Emergenza globale o infiammazione dell’astuzia tra i globalisti?

Emergenza globale o infiammazione dell'astuzia tra i globalisti? 1

RUSSTRAT (Institute of international political and economic strategies) ha pubblicato recentemente (19 dicembre 2021) una interessante lettura dei cambiamenti in atto, chiarendone i moventi e gli gli attori coinvolti. Quello in cui viviamo è un tempo di cambiamento i cui esiti non sono stati già decisi, perché le variabili sono tante. È indubbio però che esiste un progetto condiviso da anni dai circoli di potere economico- finanziario prevalenti.

Il titolo dell’analisi che è “Vale la pena un’epidemia per il paradiso verde” disegna la definizione sempre più netta di due caste; una formata dalle elite ed una formata da meri sudditi sempre più influenzata da ambiti decisionali accentrati fintamente democratici. È da notare che l’analisi non obietta sulla natura scientifica dei cambiamenti climatici ma sul suo uso non onesto, a favore di un proprio disegno di lunga data.
Del ragionamento sul clima riporto un estratto della cronistoria che ha portato alla road map attuale universalmente adottata; mentre riporto, in maniera più estesa, un estratto della la parte intitolata “Coronavirus: emergenza globale o infiammazione dell’astuzia tra i globalisti?“, riguardante la cronistoria ed i moventi non casuali del caos in atto.

Da OSCA, 19 dicembre 2021, Istituto RUSSTRAT:

Clima

A fine ottobre – inizio novembre si sono tenuti uno dopo l’altro due importanti summit internazionali: il Forum G20 di Roma e la 26a Conferenza delle Parti (COP) della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (FCCC) a Glasgow, posticipata dall’anno scorso.

La Cop26 era progettata per mostrare al mondo uno spettacolo grandioso, il cui risultato sarebbe stato un amichevole schieramento di tutti in coda per la deindustrializzazione. I leader hanno riconquistato i loro partiti: hanno parlato in entrambe le capitali, chiamando a sostenere le truffe “verdi”, e sono tornati a casa. Il “carrello” climatico, tuttavia, non si è mosso. È vero, non perché ci fosse una seria opposizione all’agenda dichiarata; solo, come al solito, non hanno condiviso i soldi.

Cronistoria del problema

Nel 1969, a seguito di una serie di provvedimenti organizzativi, fu creato il Club di Roma; nel 1972, il primo dei suoi rapporti commissionati, “The Limits to Growth”, fu pubblicato dal gruppo di Dennis Meadows al Massachusetts Institute of Technology.

Ufficialmente, al centro dell’attività del Club di Roma è stato posto il cosiddetto “approccio olistico“, interpretato come il considerare i problemi del mondo in un contesto complesso, senza differenze ideologiche e geografiche. In effetti, per questo è stato applicato il cosiddetto “ecologismo” – l’ideologia dello “sviluppo sostenibile“, che predica l’equilibrio della biosfera e della tecnosfera e che tenta di modificare a tal fine l’intero spettro di valori e il modo di vivere dell’umanità.

Essendo un’astrazione metodologica, in questo caso l'”ecologia” separa il normale intendere l’ecologia come principio dalla totalità delle misure di protezione ambientale e la pone al centro della sicurezza globale, ponendosi al di sopra di tutti i principali tipi di sicurezza: economica, sociale, politica, statale, informativa, militare, eccetera.

Così, l’ecologia si trasforma in uno strumento di ingerenza esterna negli affari interni; sul principio di tale intervento nella forma imposta dal “lettura internazionale” ha costruito l’intero clima. Le basi teoriche dell'”ecologia” sono state sviluppate nelle prime relazioni al Club di Roma (1972-1990), che insieme hanno formato una “roadmap” per il cambiamento globale. Le domande che sono state costantemente poste, sono le seguenti:

– fermare lo sviluppo industriale e limitare la natalità,

– dividere il mondo in dieci regioni guidate dall’Occidente e consolidare un sistema di specializzazione internazionale del lavoro e la globalizzazione dell’integrazione delle risorse per lo sviluppo;

– trasferimento delle sovranità statali sotto il controllo globale (“collettivo”);

– integrazione umanitaria e religiosa dell’umanità sulla base del principio della “solidarietà mondiale”;

– formazione di una civiltà “a basse emissioni di carbonio”, “efficiente dal punto di vista energetico”;

– semplificazione e unificazione dei sistemi educativi, ecc.

