Non esiste una “pandemia di non vaccinati”

Non esiste una "pandemia di non vaccinati", i dati sono obiettivi, allora perché tanta ipocrisia?

Günter Kampf

Günter Kampf

Un articolo di Lancet scritto dal professor  Gunter Kampf della Facoltà di Medicina di Greifswald in Germania, nega le cifre pubblicizzate che sosterrebbero l’affermazione di una pandemia di non vaccinati.

****

In molti paesi, la stampa e alcuni politici parlano di “pandemia dei non vaccinati” e cercano di stigmatizzare e discriminare le persone non vaccinate attraverso varie misure come il pass sanitario.

Un articolo del Lancet, scritto dal professor Gunter Kampf della Facoltà di Medicina di Greifswald in Germania, smentisce, con dati a sostegno, questa affermazione che ci sia una pandemia di non vaccinati.

https://www.thelancet.com/action/showPdf?pii=S0140-6736%2821%2902243-1

I punti chiave di questo articolo sono:

  • I vaccinati hanno un peso significativo nella trasmissione del virus che non smette di aumentare.
  • La carica virale è la stessa nelle persone vaccinate e non vaccinate.
  • In Germania, il 54% dei casi di covid-19 si verifica in persone che sono state vaccinate.
  • I vaccini possono sviluppare forme gravi di covid-19 che in alcuni casi portano alla morte.
  • I vaccini possono trasmettere il covid19 anche a soggetti vaccinati.

Traduzione letterale dell’articolo:

Negli Stati Uniti e in Germania, alti funzionari hanno usato il termine pandemia di non vaccinati, suggerendo che le persone che sono state  vaccinate  non sono colpite dall’epidemia di COVID-19. L’uso di questa espressione da parte dei politici potrebbe aver incoraggiato gli scienziati ad affermare che “i non vaccinati minacciano i vaccinati per il COVID-19″  [ 1 ]. Ma questa visione è troppo semplice. Vi sono prove crescenti che gli individui vaccinati continuano ad avere un ruolo importante nella trasmissione dei virus covid 19.

In Massachusetts, Stati Uniti, sono stati rilevati un totale di 469 nuovi casi di COVID-19 durante vari eventi nel luglio 2021 e 346 (74%) di questi casi erano parzialmente o completamente vaccinati, di cui 274 (79%) erano sintomatici. Anche i cut-off del ciclo erano bassi tra le persone completamente vaccinate (mediana 22,8) e le persone non vaccinate, non completamente vaccinate o il cui stato di vaccinazione era sconosciuto (mediana 21,5), ciò indica un’elevata carica virale anche nelle persone completamente vaccinate  [ 2]. Negli Stati Uniti, sono stati segnalati un totale di 10.262 casi di COVID-19 nelle persone vaccinate fino al 30 aprile 2021, di cui 2.725 (26,6%) erano asintomatici, 995 (9,7%) sono stati ricoverati e 160 (1,6%) sono deceduti [ 3 ].

In Germania, il 55,4% dei casi sintomatici di COVID-19, in pazienti di età pari o superiore a 60 anni, è stato completamente vaccinato [ 4 ] e questa percentuale aumenta ogni settimana.

A Münster, in Germania, nuovi casi di COVID-19 sono comparsi in almeno 85 (22%) delle 380 persone che erano completamente vaccinate o che si erano riprese dal COVID-19 e che frequentavano una discoteca [ 5 ].

Le persone vaccinate hanno un minor rischio di forma grave, ma rappresentano comunque una parte importante nello sviluppo della pandemia. È quindi sbagliato e pericoloso parlare di pandemia di persone non vaccinate.

Storicamente, gli Stati Uniti e la Germania hanno entrambi prodotto esperienze negative nella storia recente, stigmatizzando parte della popolazione per il colore della pelle o la religione.

Invito i responsabili delle politiche e gli scienziati a porre fine allo stigma inappropriato contro le persone non vaccinate, che include i nostri pazienti, colleghi e concittadini, e a fare di più per non dividere la società.

Professor Gunter Kampf

20  novembre 2021

 

Riferimenti

[1] Goldman E. Come i non vaccinati minacciano i vaccinati per il COVID-19: una prospettiva darwiniana. Proc Natl Acad Sci USA 2021; 118: e2114279118. https://www.pnas.org/content/118/39/e2114279118

[2] Brown CM, Vostok J, Johnson H, et al. Focolaio di infezioni da SARS-CoV-2, comprese le infezioni rivoluzionarie del vaccino COVID-19, associate a grandi raduni pubblici: Contea di Barnstable, Massachusetts, luglio 2021. MMWR Morb Mortal Wkly Rep 2021; 70: 1059–62  https://www.cdc.gov/mmwr/volumes/70/wr/mm7031e2.htm

[3] Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie Squadra investigativa sui casi di rottura del vaccino COVID-19. Infezioni rivoluzionarie del vaccino COVID-19 segnalate a CDC – Stati Uniti, 1 gennaio – 30 aprile 2021. MMWR Morb Mortal Wkly Rep 2021; 70: 792-93. https://www.cdc.gov/mmwr/volumes/70/wr/mm7021e3.htm

[4] Istituto Robert Koch. Rapporto settimanale sulla situazione dell’RKI su Coronavirus-Rankheit-2019 (COVID-19) —14 · 10 · 2021 — stato aggiornato per la Germania. 14 ottobre 2021. https://www.rki.de/DE/Content/InfAZ/N/Neuartiges_Coronavirus/Situationsberichte/Wochenbericht/Wochenbericht_2021-10-14.pdf?__blob=publicationFile (consultato il 18 ottobre 2021). https://www.rki.de/DE/Content/InfAZ/N/Neuartiges_Coronavirus/Situationsberichte/Wochenbericht/Wochenbericht_2021-10-14.pdf?__blob=publicationFile

[5] Di Dolle F. Münster:  https://www1.wdr.de/nachrichten/westfalen-lippe/corona-infektiven-clubbesuch-muenster-100.html   (consultato il 23 settembre 2021).

Exit mobile version