Reclutare spie americane per Israele

Israele non perde mai un’opportunità per promuovere ciò che percepisce essere i propri interessi. Questo siccome è solo quello che qualsiasi nazione per la maggior parte delle volte farebbe, non dovrebbe sorprendere nessuno, ma Israele è forse unico paese che mette in pratica  assiduamente atti finalizzati alla creazione di situazioni che la favoriscono attraverso l’uso della corruzione dei governi stranieri e la sovversione delle istituzioni esistenti.

Per la maggior parte dei paesi, le azioni di una minoranza che cerca di far avanzare gli interessi di una nazione straniera si troverebbero di fronte a una forte resistenza, ma Israele riesce a farla franca a causa della presenza di potenti e ricche comunità della diaspora, in particolare nei paesi anglofoni, ma anche in Francia.

Che la lobby israeliana negli Stati Uniti non è sottoposta ad alcun controllo è dimostrato alle prove fornite dallo studio pionieristico di John Mearsheimer e Stephen Walt sula lobby israeliana e sulla politica estera degli Stati Uniti.

Rivelazioni più recenti che provengono dal giornalismo investigativo condotto da al-Jazeera, hanno dimostrato come gruppi e parlamentari ebrei britannici abbiano collaborato con ufficiali dell’intelligence israeliana per rimuovere funzionari pubblici ritenuti critici nei confronti di Israele.
[Ad esempio,]  ontro
Jeremy Corbyn, leader del partito laburista, è stata messa in atto una campagna per sostituirlo per il suo presunto antisemitismo solo perché ha condannato l’oppressione israeliana dei palestinesi. Una seconda indagine al-Jazeera ha dimostrato come la lobby ebraica, cooperando con l’ambasciata israeliana, ha controllato l’indirizzo della discussione sul Medio Oriente negli Stati Uniti, cosa che non dovrebbe sorprendere nessuno.

L’Europa sembra davvero un focolaio di antisemitismo, o almeno è così Israele e i suoi amici vorrebbero farci credere. I leader di Francia, Germania e Gran Bretagna si sentono in dovere di affrontare frequentemente la questione, rendendo la guerra all’antisemitismo come un obiettivo principale di governo. Gli Stati Uniti si sono uniti a questo sforzo, nominando un  inviato speciale per monitorare e combattere l’antisemitismo il cui lavoro include la segnalazione del trattamento discriminante di ebrei e Israele da parte di altri paesi.

La più recente ingerenza rientra nella categoria giuridica. Consiste nell’emanazione di leggi sul crimine per odio razziale rivolte contro chiunque critichi gli ebrei e, sempre più, Israele. Di fatto, qualsiasi critica a Israele viene spesso vista come un reato. Questa è una tendenza che è evidente anche negli Stati Uniti a livello nazionale, statale e locale, dove anche i gruppi ebraici sono stati rapidamente concordi nel sostenere che l’anti- semitismo sia in aumento. Di conseguenza, la libertà di parola nel mondo occidentale è diminuita.

Gli ebrei della diaspora sono ben radicati nei media, il che ha permesso loro di promuovere una narrativa favorevole a Israele, qualunque cosa faccia, favorita dalla diffusione ripetitiva di sensi di colpa per l’olocausto diffuso costantemente  tramite Hollywood e altrove nei media. Il messaggio pubblico assiduamente coltivato è che gli ebrei sono stati sempre le vittime, mai gli aggressori, anche quando i cecchini israeliani sparano ai bambini arabi e ai medici durante le proteste.

