Il ministro degli Esteri ungherese accusa Soros di cercare di far cadere il suo governo

Pubblicità

Tre settimane dopo che l’Ungheria ha annunciato che avrebbe lanciato un giro di vite su tutte le organizzazioni non governative finanziate da George Soros-finanziato, il ministro degli esteri ungherese ha raddoppiato le accuse, e  intervistato da RET ha detto che le attività delle ONG finanziate da George Soros in Ungheria sono “anti-democratiche”, e puntano ad indebolire il governo di Budapest.

Soros “vorrebbe che questo governo cadesse, vorrebbe eliminarlo, perché non gli piace il nostro approccio, non ama le nostre politiche” ha detto il ministro degli Esteri Peter Szijjarto a Sophie Shevardnadze di RT. ” Per noi è molto antidemocratico che qualcuno dall’estero vuole influenzare gli elettori ungheresi su chi votare “, ha affermato. Alcuni giorni prima del colloquio, il Parlamento ungherese ha cominciato a discutere un disegno di legge che consentirà alle autorità un controllo contabile più rigido dei dirigenti delle ONG che consentirà di  richiedere rapporti dettagliati sulla provenienza delle donazioni straniere.

Come riportato in precedenza nel mese di gennaio , il presidente del partito di governo Fidesz Szilard Nemeth ha detto che “queste organizzazioni devono essere respinte con tutti gli strumenti disponibili, e penso che debbano essere spazzate via, e ora credo che le condizioni internazionali con l’elezione del nuovo presidente [Donald Trump] sono favorevoli. “Lo scorso settembre, Nemeth, che è anche il vice presidente del Comitato per la sicurezza nazionale ungherese, ha presentato un elenco di 22 organizzazioni non governative”, collegato alla rete Soros al fine di disporre di indagare su queste organizzazioni.”

il miliardario G. Soros

Il ministro degli Esteri ha detto Szijjarto ha affermato che è ovviamente il suo paese è nel diritto di proteggersi da influenze straniere. “Questo è quello che abbiamo sentito molto negli Stati Uniti negli ultimi mesi – che l’influenza esterna è così pericolosa … Quindi, è una buona ragione e se questa è la posizione americana, può essere pure la nostra posizione”

Pubblicità

Come risultato della politica della porta aperta della Germania verso i migranti, l’Ungheria lo scorso anno è diventata un passaggio principale per centinaia di migliaia di migranti e rifugiati desiderosi di raggiungere i paesi del Nord Europa. Il governo, guidato da presidente Viktor Orban (apertamente anti-establishment), ha risposto erigendo steccati lungo i confini ungheresi ed introducendo rigorosi controlli alle frontiere. Budapest ha sempre rifiutato la politica europea delle quote di reinsediamento obbligatorio, considerandole “un duro colpo alla sovranità degli stati membri”. Szijjarto ha citato rapporti di intelligence da cui è possibile dedurre che ” ci sono organizzazioni che hanno aiutato i migranti illegali ad entrare Ungheria e nel fare domanda per lo status di asilo politico. Questi rapporti di intelligence dicono che George Soros era il background di queste organizzazioni.”

Anche i paesi a est e sud dell’Ungheria sono preoccupati per le operazioni di Soros ‘. In Macedonia, è nata un movimento  chiamato ‘arresto Operazione Soros (SOS)’. Il quotidiano Vecer riferisce che il suo fondatore, Nikola Srbov, è accusato da Soros di fuorviare la società civile, perchè incita i suoi appartenenti a combattere il progetto ideato e condotto da Soros.

Nel 2015, i pubblici ministeri russi hanno accusato l’Open Society Foundation (OSF) di Soros di fornire assistenza nel paese allo scopo di minare l’ordine costituzionale e la sicurezza nazionale, e per questo hanno vietato di fornire sovvenzioni ai partner russi. Gruppi gestiti da Soros sono stati anche accusati di interferire negli affari ucraini e di aver sostenuto nel 2013 le proteste Euromaidan che hanno portato alla cacciata del presidente Viktor Yanukovich, con l’assistenza del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti. (fonte Zero Hedge)