RUSSTRAT: Può sopravvivere la Russia alle sanzioni? Sembra di sì, ma a determinate condizioni…

Può sopravvivere la Russia alle sanzioni? Sembra di sì, ma a determinate condizioni. E sarà difficile: ci sarà almeno un decennio di preparazione prima di tornare alla normalità, intanto l’intera economia dovrà ridirigersi e rinnovarsi. Interessante che alcuni stati occidentali seguiranno pedissequamente le direttive delle sanzioni, ma altri – anche se pochi- le aggireranno, facendo proficui guadagni e preservando un canale diplomatico. Ecco una interessante analisi a tutto campo a cura dell ‘Istituto russo Russtrat:

21 marzo 2022, Istituto RUSSTRAT.

La limitata operazione militare per denazificare e smilitarizzare l’Ucraina, iniziata il 24 febbraio 2022, nonostante le sue dimensioni locali, diventerà il punto di partenza del “nuovo mondo”.

Nel secolo scorso, i grandi cambiamenti nella geopolitica, nella finanza, nei centri di potere e nella logistica hanno richiesto guerre mondiali per risolvere le contraddizioni accumulate. Nel 21° secolo, le contraddizioni si sono rivelate così profonde che un conflitto limitato in un paese di terzo grado in termini di potenziale complesso si è rivelato sufficiente per un effetto domino. Le limitate operazioni militari furono compensate da una reazione economica esagerata.

Oggi finalmente si tolgono le maschere. I paesi occidentali, guidati dagli Stati Uniti, hanno introdotto un ampio pacchetto di sanzioni contro la Russia, che include letteralmente qualsiasi cosa: restrizioni contro banche russe, gatti, artisti di varietà, aviazione civile, cybersports, spettatori, acquirenti IKEA, industria della difesa, raffinazione del petrolio, Atleti paralimpici e molto altro. E questo senza contare le confische di riserve auree russe, yacht e altre proprietà di oligarchi russi, che non erano supportate da alcun precedente o base legislativa.

Le sanzioni imposte avranno sicuramente un effetto sull’economia russa, se non altro per la loro natura di generalizzata. Tuttavia, l’evidente cattiva idea delle sanzioni irrogate rende inevitabili le loro conseguenze, chiaramente non calcolate dagli iniziatori. La Russia è uno dei principali attori geopolitici ed è estremamente difficile colpire senza che questi provvedimenti non abbiano delle ripercussioni di rimbalzo. In alcuni casi, queste ripercussioni sono anche più distruttive del colpo stesso.

La situazione di “guerra economica e finanziaria totale contro la Russia” – che è stata descritta dal ministro delle finanze francese Le Maire – è dinamica. L’intensità delle sanzioni, che sarebbe più corretto chiamare “attacchi economici” è in continua crescita. Inoltre, la Russia non ha ancora risposto su larga scala con proprie misure, per le quali, ovviamente, c’è del potenziale per comminare altrettante sanzioni. Tuttavia, anche da subito possiamo dire che per i prossimi 10-20 anni il mondo intero sprofonderà nella crisi più profonda, la principale vittima di tutto questo sarà il sistema liberale mondiale, e uno dei principali beneficiari è la Cina.

La Russia dovrà vivere nelle nuove condizioni della Seconda Guerra Fredda, quando un certo numero di istituzioni mondiali che sembravano incrollabili per 30 anni non esisteranno più formalmente o di fatto. Dovremo convertire le restanti entrate di petrolio e gas in una modernizzazione su larga scala di tutti gli altri settori dell’economia, compresa la logistica delle materie prime, passando alla massima sostituzione delle importazioni e al consolidamento interno generale.

E qui c’è un paradosso. Se economicamente oggi siamo nei primi anni ’30 – abbiamo ancora tempo per prepararci a una guerra più intensa con l’Occidente, molto più complessa e brutale della Guerra Fredda – allora politicamente siamo nel 1929 – politicamente oggi, infatti, il pre -stato di guerra, che può entrare nella fase aperta in quasi ogni momento.

Petrolio e gas senza molti cambiamenti

I legami economici tra la Russia e l’Occidente saranno seriamente ridotti nel prossimo futuro, anche se la loro base energetica rimarrà la stessa. Il settore energetico russo subirà in minima parte sanzioni e restrizioni, sia in termini di mantenimento dei volumi di esportazione nel medio termine, sia in termini di mantenimento delle competenze tecnologiche.

Con decisione del cancelliere tedesco Olaf Scholz, dopo che la Russia ha riconosciuto la sovranità di DPR e LPR, il 22 febbraio 2022 è stata sospesa la certificazione dell’operatore del gasdotto Nord Stream 2 Nord Stream 2 AG. Successivamente, il ministro degli Esteri tedesco Annalena Berbock ha chiarito che il progetto del gasdotto è stato “congelato”. Può essere completamente fermato, ha dichiarato il 23 febbraio il ministro dell’Economia e vicecancelliere tedesco Robert Habeck.

