5 ex funzionari accusano l’OPCW di depistaggio per incolpare la Siria di attacco chimico

Il 21 di maggio  2019 un documento fondamentale dell’indagine compiuta dall’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW)  è stato reso pubblico dallInstitute for Public Accuracy. 

Questo documento è di estrema importanza in quando attribuisce la responsabilità dell’ attacco chimico a Douma – avvenuto nel mese di aprile 2018, in Siria – all’opposizione armata siriana e non ad Assad.

Contrariamente all’incarico ricevuto, il contenuto del documento  non non è stato mandato al Consiglio di sicurezza. Il sospetto fondato è che sia stato tenuto nascosto perché contraddice la narrativa ufficiale e gli stessi risultati della relazione ufficiale dell’OPCW presentati all’ONU che senza questa appendice sono facilmente interpretabile ‘dual use’.

Le conseguenze di quanto è accaduto ha avuto conseguenze pesanti: i contenuti del report che avrebbero sollevato il governo siriano dalla responsabilità dell’attacco chimico non sono stati mostrati, cosicché la mancata pubblicazione, ha permesso  agli Stati Uniti di giustificare la rappresaglia aerea punitiva compiuta in Siria, pochi giorni dopo il presunto attacco chimico governativo.

Inoltre OPCW invece di rispondere alle domande dei propri funzionari, ha screditato gli stessi allontanandoli dall’organizzazione.

Ora un gruppo di personalità di vari settori e 5 ex funzionari OPCW hanno divulgato una richiesta per l’istituzione di una nuova commissione che risolva le gravi lacune e gli occultamenti riscontrati.

La ” Dichiarazione di preoccupazione ” è firmata da cinque ex funzionari dell’OPCW, tra cui il leader fondatore dell’organizzazione, José Bustani, e altri tra cui Noam Chomsky, Daniel Ellsberg, il colonnello Lawrence Wilkerson, la deputata americana Tulsi Gabbard, John Pilger, Lord West of Spithead, pure due ex alti funzionari delle Nazioni Unite, Denis Halliday e Hans von Sponeck.

patrizioricci by @vitatoparlare


Il presentatore di Pushback Aaron Maté descrive in dettaglio la lettera e trasmette le clip della recente apparizione sua e di Tulsi Gabbard in “Tucker Carlson Tonight” in cui discutono della controversia in corso con OPCW.


Dichiarazione di preoccupazione per l’indagine dell’OPCW sul presunto uso di armi chimiche a Douma, in Siria,

l’11 marzo 2021

Desideriamo esprimere la nostra profonda preoccupazione per la protratta controversia e le ricadute politiche che circondano l’OPCW e le sue indagini sui presunti attacchi con armi chimiche a Douma, in Siria, il 7 aprile 2018.

Dalla pubblicazione da parte dell’OPCW della sua relazione finale nel marzo 2019, una serie di sviluppi preoccupanti ha sollevato gravi e sostanziali preoccupazioni per quanto riguarda lo svolgimento di tale indagine. Questi sviluppi includono casi in cui gli ispettori dell’OPCW coinvolti nelle indagini hanno identificato gravi irregolarità procedurali e scientifiche, la fuga di una quantità significativa di documenti di conferma e dichiarazioni schiaccianti fornite alle riunioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

È ormai assodato che alcuni ispettori senior coinvolti nell’indagine, uno dei quali ha svolto un ruolo centrale, rifiutano il modo in cui l’indagine ha tratto le sue conclusioni, e la direzione dell’OPCW è ora accusata di accettare risultati non comprovati o forse manipolati con le più gravi implicazioni geo-politiche e di sicurezza. Le richieste di alcuni membri del Consiglio esecutivo dell’OPCW di consentire a tutti gli ispettori di essere ascoltate sono state bloccate.

Le preoccupazioni degli ispettori sono condivise dal primo direttore generale dell’OPCW, José Bustani, e un numero significativo di personalità eminenti ha chiesto trasparenza e responsabilità all’OPCW. Allo stesso Bustani è stato recentemente impedito da membri chiave del Consiglio di sicurezza di partecipare a un’audizione sul dossier siriano. Come ha affermato l’Ambasciatore Bustani in un appello personale al Direttore Generale, se l’Organizzazione è fiduciosa nella conduzione della sua indagine su Douma, non dovrebbe avere difficoltà ad affrontare le preoccupazioni degli ispettori.

Ad oggi, purtroppo, l’alta dirigenza dell’OPCW non è riuscita a rispondere adeguatamente alle accuse contro di essa e, nonostante abbia rilasciato dichiarazioni contrarie, si capisce che non ha  mai adeguatamente permesso che le opinioni o le preoccupazioni dei membri della squadra investigativa fossero ascoltate o addirittura ha rifiutato di inconrarsi con la maggior parte di loro. Ha, invece, aggirato la questione avviando un’indagine su un documento trapelato relativo al caso Douma e condannando pubblicamente i propri ispettori più esperti per averne parlato.

