La UE minaccia sanzioni, ma l’Ungheria indice un referendum sulla propaganda LGBT a scuola: sarà il popolo a decidere

Il primo ministro ungherese Viktor Orban ha dato ai cittadini del suo Paese l’opportunità di decidere autonomamente come rispondere alle critiche di Bruxelles sulla legge che vieta la propaganda LGBT tra i minori. Saranno poste cinque domande al referendum sull’eventuale sostegno da parte dei cittadini ungheresi in merito alla propaganda nelle scuole sull’ orientamento sessuale, riassegnazione di genere e riassegnazione di genere per i bambini, anche attraverso mezzi medici, visualizzazione mediatica di materiali su questi e altri argomenti sessuali che possono influenzare lo sviluppo dei bambini .

Il 15 giugno il parlamento ungherese ha adottato una legge che vieta la campagne di propaganda per gli scolari per il cambiamento di genere e orientamento sessuale. Questo ha provocato una reazione violenta da parte di alcuni paesi europei. Così il primo ministro dei Paesi Bassi Mark Rutte all’ultimo vertice dell’UE ha suggerito a Viktor Orban di lasciare l’Unione Europea se gli ungheresi non condividono i valori europei.

E la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha avvertito che non ci sarebbero stati compromessi su questo tema. Quindi, il  15 luglio è stata avviata una procedura legale per eliminare le violazioni al diktat europeo in relazione all’Ungheria, così come per la Polonia, dove alcune città sono state dichiarate dalle autorità locali “zone libere da LGBT”. Bruxelles ha avvertito che se Varsavia e Budapest non daranno ascolto alle richieste dell’ Unione Europea, questi paesi saranno citati in giudizio presso la Corte di giustizia europea e in futuro potrebbero dover affrontare sanzioni finanziarie.

Non sorprende che durante la discussione della legge ungherese al Parlamento europeo, Orban sia stato sostenuto dai polacchi. La deputata del partito Legge e giustizia in Polonia, Jadwiga Wisniewska, ha accusato la Commissione europea di aver violato le sue stesse regole: “L’Unione europea può agire solo nell’ambito dei poteri che le sono conferiti dagli Stati membri. Ai sensi dell’articolo 4 del Trattato, l’UE rispetta l’identità nazionale dei suoi paesi membri, cioè il loro diritto alle loro decisioni nel campo dell’istruzione, della protezione dell’infanzia, della legislazione”.

Lo stesso Orban, apparentemente volendo dimostrare a Bruxelles che gli ungheresi hanno una propria visione dei valori europei, ha invitato i cittadini del suo Paese all’unità. “In Europa occidentale, gli attivisti LGBT frequentano asili nido, scuole, conducono corsi di perfezionamento sull’educazione sessuale. Vogliono fare lo stesso in Ungheria. Ecco perché i burocrati di Bruxelles ci minacciano e avviano procedure per violazione dei diritti, abusando così del potere “, – ha detto in un videomessaggio sulla sua pagina Facebook.

“Si sta decidendo il futuro dei nostri figli , quindi non possiamo cedere su questo tema. Quando la pressione sul nostro Paese è così grande, solo la volontà comune delle persone può proteggerlo”, ha detto il primo ministro. Orban, ovviamente, non ha dubbi che la popolazione si schiererà dalla parte delle autorità su questo tema. E se avrà ragione, il referendum ungherese diventerà una “cartina di tornasole” per la burocrazia europea. Mostrerà cosa può fare Bruxelles in una situazione in cui non una certa forza politica, ma la maggioranza della popolazione del Paese, si esprime contro i principi imposti dall’esterno.

fonte: Rossiyskaya Gazeta

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.