilagato nella capitale del paese. Inoltre, l’espansione della presenza cinese blocca il progetto americano a lungo termine di schierare missili ipersonici nelle Isole Salomone per scoraggiare la Cina.

In relazione alla crisi tra Australia e le isole Salomone, ora anche la Nuova Zelanda dice che il coinvolgimento di paesi di altre regioni nei trattati di sicurezza deve essere coordinato con i vicini, lo hanno detto tutti ed ora lo ha affermato il capo del ministero degli Esteri della Nuova Zelanda.

3754312 6001

Quindi, nonostante che tra la Nuova Zelanda e le Isole Salomone distino 3400 km, la Nuova Zelanda ritiene che il sistema di sicurezza regionale sarebbe destabilizzato.

Come siamo arrivati a questo punto?

Le Isole Salomone (SO) sono un grande stato insulare (più di 28 mila chilometri quadrati – per confronto, l’area dell’isola di Hong Kong è inferiore di 81 chilometri quadrati), situata vicino all’Australia. Le isole sono una colonia britannica – nel 1978 hanno ricevuto l’indipendenza nominale secondo lo scenario standard “tutto rimane come prima, ma ora non fai parte dell’Impero britannico, perché l’impero ora è uno, ora fai parte del Commonwealth delle Nazioni (Ricchezza condivisa, alias Commonwealth), dove tutti sono uguali”.

Bene, conosci questa uguaglianza – questo è quando in un pub londinese un gentiluomo dice all’altro: “Pensa, è divertente – Kiribati, Nauru e persino Samoa – sono come uguali con la Gran Bretagna”, poi ridono fino a coliche e continuano bere.

Hanno persino il loro parlamento – è solo che, per ragioni storiche, elegge il Governatore Generale. Ma egli dopo essere stato eletto, per legge, comincia ad esercitare il potere di Sua Maestà Reale. Le elezioni sono quindi giuste e tranquille, perché se per caso un tronco di betulla viene nominato governatore generale con votazione, dal giorno successivo inizierà ad eseguire anche gli ordini da Londra. La chiesa principale, tra l’altro, è anglicana, che è controllata direttamente dalla regina.

Anche l’economia è buona – del resto, sotto il controllo di paesi normali con manager qualificati, come si sa, tutto fiorisce e odora, ovvero più della metà indossa “abiti tradizionali e vive vicino alla natura” (cioè cammina tra le foglie, dorme su un pavimento di terra e mangia ciò che c’è), l’industria principale è l’agricoltura e la pesca .

In questo esempio fiorente e vivace del lavoro della tesi “l’importante è dare il controllo nelle nostre mani di bianchi di successo, che non ti deluderanno” da qualche parte alla fine degli anni ’90 del secolo scorso, iniziò il conflitto; erano chiamati ricolte intertribali.

Le lotte intertribali sono andate avanti per diversi anni, nel 2003 per la prima volta le lotte hanno portato a un calo della produzione di cocco (sì, un argomento economico così importante) e un contingente dell’esercito australiano e neozelandese è stato immediatamente introdotto nelle isole (c’erano anche militari delle isole Figi e un certo numero di piccole formazioni simili, semplicemente per sottolineare che si trattava di “assistenza comunitaria” e non di invasione di paesi specifici). I soldati calmarono rapidamente i violenti papuani e spiegano che se ti comporti male, Big Mama ti rimprovererà. Le Salomone non ha un proprio esercito.

A questo punto, completeremo il quadro dell’ottima situazione nello “Stato indipendente”, aggiungendo solo che le isole Salomone in quel momento non aveva relazioni diplomatiche con Russia e Cina. Sì, le isole Salomone erano uno di quei piccolissimi “stati” che riconoscono Taiwan come Cina.

Quindi, la situazione rimane approssimativamente la stessa fino al 16 settembre 2019. In questo giorno, il Primo Ministro delle isole Salomone esce con una dichiarazione che le relazioni amichevoli con Taiwan sono terminate. Le relazioni con Taiwan, ha sottolinea il premier Sogawari, sono generalmente contrarie ai principi dell’Onu, perché le relazioni diplomatiche con un Paese non riconosciuto sono impossibili.

Ma gli Stati Uniti non l’hanno presa bene ed hanno chiesto di non rendere pubblico questo cambiamento – e soprattutto all’Assemblea generale delle Nazioni Unite – inoltre, hanno subordinato la propria assistenza finanziaria a questa problematica.

Nello stesso tempo, la Cina, per in questo momento, rappresenta circa i 2/3 dei proventi delle esportazioni delle isole Salomone. Cioè, l’assurdità della situazione “commerciamo con la Cina, ma riconosciamo Taiwan come Cina” si osserva anche in termini economici.

Confrontando il fatturato commerciale – le Salomone con la Cina ha circa 2 miliardi di yuan di fatturato e con Taiwan circa 140 milioni di yuan.

Quindi, il 21 settembre, a Pechino viene firmato un documento con il quale le Isole Salomone aderiscono al principio di una Cina unita. Ciò suscita la furia di Taiwan, la furia sorda degli Stati Uniti e facce di pietra a Londra.

9357585 original1

Le cose si stanno scaldando quest’anno poiché a marzo è in preparazione un accordo con la Cina sul sostegno umanitario e di preparazione alle catastrofi. La Cina è d’accordo nell’aggiungere punti importanti al testo, come appunto, la possibilità di rifornire di carburante le navi cinesi (qualsiasi nave), nonché sulla possibilità per le Isole Salomone di richiedere assistenza militare alla Cina.

A fronte di questo, i media australiani sono esplosi nell’isteria: si ricorda alle isole che non sono affatto particolarmente indipendenti, che queste cose non possono essere firmate.

Ciononostante, l’accordo è stato firmato l’altro giorno e, fino a ieri, il Primo Ministro australiano ha affermato che la comparsa di una base militare cinese nelle Isole Salomone è una linea rossa per Canberra e Washington.

Il vicepremier australiano ha aggiunto che l’accordo sugli aiuti con la Cina equivale ad una perdita di sovranità. Cioè,  l’Australia intende che quando invia un corpo di spedizione per “risolvere la situazione con i selvaggi”, perché le isole non hanno un esercito, dicendo cosa devono fare, questa è una sovranità fiorente; mentre  accordo con la Cina sul tema “Se siamo nei guai, chiederemo ufficialmente aiuto” – no, questa è una perdita di sovranità. In realtà, l’assenza dell’accordo è l’intimidazione dei paesi terzi o, se vogliamo maggior rispetto da parte dei paesi terzi.

Per ora ci sono solo scambi di note nervose, ma ci si può aspettare qualsiasi cosa: da una rivoluzione colorata (sconosciuti patrioti delle Isole Salomone, armati di nuovi fucili britannici, prendono il potere all’improvviso e, in ginocchio, chiedono di essere presi sotto il controllo di Londra) ad un blocco economico e politico.

Bene, vediamo ora che tipo di provvedimento escogitano per cercare di pressare i dannati aborigeni dello stato del Pacifico, che hanno deciso di mandare al chiodo la secolare dipendenza coloniale sull’isola.

Naturalmente, se le Isole Salomone non si avvicinassero alla Cina, poche persone sarebbero interessate a questi ‘cortili del mondo’.

Come già detto, “tutti i paesi hanno il diritto di determinare in modo indipendente la loro politica estera”, non è vero sempre.

VPNews

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.