Lo sapete che esiste una guida ufficiale del governo inglese per il vaccino Pfizer? Eccola…

Nel Regno Unito è stata rilasciata una guida ufficiale del governo per assistere gli operatori sanitari nella somministrazione del vaccino Pfizer / BioNTech BNT162b2, se ne avete voglia leggetevelo , io l’ho letto (poi ognuno costruisce la propria opinione): https://assets.publishing.service.gov.uk/government

La breve guida ufficiale di dieci pagine fornita agli operatori sanitari britannici contiene molti punti interessanti. Infatti, il documento, pubblicato all’inizio di dicembre 2020 per accompagnare il lancio del vaccino, sembra consigliare agli operatori sanitari di non somministrare l’iniezione sperimentale indiscriminatamente a tutte le persone che dovrebbero ricevere il vaccino. Questo mentre i responsabili politici stanno spingendo a vaccinare il maggior numero possibile di popolazione, prima che si possa porre e rispondere a qualsiasi domanda pubblica critica, una situazione che ha lasciato la sicurezza e l’etica della campagna di vaccinazione nel migliore dei casi, discutibile .

Nel leggere il documento 174 documenti Reg , diventa molto chiaro che ci sono molte questioni e le raccomandazioni che vengono ignorate da parte del grande pubblico. Ecco dieci punti contenuti nel documento di orientamento ufficiale del Regno Unito che meriterebbero attenzione:

1. Questo vaccino non dispone dell’autorizzazione all’immissione in commercio nel Regno Unito ma è stata autorizzata solo come fornitura temporanea

2. Le prove ufficiali di sicurezza di Fase III non saranno completate prima del 2023

3. Esistono dubbi sul fatto che sarai veramente “protetto” da COVID-19

4. Il processo di diluizione e scongelamento multistadio delle fiale di vaccino è complicato ed è possibile errore umano nella procedura

vaccino pfizer

5. La sicurezza e l’efficacia del vaccino COVID-19 mRNA BNT162b2 nei bambini di età inferiore a 16 anni non sono state ancora stabilite

6. Non sono disponibili dati sull’uso del vaccino COVID-19 mRNA BNT162b2 in persone che hanno precedentemente ricevuto una serie di vaccini completa o parziale con un altro vaccino COVID-19

7. Non sono stati effettuati studi di interazione e non ci sono dati sull’uso del vaccino mRNA COVID-19 BNT162b2 o sono limitati.

8. Non è noto se il vaccino COVID-19 mRNA BNT162b2 sia trasferito nel latte umano e non è noto se il vaccino COVID-19 mRNA BNT162b2 abbia un impatto sulla fertilità

Vax Pregnancy1

9. I dati non clinici non rivelano rischi particolari per l’uomo sulla base di uno studio convenzionale di tossicità a dosi ripetute, ma gli studi sugli animali sulla potenziale tossicità per la riproduzione e lo sviluppo non sono stati completati

10. In assenza di studi di compatibilità, questo medicinale non deve essere miscelato con altri medicinali

Dopo aver esaminato la guida ufficiale, un fatto diventa palesemente ovvio: ci sono pochi dati ufficiali sul vaccino Pfizer su diversi punti importanti. Ad esempio, negli studi clinici, sono stati utilizzati in modo apparentemente non necessario bambini di 12 anni. Inoltre non è stata prestata sufficiente attenzione per evitare che le donne incinte venissero coinvolte nelle sperimentazioni cliniche iniziali; la sicurezza di alcune delle persone più vulnerabili coinvolte nelle sperimentazioni sui vaccini è stata ignorata da Pfizer e i politici che hanno spinto con successo affinché la campagna di vaccinazione pubblica sostituisse essenzialmente i test clinici di massa.

In una sezione del Reg 174, l’azienda farmaceutica espone in quali casi ci sono i rischi per la salute a seguito vaccino Pfizer / BioNTech. In proposito, leggiamo che la reazione avversa più comune nei partecipanti di età pari o superiore a 16 anni è stata il dolore al sito di iniezione, che ha colpito ben l’80% di coloro che hanno preso parte agli studi Pfizer. La sensazione di affaticamento è arrivata al secondo posto con il 60% dei partecipanti alla sperimentazione che si è sentito pigro e stanco. La metà delle persone coinvolte negli studi ha sofferto di mal di testa quando il vaccino sperimentale è entrato in circolo mentre la mialgia è stata sperimentata dal 30% dei destinatari del vaccino, sebbene i risultati non indichino se la mialgia fosse acuta (a breve termine) o cronica (a lungo termine). Quasi un terzo dei partecipanti ha avuto brividi, mentre poco meno di 1 persona su 5 soffriva di artralgia (dolore articolare) e 1 su 10 di piressia (aumento della temperatura corporea).