Diverse società occidentali hanno annunciato la cessazione della partecipazione a progetti sul territorio della Federazione Russa. BP, Shell ed ExxonMobil stanno pianificando di uscire, il che sarà associato a grandi perdite per loro. BP potrebbe perdere 25 miliardi di dollari, i progetti di Shell costano 3 miliardi di dollari. L’uscita della Norwegian Equinor significa una perdita di 1,2 miliardi di dollari.

La francese Total Energies ha preso una posizione speciale, annunciando che avrebbe smesso di fornire capitali per nuovi progetti in Russia, ma non avrebbe lasciato il Paese. Vale la pena notare che, nonostante la retorica militante, l’attuale politica della Francia mira alla conservazione “tranquilla” e persino allo sviluppo della cooperazione.

Tali decisioni delle autorità e delle società europee hanno avuto un impatto estremamente negativo sui corsi azionari, dando nuovo impulso alla crescita dei prezzi spot di gas e petrolio.

Il 4 marzo, secondo la borsa ICE di Londra, il costo del gas naturale in Europa ha superato i 2.400 dollari per mille metri cubi, battendo il record assoluto della storia. Entro la fine dell’anno, il greggio Brent di riferimento potrebbe costare 185 dollari al barile, secondo gli analisti di JPMorgan .

Un tale prezzo è possibile se persistono interruzioni nella fornitura di materie prime dalla Russia: oltre all’atmosfera generale di panico, si sono verificate difficoltà con l’esportazione di petrolio russo dai porti del Mar Baltico e del Mar Nero. Alcuni armatori temono di dover affrontare rappresaglie per aver lavorato con la Russia.

Pensavo che ci fossero sanzioni contro la Russia finché non sono entrato in una stazione di servizio” , ha twittato il 5 marzo Paolo Savona, economista italiano, ex ministro dell’Industria e attuale capo della Commissione nazionale per le società per azioni e le borse.

Il 4 marzo il costo di un litro di benzina nei distributori di benzina con servizio in Italia il 4 marzo ha superato i 2 euro, avendo superato un segno psicologico importante per il mercato locale. Secondo Confcommercio, la crescita dei costi complessivi delle società di servizi italiane sarà del 160% rispetto al 2021.

Nell’anno il costo del gas per i consumatori italiani è quasi raddoppiato (da 70 cent a 1,37 euro al metro cubo), il costo dell’energia elettrica è più che raddoppiato (da 20 a 46 cent al kWh), il che mette migliaia di aziende al limite della redditività. Nel 2021-2022 le autorità hanno già stanziato più di 10 miliardi di euro per “aggiustare la crescita delle tariffe” per cittadini e imprese, secondo alcune previsioni gli shock dei prezzi richiederanno lo stanziamento fino a 20 miliardi di euro solo per l’Italia.

BP potrebbe perdere 25 miliardi di dollari, i progetti di Shell costano 3 miliardi di dollari. L’uscita della Norwegian Equinor significa una perdita di 1,2 miliardi di dollari.

Queste perdite sono molte volte maggiori dei danni subiti da Gazprom a causa della sospensione del progetto Nord Stream 2. Considerando il progetto dal punto di vista della redditività, i prezzi elevati del gas hanno già consentito a Gazprom di recuperare 2-3 volte la costruzione del gasdotto. Inoltre, è probabile che la Germania debba affrontare cause legali da parte dei membri del consorzio Nord Stream 2: British Shell, Austrian OMV, French Engie, German Uniper e Wintershall Dea.

Secondo Gas Infrastructure Europe, a partire dal 26 febbraio l’UE ha ritirato completamente le riserve di gas naturale iniettate nell’estate del 2021. Il volume di gas attivo negli stoccaggi sotterranei europei è diminuito rispetto alla stagione precedente del 21,5%, pari a 7,9 miliardi di metri cubi. m. Gli impianti di stoccaggio del gas sotterraneo in Germania sono selezionati dal 70,6% e in Francia dal 77,1%.

Anche l’occupazione degli UGSF ucraini è ai livelli minimi. Alla stessa data le riserve ammontavano a 10,3 miliardi di metri cubi. m., che è inferiore al livello dell’anno scorso del 44% (o 8,1 miliardi di metri cubi).

Per ricostituire le riserve di gas nei suoi impianti UGS entro il prossimo inverno, l’UE dovrà pompare volumi di gas così significativi che non sono mai stati pompati prima in una stagione estiva, ha affermato Gazprom.

In caso di cessazione delle forniture di carbone o gas russo, il prossimo inverno sarà problematico per la Germania, ha avvertito il vicecancelliere, ministro tedesco dell’Economia e della protezione del clima Robert Habek in un’intervista al canale televisivo ZDF. “Saremo in grado di superare bene la primavera e l’estate, tuttavia sono ancora un po’ preoccupato per il prossimo inverno“, ha detto il funzionario.