Dopo il crollo dell’URSS, la base teorica sviluppata dal Club di Roma è stata utilizzata per riorganizzare l’intero sistema delle istituzioni globali per scopi pratici. Nel 1992 è stato istituito il formato moderno dell’istituto delle Conferenze delle Nazioni Unite sull’ambiente e lo sviluppo, la seconda conferenza si è tenuta a Rio de Janeiro, che ha adottato la Dichiarazione di Rio e l’Agenda XXI.(…)

Coronavirus: emergenza globale o infiammazione dell’astuzia tra i globalisti?

Solo i fatti.

Fatto  numero uno. Nel maggio 2010 è apparso il rapporto del programma della Fondazione Rockefeller “Scenari per il futuro della tecnologia e dello sviluppo internazionale. Contiene quattro scenari, che, a un esame più attento, sono allineati in una sequenza di fasi di un certo “master plan”.

Nella prima fase (“Lockdown” – “Blocco totale”), sotto l’influenza di alcuni eventi estremi (che non sono specificati), gli stati iniziano a “stringere le viti”, e una crescente protesta sociale diventa una risposta a questo.

La seconda fase (“Clever Together” – “Smart Community”) è associata a eventi globali che risolveranno questi conflitti promuovendo la globalizzazione, coordinando le politiche pubbliche. Nella terza fase, il mondo si trova di fronte a un crollo hacker dell’infrastruttura di supporto vitale, che indebolisce drasticamente lo stato (“Hack Attack” – “Caos digitale”).

Nella terza fase denominata “Smart Scramble” si frattura e atomizza il mondo, trasformandolo in una “trapunta patchwork”. Ancora una volta: nel report, ogni scenario appare come un’alternativa indipendente agli altri; si tratta infatti di fasi di distruzione di stati e di degrado della società globale al fine di stabilirne il controllo totale.

Fatto numero due. Nel 2012 è apparso un rapporto segreto del Bundestag tedesco “Sulla protezione della popolazione con l’analisi dei rischi” (“Bericht zur Risikoanalyse im Bevölkerungsschutz 2012“) . L’attenzione del pubblico su di lui è stata attirata solo nel 2020, quando un blogger ha portato alla luce il documento in una forma declassificata e lo ha pubblicato. Vengono presi in considerazione due scenari di rischio: un’alluvione catastrofica e … un’epidemia di un nuovo virus “SARS-Coronavirus”. Nel 2012!

Diceva così:

– “L’epidemia inizierà nel sud-est asiatico e da lì si diffonderà rapidamente in Europa e negli Stati Uniti. L’elenco delle misure che adotteranno i governi sarà diverso nei diversi Paesi, ma le principali sono la quarantena e l’autoisolamento”;

– “Il danno massimo sarà inflitto ai settori dell’economia nazionale che soddisfano i bisogni quotidiani della gente comune in beni e servizi (cioè medie e piccole imprese). E poiché la gente comune passerà un brutto momento e protesterà disperatamente, sono previsti seri cambiamenti nella politica ”;

– “Le grandi aziende soffriranno di meno. Le industrie delle infrastrutture come l’energia e le comunicazioni sopravviveranno. E ci si può dimenticare per molti anni di turismo, ristorazione, teatri e concerti. Le compagnie aeree passeggeri scompariranno come classe, rimarranno solo le merci aviotrasportate”;

– “La durata dell’epidemia virale mondiale (il numero delle vittime è stimato in 7,5 milioni) è stimata in tre anni”.

Ora combiniamo entrambi i resoconti e proiettiamo questa sintesi negli ultimi due anni della nostra vita quotidiana moderna.

Cosa otteniamo?

In primo luogo, lo stadio numero 1 di Rockefeller (“Lock Step”) è in pieno svolgimento, ed è stato lanciato nell’ottobre 2019 dal famigerato “Event 201” – un esercizio pandemico tenuto alla vigilia della prima ondata dell’epidemia, che, come scritto nella sceneggiatura del Bundestag, si diffuse dall’Asia all’Europa e agli Stati Uniti.

