Il segreto di Pulcinella del supporto statunitense all’ISIS

La questione del supporto statunitense all’ISIS è in realtà è una non notizia , ma rimane in piedi secondo la narrativa ufficiale, solo grazie ad una massiccia disinformazione in merito. La collaborazione diretta ed indiretta degli Stati Uniti con l’ISIS ha ormai una vasta sequela di fatti di cronaca ben precisi ed indiscutibili a supporto (oltre ad un documento desecretato della  DIA -Defense Intelligence Agency che dice chiaramente che la forza terroristica può servire agli interessi statunitensi in Siria). Basti ricordare che fino al 2015 gli Stati Uniti non sono mai intervenuti incisivamente contro l’ISIS, anche quando essi minacciavano la stessa Bagdad. Si sono molto prodigati invece ad attaccare le forze siriane e filo iraniane che combattono l’ISIS. Cos’altro!?

Ora si sta riproponendo la stessa cosa che è successa in Iraq e Siria, questa volta in Afghanistan. 

@vietatoparlare


La Russia ha fatto luce sui collegamenti tra Washington e Daesh nel nord dell’Afghanistan. Approfittando del caos, il gruppo terroristico vi sta rinascendo, mentre il ritiro militare americano dovrebbe concludersi a settembre.

Una serie di indizi oggi conferma che Washington ha cooperato con i combattenti Daesh [meglio conosciuto come ISIS] nel nord dell’Afghanistan, ha detto giovedì (22 luglio) la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova.

“Abbiamo avuto molte domande sui voli in elicottero non contrassegnati, registrati dal 2017 in aree di attività Daesh, soprattutto nel nord dell’Afghanistan. Secondo fonti afghane, le truppe Daesh hanno ricevuto in questo modo rinforzi, armi e munizioni. Anche i terroristi morti e feriti sono stati rimossi dal campo di battaglia “, ha detto il funzionario.

Secondo la stessa, informazioni sulla consegna di armi e rinforzi al gruppo terroristico, attraverso uno spazio aereo comunque attraversato dalla NATO e dagli americani, sono state pubblicate più volte, dovrebbero attirare l’attenzione delle strutture internazionali.

La portavoce ha anche sottolineato che l’aeronautica statunitense ha effettuato “attacchi puntuali” sulle posizioni dei talebani * che combattono contro Daesh . Tali manovre “indicano chiaramente interazioni”, ha affermato Maria Zakharova.

La rinascita di Daesh

Di nuovo al lavoro in Siria a due anni dalla disfatta, Daesh si è  riorganizzato anche in Afghanistan . Il 20 luglio, il gruppo terroristico ha così rivendicato l’attacco missilistico al palazzo presidenziale, nel bel mezzo della preghiera dell’Eid.

Daesh sta approfittando del caos che regna nel Paese, tra il ritiro americano, l’  avanzata fulminea dei talebani  e l’esodo migratorio. Ma l’Afghanistan non poteva che essere un passo sulla strada della ricostruzione per l’organizzazione terroristica, che ora punta all’Iran e all’Asia centrale, come ha  spiegato a Sputnik Georges Lefeuvre , ex diplomatico e ricercatore presso Sputnik. IRIS).

“Se essi si rimettessero in piedi, il loro obiettivo non sarebbe solo l’Afghanistan, ma la conquista del Khorassan. Una strategia regionale che minaccia l’Iran, le Repubbliche dell’Asia centrale e la Cina”, afferma lo specialista della regione.

Di fronte a queste molteplici rinascite, i leader della coalizione internazionale, al lavoro in Iraq e Siria, hanno cercato di rispondere. Riuniti a Roma, hanno invitato a rimanere mobilitati per “creare le condizioni per una sconfitta duratura” dell’organizzazione terroristica.

Una mobilitazione contro Daesh che alcuni vedono come una semplice “vetrina”, come Bassam Tahhan, ex professore alla School of War. Quest’ultimo ricorda a Sputnik che alcuni paesi occidentali, in particolare gli Stati Uniti, stanno facendo “l’esatto contrario di quello che dovrebbero fare per sconfiggere definitivamente i terroristi”, opponendosi, ad esempio, alle milizie iraniane in Siria, che li hanno. la sconfitta di Daech.

Durante la guerra civile siriana, i servizi segreti americani e sauditi avevano anche messo in piedi la controversa operazione  Timber Sycamore , che avrebbe dovuto fornire armi e denaro ai cosiddetti ribelli “moderati”. Un materiale che alla fine è caduto in parte nelle mani di gruppi terroristici.

Fonte 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.