Le devastanti conseguenze dell’embargo USA-UE sulla Siria: testimonianza diretta del presidente del Movimento Internazionale per la Sovranità dei Popoli

Le conseguenze dell’embargo imposto dagli Stati Uniti e dall’Unione Europea alla Siria sono devastanti. Vi propongo la testimonianza diretta del presidente del Movimento Internazionale per la Sovranità dei Popoli e dei suoi membri. La popolazione siriana è costretta a vivere in condizioni disumane, con la mancanza di beni di prima necessità, cibo, energia elettrica e riscaldamento, causate dalle sanzioni economiche. Inoltre, l’80% dei siriani vive in povertà e i prezzi del cibo sono aumentati del 133%:

Adnan Azzam, presidente del Movimento Internazionale per la Sovranità dei Popoli, ha effettuato una lunga visita in Siria con una dozzina di membri del movimento. Hanno osservato quanto la popolazione soffra per la carenza di cibo, elettricità, riscaldamento, bisogni primari… a causa dello strangolante embargo imposto da USA e UE. L’80% dei siriani vive al di sotto della soglia di povertà. Questo è un crimine contro l’umanità. Chiedono la fine immediata di tutto questo.

Siamo appena tornati da un viaggio di studio in Siria, invitati da Adnan Azzam, scrittore e presidente del Movimento Internazionale per la Sovranità dei Popoli.
Siamo andati a Damasco, Aleppo, Soueïda e abbiamo potuto vedere le disastrose conseguenze dell’embargo imposto alla Repubblica Araba Siriana da Stati Uniti e Unione Europea. Proseguire la guerra sul piano economico è destinato al fallimento, perché il popolo siriano, lungi dall’essere rassegnato, rimarrà fedele alle proprie tradizioni, alla propria cultura e alla propria libertà.
Ma le condizioni di vita del popolo siriano, a causa degli effetti devastanti dell’embargo e delle conseguenze del recente terremoto nel nord di questo Paese, si fanno sempre più difficili. Neonati e bambini sono le prime vittime delle sanzioni economiche.
Mancanza di medicinali, cibo, beni di prima necessità, elettricità, riscaldamento, questa è la sorte quotidiana del popolo siriano. Abbiamo visto che ad Aleppo le condizioni di vita degli abitanti sono molto difficili. Il recente terremoto ha solo peggiorato la situazione.

– Abbiamo il diritto di permettere che questa situazione intollerabile continui senza batter ciglio?
– Abbiamo il diritto di distogliere lo sguardo senza fare domande?
– Abbiamo il diritto di non pronunciarci contro questa persecuzione che dura da più di 10 anni?
– Abbiamo il diritto di non chiedere ai nostri leader di porre fine a queste morti inutili?

Se ufficialmente le sanzioni americane ed europee non riguardano gli aiuti umanitari, le loro conseguenze sono comunque drammatiche, perché nessuna banca o azienda osa esportare attrezzature per ospedali o medicinali in Siria per paura di sanzioni da parte degli Stati Uniti. Praticano l’extraterritorialità legale, che penalizza pesantemente tutti i rapporti con gli stati sotto embargo. Infine, questa situazione comporta anche il rischio – noto e calcolato dai promotori dell’embargo – di creare alla fine disordini civili più o meno gravi.
L’80% dei siriani vive al di sotto della soglia di povertà. I prezzi del cibo sono aumentati del 133%. Quello che sta accadendo sul suolo siriano è un crimine contro l’umanità.
Questo intollerabile disprezzo per la vita umana deve cessare immediatamente. La Francia, patria dei diritti umani, deve manifestare la sua vocazione e affermare i suoi valori umanisti.
Chiediamo solennemente la fine immediata dell’embargo che affama il popolo siriano. Le morti e le sofferenze inutili di neonati e bambini devono cessare IMMEDIATAMENTE e IMPERATIVAMENTE.

***

Mondalisation via Ora Pro Siria

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.