“NATO 2030” un documento che si basa sui presupposti che la Nato stessa sta creando…

Rilancio qui da  ‘Russiepolitics,’ della giornalista Karine Bechet  – che in passato ha pubblicato alcuni articoli su questo blog –  un articolo sulla vicenda degli Ufficiali francesi che hanno sollevato obiezioni sui contenuti russofobi contenuti nel documento “NATO 2030”, che definisce la propria strategia fino al 2030.

@vietatoparlare


Non molto tempo fa, la NATO ha rilasciato la sua strategia 2030, che assomiglia alle altre, la Russia è ancora il primo e diretto nemico, la Cina un potenziale pericolo. In breve, la NATO si afferma senza vergogna come un’ala armata di interessi globalisti. La Russia sottolinea il deterioramento della cooperazione militare, ridotta a nulla dai costanti sforzi della NATO, che logicamente non ha bisogno di cooperazione con “il nemico”, ma di resa, ciò che la Russia non sta considerando.

Insomma, la NATO è in piena stagnazione, senza un nemico non ha senso e il famoso pericolo russo è sempre più difficile da convincere, a tal punto che un gruppo di ufficiali francesi ha inviato una lettera al Segretario generale NATO, denunciando il strumentalizzazione della cosiddetta “minaccia russa” per assoggettare gli europei agli interessi americani, ricordando che è stata proprio la NATO che dagli anni ’90 si è spostata verso i confini russi e che ha rifiutato tutte le proposte di un patto di sicurezza europea fatte dalla Russia. Lentamente, ma inesorabilmente, il velo dell’illusione viene squarciato … su un nudo sovrano otanico [Otan=Nato]..

Il Ministero degli Esteri russo, a seguito delle nuove (ma rituali) dichiarazioni NATO che rendono la Russia una minaccia per l’Europa, che dovrebbe sempre attendere l’invasione e i missili – e quindi, logicamente, questa volta l’Europa ospita appunto, sempre più missioni militari americane – , ha denunciato il persistente desiderio della NATO di decostruire tutti i meccanismi di cooperazione militare, distruggendo il formato Russia-NATO.

Questa mancanza di volontà è accompagnata da un’estensione permanente verso i confini russi dalla caduta dell’URSS, con il moltiplicarsi dell’addestramento, il dispiegamento di sistemi missilistici anti-ABM americani – rivolti verso la Russia, basi militari americane, ecc. Il direttore dell’intelligence estera russa ha anche affermato di aver ricevuto informazioni un anno fa che i servizi di intelligence dei paesi della NATO si erano incontrati sul suolo di un paese europeo (che non è la Germania) per discutere su come rilanciare e sostenere i movimenti di opposizione in Russia, anche arrivando a considerare l’uso di vittime sacrificali.

Così, nell’approccio della NATO, la Russia è diventata davvero il nemico, non il nemico retorico, ma il nemico esistenziale da combattere. Questo atteggiamento cambia radicalmente il sistema di sicurezza in Europa, che si trasforma in un’area di potenziale conflitto per servire gli interessi globalisti – contro la Russia.

Ma questo è davvero nell’interesse europeo? Possiamo seriamente dubitarne. E una lettera, molto poco pubblicizzata, di alti ufficiali dell’esercito francese è stata inviata a Stoltenberg, che alla fine ha fatto capire che il re è nudo, l’esercito nazionale non è lì per difendere gli interessi di un’altra potenza. A scapito della sicurezza della popolazione, a costo della sovranità del Paese. Questa lettera da leggere è stata pubblicata integralmente da Capital  ( disponibile qui) . Ecco alcuni estratti:

(…) Dall’inizio, sembra che tutto l’orientamento della NATO si basi sul paradigma di una doppia minaccia, una russa, presentata oggi all’opera, l’altra cinese, potenziale e futura. Due principali linee di forza emergono da questo studio.

Il primo è l’arruolamento degli europei contro un’impresa di dominio planetario della Cina, in cambio della protezione americana dell’Europa contro la minaccia russa che incombe su di essa.

