Gli USA non lasciano la Siria: dopo missili Tow ai terroristi, ora aerei ai curdi

Gli USA non lasciano la Siria: dopo missili Tow ai terroristi, ora aerei ai curdi 1

AEREI T6

Le forze armate siriane hanno iniziato a schierare ulteriori equipaggiamenti militari sul fronte nel nord del Paese tra le minacce del presidente turco Recep Tayyip Erdogan . Lo riferisce sabato 16 ottobre la testata ‘Primavera Russa , che è vicina al ministero della Difesa russo .

Secondo il portale, nei giorni scorsi l’esercito siriano avrebbe verificato la prontezza al combattimento delle armi prima di inviarle nelle regioni di Tel Rifat e Manbij, nel nord del Paese. In particolare, stiamo parlando di carri armati T-90, sistemi a lancio multiplo di razzi (MLRS) BM-21 “Grad” e unità di artiglieria semoventi (ACS) “Gvozdika”.

Inoltre, si è saputo del trasferimento di colonne di equipaggiamento militare nelle aree confinanti con la zona di de-escalation di Idlib.

Come rileva la pubblicazione “primavera russa”, l’invio di armi aggiuntive da parte dei siriani al fronte potrebbe essere collegato alle recenti dichiarazioni di Erdogan su “una inevitabile risposta all’aggressione” dopo l’attacco al convoglio turco nella regione di Mareaa avvenuto il 10 ottobre.

Il 15 ottobre, il presidente turco ha affermato che in futuro la lotta di Ankara in Siria diventerà “completamente diversa”, ha riferito la TASS . Ha sottolineato che la Turchia combatterà sia le organizzazioni terroristiche, che sono sostenute dagli Stati Uniti, sia le forze del regime del presidente siriano Bashar al-Assad .

All’inizio di ottobre, è stato riferito che l’esercito turco aveva completato i preparativi per le operazioni nel nord della Siria ed era in attesa di ordini per lanciare un’invasione di quattro città siriane: Manbij, Tel Tamir, Ain Isa e Tel Rifat. È stato notato che le operazioni saranno dirette contro i curdi tra i sostenitori del Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK) bandito in Turchia .

Per quando riguarda la presenza degli Stati Uniti in Siria, essi hanno circa 900 militari, ma sono sufficienti a sviluppare deterrenza, ovvero a riuscire a indurre le forze siriane a rimanere a sud dell’Eufrate.

Ma il governo statunitense non si limita solo a causare il caos in Siria ed a sottrarre importanti zone , le più ricche del paese , al legittimo governo di Damasco. Per  Washington tenere separata la Siria e sostenere le forze curde, è un’opportunità per controllare la Turchia, un alleato della NATO degli Stati Uniti, mantenendo la minaccia del separatismo curdo ai suoi confini. 

Recentemente gli USA hanno trasferito alla parte curda  aerei da addestramento texani T-6, che possono essere utilizzati per colpire obiettivi a terra in assenza di opposizione attiva, nel nord della Siria. Questi aerei sono stati consegnati nella base aerea di Tell Beydar nella provincia di Hasakah. A seguito del trasferimento di questi aerei, alcuni curdi sono stati frettolosamente addestrati alla loro guida.

Non si direbbe che che Washington ha molta voglia di lasciare la Siria.

@vietatoparlare

Exit mobile version