SIRIA – Appello delle Nazioni Unite a Biden per alleggerimento delle sanzioni

Un appello firmato da 90 personalità basato sulle  rilevanti  conclusioni della Relatrice Speciale delle Nazioni Unite sull’impatto delle sanzioni  sui siriani, è stato inviato al presidente degli Stati Uniti Joe Biden e al primo ministro britannico Boris Johnson con la richiesta di revocare le sanzioni contro la Siria: la Siria deve affrontare una catastrofe umanitaria senza precedenti, ha detto il rappresentante permanente della Federazione Russa sotto l’organizzazione Vasily Nebenzya in una riunione delle Nazioni Unite Consiglio di Sicurezza.

“Abbiamo ripetutamente parlato delle conclusioni rilevanti della Relatrice Speciale delle Nazioni Unite sull’impatto delle sanzioni sui diritti umani, la signora (Elena) Dovgan”.

Secondo l’ambasciatore russo all’ONU, tra i firmatari non ci sono solo rappresentanti di ambienti accademici e religiosi, giornalisti, operatori umanitari, ma anche ex ambasciatori di Gran Bretagna, Germania, Tunisia e Francia in Siria, nonché un attuale membro della Camera dei comuni del Regno Unito.

“Questa lettera afferma esplicitamente che” c’è un consenso nei diritti umani e nell’ambiente umanitario che una tale forma di punizione collettiva della popolazione civile, come le sanzioni, sta portando la Siria a una catastrofe umanitaria senza precedenti “, ha detto Nebenzya.

Durante l’incontro, il vice segretario generale delle Nazioni Unite per gli affari umanitari Mark Lowcock ha affermato che circa il 60% della popolazione siriana (circa 12,5 milioni di persone) non ha accesso regolare a cibo sicuro. L’economia siriana – ha detto  – nell’ultimo anno e mezzo, ha subito molteplici shock  e i prezzi delle materie prime sono aumentati. Più del 70% dei siriani ha affermato di aver contratto lo scorso anno nuovi debiti,  ha detto Loucock. Questi problemi sono visibili in molte parti del paese, ma la situazione è particolarmente grave nel nord-ovest e nord-est.

“Sfortunatamente, nel briefing del coordinatore umanitario, non abbiamo sentito tutti i fattori che influenzano la situazione umanitaria in Siria”, ha detto a sua volta Nebenzya.

“In particolare, non abbiamo sentito restrizioni unilaterali illegali dei nostri colleghi occidentali tra le ragioni del peggioramento della situazione economica in Siria. Nel frattempo, sono loro che non consentono all’economia siriana di riprendersi con tutti gli sforzi delle autorità ”, ha sottolineato.

Come ha sottolineato Nebenzya, sono soprattutto i normali siriani a soffrirne, che hanno bisogno di accedere a servizi sociali adeguati nel campo dell’assistenza sanitaria, dell’istruzione e del ripristino delle infrastrutture civili distrutte dalla guerra.

Gli aiuti umanitari che arrivano nel Paese non risolveranno questi problemi e non normalizzeranno la vita dei siriani”, ha detto il rappresentante permanente russo.

Secondo Nebenzya, per l’influenza indiretta data dalle sanzioni, “Damasco non è in grado di effettuare transazioni in valuta estera necessarie per il funzionamento dell’economia, di acquistare materie prime, materiali da costruzione sui mercati esteri , per non parlare di medicinali e attrezzature mediche, sono così necessari in una pandemia.

La Russia al momento non vede alcuna buona ragione per preservare il meccanismo di assistenza transfrontaliera in Siria a causa dei numerosi abusi intorno ai suoi rifornimenti. Lo ha affermato giovedì in una riunione del Consiglio di sicurezza dell’Onu dal Rappresentante permanente della Federazione russa presso l’organizzazione mondiale Vasily Nebenzya.

“Se domani dovessimo tutti decidere di estendere il meccanismo transfrontaliero, temo che non avremmo ragioni importanti per mantenerlo. È importante che tutti coloro che sono interessati ad estendere il lavoro del meccanismo transfrontaliero comprendano che il tempo rimasto è poco e molto resta da fare. Inoltre, le mezze misure non funzioneranno qui “, ha detto.

Secondo il Rappresentante Permanente della Federazione Russa, il meccanismo transfrontaliero in Siria porta a una distribuzione non uniforme degli aiuti umanitari, che ha portato al fatto che nel nord-ovest del Paese “uno dei più alti tassi di popolazione prima di sostentamento di base . ” Nebenzya ha sottolineato che è importante lanciare rifornimenti umanitari a Idlib dalla parte della Siria controllata dal governo, e non solo dall’estero, sottolineando che “è a Idlib che si manifesta chiaramente il doppio fondo del meccanismo transfrontaliero”. Ha anche sottolineato che l’assistenza fornita nell’ambito del meccanismo transfrontaliero si risolve con i terroristi, che poi speculano su di esso.

“A questo proposito, ci interessa quanto sarà equa la distribuzione dei vaccini nel nord-ovest, la cui fornitura dalle riserve GAVI (Global Alliance for Vaccines and Immunization) è stata curata dall’ufficio delle Nazioni Unite a Gaziantep “, ha detto Nebenzya. Secondo l’ambasciatore russo, le rappresentanze di Francia e Stati Uniti all’Onu hanno fatto pressione sulla Federazione Russa “di fare pressione sulle autorità siriane affinché vaccinassero in Siria”. “È come se Damasco rifiutasse di essere vaccinata. Anche in questo caso, non c’è modo di aggirare il tema delle sanzioni, che potrebbero seriamente impedire a Damasco di organizzare la consegna del vaccino nei territori controllati dal governo e il suo successivo stoccaggio ”, ha concluso Nebenzya.