La seconda è aggirare la regola del consenso, in diversi modi: operazioni nelle coalizioni dei volenterosi; attuazione di decisioni che non richiedono più il consenso; e soprattutto la delega di autorità al SACEUR (Comandante supremo delle forze alleate in Europa, ufficiale generale americano) sulla base dell’efficienza e dell’accelerazione del processo decisionale.

Ma leggere questo progetto “NATO 2030” mette chiaramente in luce un monumento di pacifica malafede, silenziosa disinformazione e strumentalizzazione di questa “minaccia russa”, una “minaccia” pazientemente creata e poi mantenuta, al fine di “mettere in riga” gli alleati dietro gli Stati Uniti (…). è importante fare il punto sulle cause e sulla realtà di questa minaccia russa (…).

È infatti la NATO che, a partire dagli anni ’90, ha intrapreso una marcia forzata nel suo allargamento verso est, certamente su richiesta dei paesi interessati, ma nonostante le assicurazioni date alla Russia nel 1991 durante la firma del Trattato di Mosca (2), e che anno dopo anno ha avvicinato i suoi eserciti ai confini della Russia, approfittando della decomposizione dell’ex URSS.

È stata la NATO che nel 2008, forte della sua dinamica “conquista dell’Est”, ha rifiutato la mano tesa dalla Russia per un nuovo “Patto di sicurezza europeo” che mirava a risolvere i conflitti irrisolti negli Stati Uniti. Abkhazia, Ossezia del Sud), in cambio di una certa neutralità da Georgia, Ucraina, Moldova – vale a dire dall’immediato “entroterra” russo – nei confronti della NATO.

Ed è sempre con questo stesso spirito di conquista, percepito come un vero e proprio strangolamento dalla Russia, che è stata scelta, nel 2010, per favorire i gravi disordini dell ‘”Euromaidan”, un vero e proprio colpo di stato che ha portato all’eliminazione del presidente ucraino legalmente eletto, considerato troppo filo-russo, in vista di proseguire la politica di riavvicinamento dell’Ucraina alla NATO. (…)

Quindi sì, signor Segretario generale, alla fine di questi vent’anni di sforzi sostenuti da parte della NATO per ricreare “il nemico russo”, essenziale per la sopravvivenza di un’organizzazione teoricamente puramente difensiva , sì, la Russia ha finito per irrigidirsi, e cercando in Oriente la collaborazione che l’Occidente gli ha rifiutato. (…)

(…) ciò che è ora preso di mira da questo nuovo concetto NATO 2030, è un progetto molto più ampio: ovvero coinvolgere l’Alleanza atlantica nella lotta per l’egemonia mondiale annunciata tra Cina e Stati Uniti . (…) È perché questa organizzazione, quando ha perso il suo nemico, non ha mai smesso di gettarsi a capofitto nella giustificazione politica della conservazione del suo strumento militare, riforgiando il suo nuovo nemico russo, che tende oggi a diventare un pericolo per l’Europa.

Quindi no, signor Segretario generale! Dobbiamo fermare questo treno pazzo, prima che sia troppo tardi! La Francia, da parte sua, in linea con i principi enunciati più di mezzo secolo fa dal generale de Gaulle, non poteva, senza gravemente fallire, prestarsi a questa impresa di un’avventurosa accettazione della tutela americana sull’Europa.

La NATO si trova nella stessa impasse degli Stati Uniti di Biden: non hanno bisogno di cooperazione con i loro alleati, perché non hanno alleati, ma stati satelliti che dominano e che hanno un solo diritto: quello di obbedire; non hanno bisogno di cooperazione con i loro nemici, che si arrendono, senza rischiare un vero conflitto, per il quale (fortunatamente) non sono pronti.

In definitiva, sono forti solo perché vengono obbediti. La Russia è per loro necessaria nella posizione del nemico, questo nemico che permette di mantenere un’unità di circostanza, per mancanza di una reale divisione degli interessi tra i membri dello stesso clan. E alcune voci iniziano a sorgere chiedendosi quale sia la base.

di Karine Bechet – da Russiepolitics

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.