SIRIA – Membro del governo siriano ucciso in Siria da un comando israeliano

Medhat al-Saleh

Midhat Salih è stato ucciso la mattina del 16 ottobre da un cecchino dell’esercito israeliano. Era liberato dopo una prigionia in Israele durata 12 anni .

Secondo l’agenzia di stampa  statale siriana SANA , un cecchino dell’esercito israeliano ha sparato un colpo su Salih che stava tornando a casa, nel villaggio di villaggio druso di Majdal Shams nell’area di Ayn Tine a Quneitra, vicino alla linea del cessate il fuoco all’interno del territorio della Repubblica araba siriana. Il colpo è stato sparato da diverse centinaia di metri.

La regione di Ayn Tine si trova nel  Golan occupato. Israele deve ancora commentare l’accaduto.

Chi era Midhat Salih, sostenitore del Golan alla Siria

Salih, 54 anni, era un cittadino siriano ed aveva vari incarichi statali, come quello di essere incaricato a curare le questioni relative alle alture del Golan che le Nazioni Unite hanno riconosciuto appartenere alla Siria.

Midhat Salih è nato nel suddetto villaggio druso di Majdal Shams nel 1967. Scondo l’agenzia di stampa russa Riafan, “le autorità israeliane lo hanno più volte arrestato per appartenenza al movimento di resistenza, ha trascorso oltre 12 anni nelle carceri dello stato ebraico. Dopo il suo rilascio nel 1997, è stato eletto al parlamento siriano da un collegio elettorale che comprende le alture del Golan controllate da Israele. Quindi il politico è stato nominato direttore del dipartimento del Golan e consigliere del presidente della SAR Bashar al-Assad” .

Sempre Riafan aggiunge che negli ultimi anni ha prestato servizio nell’intelligence siriana , continuando a concentrarsi sugli sforzi del Paese per riconquistare il Golan”.

Per l’Onu il Golan è siriano

“Durante la guerra dei sei giorni del 1967, Israele riconquistò e occupò le alture del Golan dalla Siria e le annesse nel 1981. Tuttavia, il Consiglio di sicurezza dell’ONU, con la risoluzione 497, ha dichiarato non valida l’adesione. L’occupazione di Tel Aviv ha provocato lo sgombero di 131,00 siriani dalle città di Quneitra e Fik, 137 villaggi e 112 fattorie della zona, secondo i dati ufficiali .

Nel 2019, l’ONU ha confermato che lo status del Golan rimane invariato, cioè queste terre sono ancora territorio della SAR. Gli Stati Uniti sono diventati l’unico paese al mondo a riconoscere la sovranità di Israele su questo territorio.

L’11 ottobre, il primo ministro dello Stato ebraico Naftali Bennett ha annunciato l’ intenzione di costruire due nuovi insediamenti nel Golan, che raddoppieranno il numero dei coloni israeliani nel territorio occupato da 27.000 a 50.000, e poi a 100.000. questo passo viene compiuto in nome degli interessi nazionali. Il capo del governo ha anche indicato che a novembre si terrà una riunione del Consiglio dei ministri sulle alture del Golan”.

Exit mobile version