SIRIA – I russi bombardano i militanti siriani in partenza per combattere gli armeni in Karabakh

[su_dropcap style=”default” size=”3″ class=””]L[/su_dropcap]unedì 26 ottobre, l’aviazione russa ha attaccato il quartier generale e la base di addestramento del gruppo Feylak al-Sham nella città di Kafr Taharim, nella provincia di Idlib.

[su_section border=”3px double #ffe01c” margin=”20px 0″]Foto e video dell’attacco aereo e delle conseguenze dell’attacco sono stati pubblicati su internet. Il gruppo fa parte del Fronte di liberazione nazionale filo-turco e ha partecipato alle operazioni di Ankara per conquistare la zona di confine siriana.[/su_section]

af8e664c5c29dfd32026ec2a249531


[su_quote]“Più di 25 terroristi sono stati uccisi e 100 feriti. Il gruppo è uno dei gruppi più pericolosi in Turchia a Idlib siriano ”, ha scritto il blogger Babak Taghvaee .[/su_quote]

L’azione sarebbe stata eseguita dai russi come risposta alla Turchia che ha reclutato i militanti siriani per farli partecipare alla guerra nel Karabakh.

La pubblicazione russa di Geopolitica Eadaily offre interessanti informazioni circa la partecipazione delle milizie ribelli in Siria:

In Karabakh, i militanti siriani sono in guerra con la Russia. Lo ha affermato uno dei comandanti del gruppo “Sultan Murad”, che fornisce mercenari all’Azerbaigian.

[su_quote]Ho ricevuto solida offerta  dal comandante del gruppo sultano Murad dopo aver espresso insoddisfazione per il mio lavoro,[/su_quote]

ha scritto su Twitter la giornalista americana Lindsay Snell  (ha prodotto documentari per media come MSNBC, VICE, Vocativ, ABC News, Ozy, Yahoo News e Discovery Digital Networks).

E sempre sul social network, ha anche chiarito il secondo movente della partecipazione dei miliziani:

[su_quote ]Secondo il comandante [che fa parte dell ‘”Esercito nazionale siriano” filo-turco nel nord-ovest della Siria], i siriani stanno combattendo i russi in Libia e Azerbaigian, e da quando i russi sono diventati i più grandi nemici dei siriani, questo è un bene”.[/su_quote]

02c8d0739b129e2a080b7ec997fe21

(…)

[su_section border=”3px double #ffe01c” margin=”20px 0″]Elizabeth Tsurkova, analista dell’American Center for Global Policy (CGP), comunica direttamente con i militanti . Ieri, 25 ottobre, ha twittato che uno degli eroi siriani nella sua intervista mercenaria è quasi morto in Nagorno-Karabakh.[/su_section]

[su_quote]Abdel Bazit “è stato quasi ucciso durante i combattimenti in Nagorno-Karabakh. 11 siriani, membri della sua unità, sono stati uccisi e circa 40 feriti dopo l’attacco armeno. I mercenari moderni sono solitamente unità militari d’élite in pensione. Non siriani. E sono diventati carne da cannone ”, ha scritto Elizabeth Tsurkova sul social network.[/su_quote]

62946d0d65a4755eb04beef866ef21

Su The New York Review, l’analista ha pubblicato un articolo sui mercenari siriani in Libia e Azerbaigian, e Abdel Bazit (cambiato nome) le ha detto che quattro dei suoi amici erano morti nei primi due giorni di combattimenti in Nagorno-Karabakh.

[su_quote]“Ci hanno mandato direttamente al fronte. La situazione è disastrosa. Ci sono battaglie ogni giorno. Siamo costretti ad attaccare. Non c’è riposo. Molti sono scomparsi e non riusciamo a trovarli ”, ha detto un militante di Rastan, nella provincia di Homs. Ha detto che suo padre stava ancora pagando un grande prestito, il suo stipendio non era abbastanza e doveva andare.[/su_quote]

Secondo varie fonti, ai militanti in Azerbaigian vengono promessi 1,5-2 mila dollari al mese, e che andranno lì per soldi, hanno detto i mercenari a una varietà di media, dalla Reuters alla BBC.

[su_section border=”3px double #ffe01c” margin=”20px 0″]Secondo l’Osservatorio siriano non governativo per i diritti umani (SOHR), almeno 2.050 militanti siriani si sono recati in Azerbaigian. Al 21 ottobre, 170 di loro sono morti e 118 corpi sono già stati consegnati in Siria. Il reclutamento dei mercenari è guidato dal sultano Murad e dalla divisione Hamza.[/su_section]

[su_quote]”Fonti affidabili riferiscono che nuovi gruppi di mercenari si stanno preparando ad andare in Azerbaigian mentre la Turchia continua a gettarli nel conflitto fiammeggiante in Nagorno-Karabakh”, ha detto SOHR. Hanno chiarito: i combattimenti sono così feroci che alcuni siriani si rifiutano di partecipare e tornare in Siria.[/su_quote]


Maggiori dettagli: https://eadaily.com/ru/news/2020/10/26/komandir-naemnikov-iz-sirii-v-karabahe-my-voyuem-s-rossiey

 


 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.