SIRIA – Il governo siriano accusa gli USA di rubare il petrolio a nord del paese

DAMASCO – Secondo quanto riferito, un convoglio di oltre 30 camion militari statunitensi insieme a autocisterne hanno trasportato petrolio siriano rubato dalla provincia nord-orientale di Hasakah alla regione semi-autonoma del Kurdistan nel nord dell’Iraq.

Fonti locali, che hanno chiesto l’anonimato, hanno riferito all’agenzia di stampa ufficiale siriana SANA che 33 veicoli militari statunitensi insieme a diverse autocisterne dalla regione di al-Ya’rubiyah sono entrati nei territori iracheni dopo aver attraversato il valico di frontiera di al-Waleed.

“Nelle ultime ore, un convoglio di 33 veicoli di occupazione statunitensi, tra cui autocisterne cariche di petrolio rubato dalla regione siriana di al-Jazeera, si sono diretti verso il territorio iracheno attraverso l’attraversamento illegittimo di al-Walid”, fonti locali di al-Ya’arubyia sono state citate come detto.

Il convoglio era accompagnato anche da decine di nuovi veicoli militari Hummer e da una serie di veicoli appartenenti alle cosiddette Forze Democratiche Siriane (SDF). Le SDF, un’alleanza sostenuta dagli Stati Uniti di militanti curdi che operano contro Damasco, controlla attualmente le aree della Siria settentrionale e orientale.

forze USA in Siria - foto Pars Today
forze USA in Siria – foto Pars Today

Gli Stati Uniti hanno dislocato forze ed equipaggiamenti nel nord-est della Siria, con il Pentagono che afferma che lo spiegamento mira a impedire che i giacimenti petroliferi nell’area cadano nelle mani dei terroristi Daesh. Damasco, tuttavia, afferma che il dispiegamento ha lo scopo di saccheggiare le risorse del paese.

Il ministro siriano del petrolio e delle risorse minerarie Bassam Tomeh ha dichiarato il 18 marzo alla rete televisiva statale e in lingua araba al-Ikhbariyah Siria che gli Stati Uniti e i gruppi terroristici alleati stanno saccheggiando le riserve di petrolio nel paese arabo colpito dalla guerra, rivelando che Washington controlla il 90% delle riserve di greggio nella Siria nordorientale ricca di petrolio.

L’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump aveva ammesso apertamente in diverse occasioni che il petrolio era la ragione principale che teneva le truppe statunitensi in Siria.

Nel luglio 2020 e durante un’audizione al Senato, il senatore repubblicano della Carolina del Sud Lindsey Graham e l’ex segretario di Stato americano Mike Pompeo hanno accennato alla questione. Durante la sua testimonianza alla commissione per le relazioni estere del Senato, Pompeo ha confermato per la prima volta che una compagnia petrolifera americana avrebbe iniziato a lavorare nel nord-est della Siria.

Il governo siriano ha condannato fermamente l’accordo petrolifero, affermando che l’accordo è stato concluso per saccheggiare le risorse naturali del paese, inclusi petrolio e gas, con il patrocinio e il sostegno dell’amministrazione Trump.

VP News

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.