Retroscena del fallito colpo di Stato in Giordania

Piccolo excursus storico e breve lettura della collocazione geopolitica della Giordania, per cercare di individuare chi avrebbe più beneficiato di un successo nel tentativo colpo di stato, appena fallito. 

Cronaca di un colpo di stato fallito

Venerdì 2 aprile 2021, è stata scoperta in Giordania una cospirazione per rovesciare il legittimo sovrano, il re Abdullah II e il tentativo di colpo di stato è stato impedito. In realtà, un colpo di stato nei paesi del mondo arabo è quasi esattamente la stessa routine delle elezioni nei paesi democratici. Basta guardare alla regolarità dei colpi di stato in Qatar o in qualsiasi altro stato arabo.

Nel frattempo, la Giordania occupa un posto molto particolare, ma a suo modo unico in Medio Oriente. È il più vicino geograficamente degli stati arabi al confine con Israele, uno stato che ha ospitato milioni di rifugiati palestinesi e, infine, uno stato estremamente critico nei confronti dell’agenda arabo-israeliana. Soprattutto nel contesto dei tentativi di risolverla senza risolvere la questione dei profughi palestinesi in Giordania.

Inoltre, la Giordania è un cuscinetto atipico tra i paesi della penisola arabica e Israele, il che la rende inoltre una parte importante di qualsiasi processo politico in Medio Oriente. Se a questo aggiungiamo il fatto che il re Abdullah preferisce perseguire una politica relativamente indipendente, non cedendo agli interessi delle monarchie del Golfo Persico, allora a fronte di una serie di condizioni necessarie e sufficienti per un colpo di stato, tanto più che nella casa regnante non c’è niente in ordine. Il suo avversario, il principe ereditario Hamza è stato privato del titolo di principe ereditario in circostanze poco chiare. Questo è un altro tocco al ritratto della Giordania di oggi, che si è trovata, infatti, inserita tra gli interessi di una serie di attori di spicco, sia regionali che globali.

Nello stesso tempo, la Giordania ha una posizione estremamente ambigua sia nel mondo arabo che nel panorama politico globale. Infatti, trovandosi tra i centri di potere della regione e cercando di svolgere un ruolo indipendente, il regno forma intorno a sé una cintura di tensione. Questa tensione non può che portare a qualche grave conseguenza, questo può accadere sia dal basso (rivolta), o dall’alto – un colpo di stato, come in realtà vediamo.

Ma c’è la convinzione che le autorità del regno abbiano agito in anticipo. Inoltre, il principale cospiratore, il principe Hamza, è ben noto a loro ed è persino sotto costante supervisione. I suoi contatti e le sue connessioni sono anche sotto l’occhio vigile dei servizi di sicurezza.

Tuttavia, non è questo che è interessante, ma in quale periodo di tempo si stava preparando il fallito tentativo di colpo di stato, così come il contesto internazionale ad esso associato. È ovvio che un’azione del genere ha avuto implicazioni, interessi, manifestazioni non solo interne, ma anche geopolitiche.

Jordan coup1

Abdullah e il suo entourage

La turbolenza in qualsiasi dinastia reale araba è un dato di fatto. Lo dimostrano i numerosi colpi di stato e ancor più numerosi tentativi di colpi di stato che avvengono con estrema regolarità, altrettanto spesso falliscono, poiché di regola per ogni due congiurati c’è un traditore.

Lo stesso Abdullah è uno statista piuttosto autorevole. Ha 59 anni ed è re di Giordania da più di 20 anni. Nel regno, la sua autorità è indiscutibile e la sua autorità è relativamente stabile. Nello stesso tempo, il fatto stesso della sua origine, così come la storia della sua formazione, è importante e per molti aspetti decisiva.

Per cominciare, va notato che Abdullah è il figlio del passato re di Giordania Hussein (considerato un discendente diretto del Profeta Muhammad) e della cittadina britannica Antoinette Avril Gardiner (che ha preso il nome di Muna al-Hussein dopo aver accettato l’Islam). È nata nel villaggio di Chelmondiston, nella contea di Suffolk, figlia di un militare (colonnello) Walter Percy Gardiner e Doris Elizabeth, nata a Sutton. Gardiner ha incontrato re Hussein di Giordania durante le riprese di Lawrence d’Arabia, in cui ha servito come assistente segretario. Il re ha permesso all’esercito giordano di partecipare alle riprese per fornire le comparse e talvolta è venuto lui stesso sul set per assistere al processo di realizzazione del film. Secondo un’altra versione, Gardiner e il re si incontrarono quando suo padre entrò in servizio come consigliere militare in Giordania.

In effetti, non importa davvero come i genitori di Abdullah si siano incontrati, importa solo che ciò è stato fatto con un’intenzione chiaramente intenzionale. E la signora Gardiner è essenzialmente una trappola attraverso la quale la Gran Bretagna ha stabilito legami molto stretti con la Giordania. È del tutto naturale che il futuro re Abdullah abbia studiato alla St Edmund’s School in Inghilterra, e poi negli Stati Uniti. Ha ricevuto la sua formazione professionale (militare) presso la Royal Military Academy di Sandhurst in Gran Bretagna, e poi ha prestato servizio nel 13 ° / 18 ° Royal Hussars dell’esercito britannico.