In secondo luogo, lo svolgimento dell’esercitazione dell’OMS a Kazan nell’ottobre di quest’anno, che, come hanno portato alla luce gli onnipresenti giornalisti, si è svolta sotto gli auspici dell’organizzazione globale delle Città Unite, guidata un mese dopo dal sindaco in carica di Kazan, Ilsur Metshin. La “globalizzazione intelligente” sugli stati è la fase 2 del “piano generale” di Rockefeller (“Ost?”) – “Clever Together”. O non sembra? (…)

In terzo luogo, la fase 3 è già stata delineata: “Hack Attack”. Nel luglio di quest’anno si è tenuto un’altra esercitazione in Germania – “Cyber ​​​​Poligon”, organizzata dalla Russian Sberbank di German Gref, insieme a EEF di Klaus Schwab, l’autore del concetto di “grande reset” sullo sfondo del “covid”. (…)

Secondo il piano dell’esercitazione, alcuni “hacker” colpiscono l’infrastruttura mondiale, spengono Internet, il che porta a una catastrofica catena di incidenti nelle strutture di supporto vitale controllate dalla rete in tutto il mondo. (…)

Non tutto o molto nel mondo sta andando secondo questo stesso piano sviluppato dalla Rockefeller Foundation? Nel frattempo, è questa ONG, insieme alla Fondazione Bill e Melinda Gates, che sono i fondatori della stessa OMS, che sta instaurando una dittatura sanitaria nel mondo attraverso le sue divisioni strutturali.

L’ultima tappa – “Smart Scramble” – non è lontana? (…) l’indebolimento e quindi della distruzione della sovranità è un percorso diretto verso la trasformazione globalista, più precisamente, la globalizzazione del mondo degli stati nel mondo delle corporazioni, il cui “progetto pilota” è stato concepito e realizzato dagli Stati Uniti fin dall’inizio. Questo paese è stato creato come prototipo degli Stati Uniti nelle regioni del mondo e quindi del pianeta nel suo insieme.

In altre parole, non sta accadendo nulla di nuovo. L’implementazione di un lungo copione, mascherato da emergenza, è in corso. Inoltre, il suddetto rapporto del Bundestag contiene informazioni secondo cui il virus Modi-SARS-Coronavirus quasi dieci anni fa ha infettato (o sono stati infettati a scopo sperimentale?) cinque persone in diversi paesi.

Due di loro sono morti, da cui, presumibilmente, sono state tratte conclusioni su un tasso di mortalità del 40% e su una proiezione di 7,5 milioni di morti. La straordinaria situazione di cui si accontentano le persone coinvolte in questo incontro oligarchico è imposta in maniera pianificata, anche da sforzi interni, secondo pubblicazioni conosciute nel mondo (…) . https://unlimitedhangout.com/2021/02/investigative-reports/from-event-201-to-cyber-polygon-the-wefs-simulation-of-a-coming-cyber-pandemic/

Fatto numero tre. Quella sfacciataggine apparentemente inspiegabile e aggressiva con cui le autorità sanitarie spingono attraverso la loro dittatura. Riconoscendo che la campagna di informazione sulla vaccinazione è andata completamente persa, non cercano di correggerne i difetti, ma, comprendendo perfettamente le origini della sfiducia della popolazione nei confronti delle autorità, cercano di spezzarla in ginocchio, costringendola a rispettare le l’aiuto di un metodo disumano, illegale e apertamente umiliante di violenta segregazione QR.

Molti autori hanno ripetutamente sottolineato che ciò viene fatto in contrasto con le norme generalmente accettate di discussione su questioni controverse. Vengono utilizzati metodi di interdizione totale delle opinioni altrui, che raggiungono il livello di appelli e ordini ufficiali di denunce e ignorando l’etica medica e le norme universali di “divieto di professione” a coloro che non condividono la frenesia francamente inquisitoria dei famigerati ” vaccinatori” guidati dalle proprie delusioni ed errori. (…)

fine citazione

VP News

 

 

Exit mobile version