È importante sottolineare che la limitata operazione militare in Ucraina ha creato un nuovo fattore di rischio che fa salire i prezzi del gas. Il sistema di trasporto del gas ucraino non è attaccato dalle forze russe o ucraine, ma non vi è alcuna garanzia che i nazionalisti ucraini, spinti alla disperazione dal deterioramento della situazione al fronte, non mineranno il gasdotto, o che subirà l’impatto involontario di un incendio.

Dato il rapido svuotamento degli impianti di stoccaggio, l’economia dell’UE attende la “povertà energetica” e una crisi imminente. La parte russa potrebbe dover affrontare una mancanza di capacità tecnica per esportare gas in Europa.

In una certa misura, questo rischio può essere compensato dal tempestivo rinnovo della certificazione dell’operatore Nord Stream 2 da parte della Germania – contrariamente alla campagna informativa, non si è ancora parlato di un arresto completo del progetto. L’intera infrastruttura è pronta per il varo, per il quale è necessaria solo la volontà politica della Germania, e la soluzione di questo problema è ora al di fuori della competenza russa. Dovremmo aspettarci l’apertura di ulteriori opportunità per le forniture russe di GNL.

I prezzi elevati del gas nell’UE e nel mondo continueranno nei prossimi mesi, o addirittura anni. L’articolo di RUSSTRAT ha affrontato in dettaglio la questione dell’incoerenza dell’idea di “sostituzione” del gas russo con analoghi, il che implica la stabilità della domanda di gas russo nell’UE.

Il settore energetico dell’UE sta affrontando gravi turbolenze, principalmente a causa della mancanza di tentativi di compensare il rapido aumento dei prezzi sul mercato aperto iniziato nell’autunno del 2021. Il percorso indetto dalla burocrazia europea per, contestualmente, la liberalizzazione del mercato e la “transizione verde” verso le energie rinnovabili non supportate da soluzioni tecnologiche ha portato a un completo squilibrio del mercato già nel periodo dicembre-gennaio.

A medio termine, anche salvo la forza maggiore associata ai combattimenti in Ucraina, i prezzi elevati del gas indeboliranno la competitività dell’industria europea in senso lato, dalla produzione di fertilizzanti all’acciaio e alla plastica.

Si dovrebbe prendere in considerazione la possibilità di sabotaggio sul sistema di trasporto del gas dell’Ucraina dopo che le fasi militari e politiche dell’operazione speciale sono state completate. Al riguardo diventa prioritaria la rapida realizzazione dei gasdotti che transitano dalla Mongolia verso la Cina, che consentirà di compensare il probabile blocco dei volumi di gas riservati alle consegne verso l’UE tramite il GTS ucraino.

La situazione con le sanzioni contro la produzione e la raffinazione del petrolio russo appare ugualmente contraddittoria in termini di progettazione ed esecuzione. Il 6 marzo, il Tesoro degli Stati Uniti ha emesso istruzioni dettagliate su come acquistare petrolio dalla Russia eludendo le sanzioni imposte dal governo degli Stati Uniti.

L’agenzia spiega che le sanzioni finanziarie imposte contro le banche nella Federazione Russa non sono complete, rimane la possibilità di lavorare attraverso altre banche. Si noti che le società devono utilizzare “transazioni di bypass”, compreso l’utilizzo di banche in paesi terzi, dove i fondi verrebbero ricevuti in dollari USA, e da lì sarebbero trasferiti sui conti di società russe, anche in banche sub-sanzionate. Si è scoperto che in questo modo anche il Tesoro degli Stati Uniti raccomanda di lavorare con legno, carbone, uranio e prodotti petroliferi raffinati.

Il divieto delle tecnologie europee per la raffinazione del petrolio, annunciato il 25 febbraio dal capo della Commissione europea (CE) Ursula von der Leyen, secondo Bruxelles, non consentirà alla Russia di modernizzare la raffineria. In questa parte, i rischi possono essere valutati come moderati: il picco principale della modernizzazione delle raffinerie russe si è verificato nel 2010-2019, inoltre, le tecnologie europee non sono uniche.

Le aziende russe hanno la loro scuola tecnologica e in Cina è possibile ottenere una serie di soluzioni già pronte. In futuro, a causa della mancanza di componenti importati, potrebbero esserci difficoltà con la revisione e la manutenzione delle apparecchiature già operative nelle raffinerie russe, inclusa la fornitura di software.

L’organizzazione di schemi “grigi” per la fornitura di componenti importati, un aumento dell’esportazione dei pezzi di ricambio necessari dalla Cina, nonché l’intensificazione della nostra sostituzione delle importazioni in questa parte, possono ridurre la gravità del problema.

Il principale e quasi l’unico

Il fattore cinese giocherà generalmente un ruolo molto importante per la Russia nel prossimo futuro. La Cina si rivelerà un partner indispensabile per la Federazione Russa in un’area vastissima, dai pagamenti finanziari alla fornitura dei pezzi di ricambio necessari, elettronica di consumo, apparecchiature mediche, ecc.