Interessante anche la moglie del re Abdullah, la regina Rhenia. Proviene da una famiglia di profughi palestinesi che si è stabilita, tuttavia, non in Giordania, ma in Kuwait. Con questo matrimonio, Abdullah ha stabilito legami con numerosi rifugiati palestinesi che vivono nella stessa Giordania, pur non essendo vicino a nessuno dei gruppi nazionali palestinesi. Un passo saggio e rivelatore allo stesso tempo.

Il background e l’istruzione di Abdullah, così come la sua vita familiare, sono importanti per comprendere la polarizzazione dei suoi rapporti con alcune forze nell’arena internazionale, così come chi potrebbe essere interessato al suo rovesciamento.

AMMAN
AMMAN – Photo by S B on Unsplash

Nei legami della grande geopolitica

La posizione geopolitica della Giordania non può essere definita senza nuvole. Facendo affidamento su forze esterne separate, il regno ha un sostegno significativo nei moderni assetti geopolitici, il che consentirebbe di guardare al futuro con ottimismo.

Il Paese situato tra Israele, Arabia Saudita, Siria e Iraq non può che essere coinvolto nella grande politica mediorientale, soprattutto considerando il fatto che un tempo era uno stato con Egitto e Siria. Ma ogni momento di interazione con altri paesi ha la sua parte di specificità.

Le relazioni di Abdullah con Israele non hanno mai funzionato bene. Israele è fortemente contrario al ritorno dei profughi palestinesi dalla Giordania. E per Abdullah, sono oggetto di un costante mal di testa. Il piano americano, promosso da Trump, non prevedeva il ritorno di tutti i profughi dalla Giordania e non incontrava affatto il desiderio delle autorità giordane. Abdullah era e rimane un costante oppositore del serio riavvicinamento con Israele. Israele ripaga con la stessa moneta, destabilizzando periodicamente la situazione in Giordania.

Anche con l’Arabia Saudita, la situazione è tutt’altro che stupenda e ci sono ottime ragioni per questo. Abdullah proviene dal clan hashemita. E questi sono discendenti diretti del Profeta Muhammad e, in teoria, hanno un diritto maggiore a mantenere entrambi i santuari (Mecca e Medina) rispetto ai governanti alieni dell’Arabia Saudita – la casa di al-Saud. I re sauditi lo sanno molto bene e hanno sempre sospettato che i vicini giordani tentassero di interferire negli affari arabi. Allo stesso tempo, il problema comune di Israele, e poi la richiesta degli Stati Uniti per il bene di una coalizione contro Bashir al-Assad, hanno in qualche modo spostato il grado di tensione. Ma la tensione non si è affatto allentata. L’aspetto scortese di Riyadh è sempre stato sentito in Giordania e si è sempre fatto sentire.

Considereremo separatamente la questione siriana, eliminando la questione irachena, poiché dopo il rovesciamento di Saddam Hussein, si è trasformato da soggetto politico in oggetto e non rappresenta alcun significato particolare.

Il posizionamento con gli attori globali è più interessante. E qui c’è da dire che solo due giocatori hanno un peso negli affari giordani. Il primo sono gli Stati Uniti, con i quali il regno ha una partnership situazionale. Non molto vicina, ma che le consente di acquisire armi consentendo il dispiegamento di truppe americane. Prima di tutto, la Gran Bretagna – di cui Abdullah fa parte dell’élite per nascita e istruzione – per la verità interagisce solo con uno dei tre gruppi più influenti in Giordania, che è ormai lontano dai primi ruoli. Tuttavia, l’influenza della Gran Bretagna sulla politica del regno si fa sentire e talvolta assume contorni più che evidenti. In molti modi, la posizione reazionaria sulla Siria era dettata dall’influenza britannica.

AMMAN 2
Photo by Yazan obeidat on Unsplash

Assad ‘se ne deve andare …’

La posizione di Abdullah sulla Siria, vicina della Giordania, era estremamente ambigua. Da un lato, Abdullah è sempre stato un paladino della stabilità e dell’ordine in Medio Oriente, dall’altro è diventato il primo dei leader del mondo arabo a pronunciare (nel 2011) la frase “Assad deve andarsene ”, fatale per chi la pronuncia.

La posizione di Abdullah era estremamente semplice. Capiva perfettamente che una coalizione stava agendo contro Assad, la cui portata era incomparabile con le capacità di Damasco e capiva che l’instabilità in Siria si sarebbe certamente diffusa in Giordania. E in questo caso, il suo potere – tra l’altro, non molto democratico -, sarebbe stato sotto attacco. L’istinto di autoconservazione è una cosa seria, e ora i rapporti con Damasco (tradizionalmente amichevoli) sono completamente rovinati.