Forse più seriamente dannosi sono i furti di tecnologia e l’ esportazione deliberata  di posti di lavoro americani verso lo stato ebraico da parte degli israeliani e i loro amici miliardari della diaspora, oltre all’interferenza generale e allo spionaggio del governo degli Stati Uniti a tutti i livelli. Ma forse le iniziative più oltraggiose intraprese dallo stato ebraico sono i tentativi diretti di gestire le politiche statunitensi sovvertendo singoli americani che si trovano o saranno in una buona posizione per influenzare il processo decisionale del governo degli Stati Uniti. È noto che nuovi membri del Congresso con relativi coniugi sono invitati ad un viaggio pagato in Israele dall’affiliata dell’American Israel Public Affairs Committee (AIPAC), che è poco più di un esercizio di propaganda progettato per influenzare il loro pensiero su ciò che sta accadendo in Medio Oriente e allo stesso tempo impressionarli per quanto riguarda il potere e la ricchezza della lobby.

Un recente articolo sul Jerusalem Post dimostra un altro aspetto di quanto gli sforzi israeliani per infiltrarsi e corrompere le istituzioni americane a loro vantaggio avvengano effettivamente.
L’articolo descrive come “Quasi 40 cadetti e ufficiali americani hanno concluso lunedì un viaggio di due settimane in Polonia e Israele, incontrando ufficiali militari di alto rango per conoscere lo stato ebraico e la realtà della sua situazione di sicurezza. Il viaggio, organizzato da Our Soldiers Speak (OSS), ha lasciato un’impressione profonda sui membri dei servizi in visita che provengono dall’Accademia militare di West Point, dall’Accademia dell’aeronautica e dall’Istituto militare della Virginia, con alcuni che hanno persino espresso la loro disponibilità a combattere e se necessario muorire insieme alle truppe IDF. “

Era la terza visita in Israele da parte di un gruppo di cadetti militari rappresentativi. I viaggiatori sono stati influenzati ai sensi di colpa prima con fermate nei campi di concentramento in Polonia. Sono poi stati sottoposti al punto di vista israeliano attraverso “briefing ad alto livello da parte di policy e politici attuali e precedenti e commentatori di tutto lo spettro nei settori della sicurezza, della strategia, delle relazioni internazionali, del diritto, della politica e altro”.

Non commettere errori, l’intero esercizio è stato un tentativo a malapena nascosto di istituire quello che si potrebbe considerare come il reclutamento di future spie israeliane all’interno dell’esercito degli Stati Uniti. Queste spie, che plausibilmente saranno in grado di promuovere politiche favorevoli ad Israele, sono indicate come “agenti di influenza”. Benjamin Anthony, il direttore dell’OSS, ha ammesso tutto ciò, affermando che “Questa esperienza senza precedenti permette ai cadetti americani di imparare di prima mano  sulle questioni più calde e di massima importanza strategica in Medio Oriente . Creando legami tra cadetti e ufficiali militari israeliani, stiamo gettando le basi per la futura comprensione e le interazioni produttive. Volevamo avere un impatto sulle persone che occuperanno posizioni di leadership poco tempo dopo il viaggio in Israele.

I cadetti, che apparentemente non ricevettero alcun briefing pre-viaggio dalle loro rispettive istituzioni riguardo lo spionaggio israeliano, accettarono ingenuamente tutto ciò che gli era stato presentato e sembravano aver creduto di sentire la pura verità sul Medio Oriente. Hanno addirittura paragonato lo stato ebraico favorevolmente al loro stesso paese. Un cadetto, Stephen Marn del Virginia Military Institute, ha affermato con entusiasmo: “Israele ha così tanti nemici che bussano alla porta di servizio, ma il popolo di Gerusalemme era felice, si godeva la vita … era una quantità di vero patriottismo che non vedo in America oggi. Sono molto emozionato. “

Marn, che riceverà una commissione nell’esercito degli Stati Uniti, ha detto che può “assolutamente” vedersi combattere a fianco degli ufficiali dell’IDF. “Nessuna domanda, senza dubbio”, ha detto con un sorriso. Il cadetto di West Point Travis Afuso concordò, dicendo “Assolutamente. Abbiamo una comprensione condivisa delle minacce, un insieme condiviso di valori basati sulla libertà e sulla democrazia e quelle sono le cose che ci permetteranno di combattere insieme e, se necessario, di morire a vicenda se questo è ciò che si ottiene. Se questo è ciò che il mio paese ha chiesto a noi, se fossi stato inviato qui, sarei orgoglioso di assistere ai soldati dell’IDF “.