Sabato (5 marzo 2022), gli operatori delle reti di pagamento bancarie globali Mastercard e Visa hanno annunciato la sospensione delle transazioni internazionali in relazione alla Russia.

“Le carte emesse dalle banche russe non saranno più supportate dalla rete Mastercard. E qualsiasi Mastercard emessa al di fuori del paese non funzionerà nei negozi o negli sportelli automatici russi”, ha affermato Mastercard in una nota.

Visa ha dichiarato in una dichiarazione che “tutte le transazioni avviate con carte Visa emesse in Russia non funzioneranno più al di fuori del Paese e tutte le carte Visa emesse da istituti finanziari al di fuori della Russia non funzioneranno più nella Federazione Russa”.

Tutte le carte di questi sistemi di pagamento già emesse dalle banche russe continueranno a funzionare in Russia come prima, grazie a NSPK.

Questo è stato lo slancio per la ricerca di sistemi alternativi. Tinkoff, Alfa-bank, Sberbank, Raiffeisenbank e, a quanto pare, molte altre banche russe nel prossimo futuro, stanno valutando la possibilità di emettere carte UnionPay che possono essere utilizzate per pagare gli acquisti e prelevare contanti all’estero.

Fondata nel 2002, la cinese UnionPay, sebbene di popolarità inferiore a Visa e Mastercard, è un efficace sistema di pagamento internazionale. I paesi in cui opera Union Pay includono Svizzera, Grecia, Italia, Spagna, Germania, Messico, Cipro, Thailandia, India, Israele, Portogallo, Croazia, Polonia, Serbia, Ungheria, Austria, per un totale di 180 paesi.

L’impossibilità tecnica di effettuare pagamenti internazionali con qualcosa di diverso da Union Pay, disconnettendo un certo numero di banche russe dal sistema di messaggistica bancaria internazionale SWIFT porterà al flusso di utenti russi Visa e Mastercard verso Union Pay. Per quello che, in futuro, dovremmo aspettarci un nuovo rafforzamento dell’influenza del sistema di pagamento cinese nei paesi dell’Asia centrale, fungendo da fonte di migrazione di manodopera verso la Russia.

Dovremmo aspettarci un cambiamento nella struttura del mercato automobilistico russo, che ha lasciato Volkswagen, Porsche, BMW, Audi, Skoda, Jaguar, Land Rover, Mercedes-Benz, General Motors, Volvo e Citroen. Il produttore di autocarri tedesco Daimler intende vendere la sua partecipazione del 15% in KAMAZ, così come il gruppo Mercedes-Benz. Il produttore di motociclette Harley Davidson ha interrotto le consegne di motociclette in Russia.

La complessa dipendenza dalla Cina dell’industria automobilistica russa e del segmento automobilistico del mercato consumer aumenterà sicuramente. In Russia esistono già stabilimenti di assemblaggio separati dell’industria automobilistica cinese (Haval) e c’è motivo di attenderne l’espansione.

Negli ultimi anni, l’industria automobilistica cinese ha notevolmente migliorato la qualità della produzione, in generale, le auto cinesi corrispondono alle categorie di bilancio della produzione europea. L’autoeliminazione dei produttori europei e americani crea una situazione eccezionalmente favorevole per la Cina nel grande e solvibile mercato russo, che in diversi modi può essere definito monopolio.

Il mercato dei ricambi auto sta diventando quasi interamente cinese: i marchi automobilistici popolari in Russia vengono venduti e assemblati anche in Cina, e spesso con un grado maggiore di localizzazione. La Cina ha la competenza e l’esperienza nella produzione di pezzi di ricambio e anche di automobili complete. Data la realtà attuale, le aziende europee e americane che hanno lasciato la Russia non hanno gli strumenti per impedire tali forniture dalla Cina alla Russia.

Negli ultimi anni, la Cina è stata molto attiva nel sostituire le forniture europee in numerosi segmenti del mercato russo legati alla fornitura di componenti, attrezzature industriali, ecc. Dato l’effettivo blocco commerciale annunciato dall’UE, la Cina ha la possibilità di diventare il principale partner commerciale della Russia già quest’anno.

Secondo gli ultimi dati, annunciati il ​​7 marzo dalla dogana della RPC, il fatturato commerciale tra Russia e Cina per i primi 2 mesi del 2022 è aumentato del 38,5%, attestandosi a 26,431 miliardi di dollari. Allo stesso tempo, il commercio della Cina con gli Stati Uniti è aumentato del 12,3%.

Un regalo anche per la Cina è stata la decisione presa dalle aziende europee produttrici di attrezzature per l’industria di interrompere le attività in Russia. Ad esempio, sarà molto difficile per le aziende che producono mobili finiti tornare sul mercato russo.