Il passo successivo è stata l’effettiva partecipazione della Giordania alle attività statunitensi contro la Siria. Ovviamente, non direttamente, le forze armate giordane non hanno partecipato ad alcuna ostilità e non hanno (a quanto pare) addestrato militanti. Quindi è difficile giudicare la Giordania per l’aggressione contro il vicino. Senonchè la Giordania è diventata completamente una base posteriore per le operazioni statunitensi in Siria. Non a caso uno dei punti di presenza americana nella Repubblica Araba Siriana si trova proprio al confine con la Giordania. Il famigerato campo profughi di Al Rukban.

L’approvvigionamento e la logistica della presenza americana in Siria senza la partecipazione della Giordania sarebbero estremamente difficili. Gli aerei americani stanno scaricando armi ed equipaggiamenti logistici negli aeroporti giordani, sulle strade giordane trasportano merci fino al confine siriano. Tutto è comodo e semplice. È vero, 50mila profughi nella terra di confine (secondo le stime più prudenti) è un problema anche per la Giordania, poiché una parte significativa di queste persone può rimanere a lungo nel territorio del regno.

Ora che un cambiamento radicale è arrivato in Siria e l’imminente partenza di Assad è diventata solo un meme e il frutto di fantascienza, Abdullah prende una posizione contenuta sulla questione siriana, non chiedendo il rovesciamento di Assad, ma anche non stabilendo speciale contatti. Dato il ruolo di Abdullah nella Lega degli Stati arabi, il Cremlino ha tentato un tempo di ricucire i rapporti tra Abdullah e Assad, ma senza successo. Abdullah è troppo sul gancio britannico.

Tutto ciò testimonia che le tensioni tra Siria e Giordania non scompariranno nel prossimo futuro, e la Giordania continuerà a svolgere il ruolo di assistente degli Stati Uniti e di altri paesi della coalizione “anti-Assad” per tutto il tempo. Questa coalizione persisterà. Gli Stati Uniti si sentono abbastanza a loro agio in Giordania, i campi profughi al confine sono ancora funzionanti.

AMMAN 3
AMMAN – Photo by Stefanos Orovas on Unsplash

Il futuro del regno hashemita

Chi ha cercato di rovesciare Abdullah e chi può salvarlo se succede qualcosa? La risposta a questa domanda è ovvia. In generale, ci sono solo due giocatori interessati a un cambio di potere in Giordania e un solo giocatore sulla scena mondiale che cerca di mantenere la sua influenza nel regno.

Il tentativo di rovesciamento di Abdullah deve essere stato opera dell’Arabia Saudita. Ha avuto la sua influenza l’opzione precedentemente menzionata dell’origine dei re della dinastia hashemita, che si definiscono i discendenti di Ban Hashim, che era un discendente di Hashim ibn abd-Manaf, che era il bisnonno del profeta Maometto. Quindi la domanda “chi ha più diritto a possedere la Mecca dei sauditi o degli hashemiti” è molto seria. Inoltre, l’Arabia Saudita ha una buona ragione per essere attiva nell’usare le sue forze in Giordania (compreso l’ex ministro delle finanze arrestato, che si dice abbia anche la cittadinanza saudita). Il fatto è che ora gli Stati Uniti, guidati da Biden, si stanno ritirando attivamente dai contatti con l’Arabia Saudita, considerandoli solo come partner situazionali e richiamando periodicamente i diritti umani. Il tentativo di rovesciare Abdullah e intronizzare Hamza fa dei sauditi i principali beneficiari di questa situazione. Avendo acquisito il controllo della Giordania, le autorità dell’Arabia Saudita potranno parlare più seriamente con gli americani. Che, in questo caso, verrebbero privati di uno dei servizi di retroguardia in Medio Oriente.

Israele in questa storia probabilmente si è distinto solo per il fatto di non aver compiuto alcun passo e, di fatto, ha permesso che la situazione andasse come era andata. Almeno le tracce israeliane non sono visibili. Anche se la stampa araba mostrerà Israele come il principale organizzatore del processo.

La prevenzione di tali situazioni, probabilmente, è avvenuta con la partecipazione diretta di agenti britannici in Giordania e Arabia Saudita (è ai servizi segreti britannici che Abdullah è vicino, basti ricordare chi era suo nonno materno). Probabilmente. Tradizionalmente, l’atteggiamento negligente degli arabi nei confronti della memorizzazione delle informazioni ha permesso di intercettare le informazioni sul prossimo colpo di stato e lavorare in anticipo.

In ogni caso, il re Abdullah II può sentirsi temporaneamente al sicuro. Dal momento che i cospiratori difficilmente hanno altri piani per rovesciarlo, e il principe catturato ei suoi complici sono diventati nello stesso tempo ottimi ostaggi, impedendo così altri tentativi di colpi di stato. Tuttavia, il re è in difficoltà. I fatti mostrano che i vicini, e in particolare l’Arabia Saudita, stanno ancora covando piani per subordinare la Giordania al loro controllo, e questo è sintomatico di nuovi, ancor più seri tentativi di minare la stabilità della dinastia hashemita e la stabilità dello stato stesso. Ma non adesso.

scritto da S.M.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.