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov e il direttore generale del ministero degli Esteri israeliano Alon Ushpiz hanno discusso giovedì dell’insediamento israelo-palestinese e della situazione in Siria.

“Durante la conversazione si è svolto uno scambio di opinioni sulla situazione in Medio Oriente con un accento sullo stato delle cose nell’insediamento arabo-israeliano. Allo stesso tempo, la parte russa ha sottolineato la sua disponibilità, insieme ad altri membri del Quartetto del Medio Oriente di mediatori internazionali, a continuare ad aiutare a stabilire un processo di pace sostenibile attraverso il dialogo diretto tra israeliani e palestinesi su una base giuridica internazionale generalmente riconosciuta, ha detto il ministero degli Esteri russo. “Durante la discussione della situazione in Siria, è stata sottolineata la necessità di risolverla con metodi politici e diplomatici, nel rispetto della sovranità e integrità territoriale della RAS e dell’eliminazione della minaccia terroristica in questo Paese in conformità con la Risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. 2254.

Hanno anche toccato alcune questioni di attualità nell’agenda bilaterale nel contesto della reciproca attenzione all’ulteriore sviluppo di una cooperazione multiforme e reciprocamente vantaggiosa tra Russia e Israele, hanno aggiunto i funzionari diplomatici.

Come precedentemente riferito alla TASS presso l’ambasciata israeliana a Mosca, Ushpiz ha trasmesso a Lavrov una nota del ministro degli Esteri israeliano Gabi Ashkenazi, che sottolinea la forza e l’importanza delle relazioni tra i due paesi.

Nell’ambito dell’attuazione del Memorandum sull’istituzione di zone di de-escalation nella Repubblica Araba Siriana, firmato dalla Federazione Russa, dalla Repubblica Turca e dalla Repubblica Islamica dell’Iran il 4 maggio 2017, i gruppi di monitoraggio continuano a monitorare il rispetto il regime di cessate il fuoco.

La parte russa dell’ufficio di rappresentanza della commissione mista russo-turca per considerare le questioni relative ai fatti delle violazioni della cessazione delle ostilità, ha registrato 26 episodi di apertura del fuoco (di cui, secondo la parte siriana – 19) nelle province : Idlib – 14, Latakia – 7, Hama – 3, Aleppo – 2.

La mattina del 24 febbraio 2021, fonti arabe hanno informato che un altro convoglio militare statunitense ha attraversato illegalmente il valico di confine di Alwaleed con l’Iraq e si è recato in Siria. I 45 camion trasportavano armi, munizioni e materiale e attrezzature tecniche per installazioni militari nella provincia siriana nordorientale di Al-Hasakah.

La sera dello stesso giorno, le autorità dell’autoproclamato Kurdistan siriano (occidentale) (nome non ufficiale Rojava) hanno riferito che l’esercito americano per la prima volta ha dispiegato il suo sistema di difesa aerea Patriot in Siria in una delle basi militari in costruzione .

Nella regione siriana di Al-Furat nella regione di Omar al-Nafi, la campagna orientale di Deir ez-Zor, è in costruzione una grande base militare americana,

A giudicare dalle foto che seguono (qui fonte), si direbbe che il sistema di difesa aerea Patriot sarà schierato nella base.

Va notato che la “coalizione internazionale” guidata da Washington agisce illegalmente sul suolo siriano. Non ha né l’approvazione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per questo, né il permesso del governo legittimo di Damasco. Di conseguenza, l’attività di queste strutture corrispondono a una un’invasione e un sequestro di territorio.

Gli americani hanno recentemente schierato i loro sistemi di difesa aerea a corto raggio Avenger, noti anche come AN ​​/ TWQ-1, in Siria. Sono una torretta con due lanciatori, ognuno dei quali ha quattro missili terra-aria FIM-92 Stinger a ricerca di calore.

Inoltre, si è saputo che gli americani stanno costruendo un nuovo aeroporto militare  vicino al grande giacimento petrolifero di Al-Omar nella provincia di Deir ez-Zor.

Tutto ciò indica che gli Stati Uniti non lasceranno la Siria.

ANNA News


Idlib – aperti 3 passaggi per esfiltrare la popolazione da Idlib ma i ribelli non lo permettono

Su iniziativa delle autorità della Repubblica Araba Siriana, dal 22 febbraio, sono stati aperti i posti di blocco “SERAKAB”, “MIZNAZ” e “ABU AZEIDIN” per il libero movimento della popolazione attraverso i confini della zona di de-escalation di Idlib e il territorio controllato dalle forze armate turche.

Nello stesso tempo, i militanti delle formazioni armate radicali bloccano il lavoro dei posti di blocco, vietando ai residenti locali di recarsi nel territorio controllato dalle autorità della SAR sotto la minaccia dell’uso delle armi, oltre che dell’arresto.

L’incapacità delle forze armate turche di garantire la sicurezza dei cittadini nei corridoi di uscita aggrava la situazione della popolazione civile, che soffre per la mancanza di cure mediche qualificate e l’emergenza socio-economica causata dalle soffocanti sanzioni statunitensi.

Il Centro russo per la riconciliazione delle parti belligeranti chiede al comando delle truppe turche che esercitano il controllo sui territori della Siria nord-occidentale di mostrare integrità nell’adempimento dei loro obblighi e garantire la sicurezza dei civili che desiderano utilizzare i posti di blocco.

Con riferimenti ai curdi, ci sono informazioni che i russi, che avevano lasciato Ain Issa e Tell Tamra, ora sono tornati.
Però nel briefing del CPVS, da diversi giorni non si parla della scorta di veicoli civili da parte della polizia militare russa in questa zona.

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.