Secondo Mai He, presidente del produttore di macchine utensili Tuodiao CNC, le apparecchiature di fabbricazione cinese funzionano altrettanto bene, se non meglio, di quelle di fabbricazione europea. Ci sono anche vantaggi di prezzo. Alcune delle apparecchiature realizzate da Tuodiao sono più efficienti di un simile prodotto tedesco e costano solo 750.000 yuan, rispetto ai 2 milioni di yuan di quello tedesco.

Dovremmo aspettarci un aumento della quota dello yuan nel paniere valutario della Banca centrale russa a causa dell’intensificazione dei legami finanziari ed economici tra i due paesi, nonché dell’idoneità dello yuan come mezzo di commercio internazionale. Di conseguenza, dovremmo aspettarci una diminuzione del ruolo del dollaro negli accordi commerciali con l’estero della Russia, lo stesso vale per l’euro, anche se in misura minore, data la continua dipendenza dell’UE dal gas russo.

Per massimizzare l’utilizzo della dipendenza europea, è opportuno considerare la possibilità di concludere nuovi contratti per la fornitura di petrolio e gas esclusivamente in rubli. Ciò consentirà di controllare il tasso di cambio del rublo rispetto al dollaro e all’euro e costringerà le controparti europee a sostenere costi aggiuntivi nell’ambito delle proprie sanzioni imposte.

Punti chiave

Nel “mondo dopo Z”, diversi stati e regioni sono di particolare importanza per la Russia. Oltre alla Cina, che inevitabilmente sta diventando il principale partner internazionale della Russia, la Turchia sta acquisendo importanza. Un divieto sui voli diretti verso l’UE richiederebbe l’uso di uno stato di transito, che probabilmente sarà la Turchia.

La Corea del Sud sta rafforzando la sua posizione, il cui governo è riuscito a ottenere l’esenzione delle sue società tecnologiche dalla partecipazione alle sanzioni statunitensi all’esportazione contro la Russia. Il ministro del Commercio sudcoreano Ye Han-gu ha tenuto consultazioni negli Stati Uniti, assicurando a Washington che Seoul avrebbe imposto le proprie sanzioni contro la Russia, inclusa una restrizione alla vendita di “beni strategici”.

“La parte americana ha confermato che entro pochi giorni includerà la Corea del Sud nell’elenco dei paesi esclusi dalla regola FDPR. Il governo sudcoreano attuerà contemporaneamente ulteriori misure di controllo delle esportazioni a un livello coerente con gli Stati Uniti e la comunità internazionale”, ha affermato il ministero coreano in una nota.

A seguito di negoziati, le parti hanno raggiunto un accordo secondo cui le società sudcoreane – Samsung, LG e altre – non dovranno ottenere licenze statunitensi per fornire alla Russia dispositivi creati utilizzando software o tecnologia americana.

In precedenza, AMD e Intel statunitensi, nonché Taiwan Semiconductor Manufacturing Company, il più grande produttore di microprocessori, hanno annunciato la sospensione delle consegne in Russia e Bielorussia.

Pertanto, Samsung e LG mantengono e sviluppano la loro quota nel mercato russo della microelettronica e degli elettrodomestici, anche se la cinese Huawei o Meizu si troverà strategicamente in una posizione più privilegiata. In generale, il mercato russo attende la monopolizzazione.

Garantire il transito sicuro delle merci cinesi verso l’Europa attraverso il territorio della moderna Ucraina è di grande importanza. Finora questo transito è stato preservato, ma i premi assicurativi sono notevolmente aumentati. La fornitura di merci cinesi necessita di una rotta sicura, che potrebbe portare a una maggiore attenzione verso la rotta del Mare del Nord come la rotta più efficiente per le spedizioni dalla Cina all’Europa.

L’Ucraina rimane una regione importante in termini di strategia globale, il cui controllo effettivo permette di influenzare molti processi. Innanzitutto, stiamo parlando della costa del Mar Nero, attraverso la quale viene effettuata la spedizione di prodotti agricoli prodotti in Ucraina.

Un articolo del Washington Post dedicato a questo tema esprime il timore che la Russia stia de facto guadagnando una partecipazione di controllo nelle forniture mondiali di grano e mais, diventando un gestore monopolista in vaste regioni del pianeta.

L’Ucraina nel 2022 prevedeva di conquistare il terzo posto tra gli esportatori mondiali di grano e il quarto tra gli esportatori di mais. Secondo le previsioni degli analisti del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti, quest’anno l’Ucraina rappresenterebbe il 12% delle esportazioni mondiali di grano, il 16% di mais, il 18% di orzo e il 19% di colza.

La maggior parte del grano ucraino viene coltivato nelle regioni orientali del paese – le regioni di Kharkiv, Dnepropetrovsk, Zaporozhye e Kherson, che saranno inevitabilmente anche nella zona di influenza russa dopo il completamento dell’operazione Z.