In un preoccupante recente sviluppo , una bozza di lettera presumibilmente falsa inviata dal Direttore generale a uno degli ispettori dissenzienti è trapelata su un sito web di indagine “open source” nel tentativo apparente di diffamare l’ex scienziato senior dell’OPCW. Il sito web “open source” ha quindi pubblicato la bozza di lettera insieme all’identità dell’ispettore in questione.
E’ ancora più allarmante, in una serie radiofonica della BBC4 andata in onda di recente, una fonte anonima – secondo quanto riferito collegata all’indagine OPCW di Douma – , ha rilasciato un’intervista alla BBC in cui contribuisce a un tentativo di screditare non solo i due ispettori dissenzienti, ma anche l’ambasciatore Bustani. lui stesso.

La questione in esame minaccia di danneggiare gravemente la reputazione e la credibilità dell’OPCW e minare il suo ruolo vitale nel perseguimento della pace e della sicurezza internazionali. Semplicemente non è sostenibile che un’organizzazione scientifica come l’OPCW si rifiuti di rispondere apertamente alle critiche e alle preoccupazioni dei propri scienziati ed associarsi invece a a tentativi di screditare e diffamare quegli scienziati. Inoltre, la controversia in corso sul rapporto Douma solleva preoccupazioni anche in merito all’affidabilità dei precedenti rapporti FFM, compresa l’indagine sul presunto attacco a Khan Shaykhun nel 2017.

Riteniamo che gli interessi dell’OPCW siano meglio serviti dal Direttore Generale fornendo un forum trasparente e neutrale in cui le preoccupazioni di tutti gli investigatori possono essere ascoltate,  solo questo potrebbe garantire il completamento di un’indagine scientifica e pienamente obiettiva.

A tal fine, chiediamo al Direttore generale dell’OPCW di trovare il coraggio di affrontare i problemi all’interno della sua organizzazione relativi a questa indagine e di garantire che gli Stati appartenenti e le Nazioni Unite siano informati di conseguenza. In questo modo speriamo e crediamo che la credibilità e l’integrità dell’OPCW possano essere ripristinate.

Firmatari a sostegno della dichiarazione di preoccupazione:

José Bustani, ambasciatore del Brasile, primo direttore generale dell’OPCW ed ex ambasciatore nel Regno Unito e in Francia.

Professor Noam Chomsky, Laureate Professor U. of Arizona e Institute Professor (em), MIT.

Andrew Cockburn, editore di Washington, Harper’s Magazine.

Daniel Ellsberg, Distinguished Research Fellow PERI, UMass Amherst. Ex funzionario della Difesa e del Dipartimento di Stato. Ex funzionario del Dipartimento della Difesa (GS-18) e del Dipartimento di Stato (FSR-1).

Professor Richard Falk, professore emerito di diritto internazionale, Università di Princeton.

Tulsi Gabbard, ex candidato alla presidenza e membro della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti (2013-2021).

Professor Dr. Ulrich Gottstein, a nome di International Physicians for the Prevention of Nuclear War (IPPNW-Germany).

Katharine Gun, ex GCHQ (UKGOV), informatrice.

Denis J. Halliday, segretario generale aggiunto delle Nazioni Unite (1994-1998).

Professor Pervez Houdbhoy, Università Quaid-e-Azam ed ex Pugwash.

Kristinn Hrafnnson, redattore capo, Wikileaks.

Dott.ssa Sabine Krüger, Chimica Analitica, Ex Ispettore OPCW 1997-2009.

Ray McGovern, ex presidente presidenziale della CIA; co-fondatore, Veteran Intelligence Professionals for Sanity.

Elizabeth Murray, ex vice ufficiale dell’intelligence nazionale per il Vicino Oriente, National Intelligence Council (rtd); membro, Veteran Intelligence Professionals for Sanity e Sam Adams Associates for Integrity in Intelligence.

Professor Götz Neuneck, Pugwash Council e German Pugwash Chair.

Dirk van Niekerk, ex capo del gruppo di ispezione dell’OPCW, capo della missione speciale dell’OPCW in Iraq

John Pilger, giornalista e regista vincitore di Emmy e Bafta.

Professor Theodore A. Postol, Professore Emerito di Scienza, Tecnologia e Politica di Sicurezza Nazionale, Massachusetts Institute of Technology.

Dr. Antonius Roof, ex capo del team di ispezione dell’OPCW e capo delle ispezioni di settore.

Professor John Avery Scales, Professore, Pugwash Council e Danish Pugwash Chair.

Hans von Sponeck, ex Segretario generale aggiunto delle Nazioni Unite e Coordinatore umanitario delle Nazioni Unite (Iraq).

Alan Steadman, specialista in munizioni per armi chimiche, ex capo del team di ispezione dell’OPCW e ispettore dell’UNSCOM.

Jonathan Steele, giornalista e autore.

Roger Waters, musicista e attivista.

Lord West of Spithead, Primo Lord del Mare e Capo di Stato Maggiore della Marina 2002-06.

Oliver Stone, regista, produttore e scrittore.

Colonnello (in pensione) Lawrence B. Wilkerson, Esercito degli Stati Uniti, Professore in visita al William and Mary College ed ex capo di gabinetto del Segretario di Stato americano Colin Powell.

Aaron Maté è giornalista e produttore. Ospita Pushback con Aaron Maté su The Grayzone. È anche collaboratore della rivista The Nation ed ex conduttore / produttore di The Real News e Democracy Now !. Aaron ha anche presentato e prodotto per Vice, AJ + e Al Jazeera.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.