Le reazioni avverse riportate negli studi clinici sono elencate nello studio in ordine decrescente di frequenza e gravità. Poco meno di 1 persona su 10 che assume il vaccino soffrirà delle reazioni avverse molto comuni a cui si fa riferimento in quest’ultimo paragrafo, come mal di testa, mialgia e brividi, ma i problemi più gravi sono classificati come non comuni, inclusa la linfoadenopatia (che causa linfonodi ingrossati o ingrossati) e disturbi del sistema nervoso – che possono interessare fino a 1 persona su 100. Le reazioni avverse rare che potrebbero interessare fino a 1 persona su 1000 e le reazioni avverse molto rare che potrebbero interessare meno di 1 su 10.000 dei destinatari del vaccino non sono state incluse nelle informazioni sulla sicurezza auto-riferite da Pfizer.

Questi eventi rarissimi sono  disturbi del sistema nervoso strutturale che includono lesioni al cervello o al midollo spinale, paralisi di Bell, spondilosi cervicale, sindrome del tunnel carpale, tumori cerebrali o del midollo spinale, neuropatia periferica e sindrome di Guillain-Barré. Articoli recenti in USA Today, fortemente promossi dalla rete Microsoft, hanno suggerito che la paralisi di Bell che alcune persone hanno riscontrato nelle prove sui vaccini non era correlata al vaccino Pfizer. Però il pezzo di USA Today ammette che in “un briefing di 53 pagine  ha notato che c’erano stati quattro casi di paralisi di Bell tra il gruppo vaccinato e nessuno nel gruppo placebo”.

Concludendo l’approccio al problema è semplicisticamente pro vax o no vax, il punto dei miei dubbi sta proprio in questo approccio, ove spesso ci si basa su una posizione di ‘partito preso’. Proprio oggi ho trovato un’amica che nella sua bacheca Facebook – a fronte della pubblicazione di una guida esplicativa sul fatto che i vaccini Rmna sono sicuri  – avvisava che avrebbe rimosso dagli amici le persone che avessero manifestato dubbi su ciò che lei aveva pubblicizzato.

Di fronte a questo tipo di posizioni che dire? Io direi che invece si dovrebbe accuratamente esaminare ogni valutazione seria. Ed in questo caso, la guida del governo agli operatori sanitari afferma chiaramente in più occasioni che su alcuni punti non ci sono “dati disponibili”. Quindi è ovvio che si faccia una valutazione rischio-beneficio. Mi pare però che questo sia assente in molti casi nel pubblico dialogo.

A questo punto, ognuno di noi deve fare la propria valutazione. Non si tratta di scegliere il vaccino o meno ma di sapere e non essere presi in giro. Poi sarà inevitabile fare il vaccino , visto che il potere giuridico, amministrativo, legislativo e sanitario ha già preso la sua decisione. Io consiglio anche ai più recalcitranti – per non rimanere schiacciati – di fare il vaccino. Perché non credo che altrimenti non si verrà discriminati e limitati nella propria libertà personale. Se si è disposti invece a vivere limitati nelle libertà personali, si può anche scegliere diversamente. Io personalmente rispetto tutti, ho superato la fase di ‘arrabbiatura’ e prendo il tutto con una certa ironia, cercando di rimanere libero nel giudizio, che è la fondamentale libertà per ognuno i noi. Se si perde questo, allora sì, si è veramente schiacciati.

Intanto, cerchiamo di mantenere intatta l’intelligenza del reale e leggiamo e giudichiamo non i commenti di parte, ma i documenti ufficiali. Inoltre, affidiamoci anche ad una compagnia che ci sostenga nella libertà e che sia attratta dal significato, dalla verità e dalla bellezza.

patrizioricci by @vietatoparlare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.