La maggior parte del grano ucraino è destinato ai paesi del Medio Oriente e dell’Africa, che dipendono fortemente dalle importazioni. Di recente, oltre il 40% della fornitura annuale di mais e grano dall’Ucraina viene inviato in Medio Oriente o in Africa, afferma la colonna. Tra le regioni strettamente legate alla situazione in Ucraina vi sono l’Afghanistan, l’Egitto, l’Iran, il Sudan ei paesi del Maghreb.

Nel 2020, metà di tutto il grano consumato in Libano, paese economicamente dipendente dal pane come alimento base, proveniva dall’Ucraina. Yemen e Libia importano rispettivamente il 22% e il 43% di grano dal territorio ucraino.

Inoltre, nel 2020, lo stato ucraino ha fornito oltre il 20% del grano in Malesia, Indonesia e Bangladesh. Secondo WP, dei 14 paesi che consumano più del 10% del grano attraverso le importazioni ucraine, un numero significativo sta già affrontando l’insicurezza alimentare.

La Cina è anche uno dei principali importatori di prodotti agricoli ucraini, quindi il controllo della Russia sulla regione del Mar Nero, che è fondamentale per il commercio alimentare globale, sembra un elemento importante nell’equilibrio dei partenariati bilaterali.

Il Brasile, il cui presidente Jair Bolsonaro ha visitato Mosca al culmine della crisi ucraina per rifornirsi di fertilizzanti scarsi a causa dei prezzi del gas,  sta rivelando un punto di proiezione degli interessi russi in Sud America. Lo status di partner naturale della Russia, interessato a mantenere i prezzi del petrolio sufficientemente alti, viene ceduto all’Arabia Saudita. Negli ultimi anni l’Arabia Saudita si è sempre più allontanata dai rapporti eccessivamente stretti con gli Stati Uniti, intensificando i contatti con altri paesi, tra cui la Russia.

Non il più pubblicizzato, ma un partner importante è la Francia. Il presidente Emmanuel Macron ha consigliato ai rappresentanti delle grandi imprese francesi che operano in Russia di non lasciare il Paese “in fretta”, secondo Le Figaro. Tra coloro che hanno ricevuto tale raccomandazione ci sono la principale banca francese Société Générale, la società energetica Engie, il produttore di aeromobili Airbus, l’operatore di lancio spaziale Arianespace, la casa commerciale Auchan, la società alimentare Danone.

Il fattore Airbus è particolarmente importante in termini di aviazione.

Cortina d’aria

La situazione che si è verificata nel campo dell’aviazione civile dopo che Boeing e Airbus il 2 marzo hanno completamente interrotto la manutenzione degli aerei russi, nonché la fornitura di pezzi di ricambio, merita maggiore attenzione. In precedenza, la notte del 26 febbraio, è stato imposto un divieto di fornitura e leasing di aeromobili alla Russia, fino al 26 marzo tutti gli aeromobili noleggiati devono essere restituiti. Inoltre, la procedura assicurativa per gli aerei russi è terminata.

I cieli d’Europa, ufficialmente “chiusi” agli aerei russi, sono comunque inaccessibili agli aerei russi dopo l’annullamento del leasing: qualsiasi aereo che atterri in un aeroporto straniero verrà arrestato. Il che significa il riorientamento della flotta aerea esclusivamente per i voli nazionali. La questione dell’assicurazione sembra più semplice, i viaggi aerei possono essere riassicurati da assicuratori russi e cinesi.

Dato il numero di aerei di fabbricazione straniera che operano sulle rotte nazionali russe, la Russia dovrà affrontare un compito difficile nelle prossime settimane. Secondo gli open data, ora i vettori russi utilizzano circa 980 navi passeggeri, di cui 750 Boeing e Airbus, oltre a Embraer e Bombardier, che hanno anche aderito alle sanzioni. Almeno 500 aeromobili sono soggetti a restituzione e il resto rimarrà senza manutenzione. Il problema principale è il software, che richiede le competenze del produttore. Ci sono circa 130 Superjet 100 russi in servizio.

In base alla realtà, la Russia può utilizzare aerei di fabbricazione straniera esclusivamente sul proprio territorio. Le compagnie aeree che operano Boeing e Airbus hanno una certa scorta di pezzi di ricambio nei loro magazzini, ma quando la flotta si esaurisce, l’aereo verrà inviato al parcheggio.

Esistono numerose opportunità per ritardare l’obsolescenza e la mancanza di manutenzione dell’aeromobile da parte del produttore. Gli aeromobili possono essere inviati in servizio in un paese terzo, nonché trasferiti “virtualmente” a una società di un paese terzo e quindi “restituiti” indietro.

Un altro potenziale rischio è la revoca dei certificati di aeronavigabilità degli aeromobili, che nella maggior parte dei casi con aeromobili di fabbricazione straniera vengono emessi dalle autorità irlandesi e delle Bermuda. Le autorità aeronautiche russe hanno già ordinato alle compagnie aeree, indipendentemente dalla posizione del locatore, di trasferire la flotta aerea al registro russo. Pertanto, le autorità aeronautiche russe si assumono la responsabilità della valutazione dell’aeronavigabilità degli aeromobili.

