Sanzioni alla Russia e contro sanzioni russe

Gli USA, Gran Bretagna, Canada e la neutrale Svizzera hanno preparato pesanti sanzioni alla Russia per l’aggressione della Russia all’Ucraina, mentre 14.000 vittime nel Donbass non sono bastate per far partire un solo avviso, un solo ammonimento alla leadership Ucraina che invece è stata premiata e rimpinguata con armi sempre più tecnologiche ed incoraggiata ad azioni sempre più spregiudicate.

Ovviamente, Zelensky ed il suo entourage non hanno capito di aver posto il proprio paese in mezzo ad uno scontro geopolitico tra est ed Ovest che non ha alcuna considerazione della propria sovranità nazionale. Qui in Italia nessuno ragionevolmente pensa che il governo italiano potrebbe decidere autonomamente di aderire alla CSTO e di mettere basi russe in sostituzione di quelle USA. Allo stesso modo non è possibile che Zelensky pensi realmente di essere libero nelle proprie scelte. Questo è un lusso che nessuno ha in Europa, tantomeno lo avrà l’Ucraina. Lui sta decidendo esattamente ciò che fa comodo ad altri e non al popolo ucraino che sarà per decenni in uno stato di guerra.

Ho un enorme rispetto per gli ucraini e credo che tutto ciò che si potrà fare verso i profughi vada fatto, ma rimane il rammarico di occasioni mancate che avrebbero evitato gli esiti odierni. Se le potenze occidentali – che oggi comminano sanzioni a go go alla Russia – avessero riservato della risolutezza attuale per far partire gli accordi di Minsk, oggi non ci troveremmo in questa situazione e, la popolazione ucraina non dovrebbe subire una guerra i cui esiti sono ancora imprevedibili.

Ricordo che le sanzioni le pagano in massima parte la popolazione. Sul popolo italiano saranno scaricati tutti gli effetti dell’infausto operato di una classe politica che antepone la propria obbedienza allo status quo globale piuttosto alla Costituzione Italiana:

Queste le sanzioni di USA, Gran Bretagna, Canada e Svizzera:

  • Il Tesoro USA ha vietato le operazioni con la Banca Centrale Russa, il National Wealth Fund (NWF) e il Ministero delle Finanze russo. Queste azioni contro la Banca Centrale e la NWF le privano dell’accesso ad attività negli Stati Uniti o denominate in dollari.
  • La Gran Bretagna ha imposto sanzioni contro banche, chip e flotta, sta preparando anche un nuovo pacchetto di sanzioni.
  • Londra ha imposto sanzioni contro VEB, Sovcombank e Otkritie Bank. È stato riferito che tutte e tre le istituzioni finanziarie avranno i loro beni congelati.
  • Il Regno Unito vieterà l’esportazione di beni high-tech in Russia, come microelettronica, apparecchiature marittime e di navigazione.
  • Il segretario ai trasporti del Regno Unito, Grant Shapps, ha chiesto ai porti di non concedere l’accesso a navi battenti bandiera russa registrate, possedute, controllate, noleggiate o gestite dalla Russia.
  • La Gran Bretagna ha preparato un nuovo pacchetto di misure anti-russe che chiudono il mercato dei capitali per tutte le società russe.Svizzera
  • La Svizzera ha aderito alle sanzioni dell’UE e ha chiuso il cielo
  • La Svizzera ha aderito a due pacchetti di sanzioni dell’UE, inoltre a cinque “oligarchi vicini a Putin” è stato vietato l’ingresso nel Paese. Il Paese si è anche unito alle sanzioni personali contro il presidente russo Vladimir Putin, il primo ministro Mikhail Mishustin e il ministro degli Esteri Sergei Lavrov. Le restrizioni sono già in vigore.
  • La Svizzera ha chiuso il cielo ai voli dalla Russia e agli aerei con contrassegno russo.
  • Il Canada ha imposto sanzioni contro la Banca di Russia
  • Il Canada ha vietato tutte le transazioni con la Banca di Russia per le sue istituzioni finanziarie, blocca i beni dei fondi sovrani della Federazione Russa e le transazioni con essi.
  • Il Canada blocca i beni e impone il divieto di transazioni con i fondi sovrani russi.

         Queste invece le la riposta russa alle sanzioni

  • Il presidente russo Vladimir Putin ha firmato un decreto “Sull’applicazione di misure economiche speciali in connessione con le azioni ostili degli Stati Uniti e dei paesi che vi hanno aderito”.
  • Dal 1 marzo vieta ai residenti russi di fornire prestiti esteri in valuta estera, trasferire valuta estera per rimborsare prestiti e accreditare fondi in valuta estera su conti bancari al di fuori della Russia.
  • Il decreto consente alle banche di aprire conti da privati ​​senza presenza personale durante i bonifici interbancari.
  • Le società per azioni pubbliche potranno riacquistare azioni fino al 31 dicembre 2022 se il loro valore è diminuito del 20% o più.
  • I residenti in Russia non potranno inviare denaro sul proprio conto in una banca estera, né effettuare un trasferimento senza aprire un conto se effettuato da società straniere.
  • La Russia ha chiuso i cieli agli aerei di 36 paesi.
  • L’Agenzia Federale per il Trasporto Aereo ha risposto al divieto di voli di aerei russi sull’UE, il Canada e altri paesi con una misura speculare. Ora i vettori aerei di 36 paesi avranno bisogno di un permesso speciale per sorvolare la Russia.
  • Il decreto vieta il prestito da parte di residenti russi a stranieri se è in valuta estera.

VP News

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.