Anche Afuso ammirava come “ogni soldato con cui abbiamo parlato aveva un profondo bisogno di servire. Comprendono che non ci sarà Israele a meno che le persone non desiderino morire per Israele. Un sacco di persone in America hanno bisogno di capire che nulla è gratuito e devi lavorare per questo “.

I commenti dei cadetti sono purtroppo simili alle effusioni del tenente generale dell’Aeronautica statunitense Richard Clark, che ha entusiasmato che i soldati americani sono “pronti a morire per lo stato ebraico” e ha anche aggiunto che “probabilmente” saranno sotto il comando di Il generale dell’aeronautica israeliana Zvika Haimovitch, che deciderà sul coinvolgimento del personale statunitense. Haimovitch ha commentato “Sono sicuro … troveremo le truppe americane sul terreno … per difendere lo stato di Israele”. I due generali si riferivano al fatto che gli Stati Uniti hanno già aviatori stanziati permanentemente nella base aerea di Mashabim in Israele nonostante il fatto che i due paesi non hanno alcun accordo di difesa di alcun tipo. Gli americani, anche se in numero ridotto, servirebbero come filo di viaggio per garantire che Washington sarebbe coinvolta in ogni guerra che Israele deciderà di iniziare.

Il fatto che i futuri ufficiali militari siano così ingenui da accettare uno spettacolo di cani e pony presentato da un governo straniero che ha urgente bisogno di un sostegno americano acritico è scoraggiante. Il tour VIP che hanno preso è stato senza dubbio scortato da giovani soldati israeliani e maschi di bell’aspetto, il cibo che hanno mangiato era probabilmente eccezionale, e si potrebbe scommettere che gli alti funzionari con cui hanno parlato fingevano effettivamente di prendersi cura dei cadetti a livello personale. Una volta che i cadetti diventeranno ufficiali militari in posizioni di responsabilità per alcuni anni lungo la strada, il buon amico Benjamin dell’IDF si presenterà con un invito a cena per parlare dei vecchi tempi. A cena, Ben chiederà un favore. È così che funziona un’operazione di intelligence rivolta a determinati gruppi o dati demografici. Rilassati, ti amiamo.

Ma la cosa davvero sorprendente è come il viaggio è stato organizzato e pagato. Nonostante tutta l’attività dell’organizzazione focalizzata su Israele e i suoi interessi, l’OSS non è israeliano. È americano, finanziato dai soliti oligarchi e organizzazioni ebraiche. I “Nostri soldati” di cui si parla sono israeliani, dimostrandone uno in cui risiede l’attuale lealtà di alcuni ebrei americani. L’OSS è in qualche modo simile all’odierna Friends of the Israel Defence Forces, che di solito solleva milioni di dollari in eventi di gala a Hollywood e New York City.

Entrambe le organizzazioni di facciata israeliane sono approvate dall’IRS 501 (c) 3, uno status normalmente concesso a gruppi educativi o caritatevoli. Le donazioni sono esentasse, il che significa che i contribuenti americani stanno facendo parte del progetto di legge per le organizzazioni che reclutano spie nel governo degli Stati Uniti e sostengono anche un esercito che non è in alcun modo alleato con gli Stati Uniti. Sarebbe molto interessante chiedere un membro del Congresso come è successo, ma lui o lei sarebbe stata troppo pauroso per rispondere, mentre le inchieste al Tesoro sarebbero senza dubbio atterrate sulla scrivania dello stesso burocrate ebreo che ha concesso le esenzioni in primo luogo. Sfortunatamente, a Washington alcune cose non cambiano mai.

* La fonte di questo articolo è   UNZ Review .

nota: L’opinione dell’autore può non coincidere con la posizione di Vietato Parlare ma senz’altro l’articolo è significativo dal lato documentale e si basa su rilievi oggettivi.