Un aumento multiplo della flotta domestica – il Superjet 100 e l’MC-21 volante – eliminerà completamente tutti i rischi. Ci vorranno almeno un anno o due per perfezionare quest’ultimo, quindi dovremmo aspettarci un lavoro prioritario sul già collaudato modello Superjet 100, così come la reincarnazione del Tu-204 o Il-96.

La sfera dell’aviazione civile è l’area in cui la Russia dovrà operare affidandosi esclusivamente alle proprie forze. I programmi dell’aviazione civile cinese dipendono molto più da componenti importati rispetto a quelli russi.

I motori Superjet 100 hanno una quota importante di componenti francesi, quindi i rapporti con Parigi acquisiscono ulteriore importanza per il periodo necessario a costruire il nostro ciclo completo di produzione di velivoli dell’aviazione civile.

Scacchiera capovolta

La conseguenza globale dell’operazione Z, la cui mancanza di un’alternativa sta diventando sempre più evidente con la divulgazione dei dati sul programma nucleare antirusso dell’Ucraina, sarà l’effettiva uscita della Russia dal sistema internazionale di controllo e monitoraggio , comprese le informazioni.

Roskomnadzor ha già limitato le attività dei più grandi social network occidentali – Facebook e Twitter, che hanno costantemente svolto le funzioni di emittente di contenuti informativi anti-russi e informazioni severamente censurate che soddisfacevano gli interessi della Russia. Molte risorse di propaganda occidentale, che hanno perseguito una politica d’informazione ostile alla Russia sul nostro territorio, si sono ritirate o sono state legalmente chiuse.

Il lavoro della Russia nell’OSCE e nell’APCE è stato ridotto, la cui presenza è diventata francamente superflua, l’interazione con il CIO e altre strutture che sono diventate traduttori della volontà politica dell’Occidente è stata ridotta al minimo. Allo stesso tempo è diventato possibile un dialogo diretto e franco sul principio della multipolarità, che ha dimostrato la sua efficacia sull’esempio di Ungheria, Serbia, Turchia e altri Stati.

Solo quelle riserve di oro e valuta estera che erano immagazzinate sul territorio della Russia stessa sono rimaste intatte. La Russia, infatti, è andata oltre il sistema bancario internazionale, avendo ora l’unica via: lo sviluppo dei propri strumenti e il partenariato non con l'”Occidente collettivo” sulla base dei “valori occidentali”, ma con stati e leader specifici sul base del pragmatismo.

Molti piani distruttivi nei confronti della Russia sono stati violati. Questo è il trascinamento “strisciante” dell’Ucraina nella NATO, la costruzione di un vero e proprio asse Londra-Varsavia-Kiev, un tentativo di influenzare la politica russa utilizzando il Nord Stream 2 come strumento di ricatto.

C’è una tendenza alla nazionalizzazione delle élite russe, comprese quelle creative, così come al consolidamento della società nel suo insieme, che molto probabilmente continuerà.

Le sanzioni occidentali e la confisca delle proprietà dei cittadini russi hanno mostrato chiaramente la necessità di mantenere il capitale nella loro patria, e molto probabilmente questo sarà realizzato dai cittadini.

Paradossalmente, l’operazione Z ha contribuito a ridurre la probabilità di conflitti nell’UE o nel mondo. Gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e l’UE stanno cercando di astenersi dalla tradizionale retorica aggressiva contro la Russia, Washington sta cancellando i test missilistici che potrebbero essere percepiti come una provocazione e persino i normali voli di ricognizione della NATO vicino ai confini occidentali della Russia, principalmente nella regione della Crimea, sono cessati.

L’inevitabile conseguenza della reazione occidentale all’Operazione Z sarà la rottura definitiva della Russia con la burocrazia occidentale e le istituzioni da essa derivate, sebbene continueranno le relazioni bilaterali costruttive con gli Stati di interesse per la Russia.

Una delle conseguenze importanti sarà un forte aumento del ruolo della Cina nella finanza mondiale e nei processi tecnologici. La soggettività dell’UE, che in precedenza lasciava molto a desiderare, è scesa a livelli inaccettabilmente bassi, mettendo in dubbio l’esistenza dell’associazione stessa nel medio termine. In un contesto di “povertà energetica” e di un aumento multiplo del costo delle famiglie e dell’industria per le risorse energetiche, l’Europa dovrà affrontare una grave crisi economica e un calo del tenore di vita. Dovremmo aspettarci un’ulteriore fuga di capitali dall’UE verso gli Stati Uniti, che in questo modo saranno in grado di ritardare la propria crisi.

Fatta eccezione per le fluttuazioni dei tassi di cambio, l’economia russa è strutturalmente più preparata a tempi difficili rispetto al 2014. Le sanzioni imposte alla Russia hanno portato al fatto che i titoli europei della Raiffeisen Bank International AG austriaca, che riceve quasi un terzo dei suoi profitti dalle operazioni in Russia, sono diminuiti del 14%. Le banche italiane UniCredit e Intesa Sanpaolo hanno perso rispettivamente il 12,35% e il 7,97%, Deutsche Bank il 7,5% e Société Générale SA il 10,3%.

Anche le case automobilistiche europee e i produttori di componenti per auto hanno subito un forte calo. La capitalizzazione di Stellantis NV è diminuita del 5,9%, Volkswagen AG – sempre del 5,9%, Continental AG – del 6,25%. La francese Renault, che possiede la russa AvtoVAZ (MOEX: AVAZ), ha perso il 6,3%. Il produttore finlandese di pneumatici Nokian Renkaat è crollato del 20,1%.

I vettori aerei europei hanno subito un duro colpo dopo che la Russia ha “chiuso il cielo” agli aerei dell’UE. Le azioni Finnair Oyj sono scese del 21% dopo che la compagnia aerea finlandese ha ritirato la sua guida per il trimestre in corso. Il vettore aereo prevede significative conseguenze negative dovute alla chiusura dello spazio aereo sulla Russia, soprattutto se l’attuale situazione nella regione continuerà per molto tempo, il che è molto probabilmente vero.

La Russia ha strumenti sufficienti per assestare colpi delicati contro coloro che la minacciano di sanzioni. Ad esempio, la Russia controlla oltre l’80% del mercato dei substrati in zaffiro, che sono alla base dei wafer di silicio che costituiscono il processore, compresi quelli per i processori AMD e Intel.

È molto difficile creare un sostituto, la qualità richiesta dei substrati di zaffiro è fornita dall’attività sismica zero, che non è disponibile a Taiwan o nella Silicon Valley. Inoltre, una produzione ultra-pulita può essere raggiunta solo attraverso anni di processi tecnici coerenti. La tecnologia per la produzione di microcircuiti utilizzando componenti ultra puri dipende dalla Russia, di cui è l’unico fornitore.

Il 4 marzo, il Ministero dell’Industria e del Commercio della Federazione Russa ha raccomandato ai produttori di sospendere l’esportazione di fertilizzanti fino alla ripresa del normale trasporto e alla garanzia delle consegne. Il dipartimento ha sottolineato che a causa del sabotaggio delle consegne da parte di alcune società di logistica estere che si sono rifiutate di lavorare con la Russia, gli agricoltori sia in Europa che in altri paesi non possono ricevere i volumi necessari di fertilizzante.

Per questo motivo, potrebbero esserci rischi di fallimento dei raccolti e carenza di cibo per i paesi europei, così come per gli stati dell’America Latina, del Sud e del Sud-est asiatico. Ricordiamo che è stata questa domanda a costringere il presidente del Brasile ad andare a Mosca.

Un confronto tra i budget militari della Russia e di qualsiasi altra potenza mondiale mostra che un controllo e un’organizzazione adeguati dei processi possono ottenere un risultato tecnico-militare elevato a un prezzo accessibile. Molto probabilmente, nelle nuove condizioni, la lotta alla corruzione diventerà molto più dura, poiché la sicurezza e la sovranità nazionale dipenderanno letteralmente dall’efficienza dei fondi di bilancio di spesa.

La sfida chiave per la Russia rimane la necessità di una transizione rapida e su larga scala verso la sostituzione delle importazioni laddove non esiste ancora. Uno dei principali risultati delle sanzioni imposte nel 2014 è stato il rapido sviluppo dell’agricoltura russa, la cui esportazione è diventata rapidamente la spina dorsale economica del Paese, e la strategia di sicurezza alimentare è stata generalmente attuata.

Per fare un passo avanti nella riqualificazione industriale di dimensioni comparabili, è necessario utilizzare meccanismi che sono stati elaborati in agricoltura e hanno dimostrato la loro efficacia. Si tratta di prestiti preferenziali “lunghi”, la formazione di incentivi fiscali per le più significative industrie scientifiche e tecniche, tra cui l’informatica, l’automotive e l’aviazione.

Il ruolo delle innovazioni è in forte crescita, anche in ambito finanziario. La crisi degli strumenti finanziari tradizionali crea grandi opportunità per le criptovalute protette dalle sanzioni, compreso il “rublo digitale”.

L’economia russa rimane un’economia di mercato, ma l’effettiva mobilitazione della realtà economica richiede una maggiore attenzione da parte del Servizio federale antimonopolio e di altri servizi di supervisione alle azioni volte a cercare di ottenere profitti in eccesso anormali e prelevare denaro all’estero.

La Russia avrà almeno un decennio di vita nelle condizioni di un approccio economico prudente, costruendo da zero un sistema di nuove relazioni con Stati che possano essere partner, nonché la formazione di un’economia basata sulle proprie forze. L’esperienza di contrasto alle sanzioni “post-crimee” mostra che un compito del genere può essere portato a termine, basta solo tener conto e ampliare l’esperienza precedente.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.